mercoledì 22 maggio 2013

BALOTELLI

 

Il nuovo ministro Kyenge dev'essere un'attenta lettrice di questo blog perche', l'altro giorno, ha dichiarato le stesse cose su Balotelli, che scrissi, neanche tanto tempo fa'.
Sintetizzando, il ministro ha affermato che i buuu nei suoi confronti non sono dovuti alla sua pelle nera ma al fatto che sia un perfetto idiota.
Oddio, ha usato termini un filino piu' istituzionali, ma il succo non si discostava dal concetto da me espresso.
D'altro canto uno che si fa' filmare con addosso la maglia dell'altra squadra cittadina, tira freccette ai ragazzi delle giovanili mentre si allenano, fuma in treno, si sdraia nelle cappelliere, viaggia in auto ai 240 kmh, parcheggia in aeroporto negli spazi destinati ai disabili ed altre facezie simili uno scienziato non dev'essere.
Il razziso e' fondamentalmente una faccenda culturale.
Pensare di avere maggiori diritti perche' hai la pelle piu' chiara, considerare il fatto di essere nato nella parte buona del mondo con il colore "giusto" un diritto divino e non un'assoluta casualita' sono cose figlie di una totale mancanza di base culturale.
Allo stesso modo sono da considerarsi fenomeno di assoluta ignoranza il non chiamare una persona con la pelle scura "negro".
Mi rendo conto che spesso accanto a questa parola si sono aggiunti epiteti poco piacevoli ma, e noi lo sappiamo bene, se una persona ha quel colore di pelle e' un negro.
Non lo dico io lo dicono le enciclopedie, inventarsi termini astrusi per il solito stupido discorso di essere politicamente corretti non fa' che peggiorare le cose.
A volte chiamare le cose col loro nome aiuta a comprenderle meglio.
Provate, a Cuba, andare da un negro e dirgli che '"e' di colore....".
Tornando a bomba del discorso non mi risulta che il nostro Ogbonna abbia mai avuto problemi simili, eppure il colore e' uguale.
Pero' Angelo dentro e fuori dal campo ha sempre dimostrato di essere una persona intelligente e correta, mai una cazzata, mai una parola fuori posto.
Dopo il derby ha perfino scambiato la maglia con quelli' la'......
Quindi piantiamola con queste cazzate, il razzismo e' una cosa ben piu' seria dei capricci di un ragazzino viziato che non vuole crescere.

20 commenti:


  1. massimo gramellini

    Vorrei la pelle nera per potermi concedere il lusso di ripetere le parole pronunciate ieri a Torino dalla ministra Kyenge, che con equilibrio encomiabile ha scollegato i fischi a Balotelli dalla questione ben più seria del razzismo. Persino un buonista politicamente corretto come me desidererebbe ogni tanto che il centravanti della Nazionale fosse biondo con gli occhi azzurri per poterlo mandare senza sensi di colpa a quel paese. (Anche se, e non bisogna mai dimenticarlo, a un biondo con gli occhi azzurri nessuno indirizzerebbe certi buu). Capisco il trauma della sua infanzia e le ferite sottili dell’adolescenza, quando la famiglia adottiva gli organizzava feste con gli amichetti e lui spariva in camera sua a sfasciare giocattoli, traboccante di rabbia esibizionista nei confronti di un mondo che lo considerava diverso. Però la vita gli ha restituito tanto - in affetti umani, doti sportive e beni materiali - o comunque abbastanza per rendere necessario, e dignitoso, uno scatto di qualità che gli faccia smettere almeno in campo di assumere atteggiamenti da bamboccio indolente, strafottente e provocatorio.



    Sia chiaro: la balotellaggine di Balotelli non giustifica i buu. Ma neanche i buu giustificano Balotelli, né possono essere utilizzati da quest’ultimo per continuare a fare i propri comodi indossando i panni della vittima. Le vittime sono i neri sfruttati, discriminati e irrisi. Balotelli può essere il simbolo di un’Italia giovane, aperta e multirazziale, l’unica in grado di tirarci fuori dai guai. Oppure può diventare l’ennesimo prodotto del vittimismo italico: il vero sport nazionale. A lui, non alle curve, la scelta.

    RispondiElimina
  2. (Matteo) Sono interista e mi piace andare allo stadio, magari in compagnia di qualche nipotino e magari tra qualche anno dei miei figli. Ho smesso di andarci anche per i buu e i cori deficienti dei coglioni repressi che lo frequentano.
    Ai tempi delle mie ultime apparizioni Balotelli non giocava ancora ma i buu imperavano già. Ricordo che Baloteli venne insultato anche dai tifosi interisti nell'annno del triplete, mi sembra a Barcellona, e anche io dalla tivu mi ero arrabbiato, perché non correva oltre che per la scenetta con la maglia del Milan sulla tv del suo presidente.
    Personalmente comunque è un giocatore a cui sono affezionato e che tutto sommato può anche essere simpatico nel suo essere fuori dalle righe anche se per scemate. Mi spiace molto che le trame ordite dai cugini per sottrarcelo siano riuscite anche questa volta, ma mi consolo con la nazionale, che grazie a lui sento un po' più mia.
    Probabilmente è vero che in quanto giocatore forte e sopra le righe gli insulti li riceverebbe comunque, ricorda un po' Maradona sotto questo aspetto.
    Comunque anche se strumentalizzato, sono contento che possa contribuire, anche come personaggio, a eliminare certi comportamenti davvero ripugnanti. Mi ha fatto piacere la scelta di Allegri di ritirare la squadra e mi è dispiaciuto che non sia stata replicata perchè c'è qualche punticino in palio.
    Il razzismo è senz'altro qualcosa di più subdolo del politically correct, ma considerata la povertà culturale di chi lo frequenta forse anche questo può servire.

    RispondiElimina
  3. Il problema e' che questi mostri li abbiamo creati noi.
    A Tunas mi alleno in pista, incontro e chiacchiero con atleti di livello nazionale ed internazionale come chiacchiererei con voi.
    Qua' per parlare con un Primavera bisogna contattare il suo procuratore.

    RispondiElimina
  4. (Stefano) Balotelli e' un gran giocatope peccato che come uomo valga poco

    RispondiElimina
  5. Questo vale per molti campioni di tutti gli sport e di tutte le epoche.

    RispondiElimina
  6. Tutto quello che è successo dopo Roma e Firenze è scandaloso. Il caso è stato montato ad arte, nonostante sia palese che sia stato fischiato l'uomo non per il suo colore della pelle. Tra l'altro in campo ci sono altri giocatori neri e nessuno ha ricevuto lo stesso trattamento. I media, ma anche la "giustizia" sportiva, hanno montato il caso ad arte in un modo davvero pietoso. Chiunque abbia un minimo di cervello, e segua il calcio, sa che le cose sono andate così. Non è che ce lo doveva dire il ministro.
    Balotelli è poveraccio, che ad ogni occasione insulta i tifosi, è normale che la gente sia avvelenata. Ma qui, purtroppo, siamo andati ben oltre la repubblica delle banane. Più sei stronzo, più sei bravo.

    RispondiElimina
  7. La follia e' che oramai si va' nelle stazioni ad insultare i calciatori....

    RispondiElimina
  8. Sono certi atteggiamenti a dare fastidio anche se, almeno in parte, ho visto dei miglioramenti in Balotelli. Diciamo che fare gol e stare lì a fissare la curva avversaria non è che sia proprio il massimo per attirarsi le simpatie... Se li sfidi ti rispondono. Infatti rispondono pure i tuoi stessi tifosi e mica solo i tifosi per cui giocava Balotelli. Grossi problemi li ha avuti anche Ebagua coi i suoi tifosi a Varese, ammesso che ora la cosa sia rientrata. Balotelli è forte, molto forte ed è un centravanti. E' quindi il pericolo numero per gli avversari. Questo lo deve tenere a mente. Anche le sbocciate di portare una figa diversa al mese a San Siro non è che lo facciano apparire migliore. Nella vita se fai lo sborone lo paghi. Sei un calciatore, non è che ci voglia la scala. Quelle di Balotelli sono sbocciate inutili. Se fai lo sborone, pensi di fare quel che ti pare e poi sfidi la curva ospite, fai di tutto per cercartele. A me Balotelli ormai non sta più sui coglioni come un tempo perché c'è comunque stato un miglioramento. Però chi semina raccoglie. Se ti fischiano è perché ti temono ed il giorno in cui non lo fischieranno più sarà un brutto giorno perché vorrà dire che sarà sul viale del tramonto. Prenditi i fischi e gioca. Essere temuto mi sembra tutt'altro che una disgrazia. I buuuu sono sempre sbagliati ma a volte basterebbe poco per evitarli.

    RispondiElimina
  9. Mah...a me questo e' stato sui coglioni da subito, e dire che e' un bel giocatore....se vuole.
    Ebagua e' un discorso diverso, e' una gran brava persona ma non gli hanno perdonato, ad inizio della scorsa stagione il trasferimento da noi, poi a suon di gol ha riconquistato i suoi tifosi.
    La figa secondo me centra poco, anche Vieri aveva la collezzione e nessuno gli ha mai rotto i maroni per questo.
    Il problema e' proprio il suo modo di fare da tamarro viziato.

    RispondiElimina
  10. Anche a me è stato sui coglioni da subito ma era fin troppo facile per motivi evidenti. Si attaccava coi tifosi e faceva l'attaccabrighe in campo con gli avversari. Come giocatore è molto molto forte. Ebagua è chiaramente un discorso diverso ma quello che volevo dire era un'altra cosa: i buuu te li prendi se fai incazzare i tifosi, a ragione o a torto, indipendentemente dal razzismo. La pelle nera è solo il pretesto per i buuu perché sanno che i buuu fanno giustamente incazzare i neri e se una tifoseria, a ragione o a torto, ti prende male, sa dove andare a picchiare. Quello volevo dire. Il razzismo non c'entra quasi mai in queste situazioni. Indipendentemente da come sia originato un dissapore, il buuu vale per tutti i neri perché vengono colpiti al cuore. Vieri non portava sempre fighe differenti nel parterre. Le sue sono state, almeno apparentemente, relazioni lunghe. Ma questo non me ne frega. Se nel mentre se ne è chiavate 5000 ha fatto solo bene. E' l'ostentazione che è sbagliata. Le sbocciate figaiole di Balotelli le metti assieme a tutte le altre cagate che combina e, a mio modo di vedere, pur centrando sicuramente meno, fanno da contorno a un atteggiamento da sborone. Come dire, io faccio qua, io faccio là. Sfido i tifosi perché sono uno sborone, parcheggio dove mi pare, sono un gran scopatore e lo devo far vedere. Al suo posto farei uguale e forse pure peggio. Se me la sbattono in faccia e se basta dire "ciao, usciamo" è facile come andare al supermercato. Ma quando uno ostenta troppo a mio avviso si tira la zappa sui piedi da solo. Ho visto giocatori del Bologna belli come Alvaro Vitali con una figa a destra e una a sinistra. Sai che cazzo ci vuole... Poi mica si può lamentare se in Inghilterra lo pedinavano. Sbatti in faccia a tutti le tue relazioni e poi t'incazzi se i giornali sono invadenti e non ti lasciano in pace. Sarà mica sempre colpa degli altri....

    RispondiElimina
  11. Il tuo ragionamento non fa' una grinza, infatti, come riportavo nell'esempio, Ogbonna e' negro pero' non ha mai avuto problemi in nessun campo.
    Ostentazione, mah...se hai una ragazza e ti viene a vedere giocare non ci vedo un' ostentazione.
    Da ragazzo le morose venivano a vedere perfino a me all'oratotrio....ahahah
    Chiaro che per una presunta staretta farsi vedere accanto a Balotelli e' un modo per scalare la china.
    Luca, il calcio e' uno sport di squadra, esiste uno spogliatoio, in uno sport individuale rispondi dei tuoi comportamenti solo a te stesso, in uno sport di squadra in ogni cosa che farai sarai giudicato anche dai tuoi compagni.
    non e' la stessa cosa.
    Fino a che senga e fa' vincere la squadra ci si passa sopra ma se smette di segnare....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Milco, non è che lo vanno a vedere. Le porta lui e le mette in quella zona di parterre dedicata ai giocatori del Milan, quella che sta a livello del campo. Lì ti beccano di sicuro. Mandala in tribuna come fanno tutti gli altri e vedrai che già cambia la visibilità. In quel parterre di tre metri quadrati non ci stanno tutte le donne dei giocatori del Milan ma lui le sue le fa finire sempre lì. Certamente le più accettano l'invito anche per farsi pubblicità quindi se Balotelli le mastica e poi le sputa, dopo mica si possono lamentare. Riguardo all'ultima parte del tuo commento sono d'accordo, infatti non è che si sia lasciato benissimo con diversi giocatori del City. Su questo non solo non discuto ma la penso anche qui come te. Ibrahimovic al PSG ha rapporti anche peggiori e la voglia che ho di rivederlo a Torino è uguale a quella di andare a Cuba a vedere musei.

      Elimina
    2. Il suo manager è Raiola non esattamente un cretino

      Elimina
  12. balotelli è un gran giocatore,ha grandi doti e lo dimostra sul campo,ricordiamoci gli europei,e al momento è uno dei pochi che fa la differenza,come molti grandi campioni fuori è un cretino,ma crescera.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Balotelli è un fuoriclasse e se vuole è da pallone d'oro. Sicuramente è migliorato ed al Milan sono bravi a gestire i giocatori. E' nell'ambiente ideale ma lui ci deve mettere del suo.

      Elimina
  13. Mah....dicevano lo stesso anche di Cassano...crescera'...e' arrivato a 30 anni restando l'idiota di sempre.

    RispondiElimina
  14. hai ragione,ma balotelli lo vedo molto piu forte anche del giovane talento cassano,mario vince anche le partite da solo,fisico da paura,forza della natura e ottima tecnica,ma testa di minkia.

    RispondiElimina
  15. Io non uso la parola "negro" perchè non mi piace come suona, ma utilizzo "bel negrone" se trattasi di manzo.
    Balotelli è un bel negrone, caretterizzato dalla presenza di un solo neurone, e pure addormentato.

    RispondiElimina
  16. Be'...tu lo sai che oramai sono bilingue...ahahaha

    RispondiElimina