mercoledì 1 maggio 2013

BUON PRIMO MAGGIO


10 commenti:

  1. Indipendentemente dalle ideologie bisogna dare atto che questo inno trascina ed emoziona , non come le marcette da avanspettacolo di certe repubbliche delle banane

    RispondiElimina
  2. L'ubriaco tentò di cambiarlo. Duro' poco. Questo inno è il mio inno. È storia.

    RispondiElimina
  3. Hasta la victoria siempre!

    RispondiElimina
  4. Il capitalismo ha oltre 1000 anni di vita, il Comunismo meno di 100.
    Siamo la gioventu' del mondo.

    RispondiElimina
  5. SQUALLIDO SILENZIO A TORINO

    http://www.lastampa.it/2013/05/01/multimedia/cronaca/bandiera-rossa-ammutolisce-i-militanti-del-pd-S53aaKLcQTcAuFuVgQQkdJ/pagina.html

    RispondiElimina
  6. Il 1mero de Mayo inizia davvero bene..che emozione vedere dal palco del concertone le bandiere dei 4mori, dell'albero verde arborense(simbolo indipendentista sardo dovuto all'unico periodo in cui l'isola è stata realmente libera con Eleonora d'Arborea)e di Cuba!
    Mio cugnado sarà già en la Plaza de la Revolucion da almeno 4 ore (dalle 6 del mattino locali)con il solito milion de pioneros.
    Hasta siempre companeros y trabajadores de todo el mundo!
    Santa Fè-Sardinia

    RispondiElimina
  7. Su Rai 3 stanno facendo vedere il concerto di Roma

    RispondiElimina
  8. Visto che siamo tra compagni…
    Ho partecipato al corteo di Milano, mi piace farlo perché è la festa di chi lavora, deve o vorrebbe farlo e mi piace andarci con i figli e (quando c'ha voglia) con la compagna perché il lavoro è quello che ci fa andare avanti.
    La cosa che mi ha fatto più piacere quest'anno è stata la partecipazione di moltissimi immigrati di tutto il mondo nel corteo di lotta comunista. Soprattutto sono lavoratori indiani, bengalesi, nordafricani e sudamericani che oltre a portare una ventata di vivacità in un partito abbastanza rigido hanno dato una dimostrazione di cosa sia l'internazionalismo e di chi lo sia. Momento toccante quando una ragazza ventenne centrafricana parlando dal palco in un italiano impeccabile ha ricordato, tra le altre cose, gli operai recentemente morti in Bangladesh.
    Tra i numerosi partecipanti, al di là dello sventolamento di qualche bandiera del Che, non ho notato grande partecipazione di cubani o per lo meno non ne ho riconosciuti (forse c'era una ragazza, ma non sono riuscito a conoscerla - se sei una degli ormai moltissimi che seguono questo blog, la prossima volta ci si becca!).
    La differenza tra qua e Plaza de la Revolution forse è perché molti di quelli che sono venuti in Italia non ci andavano o non ci andavano volentieri nemmeno a Cuba, forse perché si sono "italianizzati" o forse perché non siamo a Cuba e il 1mero de Mayo sembrerebbe essere una festa oltre che più sentita (perché ci si crede, per ideologia, perché si ha voglia, si deve o magari anche solo per opportunità) anche più travolgente.
    Non ho mai avuto la possibilità di partecipare a un 1mero de Mayo a Cuba, ma vorrei farlo. La mia compagna mi ha raccontato che pur essendo abbastanza antisocial, partecipava da studentessa perché doveva farlo e dopo perché si tomava ed era una bella festa. Mi piacerebbe partecipare così come mi piacerebbe che una volta potessero partecipare qua i parenti comunisti di Cuba o magari qualche rivoluzionario per condividere la loro impressioni e magari per farci vedere come si fa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo che se dalle scuole partono i bus, di buon mattino 6.30 circa, e non hai una buona giustificazione ti segnano una nota negativa..non tutti vanno per festeggiare ma per quasi tutti si tratta di una gita e di un giorno diverso dagli altri, quello che più temono tutti è il sole cocente..quando andava mia moglie mi racconta che Fidel faceva lunghe pause e tutti si attendevano di applaudire la fine ma...ripartiva e addio :)
      Ovvio che a 10-12 anni capisci ben poco, però anche qui alla messa della Domenica vedo una buona metà di annoiati e assonnati credenti, la Domenica pomeriggio allo stadio mentre "alcuni si affannano in consigli" al mister altri sbevazzano spine fresche!e cosi via..
      Todo el mundo es pais.
      Santa Fè

      Elimina
  9. A Torino ci sono stati dei problemi.
    Quest'anno ho saltano, a giorni inizio il lavoro e sono nelle curve.
    Ovviamente avrei sfilato con C:S:P:
    La vigilanza del Pd si e' rifiutata di "vigilare" i big sfilando a parte.
    A fine comizio i centri sociali sono saliti sul palco con la foto del tizio che ha sparato a Montecitorio e con le foto degli anziani che si sono suicidati a Civitavecchia.
    I tempi dei cotrei immensi del vecchio PCI sono lontani...

    RispondiElimina