lunedì 29 aprile 2013

EL MAMIFERO NACIONAL



L'altro giorno, a livello generale, si parlava di quali possono essere le possibilita' di un piccolo guadagno a Cuba.
Non parliamo di soldi veri, non e' neanche necessario metterci noi in prima persona nel negocio, questo a patto di avere qualcuno di assoluta fiducia da quella parte del bloqueo.
Cosa frequente come il passaggio della cometa di Halley.
Oggi, e in qualche post, nei prossimi giorni, proveremo ad analizzare, nel dettagli, questi piccoli o grandi negocios.
Io vi dico quello che so', quello che ho capito, l'informazione puo' essere non completa o non del tutto esatta.
Vi racconto quello che ho capito parlando con tanta gente, ognuno di voi, se vuole, puo' dare il suo contributo di conoscenza per cercare, tutti insieme, di farci un idea sul "che fare?" per, come scrivevo l'altro gorno, dividere le casse.
Oggi direi che possiamo affrontare l'argomento riguardante el mamifero national.
L'allevamento dei maiali, in questo momento, e' una delle cose che sta' dando mas dinero.
Intanto ci vuole un posto dove tenerli e qualcuno che li accudisca, a meno di non volerlo fare noi.
Io, francamente non saprei, dal punto di vista pratico, neanche da che parte iniziare.
Ci vuole una finca, o comunque un corral dove tenere le bestie.
Sconsiglio vivamente di costruirselo in casa o nel patio, un mio vicino ne tiene alcuni, in casa sua non ci puoi entrare dalla puzza che infesta l'aria circostante.
Quindi una finca oppure un corral costruito da qualche parte.
Una finca con corral hecho, discreta, nella provincia tunera con 20000 pesos viene via, allarghiamoci dicendo un migliaio di cuc.
Fare un corral ha un costo che dipende dal come lo si vuole fare.
Un mio amico toscano ne ha fatto uno, nel patio della suegra, fatto bene coi controcazzi, ma ha speso piu' di mille cucchini.
Secondo me l'hanno staffato ma ogni testa, come dico spesso, e' un piccolo mondo.
Diciamo che con 1500/2000 cuc abbiamo finca e corral con un buon pezzo di terra.
A quel punto bisogna comprare le bestie.
Ripeto, vi dico i costi come me li hanno riferiti.
Un lechon vale sui 500 pesos mn, circa 20 cuc.
Il costo della alla libbra, quando lo si vorra' vendere, variera' dai 13 ai 17 pesos, questo a Las Tunas.
Sotto capodanno ovviamente tendera' verso i 17.
Facciamo 15 e ci semplifichiamo il conto.
Il puerco lo si puo' vendere anche dopo 2/3 mesi, ma quello che conviene di piu' e' aspettare i 6 mesi.
Ipotizziamo che e' cresciuto bene e che siamo sulle 400 libbre.
400 per 15 fa' 6000 pesos mn, a questa cifra occorre sottrarre quanto e' costato tirarlo su e i 500 spesi per comperarlo.
Sui 2000 pesos.
Quindi l'utile secco e' di 4000 pesos, 150/160 CUC.
Ipotizziamo di acquistarne 5 al mese per 4 mesi di fila.
Un investimento a fetta di salame.
Dopo 6 mesi, se tutto va' bene, avrai per 4 mesi di fila sui 750 cuc di entrata.
Ogi mese per 4 mesi di fila.
Questo a patto di riuscirli a vendere e che le cose salgano bene. Ricordiamoci, come dice sempre il mio amico allevatore di cotorras, che gli animali respirano, mangiano e si possono ammalare.
Se qualche bestia si ammala e non arriva al final, il guadagno sara' inferiore, ricordiamoci che c'e' anche il costo del veterinario di cui occorre tenre conto.
Comunque, come vedete, le cifre sono discrete.
I maiali si possono vendere privatamente, oppure hacer negocio col governo, che ti dara' una parte in denaro e un altra in comida per gli altri maiali che stai tirando su.
Il problema di trovare il mangiare e' fondamentale, sopratutto in citta', se non lo si riesce a trovare il negocio rischia di saltare, non crescono come dovrebbero e chao pescao.
Detto cosi' sembra facile, ma allevare 15/20 maiali non e' bere un bicchier d'acqua, allevarne 3/4 non vale la pena, almeno per come la vedo io.
Questo e' cio' che so' e che ho visto io, ora dite la vostra.

37 commenti:

  1. Da quello che so allo Stato gli devi dare anche una parte dei parte dei maiali che allevi. Per esempio se ne hai 20, 5 o 6 sono dello Stato e il resto te li tieni per te e ci fai quello che vuoi. Come sempre lo Stato vuole il suo, è per quello che ti dà la comida a basso prezzo.

    RispondiElimina
  2. Si però il valore di quei 5-6 ti viene dato in comida. Lì hai comprati tu lo stato te lì compra non lì repuisisce. Almeno credo e spero

    RispondiElimina
  3. Chiaramente il negocio è sempre vantaggioso però, come dicevi tu, il problema è l'approvvigionamento del sancocho: a Sancti Spiritus, dalle mie parti, il pesce da dare ai maiali si trova facilmente e in gran quantità. Mi hanno anche spiegato che prima di macellarli bisogna smettere di dargli da mangiare il pesce perché sennò la carne sà di tenca!!

    RispondiElimina
  4. È quello che succede con quelli allevati a la playa di Puerto Padre

    RispondiElimina
  5. Meglio quelli rosa o quelli neri? Stefano

    RispondiElimina
  6. Il gallo è il futuro dell'impresa agropecuaria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia moglie non e' dell'idea, dice che sporcano, si ammalano facilmente e non e' un gran negocio

      Elimina
    2. Infatti li devi bombare tipo mr. universo. E sporcano molto meno del puerco.

      Elimina
    3. Tu parli di gallos de pelea?

      Elimina
    4. Ovviamente.
      Anche la resa economica è piuttosto decente, specie se viene applicato il nostro modo di fare le cose.
      Inoltre posso anche essere usati in caso di retata della polizia, gliene butti unos cuantos addosso e scappi!

      Elimina
    5. In effetti puo' essere un ottimo piano di fuga...

      Elimina
    6. Sempre il suegro pare che prima di scassarsi le balle e passare al gallo, criava il puerco.
      20/30 a botta, razza bianca "quatro nalgas".

      Elimina
    7. Azz....era un bel negocio...

      Elimina
  7. Ovviamente bisogna prendere anche in considerazione il furto, mentre il sancocho si può ugualmente comperare a buon prezzo, quando rientro a fine Giugno dall'isla vi aggiorno su quanto stanno pagando le latte piene, nei campi si trova a buon prezzo sopratutto la frutta, allevarlo con il latte e\o farine rende poco e la carne non è delle migliori.
    Se si intende puntare su quel settore bisogna sbarazzarsi della vasta concorrenza offrendo prodotti squisiti a prezzi pari agli altri (la scoperta dell'acqua calda..)
    Si trovano puercos da tutte le parti, fuori dalla capitale nella panamericana, chi ha casa e patio ha cavalli da trazione e maiali e galline, vero che sporcano e puzzano..ma bisogna capire che oggi sopporti tu e domani tocca al vicino, teoria valida per la musica, la cardosa, il domino, i lavori domenicali etc etc
    Santa Fè-Sardinien

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il furto.....dipende da tante cose, anche e sopratutto dalla persona su cui fai affidamento.
      Il discorso e' di non allevarli dove vivi....

      Elimina
  8. Parlavo della mia realtà, andare a vivere la finca fuori dal paese, la possibilità del furto per quanto mi riguarda è remota poichè conosco i vicini e anche loro vivono nel campo, però sai benissimo che se le due famiglie si spostano in concomitanza..
    Riescono a fare colpi su blindati in pieno giorno e vuoi che non..
    Il discorso e' di non allevarli dove vivi....
    Ritorna alle righe precedenti.. , questo è il motivo per cui la gente alleva puercos dove vive.
    Se poi uno acquista la finca, i maiali, assume uno che si occupa di tutto, cazz...ma siamo comunisti o borghesi ;)
    Santa Fè-SardiniaRuya

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto e' che, come giustamente dici tu, non bisogna mai lasciare la...trincea sguarnita, altrimenti i maialini prendono il volo anche senza avere le ali.

      Elimina
  9. io mi ci voglio buttare,a ottobre mi farò un'idea di quanto costa una finca.il trucco è avere i maiali tutto l'anno in modo che la gente sappia della tua professionalità creando un giro sicuro.
    nel mercatino vicino a casa ogni tanto veniva il macellaio,purtropo tutti i giorni non c'era e quindi quando lo vedevo facevo una bella spesa.la jefa mi diceva che non sempre riusciva a trovare il puerco.la potenzialità della finca secondo me la dobbiamo guardare usando la ns testa,un esempio per farmi capire è quello di affittare direttamente un posto o più posti nei mercati e venderlo direttamente tu come finca,a pezzi si guadagna di più,ehai la certezza che sei li tutti i gg.la finca poi non è solo maiali,puoi affiancare i polli e le galline,e le galline fanno le uova.Sicuramente rimarrà un po di terra,ecco qua che puoi piantare fagioli e direttamente creare mangime per i tuoi animali.i lavoratori costano poco,l'unico neo è che sia nella vendita sia nei punti vendita uno sempre della famiglia ci deve essere,altrimenti addio gloria.se uno vuole fare una mezza cosa meglio lasciar stare.

    RispondiElimina
  10. Ciao Gugu
    L'idea e' anche buona, al mercato sono 25/30 pesos la libbra.
    Ma chi macella?
    Chi va' a vendere al mercato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo è il male minore,ci sono molti che macellano c'è la possibilità di trovare qualcuno che lo faccia per lavoro,idem per il mercato,che potrebbe poi essere lo stesso.Il problema è sempre il cassetto da guardare,e li entra il discorso della persona fidata.Va poi di moda almeno dove giro io,il compenso a percentuale,cioè più sudi più riempi le tasche.. questo naturalmente a livello privato, a livello statale sappiamo tutti come funziona.....

      Elimina
    2. Be' questo e' il problema di ogni attvita' commerciale anche qua'.
      Alla cassa ci deve stare uno di famiglia altrimenti siamo panati.
      E a volte non basta neanche quello....
      Cioe' tu paghi una persona che gestisce il banco al posto tuo?

      Elimina
    3. Dio mi fulmini aston se faccio una cosa del genere a cuba,il cassetto è quello che fa girare il mecanismo,li ci vuole un parente stretto o la novia,secondo me questa è la parte più difficile,noi siamo abituati a vedere il macellaio che taglia e incassa il denaro,li se la cosa è di famiglia,al lato di lui entra in gioco l'altra figura,figura che deve essere molto fidata.Io sinceramente sono ancora molto indietro non avendo la finca,in questo momento sto pensando sulla convenienza di collaborare con lo stato o non.per ora parlando con gente che se ne intende direi che sarei orientato alla collaborazione con lo stato.

      Elimina
    4. Le mie domande sono di carattere generale senza scendere nello specifico di ognuno di noi.
      La novia...da quanto e' novia?
      Il parente da quanto lo si conosce?
      Per iniziare forse la collaborazione con lo stato sarebbe la cosa migliore.

      Elimina
  11. La cassa...parlo per mè, una volta che metto mio cognato e mio suocero al mio fianco non posso avere dubbi! poi se si fanno una Bucanero o qualche pizza o altro ancora è pur sempre in famiglia.
    Mi conoscono e mi conosco..se uno si gioca la fiducia con mè si gioca il rapporto a tempo indeterminato.
    Sanno ciò che ho fatto, pur nel mio piccolo, per riaccendere la speranza nel futuro.
    Per quanto riguarda il discorso di gugu, il compenso a percentuale è ciò che di meglio si possa trovare per accontentare tutti, poichè è risaputo che chiunque a Cuba lavora solo se "si rimedia qualcosa" escluso panino e misera busta paga.
    Buena Fè

    RispondiElimina
  12. Amico mio in 13 anni di Cuba ne ho viste talmente tante che trovare una persona disposta a concedere cosi' tanta fiducia....non e' facile.
    Il loro problema e' che preferiranno sempre l'uovo oggi che la gallina domani.

    RispondiElimina
  13. sicuramente si e sono daccordo con te,se non ci sono le basi per il guarda cassetto meglio lasciar stare,eventualmente si stringe la filiera,anche perchè ci sono alcuni nodi da sciogliere prima, che a mio avviso sono superabili con il ns contante forte,ma altri devi venirne fuori con la testa e non sempre è facile.per esempio collaborare con lo stato significa poter acquistare il mangiare con poco senza sbattimenti,poi non solo questo,vengono anche a ritirare la cacca,
    nello stesso momento tu però devi in tutti i modi investire nella nave,se si facesse inproprio con due maiali (non serve a nulla),si fa presto metti su due paletti e via,invece se vuoi fare una cosa sensata con un po di capi,devi dividere le zone,perchè i maiali si ammalano e si moltiplicano anche loro.....quindi non si può fare tutto sotto un capanno......credo di essermi spiegato bene.Cuba sarà anche un paese che sta cambiando (le aperture con raul ci sono),ma non si può pensare di mettere su qualcosa facendo mezze cose,se lo fai lo fai bene e i risultati anche se in questo momento non sono il massimo,ma in futuro......

    RispondiElimina
  14. Gugu andare la' e diffidare di tutti e' una sciocchezza, al quel punto stiamo a casa.
    Ma sai benissimo che appena ci sono nel medio 4 centavos non si fanno prigionieri.
    Infatti ho parlato nel mio post di almeno 20 maiali, altrimenti tiri fuori giusto i soldi per il guarapo....

    RispondiElimina
  15. parole sante,cmq io sono convinto che la direzione sia quella giusta in questo momento.

    RispondiElimina
  16. INFATTI QUESTO E' IL MOMENTO DI MUOVERSI..... coi fatti non con le pugnette.

    RispondiElimina
  17. Amen..e che ognuno faccia (crii) i suoi porci (comodi) come meglio crede!
    Santa Fe-Cerdena

    RispondiElimina
  18. È proprio il caso di dire porci comodi ahahah

    RispondiElimina
  19. Ciao a tutti. Tornato sabato dopo sei mesi. Eh si è dura ma bisogna pur tornare. Vi dico quello che so io, almeno per quanto riguarda Santiago. Io ci ho pensato parecchio a questo negocio, ma al momento ho messo in stand-by la cosa. Vediamo piu avanti. Il negocio è buono, anche se la cosa fondamentale è il mangiare per i maiali. Ossia il pienso, cioè mais grano e altri cereali macinati. Piu il pienso è buono meglio è. Per fare una cosa discreta bisognerebbe avere almeno dai 10 o 15 maiali in su. Vuol dire chili e chili di comida diaria che si da in genere due volte al giorno ma che in realta sarebbe meglio dare tre. Il maiale se alimentato bene in 4-5 mesi raggiunge dimesioni accettabili, tra le 150 e le 180 libras. Consideriamo che devono stare dopo il parto per 45 giorni attaccati alla macha paridora che spesso riesce a farne anche 12 alla volta. Una volta raggiunto il peso ideale si vende, o in piedi o matado. Nel primo caso te lo pagano a 13 pesos la libra se supera le 100 di peso, altrimenti a 12. Matado, a santiago lo pagano tranquillamente 20 per poi rivenderlo a 25 nei mercati particulares. A santiago il compratore si trova sempre. Si vende molta carne. Bisogna considerare anche i costi per ingravidare la macha, in genere 100 pesos ogni volta che si accoppia se non si ha un macho buono da dare alla macha. Poi il costo per capare i maiali maschi, che varia dai 40 agli 80 pesos a incisione a seconda del veterinario e poi i costi per vaccini base, senza contare le medicine per quando si ammala. Bisogna avere un discreto spazio e vivere li. Pagare qualcuno che li alleva. I costi per fare un corral sono abbastanza modesti. 1000 dollari mi sembrano esagerati, poi è chiaro che ognuno spense come vuole e quel che vuole, ma ci vuole decisamente meno. Il problema non è il corral, è la comida e lo spazio. Per lo spazio ci vuole un terreno bello grande, per la comida i contatti giusti per avere sempre a disposizione pienso, che non vednono in maniera ufficiale. Altra comida inventata no sirve per avere una cosa fatta bene. La comida fatta dagli avanzi, che usavano tutte le nostre nonne puo servire benissimo, ma non per 20 maiali… Cosi se ne crea uno, due tre. Io al momento ho scartato l’ipotesi perche casa mia ha uno spazio dove si potrebbe pure criar, pero alla fine li avresti sempre vicino casa e la puzza con il caldo non la consiglio a nessuno. Una harra di pienso, il cui volume varia tra i 2 e i 4 litri a seconda di quanto se ne trova in quel momento, costa 10 pesos, una lata invece, che contiene 7 harras costa tra i 50 e i 70 pesos. Ripeto, questo a santiago, da altre parti non so. Contratto con lo stato me lo hanno sconsigliato, ma in realta senza argomenti precisi. Il problema anche li sarebbe la comida, che paradossalmente cuba a volte importa e spesso ci sono ritardi o ruberie sulle consegne di mais e grano quindi il poveretto che alleva deve aspettare, e magari far aspettare 50 maiali. Conclusione: se si ha lo spazio, e un contatto serio che ti garantisce comida quotidiana, piu un paio di persone che lavorano seriamente, il negozio e buona. Scusate la scrittura di fretta ma ho sempre poco tempo e in quel poco che ho leggo sempre volentieri il blog . Post fatti con lo spirito giusto, senza presunzione, fatto della vera cuba, senza discussioni inutili e cavolate varie di cui importa poco. Ultima cosa: continuo ad avere delusioni incredibili da ogni italiano che conosco a santiago. Tutta brutta gente. Mi sono ripromesso di evitarli. Gente que no sirve.
    Chan chan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soprattutto i balbuzzienti.

      Elimina
  20. Bentornato e complimenti per le dritte che confermano molte cose che ci siamo detti. Aspettiamo altre notizie del tuo soggiorno a Santiago

    RispondiElimina
  21. Allevare i maiali è stato per un certo tempo il lavoro della mia compagna a S, Spiritus. Sul pienso dice che si trova senza problemi, conferma il discorso del pesce. Sulla qualità dice maialino nero, ma non chiedetele perché (sta vedendo la novella).

    RispondiElimina