martedì 19 febbraio 2013

CHAVEZ

 

Avrete sicuramente letto la notizia riguardante il ritorno in Patria di Hugo Chavez, presidente e Comandante del Venezuela.
Il Presidente si trovava, da quasi 2 mesi, a La Habana per operarsi di un tumore maligno.
Terza operazione per lo stesso problema.
Chi, come purtroppo e' capitato a me, ha avuto famigliari con problemi simili sa' quale Golgota bisogna affrontare.
Gia' portare le piume a casa dopo un operazione e' un miracolo, dopo 3....beh.....diciamo che e' molto ma molto difficile.
In questo caso gli scenari sono solamente 2.
Il primo puo' far pensare al fatto che i medici cubani siano riusciti a risolvere, o perlomeno a fermare, il problema, permettendo a Chavez di passare il resto della convalescenza tranquillamente nel suo paese.
Il secondo e' rappresentato dalla resa dello staff medico cubano che, una volta resosi conto che ogni sforzo e' stato vano, ha comunicato al Presidente che non c'era nulla da fare, quindi tanto valeva trascorrere il tempo che mancava all'inevitabile in Venezuela.
Spero nella prima ipotesi ma...temo la seconda.
Nel caso che la salute del Presidente fosse decorosa ma non tale da permettere una vita pubblica adeguata al ruolo c'e' chi configura uno scenario "cubano".
Chavez dietro le quinte e Maduro in trincea, come e' successo a Cuba fra Fidel e Raul.
Soluzione molto difficile e non so se attuabile costituzionalmente.
A Cuba c'e' stato un Triunfo de la Revolucion, esistono fra i 2 fratelli vincoli di sangue cementati in decenni di potere condiviso mentre i 2 Bolivariani sono stati eletti dal popolo ma vengono da storie differenti.
Uno era un militare l'altro lavorava in metropolitana.
Nei prossimi giorni, sicuramente, ne sapremo di piu', a livello di media il Venezuela non e' certo Cuba e dall'ospedale dove e' ricoverato possono tranquillamente uscire notizie.
Dall'Avana la cosa e' risultata molto ma molto piu' complicata.
Vamos a veer...nel frattempo ALO' PRESIDENTE!

8 commenti:

  1. Gli faccio un in bocca al lupo come a qualsiasi essere umano. Siamo tutti appesi a un filo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. temo che il suo filo sia molto sottile....

      Elimina
  2. Detto da te Aston potrebbe essere di buon auspicio,visti i precedenti con Fidel.Max

    RispondiElimina
  3. CARO MAX "SE PER OGNI SBAGLIO AVESSI MILLE LIRE...CHE VECCHIAIA CHE PASSEREI...."

    RispondiElimina
  4. penso che anche senza chavez,dall havana si siano gia organizzati come governare da cuba il venezuela.cuba ha messo radici profonde nel potere del venezuela,anche negli alti ranghi militari,chi comanda è il governo cubano.pero chissa.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paolino guarda che se Chavez muore si torna a votare e non e' detto che i chavisti senza chavez vincano......e allora son cazzi...

      Elimina
  5. abbi fede aston,il nostro comandante ha gia pianificato tutto nei minimi dettagli,come sempre è suo solito fare,è un mostro di intelligenza(el lider maximo),la storia lo dimostra.

    RispondiElimina
  6. Speriamo, senza il petrolio di Chavez per Cuba sono cazzi...

    RispondiElimina