mercoledì 29 maggio 2013

BUROCRAZIA CUBANA

 

La burocrazia e' indispensabile in ogni paese degno di questo nome, a prescindere dal suo livello di sviluppo.
Nella stragrande maggioranza dei casi e' gestita dallo stato stesso, dai suoi funzionari che, come buona parte dei funzionari statali, lavorano ai ritmi....che conosciamo.
Solitamente il funzionario statale gode di una sorta di impunita', non corre MAI il rischio di perdere il lavoro, questo a prescindere dalle nefandezze che compie.
In Italia abbiamo 4 milioni e mezzo di dipendenti statali su 60 milioni di abitanti, in Francia (80 milioni) sono meno di 2 milioni.
Fino a quando non si mettera' mano a questa situazione ogni manovra economica riuscira' soltanto a spostare piu' in la' un asticella che, oramai, non sta' piu' dritta.
La burocrazia a Cuba, se si e' turisti normali, ci coinvolge unicamente quando andiamo all'inmigration per chiere un altro mese o, come accade ora a me, per pedir la visa familiar il giorno dopo il mio arrivo.
Se pero', come stiamo parlando da settimane, vogliamo pensare ad un futuro con qualche negocio allora le cose cambiano drasticamente.
Con la burocrazia, quella burocrazia, dobbiamo per forza fare i conti.
Se abbiamo la Residenza permanente possiamo occuparci della cosa in prima persona, in caso contrario ( il nostro) dobbiamo incaricare de los papeles la nostra dolce meta' o chi per lei.
Opinione personale, per quanto possibile, se si ha una moglie sveglia o, come dicono i napoletani, che tiene cazzimme, e' sempre meglio lasciare fare a lei.
A Cuba, vista l'entita' cabarettistica dei salari, ognuno, dove lavora, cerca di approfittare al meglio delle occasioni che ha davanti.
Chi lavora in un macello sgrafigna la carne, in una gelateria il gelato ecc....
Un funzionario statale, un burocrate ha come mucca da mungere unicamente la gente che si rivolge a lui per la risoluzione dei problemi.
Al limite puo' portarsi a casa una risma di carta.....come se fosse un impiegato postale qualunque....
Di conseguenza, se vogliamo che, certi nostri progetti possano prendere forma dobbiamo approcciarci a questa gente nel modo "giusto".
Perche' dico che, occorre che sia la nostra meta' ad occuparci di questi problemi?  
A parte il fatto che noi....non possiamo, esiste un linguaggio fatto di parole e di gesti che solo fra di loro riescono a capire.
Solo un funzionario folle chiederebbe espressamente denaro per la risoluzione rapida di una pratica.
In realta' la richiesta avviene, o per interposta persona, oppure con gesti e parole dette e non dette che solo fra di loro sono in grado di decodificare.
A volte basta un...regalitos.
Il nostro compito e' di appoggiare fattivamente da fuori la ri$oluzione del problema senza dover fare altro.
Mia moglie sa' esattamente come muoversi in quel folle ginepraio che e' la burocrazia cubana, sa che con qualche cuc ogni coda si puo' evitare ed ogni pratica adelantare.
Quando, per tutte le nostre cose, va' in un ufficio statale, salta a pie' pari la fila e va' direttamente a parlare con chi di dovere.
Si sa che e' sposata con uno yuma, si vede, si percepisce, a Las Tunas poi....non scappa nulla.
Lei mi ricorda sempre che, con dinero, tutto e' possibile, se un papel non esite...lo si crea, se un permesso tarda ad arrivare, si va' direttamente alla fonte che lo ha erogato e...si risolve.
Ora noi siamo impegnati in tutte le nostre cose, il consiglio e' sempre quello di restare nella piu' assoluta legalita'.
Sanno che dietro al negocio ci siamo noi, e' facile che i controlli saranno piu' attenti e sopratutto successivi a cio' che stiamo facendo.
Se arrivano dopo e non siamo in regola.....allora si che tocca mettere mano al borsillo.
Nella provincia tunera e credo in tutta Cuba los gymnasio sono praticamente tutti aumma aumma.
Se pero' faccio io, yuma biondo e non confondibile con un cubano, la stessa cosa state pur tranquilli che me li ritrovo in casa seduta stante.
Chi e' impegnato o vuole impegnarsi nel settore agropecuario e' bene che sappia di approcciarsi ad un settore in cui, anche dal punto di vista burocratico, le cose potrebbero essere piu' complicate rispetto, per fare un esempio il settore della Vivienda dove, da tempo, si ragiona su fattori piu'....attuali.
E' facile che i funzionari a cui ci si dovra' rivolgere saranno, a loro volta, ex guajiros con la testa dura e la mentalita' non esattamente apertissima.
Ci vuole tanta, ma tanta, ma tanta pazienza.  
         

15 commenti:

  1. (Stefano) In Italia molti documenti oramai si possono ottenere via mail, e' un bel vantaggio

    RispondiElimina
  2. Vero peroì' tieni conto che milioni di persone, sopratutto gli anziani, non hanno alcuna dimestichezza con la rete.

    RispondiElimina
  3. Ciao Aston sono Francesco, è un pò che leggo il tuo blog e devo dire che mi piace.
    Anche io sto investendo qual cosina sull'isola e penso che sia interessante confrontarmi con te sull'argomento.
    Da quello che ho letto sul blog la cifra investita da me e simile alle tua.
    Anche io sono felicemente sposato con una ragazza delle tue parti (PuertoPadre), da circa otto anni e frequento Cuba da circa 10 anni, abbiamo due splendide bimbe e viviamo in Italia al sud del sud!!
    Ho comprato una casetta nel casco Historico a due passi dalla cattedral, vivibile per gli standard cubani, sufficientemente grande, circa 180 mq, ottima da mettere a posto ed affittare ai turisti come B&B. Ma per restaurare il tutto ci vorranno come minimo altri 20 - 30 mila € considerati anche gli arredi, infissi e quant'altro, somma che io non possiedo per cui per ora tutto fermo.
    Nel frattempo mia suocera con il compagno, spinta sopratutto da noi, si è spostata da Puertopadre nella casa dell'Havana si è fatta la licenza per caffetteria e vende succhi e caffè considerato che la casa e al livello della strada, quindi perfetta per attività commerciale.
    Considerato anche che molti cubani si sono avvicinati, anche contattandomi via mail o tramite mia suocera, per propormi di fittargli la casa per farvi chi un paladar, chi una parrucchieria ecc, alcuni proponendo, addirittura, una attività in società, ho pensato di farci io qualcosa come vendere gelato Italiano.
    Devo premettere che sul tema gelato, nonostante io nella vita faccia tutt'altro, un minima infarinatura già l'avevo, considerato che ero stato in Brasile qualche anno fa con un amico che voleva aprire una gelateria ed eravamo informati un pò di tutto. Ma Cuba non è il Brasile ed io non ho ne la voglia ne la possibilità di pensare di investire quanto preventivavo in Brasile. Infatti setacciando nel mondo del gelato ho scoperto che si può fare dell'ottimo gelato investendo pochi soldi, non più di 3.000 € per due macchine che producono ciascuna ogni 40 minuti 4Kg di gelato soft e ice yogurt. Macchine necessariamente Italiane di aziende leeder nel settore, funzionano con preparati a base di latte o acqua anche questi di produzione assolutamente Italiana, parlo di ditte come la Fabbri, la perugina ecc, e il loro costo sul mercato è ottimo.
    Mi sono informato in merito alle leggi doganali e alle imposte cubane, e mi pare che il gelato per il mercato cubano, sopratutto all'Habana, possa essere un buon prodotto con molto margine di profitto se solo si pensa alla possibilità di servire coctel di frutta con gelato o ice yogurt per non parlare della granita di latte di mandorla.. da me la pasta di latte di mandorla te lo vendono all'ingrosso a 40 cent al chilo!!
    Detto tutto questo mi scuso per la lungaggine del commento, ti mando un caloroso saluto ricordandoti che mi piacerebbe sapere cosa ne pensi di questa cosa che sto cercando di fare.




    RispondiElimina
    Risposte
    1. (Chan Chan). Sarebbe interessante sapere quanto costa e come si fa a far entrare le macchine a Cuba (oltre alle materie prime). Tempo fa ho cercato di informarmi ma con scarsi risultati. E inoltre dove si trovano delle macchine professionali al prezzo che hai scritto? gracias y saludos

      Elimina
    2. Fra l'altro e' possibile che le polverine si trovino anche la'.

      Elimina
    3. Ci sono già passato...non si può inviare la macchina a un privato ma solo da società a società e non a fini commerciali...

      Elimina
    4. .....e si torna a combattere con la burocrazia....

      Elimina
    5. Cia Anonmimo,sono Francesco, mi piacerebbe sapere qualcosa in più della tua esperienza, in effetti quello ho scritto sopra e per condividerlo con tutto il blog e per confrontarmi con le varie esperienze.
      Comunque dipende di quali macchine stiamo parlando.
      Io personalmente non sto parlando di macchine tipo pastorizzatore e mantecatore, che sono le normali macchine che una gelateria qualsiasi in Italia usa. Cioè macchine per grosse produzioni alte m. 1,50 e pesanti circa 100 KG.
      Io sto parlando di piccole macchine poco più grandi di quelle per casalinghe, in particolare mi riferisco alla GT Lab prodotta dalla SPM DrinK System pensata per la ristorazione, di piccole dimensioni e pesante 28 Kg.

      La legislativa in materia oggi è la La Resolución 143, de mayo de 2013, entrata in vigore questo lunedì, che apre addirittura l'importazione di equipos eléctricos anche agli stranieri senza nessuna residenza nella isola fino ad un massimo di 2 macchine per persona ed entro certi limiti di consumo e di peso, addirittura viene introdotta la possibilità di importare motorini elettrici...
      Comunque la macchina deve passare come macchina da casa, previo contatto per informazioni con la dogana cubana prima di partire o spedirla.. (io personalmente ho contattato o anche l'ambasciata..)

      Elimina
  4. Ciao Francesto, benvenuto anche a te.
    Un altro palestino nel blog ci voleva....
    Direi che le cifre da te postate, se vuoi fare qualcosa per i turisti ci stanno.
    Il gelato, in tutto il mondo, offre guadagni importanti, quello alla frutta ha dei costi bassissimi mentre per il resto...ci sono le polverine.
    Ti sei informato sulla possibilita' di importare il materiale e a quali costi doganali vai incontro?
    Sicuramente il negocio a La Habana, puo' rendere.
    Quanto ti costa la licenza?
    Tienici informati sui progressi delle tue cose e, se vuoi, intervieni sugli altri argomenti che discutiamo qua' sopra

    RispondiElimina
  5. Aston grazie per il benvenuto e per l'invito ad intervenire su altri argomenti.
    Ritornando al discorso di sopra, ti dico che si tratta di macchine di piccole dimensioni entrambe sono inferiori ai 30 Kg e sulla base della normativa corrente spenderei una somma di 300€ circa tra trasporto e imposte doganali per ogni macchina.
    Per quanto riguarda la licenza credo che la licenza in capo ha mia suocera gli permette già di vendere questo tipo di prodotti, ma non ne sono sicuro e me ne accerterò una volta sul posto. Lei ha una licenza per caffetteria, panini, succhi, caffè, pizzette, dolci, ecc. ecc. non può assolutamente trattare alcolici. Per quanto riguarda le polverine ci sono corrieri che si occupano di trasporto su cuba ho telefonato è il costo sarebbe di circa 150 € di spese di corriere e 100 cuc di imposta cubana fino a 30 chili di prodotto.
    Saluti Francesco

    RispondiElimina
  6. Mi sembra una spesa assolutamente accessibile.
    Informati per il gelato, fino ad oggi questi chioschetti non se ne sono occupati oppure ci sono quelli che hanno la macchinetta di un gusto solo a 1/3 pesos.

    RispondiElimina
  7. Non per fare da Jettatore ma l'amico anonimo ha ragione, attualmente un cuentapropista non è autorizzato ad importare prodotti e macchinari specifici per l'attività dall'estero. Quindi ci si deve appoggiare ad una firma straniera accreditata che realizzi l'importazione ad uso propio. Una macchina per il gelato è appariscente non un prodotto domestico comune, quindi se una firma straniera attraverso un un'importadora cubana importa il prodotto sarà solo per aprire un 'attività di gelateria in joint con lo stato, e questo non si vuole è ovvio! Uno straniero con residenza permanente, come un trabajador straniero temporal, è autorizzato ad importare un container di materiale personale di qualsiasi tipo, si può infrattare la macchina del gelato dichiarando l'uso personale. Ci sono i costi ed i tempi del trasporto la necessità della RP ecc. No es facil! Se ci sono nuove in materia ditemi.Francesco Franz

    RispondiElimina
  8. La cosa si complica.....anche se la soluzione c'e'...

    RispondiElimina
  9. Francesco Franz

    Per una rilessione: è certo che uno straniero può avere la RP non solo con matrimonio ma anche se è padre di un figlio che vive a Cuba quindi anche senza matrimonio con la mamma! In questo caso l'eventuale aquisto della casa a nome dello Yuma con Rp sarebbe blinadata dalle problematiche relative a divorzi e divisioni al 50%, compreso attività cuentapropista! Comunque i figli sono sacri sempre!

    RispondiElimina
  10. Vorrei chiarire a Francesco che la Resolución 143, de mayo de 2013 visible sul sito www.aduana.co.cu, autorizza l'invio a persona naturales, quindi solo cubani, di 2 climatizzatori da una tonn. massimo, un cucina a induzione, un forno a microonde, frigo o congelatore, doccia elettrica, scaldabagno elettrico, friggitrice elettrica, tostapane, plancia elettrica e anche resistenze elettriche. Anche 2 motorini elettrici. La macchina del gelato prova a spedirla a Cuba con Globestar, penso che riesci a sdoganarla con un minimo di sottobanco. Alla dogana all'Avana a stento gurdano i pacchi, vogliono solo la mazzzetta in aggiunta all'imposta chiaro! iO ho mandato una lavastoviglie che è stata dichiarata lavatrice pagando 70 cuc d'imposta più 20 di mazzetta. Saludos Francesco Franz

    RispondiElimina