martedì 19 marzo 2013

MANGIARE ED IGIENE


 

Il fattore igienico a Cuba merita un discorso a parte rispetto altre discussioni.
Conosco gente che non mangia i pomodori e l'insalata perche' lavati con l'acqua col bicho, poi pero' mangia tutto il resto senza farsi troppi problemi.
Diciamo subito una cosa, Cuba non e' posto per fighetti con lo stomaco leggero e i gusti schizzinosi.
Io stesso, che non sono uno di quelli che digerisce le pietre, devo fare attenzione a quello che mangio. 

Mettiamoci tutti il cuore in pace, il discorso igienico a Cuba deve per forza passare in cavalleria, a volte e' meglio non vedere.......
Non so se siete mai entrati in una cucina di un ristorante in Italia, in molti casi la prima cosa sensata da fare sarebbe uscire e andare a mangiare da un altra parte......
A Cuba questo moltiplicatelo per mille.
Non e' una questione culturale o di pulizia, o meglio non solo.
Semplicemente, a quei climi, la pulizia e l'igiene sono cose difficili da mettere insieme.
Il mio amico non mangiava i pomodori ma mangiava la carne, la stessa carne esposta nei banchetti e coperta di mosche.
Una volta cotta e' mondata da tutto?
Forse.....
Se vivi in casa tua ti rendi conto che ci sono battaglie che non si possono vincere, quella con le mosche e' una di queste.
Vicino a dove abito c'e' un tizio che accudisce i cavalli......ebbene le mosche sono parte del paesaggio.
Quindi, mentre cucini, gli insetti ti faranno compagnia, se lasci qualcosa fuori dal frigo sara' preso d'assalto.
Nei 50 giorni che ho vissuto a casa nostra non ho avuto un solo problema di stomaco, prima, quando mangiavo in giro, almeno una volta la settimana arrivava a visitarmi Montetzuma.
I paladar sono ristoranti e nei ristoranti, di tutto il mondo, la prima regola e' buttare via meno cose possibili.
Quindi los camarones sarano congelati poi scongelati poi ricongelati ecc....
La bistecca potra' essere vecchia e dura, il flan fatto Dio solo sa' come....
In casa nostra facciamo la spesa tutti i giorni, il pesce o los mariscos andiamo a prenderli a casa della famiglia di mia moglie, appena pescati e non morti di vecchiaia.
Cuciniamo in modo pulito e cercando di fare in modo che le mosche stiano alla larga.
Mettiamoci tutti il cuore in pace, se vogliamo vivere a Cuba dobbiamo accettare molti compromessi da questo punto di vista.
A volte la cosa giusta da fare e' mangiare senza pensare troppo a cosa stiamo mangiando, da dove arriva e di cosa e' morto....

Fra un fermento e l'altro, a Cuba, ricordiamoci che gli unici che servono veramente....sono quelli lattici.

10 commenti:

  1. Da quando sono andato a Cuba la prima volta ho sempre bevuto agua con bicho e mangiato in giro di tutto,zero problemi!Mangiare durante il militare era peggio!!E poi quei vaccini dell'Esercito li ho ancora in corpo!Comunque a Cuba cuciniamo quasi sempre a casa.

    RispondiElimina
  2. sei uno dei pochi fortunati....

    RispondiElimina
  3. Le prime volte che andavo mi chiedevo come facessero a mantenere i cibi in frigo, meglio ancora, nel freezer, con tutti quegli apagones.
    Poi l'ho capito. E forse era meglio non domandarselo.

    Cmq, a parte un guarapo di un chioschetto non è che mi sono mai sentito male per quello che ho mangiato o bevuto. Nemmeno quella volta che dentro la bucanero non c'era la birra ma l'acqua della marana.

    RispondiElimina
  4. Hai detto la cosa giusta. Meglio non domandare. . .

    RispondiElimina
  5. Ricordo di una langosta buonissima mangiata in una casa a stupenda. Il giorno dopo, prima di partire, avendo già lasciato la camera abbiamo chiesto se potevamo andare in bagno.
    Errore malsano, visto che abbiamo trovato le langoste riverse in un cestino uguale ai nostri dell'umido, fuori dal frigo a una temperatura di 38 gradi, e con una coltre di mosche che ci facevano la festa.
    Aspettavano solo di essere cucinate per qualche turista ignaro.

    RispondiElimina
  6. Una di quelle cose che, solitamente fanno malissimo, ma a me non ne hanno fatto, sono quelle che io chiamo RA RA RA...le granite che vendono a 2 pesos por la calle....

    RispondiElimina
  7. Meglio essere orbi se si entra in una cucina di paladar o restaurante cubano....il loro concetto di igiene è altamente singolare . Ricordo la faccia sbigottita della suegra quando ordinai di buttare l'olio della frittura dopo l''uso...e poi ci domandiamo il perchè del cagotto...

    RispondiElimina
  8. Credo che l 'olio della frittura non lo buttino neanche da noi

    RispondiElimina
  9. Anche stando attento a quello che mangi corri sempre qualche rischio. Io qualche sfizio gastronomico me lo sono tolto, tipo mangiare ciciarrones acquistati a un baracchino per la calle anche se la negrita mi metteva in guardia: mira que te vai a empachar. Però l'unico problema lo ho avuto dopo aver mangiato carne in un paladar. P.

    RispondiElimina
  10. Infatti a volte rischi piu' nei paladar que por la calle...

    RispondiElimina