domenica 26 maggio 2013

GIUSTO COSI'

 

Alla fine il pronostico e' stato rispettato e il Bayern di Monaco ha vinto la Champions.
Sulla carta i giochi erano fatti gia' da subito ma, come ho detto ai miei amici alla cena l'altra sera, in una partita secca puo' succedere di tutto.
E' possibile che i valori reali vengano capovolti nell'arco dei 90 minuti.
La mia previsione si e' rivelata azzeccata, anche se alla fine ha vinto la squadra piu' blasonata.
Per oltre 70 minuti il Borussia Dormund ha avuto in mano il pallino del gioco.
In fondo non aveva nulla da perdere, ha giocato con mente sgombra mettendo in grandissima difficolta' i bavaresi.
Certo la difesa del Borussia, ma direi in genere la fase difensiva, ha lasciato molto a desiderare.
Il Bayern ha avuto comunque le sue occasioni con lo sciagurato Robben che, prima di diventare l'eroe della serata ha, come da tradizione, sbagliato tutto quel che e' possibile sbagliare.
Negli ultimi 20 minuti il Borussia e' crollato e i bavaresi avrebbero potuto segnare in qualunque momento.
Si e' vista una bellissima finale, vista la posta in gioco non capita spesso.
Nessun tatticismo esasperato di italica scuola o il noiosissimo titic e titoc catalano.
Le squadre si sono affrontate a viso paerto facendo onore al calcio.
Perfino un arbitro mediocre come Rizzoli ha fatto un figurone, giocatori leali, entrate dure ma mai con l'intenzione di fare male, nessuna simulazione, nessuna discussione col direttore di gara.
Decisamente un altro calcio, un altra cultura e, diciamolo pure, un altro paese.
Al terzo tentativo in 4 anni il Bayern si e' eretto in cima all'Europa che conta.
Giusto cosi'.            

6 commenti:

  1. giusto,per essere una finale bella partita aperta senza calcoli,meritata vittoria per quello che ha dimostrato in tutto il torneo e negli ultimi anni,ma che fatica......complimenti ad un ottimo borussia che non avrebbe rubato niente anzi ieri ha giocato meglio.

    RispondiElimina
  2. Vero però in questo momento il Bayern è che più forte di tutti

    RispondiElimina
  3. (Stefano) Se pero' il Borussia, nel primo tempo, riusciva a segnare la storia poteva finire diversamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente. Poteva finire diversamente anche se Rizzoli dava il secondo giallo a Dante. Il calcio è fatto di episodi ed in una gara da vita o morte gli episodi pesano come macigni.

      Elimina
  4. Come dicevo, in una partita secca puo' davvero succedere di tutto.

    RispondiElimina
  5. Lo so bene visto che ne ho perse tre di fila vaff....... Non ho visto la gara se non pochi istanti prima che facesse gol Robben. Io credo che fosse il momento del Bayern dopo essere andata vicina due volte alla vittoria finale. Ho sentito che ha sofferto molto e onestamente non me lo aspettavo. Effettivamente la finale è qualcosa a sé. Ad ogni modo credo che il Borussia fosse l'avversario peggiore che potessero affrontare perché, oltre al fatto di essere oggettivamente forte, giocare nella stessa lega dà due vantaggi: conosci molto meglio l'avversario e hai molto meno timore reverenziale. Il prossimo anno il Bayern avrà pure un Goetze in più e forse pure Levandowski se riesce a liberarsi (in caso contrario il matrimonio sarebbe solo rimandato). E' tanta, tanta... tanta tanta tanta roba. Credo che il Bayern dominerà la scena nei prossimi tre anni. Una cosa però è essere protagonista ed un'altra è vincere tre champions di fila. Nemmeno un Barca stellare ci è riuscito. Il tichi taca secondo è noioso quando non sfonda la trequarti avversaria, come è capitato contro il Bayern ma ad onor del vero è capitato ad ogni squadra europea che ha affrontato i tedeschi. Concordo con Laporta quando disse che il Barcellona è quanto del calcio si sia più avvicinato all'arte. Però è anche giusto ricordare che in Europa ci sono tante squadre, alcune delle quali con proprietari veramente bombati di soldi e con dirigenti che sanno il fatto loro.

    RispondiElimina