mercoledì 24 aprile 2013

LA NORMALITA'

 Condividete questa immagine!! 
Sapete chi è la persona in metro, in piedi perchè non ha trovato posto, mentre legge il giornale??

David Cameron.. chi è?

Il Primo Ministro Inglese.

Questa è solo una foto ma magari se la condividiamo riusciamo a capire come siamo lontani dai Paesi più evoluti..grazie.
Questa foto sta' girando da quaoche giorno in rete, me l'ha segnalata un amico del blog.
Ritrae il premier inglese che, come un qualunque cittadino, prende la metropolitana.
Una scena assolutamente normale in molti paesi europei, ricordo di aver visto una scena simile che riguardava il primo ministro svizzero.
Nel nord Europa la gente non ci fa' neanche piu' caso, tanta e' la normalita' di simili situazioni.
La domanda e' ovvia.
Sarebbe possibile in Italia vedere una scena simile?
La risposta e' talmente scontata che non vale neanche la pena riportarla.
Da noi ci sarebbe un corteo di auto blu, che bloccherebbero la strada, polizia e carabinieri a fare da ulteriore scorta, disagio per i cittadini e per chiunque percorra quella strada a quell'ora.
E' tutto capovolto.
In quei paesi la politica e i suoi rappresentanti sono al servizio dei cittadini, anzi sono "dipendenti" pagati dai cittadini.
Qua', invece siamo tutti noi al servizio di quella gente che, detto per inciso, abbiamo mandato noi in quei luoghi grazie anche ad una legge elettorale che non sarebbe accettabile neanche in Uganda.
Quella gente ritiene di aver diritto a privilegi che sono negati a tutti noi e che ogni giorno, col nostro lavoro dobbiamo mantenere.
In quei paesi la politica e' servizio, qua' e' una lotteria che, una volta vinta, ti sistema per tutta la vita.
Fino a quando non vedremo un nostro politico di alto livello comportarsi da persona normale, e non da principessino sul pisello, per questo paese non ci sara' la possibilita' di vedere oltre un orizzonte sempre piu' vicino ed incerto.

15 commenti:

  1. Il M5S è in questi giorni molto criticato ma secondo me stanno facendo stra bene a comportarsi così. Stavo anche io per cadere nei soliti tranelli dell'informazione pilotata ma poi ho riascoltato loro ed ho capito che la vecchia politica stava per farmela per l'ennesima volta. E' proprio per evitare sti continui sprechi di merda sulla pelle nostra che non devono dare la fiducia altrimenti si farebbero inglobare e fottere da quei merdosi del PD e del PDL sciogliendosi come neve al sole. Napolitano per me è un buon presidente ma qui sbaglia. La collaborazione sarebbe giusta con persone che hanno a cuore davvero le persone. In questo caso invece si collaborerebbe solo per inventarsi nuove soluzioni per incularsi a sangue gli italiani. Avete visto Di Pietro come si era ben "adattato" alle abitudini parlamentari? Sa più di appartamenti lui che Tecnocasa. Molti organi d'informazioni girano e rigirano la frittata ma la frittata, una frittata di merda, l'hanno fatta loro e ricordiamoci che loro rispondono ai partiti che li pagano. Dovrebbero forse parlare bene di un Movimento che ha come postulato quello di togliere giustamente il finanziamento pubblico ai giornali? Mi spiace ma inutile incazzarsi col M5S ma con chi ha votato PD, PDL, Lega, Mortis e Pentola. Se volevano cambiare le cose o almeno provarci per davvero non dovevano votare le stesse persone. Mi sembra evidente. Ditemi voi come si può ottenere un risultato differente rivotando gli stessi politici. Di Pietro ed il suo 2,5% per altro fatto con Ingoio si è portato a casa 30 milioni di euro. Dividete 30 milioni per 1000 euro e si potevano aiutare 30.000 famiglie senza dimenticare che questi soldi vengono liquidati subito invece che darli ad aziende che aspettano denaro da un anno da sta repubblica delle banane. Invece sti qua, a fronte di una sonora figura di merda, hanno pure ricevuto un premio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione. E dunque quanto scritto da Aston corrisponde al nucleo del pensiero di Grillo. Le giuste conseguenze trovano spazio nel programma dei Cinque Stelle. Hai detto bene: non bisogna cadere nel tranello della informazione pilotata e trovare la forza di riconoscere che se le nostre radici politiche purtroppo sono imputridite vanno abbandonate senza rimpianti. Emilio

      Elimina
    2. Ciao Emilio e benvenuto.
      Io sono di sinistra e, credimi, vederla ridotta cosi' mi fa' davvero male.
      Solo gli idioti non cambiano mai idea, se il movimento manterra' anche solo una parte di cio' che promette saro' il primo a scriverlo qua' forte e chiaro.

      Elimina
  2. Mah....se 163 parlamentari non possono neanche andare a pisciare senza il permesso del comico e dell'unto vuol dire che il nuovo che avanza non e' molto migliore del vecchio.
    Ne hanno espulso uno perche' andava in tv......
    In Piemonte ci sono i primi loro inquisiti per le stesse ragioni degli altri.
    La lega esordi' come moralizzatrice, uguale Di Pietro, guarda come e' andata a finire.
    Alcune loro idee sono condivisibili ma davvero sembrano Scientology, nella conferenza stampa del comico ogni 10 secondi agitavano le mani a mo' di 5 come degli imbecilli...
    Che le cose siano da cambiare sia d'accordo, ma non so se saranno questi a farlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Milco, altri sono lì da venti o trent'anni e non è cambiato niente. "Di là" c'è quindi ancora meno possibilità che succeda qualcosa di buono. Secondo me la democrazia è giusto che ci sia in Parlamento mentre nei partiti o nei movimenti ci vuole chi comanda. Le conseguenze le abbiamo viste nel PD. Riguardo al M5S, senza Grillo tutti gli altri sono zero. Lui ci ha messo la faccia, lui ha riempito le piazze, lui hai tirato la volata, quindi è lui che comanda. Se non sono d'accordo e sono così bravi che si facciano un movimento loro visto che tutti lì risplendono di luce riflessa. In Italia abbiamo la fortuna che ci sia un Parlamento. Possiamo quindi sopportare che in un partito o movimento comandi chi ha più meriti di tutti. Poi non so quale sia la differenza tra Scientology e Fidel Castro dove fin troppo spesso anche qua si osanna il partito unico. A Cuba è lui che comanda e lo fa anche su chi non è d'accordo e non ha colpe di pensarla diversamente visto che nessun cubano ha scelto di nascere a Cuba. In Italia puoi scegliere se stare dentro il M5S o no, non glielo ordina il dottore. L'agitata di mani potrà anche fare ridere ma fermarsi a questo è veramente guardare una goccia nell'oceano e tu hai una visione ben più ampia. Nemmeno io so se saranno loro a riuscirci ma fare peggio di sta merda qui lo reputo difficile. Se poi anche loro faranno gli infami sarò il primo parlarne male.

      Elimina
    2. Guarda sfondi una porta aperte, nel vecchio PCI volevo vedere se 1, non 101, provava a votare contro l'indicazione di uno come Berlinguer.
      Andava a prenderlo Pajetta e gli faceva fare le scale del parlamento a calci in culo.
      Il grave e' che oramai al posto dei partiti, che comunque hanno una democrazia interna, ci sono questi leader minimi che comandano e decidono.I parlamentari grillini mi sembrano Ambra in "non e' la Rai" con Buoncompagni che le suggeriva che dire all'auricolare.
      Be'....Scientology e' una setta che ha come scopo barbare il grano, li conosco bene...un giorno vi raccontero'.....
      Fidel ha indicato che altre strade sono possibili al di fuori di essere l'orto degli americani.
      A Cuba esiste un embargo antistorico visto che gli Usa hanno rapporti commerciali col Vietnam dopo che ci hanno lasciato le penne 52000 americani in quel paese.....
      In piu' occupano una parte del territorio cubano illegalmente.
      Eliminiamo queste anomalie poi parliamo di democrazia a Cuba.
      Mi limito a dire che se faranno bene, i grillini, saro' il primo a riconoscerlo.

      Elimina
  3. aston pero' devi ammettere che senza di loro non c'e cambiamento.Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho problemi ad ammettere che senza di loro non avremo quel presidente della camera e quello del senato...ora vedremo.
      Ciao

      Elimina
  4. Il Premier britannico David Cameron ha scelto la metropolitana per spostarsi e bypassare così il traffico nel quale sarebbe rimasta bloccata la sua auto.

    RispondiElimina
  5. UN NOSTRO PREMIER AVREBBE FATTO BLOCCARE MEZZA CITTA' PER PASSARE PRIMA....

    RispondiElimina
  6. «Un governo di servizio al Paese. Definirei così l'idea con cui mi ripresenterò alle Camere se scioglierò la riserva». Con queste parole Enrico Letta ha comunicato di aver accettato con riserva l'incarico di formare il nuovo governo da Napolitano. Il vicepresidente dimissionario del Pd è salito al Colle alle 12,30, chiamato dal capo dello Stato a formare «un governo che non nascerà a tutti i costi, ma solo se ci saranno le condizioni». Per fare questo le parole d'ordine, ripetute più volte da Letta durante il suo primo discorso da premier incaricato, sono «umiltà», ma soprattutto «senso di responsabilità» («perchè questa situazione inedita e fragile non può continuare»). Si tratta di un peso così grande che «se posso permettermi, la sento più forte e pesante della mia capacità di reggerla». Ma andare avanti si deve, perché il Paese «ha bisogno di risposte», spiega, soprattutto «quella parte del Paese che non ce la fa più». Il pensiero va in particolare ai giovani e a tutti coloro che da tempo si trovano alle prese con «un'emergenza», ormai diventata «insopportabile». Ma «l'obiettivo è anche quello di moralizzare la vita pubblica del Paese che ha bisogno di nuova linfa».

    RispondiElimina
  7. Letta è andato al Quirinale guidando la sua macchina e già qui tutti sono contenti. Mah?!

    RispondiElimina
  8. Ripeto, in un altro paese sarebbe la cosa piu' normale di questo mondo...

    RispondiElimina
  9. Un invito a distendere i toni della polemica arriva intanto dall'alleato Nichi Vendola, strenuo detrattore del governissimo che si va profilando: "Solo chi è cinico fino all'indecenza può parlare di tradimento di Sel" rispetto all'alleanza con il Pd, dice il governatore pugliese alla direzione nazionale del suo partito. "E' vero che noi senza la coalizione 'Italia bene comune' non saremmo in parlamento - ha aggiunto - ma nemmeno il Pd, senza di noi, avrebbe ottenuto quel risultato e quella mole copiosa di parlamentari. Cari compagni del Pd - continua Vendola - prima si archivia questa polemica e meglio è per tutti". E in riferimento agli "stati generali della nuova sinistra", indetti per l'11 maggio, Vendola chiarisce: "Vogliamo costruire una sinistra anti-ideologica su basi nuove, non una zattera per i profughi del Pd".

    MA VA A CAGARE PACARO DEL CAZZO!

    RispondiElimina