venerdì 27 luglio 2012

Scritto di Bertoldi su CUBA UN ISOLA NEL SOLE

Non intendo soffermarvi troppo qui tra voi, perchè non sopporto in genere chi fa della sua orrenda faziosità e della falsità un vanto e tenta di sminuire gli altri avvalendosi di una presunta superiorità intellettuale in realtà inconsistente. Rispondo quindi nel merito:

Per rendere onore sin da subito alla verità che tanto disprezzate, la fotografia che riportate non ritrae me, ma un amico e collega emiliano. Sarebbe bastato leggere io sono Alessandro e lui è Giovanni Bertoldi, vi invito pertanto a rimuoverla e se riterrete a postarne una originale che trovate con facilità anche sul mio blog.

Avete perfettamente ragione questa è una notizia e non è una notizia shockante, per chi come me o come voi è solito frequentare, seppur in ambienti totalmente diversi, dei cubani e/o per chi è addentro ad ambienti politici. Tutti noi sappiamo benissimo che Raul Castro si reca spesso in Sicilia per i motivi da me e da voi illustrati, ma il grande pubblico? Gli Italiani hanno il diritto di sapere che un dittatore entra indisturbato e senza che nessuno lo sappia in casa loro? Io credo abbiano il diritto di saperlo, indistintamente da un loro successivo giudizio. Io ovviamente nel dare la notizia inaspettata e sorprendente per il grande pubblico ho aggiunto un mio giudizio politico e di voler assicurarmi che non vi siano stati contatti con il Governo. Fine, ognuno fa il suo. Raul si è comunque fermato in Italia 2 giorni (giovedì e venerdì) non un'ora.
Ho parlato di parente acquisito in quanto il marito della figlia lo è, ed è lui a risiedere in Sicilia in quanto italiano. D'ora in poi quindi pubblicizzero il fatto che lui si trovi in Italia ogni qualvolta ci verrà.

Lìder maximo poichè è questo il titolo riconosciuto dalla "Repubblica" di Cuba al Presidente della stessa, titolo (auto)riconosciuto a Fidel Castro orginariamente durante e immediatamente dopo la rivoluzione. Subentrando Raul a Fidel ha acquisito questo titolo che trovate riportato anche nei pezzi delle principali testate giornalistiche internazionali. E' inoltre deduttivo, in quanto lui è difatti la massima autorità di Cuba, nonchè il leader massimo. Comunque trovo sia ininfluente.

Dirigente onorario di Cuba Indipendente y Democratica poichè questa è la carica di cui mi ha insignito un uomo a cui voi no potreste nemmeno baciare il deretano, il comandante Huber Matos.

Quanto a voi, siete molto peggio della classe politica italiana, dei poveretti venduti a un nemico della democrazia e della libertà che si chiama castrismo e solo per un pipa di tabacco.

Saluti e buone vacanze.

10 commenti:

  1. A proposito di tabacco, confesso di essermi venduto non per una pipa ma per una scatola di Montecristo; ne avevo chiesta anche una di Churchill ma siccome sono italiano - e quindi penalizzato dall'essere concittadino di Berlusconi - mi è stata negata.

    In quanto ai brevi soggiorni di Raul Castro in Sicilia, trovo che essi diano lustro alla
    Trinacria ben più dell'aver nato i natali a Salvo Lima, Vito Ciancimino, Totò Riina, Bernardo Provenzano, e...Marcello Dell'Utri, altro grand'uomo dallo specchiato senso delle istituzioni.
    In Sicilia, per dirne una, dove legalità e moralità politica come è noto prosperano da sempre, 61 parlamentari su 61 sono stati eletti tra le file del PDL. Tanto per parlare di partiti unici, tra l'altro.

    RispondiElimina
  2. Se leggi il blog domani parlero' proprio del partito unico....

    RispondiElimina
  3. Volete conoscere Cuba quando nemmeno conoscete l'Italia...? Ma per favore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu invece, del PDL, credi di conoscere l'Italia? Ma per favore... conserva un po' di decenza e nasconditi in un silenzioso oblio!

      Elimina
  4. Alessandro, data la tua giovane età, per carità non un difetto ma un vantaggio da saper cogliere e sfruttare, a mio avviso faresti meglio ad usare toni più distensivi, meno aggressivi, meno spocchiosi e soprattutto meno netti e saccenti. La giovane età ti fa essere impulsivo, caratteristica che reputo il più delle volte positiva. Se usata a dovere però. Leggo spesso questo blog perchè, al di là dei post e dei commenti con cui tu puoi non essere d'accordo, le cose scritte sono esposte in maniera onesta, magari si, con velata simpatia nei confronti di Cuba, ovvio, ma esposte in maniera onesta (lo ripeto) e soprattutto dimostrano sempre una certa conoscenza dell'argomento. Il che non è poco, credimi, dal momento che in rete si trova di tutto e di più circa Cuba, compresi personaggi che sentenziano sull'argomento vedendo tutto bianco e tutto nero. E chi conosce Cuba, perchè la frequenta da qualche anno o meglio ci ha vissuto per lunghi periodi, sa che stiamo perlando di una realtà complessa, contraddittoria e del tutto diversa dal resto del mondo. Io ne sono innamorato e gradirei rispetto.
    Non entro nel merito del termine dittatore, ci vorrebbe troppo tempo, ma credimi, per affermare determinate idee, magari anche le tue, bisogna riuscire a dimostrare coerenza e al di là del partito politico italiano di cui fai parte, è molto difficile riuscirci. Io, fossi un polito italiano, prima di criticare qualcosa e qualcuno, aspetterei almeno un paio di anni.. Giusto il tempo di trasferirci tutti nella nostra amata isola perchè la nostra povera italietta, ahimè, temo che se la passerà sempre peggio. Poi lo diciamo e non ci trasferiamo mai (eh non lo so...) perchè dobbiamo stare qui a lavorare tutto il giorno, anche col caldo, senza aria codnizianata. Alcuni direbbero a farsi un cu... così.. a differenza di alcune persone che campano sulle spalle degli altri.
    ps. Ti ho dato del tu perchè a giudicare dalla foto avrò pochi anni più di te (non sono il classico pensionato più o meno giovane che va a svernare nei caraibi!E fanno bene, non ce l'ho con loro, perchè grandi statisti che fin qui si sono succeduti hanno permesso di mungere la vacca italia che grassa non è mai stata).

    Chan chan

    RispondiElimina
  5. Alessandro prima di conoscere l'Italia tenta almeno di conoscere l'italiano.
    Magari il congiuntivo...

    RispondiElimina
  6. Come diciamo a torino caro Chan Chan ..."l'e' una masna'"

    RispondiElimina
  7. I MIEI FRATELLI FIDEL E RAUL "LA STORIA SEGRETA"
    IN ITALIANO FAZZI EDITORE.
    JUANITA CASTROA SI AGENTE DELLA CIA SALVANDO CUBANI.
    MIO NOME ISAC RAMON CASTELLANOS LARA
    EX - AGENTE LORENZO DELLA CONTRA INTELIGENZIA CUBANA.

    http://youtu.be/WemFlDv_uGo

    RispondiElimina
  8. quando sono uscitò del mio paìse ho lasciato tanti amici anche la mia famiglia 1995,tutto in la vità ha un presio,il popolo cubano paga moltò caro la libertà,sì la Italia ha problemma,sì il uomo ha tanti problemma non è capace di fare ancora una società giusta,non credo che sacrificare un popolo sea giusto essa e "Cuba" siamo sere umani fatti in laboratorio,vasta mi popolo desisdera libertà "vorrei vedere Cuba Libre" come la vostra Italia,nostra realtà supera ogni legenda.
    La mia Isola é una prigione del regime,lasciate in pace il uomini capace di fare qualcosa per il mio popolo.Grazie

    RispondiElimina
  9. Guardate cosa mi ha mandato il Bertoldi:

    Credo di non riuscire a commentare il blog dall'iPad. Ti giro quindi questo commento, speranzoso lo inserirai tu per me... Grazie mille.

    "considerato che la maggior parte di voi mi fa schifo e che mentite sapendo di mentire, desidero salutarVi, augurandovi in vita e da morti di essere trattati come "un morto" (definizione pronunciata da uno sciacallo di voi per Payà, grande Uomo a cui non potreste pulire nemmeno il deretano). Non intendo essere politicamente corretto con chi non lo é stato con me e con chi della pazienza e della visibilità che gli ho dato rispondendo qui. Infine ognuno ha le sue idee e di certo se mai cambieranno non cambieranno proprio ora, considerato che abbiamo tutti buone ragioni per tenercele e voi inoltre avete una buona dose di pregiudizio che vi vincola, oltre al fatto per alcuni di voi di trarne qualche vantaggio. Buone vacanze e saluti di nuovo!"

    Ciao e grazie,

    RispondiElimina