venerdì 19 aprile 2013

TUTTO CHIARO VERO?



 
La politica italiana e' una delle cose piu' semplici da comprendere, lo puo' fare anche un bambino.
Il Pd ha vinto le elezioni ed e' il primo partito italiano.
Ha candidato un gregario lasciando un leader in panchina, dopo 2 mesi continuano le trattative per la formazione di un nuovo governo.
Il Pdl ha vinto le elezioni ed e' il primo partito italiano.
Ha dato la segreteria ad un gregario che non conta un cazzo mentre il leader e' un altro, dopo 2 mesi continuano le trattative per la formazione di un nuovo governo.
Il Movimento 5 stelle ha vinto le elezioni ed e' il primo partito italiano.
Ha eletto gente che non conta un cazzo mentre i leader sono rimasti fuori dal parlamento, dopo 2 mesi continuano le trattative per non far parte di nessun governo.
Ieri, ero in giro per la Toscana ed in macchina ascoltavo le votazioni per il nuovo Presidente della Repubblica.
Il Pd ha candidato Marini, un ex democristiano e un sindacalista....poi diventato ministro, che nel Pd non voleva candidare nessuno ma che e' il candidato del Pdl che, infatti l'ha votato massicciamente mentre il Pd, il suo partito l'ha impallinato come un tordo.
I renziani hanno appoggiato Rodota' che era il candato dei 5 stelle.
Rodota' e' stato presidente del PDS che e' l'antesignano del PD solo che quelli del PD non l'hanno votato mentre quelli di Sel, che arrivano da Rifondazione che era in antitesi al PDS, l'hanno votato.
Marini non e' stato eletto, trombato dai suoi ma ha gia' detto che non si ritira, i grillini hanno detto che nelle prime 4 votazioni voteranno Rodota' poi si vedra, il PDL che ha accusato il PD di prendersi tutte le cariche aspetta che il PD presenti un nuovo candidato in modo che lo possano votare anche loro.
Tutto chiaro vero?

6 commenti:

  1. Speriamo che questo sia il de profundis di Bersani,basta Marini,basta D'Alema!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo in Italia...fallisci e non ti schiodi dalla sedia.

      Elimina
  2. Solo loro sanno (forse) cos'anno in zucca.Speriamo non salti fuori D'Alema o similari.Sicuramente si andrà ad altre elezioni che non cambieranno niente ect ect.Incomprensibile l'atteggiamento di 5 stalle che aveva la possibilità di cambiare le cose da dentro se si fosse alleato con il PD e che invece continua a blaterare senza incidere niente.Max

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se si torna a votare con questo sistema elettorale non cambiera' nulla, e' triste dirlo ma meglio di tutti ne sta' uscendo proprio il pdl....

      Elimina
  3. MARCO RIZZO SU CSP

    Se ce ne fosse stato bisogno la vicenda dell’elezione del Presidente della Repubblica ci indica quanto deleteria sia stata l’involuzione di una sinistra che ormai alterna momenti di incapacità surreale a scenari di definitivo arretramento politico, culturale e istituzionale. Quando si parla d’incapacità, il riferimento a Bersani non e’ assolutamente casuale, ma quando si parla di involuzione la scelta, di passo in passo, e’ arrivata alla scelta del presidenzialismo. Cioè della costruzione istituzionale più congeniale (per quello che può valere oggi la politica) ai poteri forti del capitalismo globalizzato. La critica alla “vecchia politica”, il nuovismo dei Grillo e Renzi, i guru mediatici Santoro, Fazio, Floris e Travaglio, il tradimento eclettico della sinistra radicale sono tutti gli attori (addirittura a volte inconsapevoli) che hanno spianato l’idea del plebiscitarismo in una opinione pubblica assolutamente privata della capacita’ di distinguere tra realtà apparente ed effettiva. Che fare? Intanto riconoscere che la “cultura” politica della pseudo-sinistra (dalla mutazione genetica del PCI alla Bolognina, dalla fine della centralità del conflitto capitale-lavoro all’irruzione dei particolarismi teorici) e’ il vero “cavallo di Troia” del capitale. E poi, ultimo ma non ultimo, riconoscere che di fronte alla crisi strutturale del sistema capitalistico l’unico fattore di resistenza prima e di attacco poi, e’ la costruzione del soggetto politico che, anche storicamente, ha saputo batterlo il capitalismo: il Partito Comunista di natura leninista. Alla faccia del “movimento dei movimenti”, del “popolo viola”, degli “indignatos”, del “partito sociale” ed altre inconcludenti cazzate.

    RispondiElimina
  4. Dedicato a tutti i politici:

    http://www.youtube.com/watch?v=xj1aL1KCgnY

    RispondiElimina