martedì 5 febbraio 2013

RESIDENZA PERMANENTE

 

Come ho scritto la settimana scorsa, giovedi' mattina mi hanno convocato all'inmigration tunera per comunicare, a me e ad altri, il loro errore di comunicazione riguardante le varie proroghe.
Mentre ero li' ne ho approfittato per chiedere alcune cose sull'eventuale concessione della residenza permanente a Cuba.
L'oficial, molto gentile, mi ha spiegato che, a seguito della corretta presentazione de los papeles, viene svolta un accurata investigazione per valutare se ci sono i requisiti per concederla.
In linea di massima mi ha detto che, godendo gia' della visa familiar non avrei grossi problemi ad ottenerla, a patto che risieda a Cuba non meno di 6 mesi CONSECUTIVI OGNI ANNO, senza uscire dal paese.
Sei mesi consecutivi a Cuba non li aguanto neanche se inizio a drogarmi di mattina presto....
Ci sono alcune situazioni riguardanti la Rp che ho potuto vedere da vicino seguendo le disavventure di alcuni scienziati italiani che risiedono a Cuba da anni.
Parlo di quelli che sanno tutto, che conoscono tutti, gli infallibili che fanno piu' danni, a se stessi, della tormenta Sandy.
Il primo passo per poter ottenere la RP e' sposarsi con una cubana che sia proprietaria di un posto dove risiedere...lo dice la parola stessa.
Parlo della procedura normale, poi ci sono casi differenti in cui non entro.
Ci si sposa in comunione di beni, tutto cio' che si acquisisce dopo la boda e' a meta' a meno che non si tratti di lasciti o donazioni.
Quindi,anche se ti vuoi comprare uno scannatoio in citta' per hechar qualche palito devi sapere che meta' di quello va' alla moglie.
In caso di un figlio, si mantiene la rp anche a seguito di un divorzio.
Come dicevo, uno dei luminari di cui parlavo prima e' stato sposato per anni con una cubana da cui ha avuto un bimbo, la cubana ne aveva gia' un altro che viveva con loro.
Il paisa' ha la mano pesante.....la moglie e' finita un paio di volte all'ospedale.
Il tutto fino a quando la signora,stufa di prenderle, decide di darla a meta' barrio, questo dopo che il paisa' aveva comprato una seconda casa....
Divorziano, anzi sono nel tramite, il divorzio lo chiede lui (800 cuc) lei non ci pensa in nessuna maniera.
Lui va' a vivere nella seconda casa, lei intesta la prima casa al figlio avuto dal cubano.
In questo modo il figlio della coppia, porello, non "avrebbe" un posto dove vivere, di conseguenza la signora chiede al genio il 50% della propieta' della seconda casa, oltre che' 350 cuc al mese, visto che dall'Italia a lui inviano 7/800 euro ogni mese.
Il tutto e' in ballo ma il nostro Zichichi rischia grosso....
Quando c'e' un figlio la prima cosa da fare e' intestare a LUI un eventuale casa in modo che, se c'e' una separazione, al piccolo e alla famelica madre aspetta quello e solo quello.
Ovviamente prima del divorzio sarebbe bene evitare ulteriori acquisti immobiliari.....
Altra cosa....la Rp non ci uniforma ai cubani intutto e per tutto, in caso di qualsivoglia controversia legale o risarcimento danni noi paghiamo tutto in cuc, in caso di divorzio anche....e a cifre ben differenti rispetto a quello che pagano i cubani. 
Il mantenimento di eventuali figli per noi non sarebbe in mn ma bensi' in divisa e,anche in questo caso ballerebbero ben altre cifre.
Meditate gente meditate....        

6 commenti:

  1. bentornato, "qui è difficile echar una placa"

    taxidriver

    RispondiElimina
  2. e per quella temporale come funziona l'ambaradan ? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho trovato questo....

      Per il rilascio dei visti, sia per visitatori sia per residenti temporanei, è necessario che ci sia l’autorizzazione previa espressa della Direzione di Immigrazione e Emigrazione di Cuba (D.I.E.).Gli organismi e le istituzioni cubane interessate alla visita nel nostro paese del cittadino straniero, devono dar corso alle pratiche corrispondenti presso la D.I.E. allo scopo di far pervenire l’autorizzazione del visto presso il Consolato. La durata del visto è stabilita da Cuba, il tempo fissato per farne uso è di un mese, a partire dalla data in cui è apposto sul passaporto.Per ritirare un visto presso il Consolato è necessario presentare un passaporto con almeno tre mesi di validità. Nel caso in cui non sia cittadino italiano, deve presentare anche il permesso di soggiorno. Per il rilascio di qualsiasi visto l¡importo da pagare è di 80,00 Euro.

      Elimina
  3. Intanto devi vedere come ottenerla, il metodo piu' semplice e' di iscriversi all'universita', hai 6 mesi ma non tutte le prerogative di quella permanente ad esempio non puoi dormire nelle case de renta in mn.
    Non ne so' molto di piu'.

    RispondiElimina
  4. ..della serie meglio mangiare pane e cipolla ma dormire tranquilli a casa NOSTRA..

    RispondiElimina