giovedì 9 agosto 2012

UN FILO CHE CI LEGA

 

In questi giorni sto' sentendo un po' di amici italiani che passano l'inverno a Cuba, amici che conosco da anni e con cui tengo i contatti anche quando siamo lontano dall'isola.
In piu' capita ogni tanto di fare o ricevere una telefonata con altri amici conosciuti nei miei oramai tanti anni di frequentazione del web cubano.
Mi piace mantenere i contatti con chi, come me, come noi, condivide la passione per la maggiore della Antille.
Dopo i soliti convenevoli; “Come stai? Dove sei?” parte la solita, cara, domanda;
Quando parti?”
La domanda aleggia nell'aria gia' al primo squillo, si annida nelle prime frasi di circostanza per manifestarsi il prima possibile.
Tutti partiamo, torniamo, ripartiamo....
E' anche un occasione per scambiare consigli ed indicazioni sui voli e sui costi, siamo tutti viaggiatori di lungo corso, ognuno di noi ha decine e decine di viaggi alle spalle.
Qualche buon consiglio, qualche dritta per risparmiare qualcosa e' sempre gradita.
Come capita a me anche per loro Cuba e' oramai una seconda casa.
Una seconda patria a volte piu' importante della prima stessa.
Nessuno di noi si sognerebbe mai di chiedere all'altro “quando parti per la prossima vacanza?”
Questo perche' semplicemente non si tratta di una vacanza ma di spostarci nell'altro posto dove viviamo.
Parlo ovviamente di gente che passa a Cuba non meno di 4 mesi ogni anno ,sopratutto nel periodo invernale.
Condividiamo le stesse passioni, abbiamo gusti simili, non c'e' neanche bisogno di dirci chissa' quali parole.
Spesso e' piu' importante cio' che non ci diciamo di quello che ci raccontiamo.
Ci scambiamo consigli sulla casa, notizie sul dove rentare un carro, novita' legislative che ci possono migliorare o peggiorare la vita, tariffe di voli ecc.....
Parliamo la stessa lingua, condividiamo le medesime emozioni.
Cuba per tutti noi e' “casa”.
Anche se nei nostri periodi italiani non ci vediamo ,ma capita anche di incontrarci, siamo legati da un denominatore comune.
Cuba.
A volte ci sorprendiamo, a distanza di mesi, a riprendere un discorso interrotto tempo prima, mentre magari eravamo seduti ai tavolini di un locale nel centro di Tunas o sul Malecon de La Habana.
Ovviamente c'e' spazio anche a un po' di chisme, ci scambiamo informazioni su tal fulano che ha sposato tal cubanita, su quell'altro che a 60 anni suonati e' diventato padre, su quanti soldi la fulana ha barbato allo yuma di turno...cose cosi'.
In fondo un po' del chisme cubano e' entrato in noi.
Sappiamo che e' solo questione di qualche settimana, forse di qualche mese, e ci ritroveremo tutti quanti a Tunas o all'Avana per passare altri momenti importanti e divertenti come e' sempre stato in tutti questi anni.
E' bello mantenere i contatti con chi capisce cio' che stai dicendo e che sa che l'interlocutore, a sua volta, comprendera' gli argomenti di cui si sta' discorrendo.
Cuba, in fondo, e' anche questo.

9 commenti:

  1. Caro Milco in effetti Cuba è come il film Coocon emette un'energia benefica che ringiovanisce il fisico e la mente stimola l'eterno Peter Pan che sempre alberga in noi. Donne, chisme, vita sociale, natura, sesso. Ho un amico di 85 anni che dal 2000 vive a Santiago, buona pensione ha lasciato baracca e cavoli, una vita comoda ma noiosa. Ha sistemato la famiglia della giovane moglie ma è circondato di affetto e gratitudine. Che vita fa un anziano in Italia anche con una buona pensione? Comunque la vera differenza a Cuba nella qualità della vita sociale è avere buoni amici locali.Ho letto i tuoi precedenti post che d'accordo magari è difficile l'amicizia tra un yuma e un cubano, tutto è soggettivo: un vero amico cubano non tradisce mai sopratutto Santiaguero e se ne fotte se tu sei un yuma con i soldi. A la prossima, domani parto. Ciao Milco.Francesco Franz

    RispondiElimina
  2. Puo' essere amico mio ma a Tunas ci sono dei temba che neanche se facessero il bagno nella piscina di coocon ringiovanirebbero di un giorno

    RispondiElimina
  3. non sono d accordo caro franz,intanto io penso che gli amici in caso di bisogno e di affetto da adulti non esistano,ma ci sia solo la famiglia che ti puo dare questo,poi un anziano con una buona pensione penso che in italia non stia male per niente e vicino ai figli e ai nipoti non credo si stia tanto male,invece di stare a dietro a ragazzine....mah dai,se ci arrivero io mi faccio schifo da solo.ragazzi ogni eta ha le proprie tappe dai.....

    RispondiElimina
  4. ciao no so ki sei ma io sono una cubana ke abita a torino amo mio pais ,,,,, la mia gente ho letto tuo articulo me picituto tanto poi sentire quando parlano di mio pais de la mia radice mi mette un po nostalgica por que por tanto anni in torino ma mai poi mai cambiare la mia amata cuba por altro pais .... al dir vero dopo cuba la sicilia ke mi segunda isloa ma pe hai fatto stare a casa di como raconti mi cuba grazie

    RispondiElimina
  5. BIENVENIDA EN ESTO BLOG LLENO DE GENTE LOCA POR CUBA.

    RispondiElimina
  6. Paolino Franz non puo' leggerci perche' oggi e' a L'Avana....beato lui...

    RispondiElimina
  7. grazie mille scusa mio italiano sono un po emosionata per mi cuba tanto ,,,,, ke no vedo la ora di ke arrive octobre per andare a casa per essere cocolata de mi a mama e famiglia ,,,, a te decidero un buon giorno cuba no solo sole e donne e anche persona maravillosa un grande saluto dil sole de la toscana tante cosa bella ciao

    RispondiElimina
  8. si beato lui,ma anche qua in emilia tra sagre,gnocco tigelle e lambrusco,non si sta poi tanto male........come dici tu,ci sono modi peggiori per tirare a sera,eccome peggiori........anche nella nostra amata isla,e noi lo sappiamo bene.......comunque buone vacanze a tutti,per me cuba è molto lontana per una vacanza e forse vicina per viverci,mah.......

    RispondiElimina
  9. Ragazzi a Cuba esiste internet. E' un pò cara però esiste. L'Avana è oscurata da continue piogge. Però la temperatura è accettabile. Saludos a todos. Francesco Franz.

    RispondiElimina