mercoledì 13 marzo 2013

CARISSIMA SANTITA'


 

Carissima Santita'
Mi permetto di scriverle queste poche righe subito dopo la sua elezione, lo faccio con una certa confidenza perche' lei....e' dei nostri.
E' si' un argentino ma anche un Piemunteis, nipote di tanti miei conterranei che tentarono e riuscirono, col duro lavoro, a fare fortuna in quella lontana e bellissima terra.
Un latino e un piemontese....non potevo sperare in niente di meglio.
Avrei, mentre la vedo parlare dal balcone, alcune richieste da farle.
Mi permetto di osare in quanto sono un non credente che pero' ha raggiunto, da tanti anni, un accordo col suo (suo di lei) principale.
Io lascio tranquillo lui e lui lascia tranquillo me.
Un accordo che procede che e' una meraviglia.
L'aspetta un compito enorme, il suo predecessone ne ha combinate piu' di Bertoldo in Francia.....e li' fra' i cardinali ci dev'essere un nido di serpenti peggiore di uno di mia conoscenza....e non e' una cosa di cui andare fieri.
Santita', per prima cosa un po' di mano non dura, durissima, con quei suoi confratelli che si sono macchiati di crimini contro i minori e che il suo predecessore ha vergognosamente protetto.
Li denunci, li smascheri, li metta alla berlina, nessuna pieta', nessuna indulgenza.
Ha scelto il nome di Francesco, uno dei pochi suoi compari che ammiro ed ho ammirato, si ricordi del suo esempio.
Si ricordi del voto di poverta', quello che i suoi ricchi ed obesi cardinali hanno dimenticato, dia ai poveri quello che i poveri meritano di avere.
Si ricordi dei tanti sacerdoti missionari e di tutte le suorine che, nei posti piu' dimenticati del mondo, coi fatti e non con le chiacchiere, aiutano gli ultimi e i dimenticati.
Non dimentichi i sacerdoti della teologia della Liberazione che, nella sua terra, hanno lottato ed alcuni perso la vita, per un idea di fede che potesse convivere col marxismo e che tenesse per mano la povera gente e questo in spregio agli alti papaveri della chiesa.
C'e' qualche fastidiosa voce che parla di una sua.....diciamo....non marcata presa di posizione durante i cupi anni della dittatura militare assassina e fascista che ha insanguinato l'Argentina.
Dica qualcosa per condannare quegli anni, giusto per far tacere questi fastidiosi spifferi.
Ora c'e' chi dira' che l'elezione di un Papa latino sia da mettere in relazione al fatto che nei paesi latino americani spira un bel vento di liberta' e di riforme.
Smentisca anche questo, Santita'.
Scelga di stare dalla parte dei piu' poveri, degli ultimi, come il nome che si e' scelto impone.
Magari, discretamente, metta una buona parola perche' la piu' poderosa nazione del mondo tolga un anacronistico embargo contro una piccola e coraggiosa isola del suo continente.
Vedo che avete fatto in fretta nelle vostre elezioni, spieghi ai nostri italici governanti che il bene del proprio paese e' al di sopra delle beghe personali e degli interessi di bottega.
Un ultima cosa, se posso, Santita'.
Gentilmente, eviti di mettere in calendario un viaggio a Cuba nei prossimi 3/4 anni, il Raul e' avanti con le primavere e mi si impinga facile.
Non vorrei che mi facesse di nuovo sparire la "bella gioventu"" dalle strade rovinando cosi' la vacanza a me e a tanti altri miei e suoi compaesani.
Santita' io ho finito, mi sembra un tipo simpatico, questo piccolo ma agguerrito blog le augura un buon lavoro e non si dimentichi del suo continente che e' diventato anche il nostro.
Come diciamo "noi", Santita'...SALUTI FRATERNI

10 commenti:

  1. Questo post lo devi inserire nel libro prossimo venturo

    RispondiElimina
  2. Grazie.....ah....ora la foto e' quella giusta.....

    RispondiElimina
  3. querido mirco,espero que tus palabras no caigan en saco roto y que francesco cumpla todas tus expectativas,pero por desgracia me temo que te decepcionarà(aquì espero verdaderamente equivocarme)jorge mario bergoglio es tristemente cèlebre precisamente por haber perseguido a los teologos de la liberaciòn e implicado en casos de desapariciòn y torturas a dichos padres,dando informaciòn a la dictadura de videla,de la cual fuè un fiel aliado y oponiendose despuès a los dos gobiernos kishner,esperemos que haga honor a su nombre y que no sea la desgracia de latinoamerica y como tu me auguro que no meta pie en cuba por mucho tiempo.

    RispondiElimina
  4. Amica mia tutte queste cose le sappiamo ho preferito limitare il post agli auguri per non essere il solito mangia preti. I suoi legami con gli assassini della giunta Vdela sono qualcosa di più degli spifferi di cui ho parlato nel blog. Speriamo bene

    RispondiElimina
  5. Di bene in meglio:
    Giovanni P. II, amicone di Pinochet.
    Benedetto XVI, gioventù nazista.
    Francesco, amicone di Videla.

    Almeno l'ultimo ha il buon gusto di essere uno dei Gesuiti. I fascisti di Dio.

    Mah... meglio tacere e cominciare a pianificare il prossimo viaggio per la Isla, va.

    RispondiElimina
  6. Vedremo come si muovera'.......

    RispondiElimina
  7. Pérez Esquivel: Papa lontano da regime

    Adolfo Pérez Esquivel, Nobel per la Pa-
    ce nel 1980, difende Papa Francesco
    dalle accuse di collusione con il regi-
    me argentino, che perseguitò e uccise
    migliaia di dissidenti negli anni '70.

    "Se è vero che ci furono vescovi ed
    esponenti della Chiesa cattolica argen-
    tina implicati con la dittatura, non è
    il caso del nuovo Papa", spiega Pérez
    Esquivel in un'intervista alla Bbc.

    "Non c'é alcun legame tra Bergoglio e
    la dittatura che guidò l'Argentina tra
    il 1976 e il 1983", dice il Nobel.

    RispondiElimina
  8. Ripeto, speriamo che non saltino fuori cose poco piacevoli e che il nuovo papa sia migliore del precedente.
    Ciao anonimo

    RispondiElimina
  9. Ho sperato che fosse Sudamericano. Sono stata ancora piú contenta quando l'ho sentito parlare. Non sono per nulla simpatizzante della chiesa, del resto sono andata a scuola dalle suore. Però l'approccio mi é piaciuto. Per il resto ho le tue stesse speranze. Stiamo a vedere..

    RispondiElimina
  10. Il tempo dira' se le nostre speranze andranno deluse o meno amica mia.

    RispondiElimina