lunedì 20 maggio 2013

CUBA E BRASILE

 Realtà latinoamericane: gli eccellenti rapporti tra Cuba e Brasile

Come sappiamo bene, in Venezuela, ha vinto Maduro, legalmente, di conseguenza Cuba ha potuto tirare un sospiro di sollievo.
Sicoramente continuera' l'interscambio fra i 2 paesi, Maduro e' un filo cubano ma....non e' Chavez.
Il Comandante deceduto poteva, grazie al proprio prestigio personale e ai consensi elettorali, fare un po' quello che voleva. Maduro dovra' comunque tenere conto sia dell'opposizione che dei dissidi interni al suo schieramento.
La collaborazione futura sara' ancora importante ma....diciamo che il meglio e' gia' passato.
Fortunatamente Cuba ha saputo, negli ultimi anni stringere una fortissima partnership commerciale ed ideologica con uno dei giganti della terra.
Il Brasile.
Con Lula prima e con Dilma ora il legame fra i 2 paesi e' andato sempre piu' stringendosi.
Da anni studenti brasiliani sono ospiti fissi delle universita' cubane, a Tunas ce ne sono parecchi, anni fa' conobbi anche una fanciulla proveniente da quel lontano paese....
E' notizia di questi giorni, la richiesta da parte delle autorita' sanitarie brasiliane, di 6000 medici cubani per le zone rurali del paese.
Ovviamente la contropartita sara' in tecnologie, denaro e contratti commerciali.
Il Brasile e' la sesta economia mondiale, il suo PIL e' di 2 trilioni di dollari
Sotto l'impulso di Lula i rapporti commerciali fra i due paesi dal 2007 ad oggi hanno avuto un incremento di quasi il 70%.
Un altro grande impegno commerciale brasiliano in terra cubana e' l' ammodernamento e l’ampliamento, da parte della compagnia brasiliana Odebrecht, del porto Mariel, che si avvia ed essere il piu' grande di tutti i Caraibi.
Parallelamente allo sviluppo del porto e' partito un progetto di superstrada che dal porto stesso favorira' il trasporto delle merci verso tutta l'isola.
Il Brasile aiuta Cuba anche nel settore agro alimentare, mentre i ministri della salute dei due paesi hanno firmato numerosi contratti per lo sviluppo e la ricerca di nuovi farmaci per riuscire a vincere il cancro ed altre malattie.
Anche nel campo delle biotecnologie la collaborazione fra i due paesi e' molto forte.
In aprile sono stati firmati altri contratti con cui il Brasile finanziera' lo sviluppo di alcune strutture aeroportuali dell'Isola.
A gennaio quando ero' giu' c'e' stata una Cumbre a La Habana dove erano presenti, fra gli altri Frei Beto e Lula stesso.
Il giorno dopo Lula e Raul era a controllare i lavori al porto di Mariel dove, in bella mostra, sventolano le bandiere cubana e brasiliana.
Se da un lato il Venezuela potrebbe, anche a causa della sua crisi interna, ridurre gli aiuti verso l'Isola, il Brasile si accinge a diventarne il piu' grande partner commerciale.
Per fortuna....           

10 commenti:

  1. Marco. Il Brasile ha una solidita' economica e politica migliore rispetto al Venezuela

    RispondiElimina
  2. Il Brasile e' un continente, anche nella violenza.
    Il "peggior bar di Caracas" al confronto di una favela brasiliana, e' un covo di educande.

    RispondiElimina
  3. Sempre sul desarrollo:
    sono attualmente in corso i test del cavo ottico sottomarino che unisce Cuba con il Venezuela. Telefonica si sta incaricando del gestire la cosa, ma a quanto pare dopo il 2011, anno dell'arrivo del cavo a Santiago, si è mosso qualcosa.
    Ora, non è che questo voglia dire che magicamente internet sarà per tutti, per tutta l'isola. Ma è già qualcosa, per i tempi cubani.

    Ribadisco il concetto che senza rete non si può pensare seriamente allo sviluppo di un paese.

    RispondiElimina
  4. Speriamo che questo progetto vada a buon fine e che internet presto sia a disposizione di tutti,

    RispondiElimina
  5. Questa è fresca fresca:
    La Resolución 143, de mayo de 2013, establece la entrada al país de estos artículos, siempre que su valor, cantidad y requisitos técnicos se correspondan con los límites establecidos en la legislación vigente.

    Podrán importarse, solo en cantidad de dos, acondicionadores de aire de cualquier tipo, si su capacidad no excede de una tonelada; y cocinas y hornillas eléctricas (las vitrocerámicas de inducción) de diferente modelo y cuyo consumo no pase de los mil 500 watt.
    Se suman refrigeradores del hogar, freezer y otros equipos eléctricos, como duchas, freidoras, calentadores de agua, planchas domésticas, tostadoras de pan y hornos microonda, estos últimos de cualquier tipo y con un consumo no superior a los dos mil watt.

    Cada persona natural puede entrar al país hasta dos ciclomotores eléctricos, con partes y piezas, siempre que su velocidad máxima no supere los 50 kilómetros por hora y la potencia del motor no exceda de mil watt.

    RispondiElimina
  6. (Santa Fè) Tra l'altro da anni Il Presidente (ex) Lula, in forma privata, acquista in gran quantità cemento a Cuba e lo imbarca nei mercantili del Porto di Mariel(nord-est La Habana)
    Senza voler crear polemiche(o forse si..)en la capital el cemento "està perdido" e non sempre sono los trabajadores que lo roban..
    -8 allo sbarco al J.Martì..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi parlare della difficolta' a reperire cemento...potrei scrivere un altro libro...

      Elimina
  7. Ciclomotori elettrici?
    Ni muertos....

    RispondiElimina
  8. No, però forse è il caso che ti schiaffi in valigia una piano cottura a induzione, come ti dissi l'altra volta.
    Io lo farò, e addio problema della bombola del gas.

    RispondiElimina
  9. vero in effetti ci sto' pensando

    RispondiElimina