domenica 26 maggio 2013

MUOVERSI GENTE!

 

Piu' passa il tempo, piu' parlo con gente che e' appena rientrata da Cuba, piu' ne sento altra telefonicamente e' piu' me do' la cuenta che e' davvero il momento in cui alle pugnette si facciano seguire i fatti.
Beh....in poco piu' di un anno, di fatti, ne ho gia' messi nel calderone parecchi ma, il prossimo autunno, sara' davvero il momento di svoltare e mettere le basi per tutto cio' che accadra' negli anni a venire.
Leggo di gente che rientra dopo essersi mossa, chi nel campo dell'agricoltura, chi nella ristorazione, chi nel fotovoltaico, che nel settore case de renta.
Gente che si e' mossa, un po' come ho fatto io col gymnasio, e che, presto, iniziera' il suo percorso cubano.
Non e' piu' il momento di ascoltare gli altri, degli eterni indecisi che scrivono "aspetto che torni tu, che mi darai le dritte giuste"....ecc... 
Non e' piu' il momento della gente che quando va' a pisciare non sa con che mano tenerselo.
Ognuno in funzione delle proprie possibilita' e disponibilita' di tempo e denaro, ognuno fidandosi o meno di novia, moglie, suergo, hermano de crianza e quello che volete voi, deve iniziare a muoversi concretamente.
Come dico spesso, dopo sara' tardi, e se arrivi tardi, sul tavolo restano le briciole.
A settembre andro giu', ultimi lavori alla casa tunera, primi lavori in quella a la palya ( informandomi se c'e' la possibilita' di acquistare una barca) e sopratutto inizio dell'attivita' del gymnasio rustico, il mio lavoro.
Questo in attesa di poterlo fare in italyans style, al chiuso, con attrezzi adeguati ed entrate piu' importanti.
In piu' voglio iniziare il discorso de los puercos, non so ancora se comperando una finca (mia moglie mi tira il collo...) oppure appoggiandomi su qualcosa che gia' c'e'.
So solo che quel negocio, se fatto con un po' di cranio, da' del bel dinero.
Muoversi gente muoversi e, come sempre, FATTI NON PUGNETTE.   

10 commenti:

  1. (Stefano) Aston tu hai ragione ma fino a quando avro' un lavoro qua', anche di merda come quello attuale, e un mese di ferie potro' fare poco

    RispondiElimina
  2. Ovviamente hai ragione, coi tempi che corrono chiunque abbia un lavoro fisso fara' bene a tenerselo.
    Io parlo di chi, come me, ha la possibilita' di gestirsi il tempo.

    RispondiElimina
  3. Sono d' accordo che Cuba in questo momento è un buon affare, le ultime aperture sono un buon volano per l' economia. Ma rimangono dei problemi di fondo: il Primo è che i cubani nella quasi totalità non hanno denaro da inversionare, e senza noi stranieri gli diventa tutto difficile, quindi se 10 anni fa le meccaniche erano il frigo rotto, o la abuela inferma ora il tutto è molto più raffinato, bisogna stare molto attenti. Le leggi non aiutano lo straniero, almeno che non abbia una residenza permanente, il rischio quindi è elevato. La fiducia nei cubani non è proprio facile concedergliela, non parliamo poi di novie e famiglie varie che nel 90% dei casi vedono lo Yuma come la gallina dalle uova d' oro. Parlo per cognizione di causa visto che sono a Cuba ad investire e ora mai conosco bene la situazione. Certamente senza un piccolo seme di follia non si fa nulla nella vita, ma dico di prestare molta attenzione, e cercare di essere più autonomi possibile, appoggiandosi poco ad amici, parenti e novie.
    Poi a Cuba manca una classe dirigente privata, tutti da sempre hanno lavorato per lo stato, in maniera più o meno seria, ci vogliono almeno 20 anni ancora, prima che si formi una classe di quadri capaci di gestire in maniera onesta e proficua un attività privata, quindi ogni attività ha bisogno sempre del occhio vigile della proprietà, con una fatica enorme e spesso dispersiva nelle risorse del impresa. A Cuba non a caso si dice che l' occhio del padrone ingorda il cavallo ( lo si dice anche da noi ma a Cuba è la pura verità). Bene, muoversi è giusto ma senza troppo facili entusiasmi e con molta attenzione, io penso di fare poche cose e ben precise.

    A.B.

    RispondiElimina
  4. Benvenuto nel blog
    Cio' che tu dici e' tutto condivisibile, anche se sono cose che sappiamo da tempo.
    Quindi?
    Che facciamo?
    Aspettiamo che le cose cambino ulteriormente arrivando dopo tutti gli altri e accontentandoci delle briciole?
    I cubani sono questi, o li accettiamo o e' meglio continuare a svernare al sole di Varadero.
    Per il resto hai ragione, poca gente, di fiducia e a cui NOI POSSIAMO CAMBIARE LA VITA.
    Personalemente sto' investendo nello sport privato e...chissa', forse nel discorso porcino.
    Il resto lo lascio agli altri.

    RispondiElimina
  5. (Chan Chan). Il momento per investire, a mio avviso, è ora. Almeno per gente normale e non ricca come noi. Io ho all'attivo, per ora, solo una casetta, già in buone condizioni e perfettamente abitabile. La sto comunque ampliando e migliorando e con essa lo spazio che ho intorno. Come secondo (o secondi) passo vorrei comprare un mezzo di trasporto (pizicorre) e un terreno. Il mezzo è più impegnativo, anche dal punto di vista economico. La terra è più abbordabile, se non hai voglia o tempo o soldi per sfruttarla subito mal che vada la lasci lì per farci qualcosa più avanti, altrimenti la coltivi da ora e/o allevi puerquitos.. L'unico scoglio in questo caso è che secondo me deve essere vicino a dove abiti (perfetto se fosse il terreno bello grande di casa dove vivi. Ma non si può avere tutto..
    ps. Stamattina riflettevo su bollette e spese varie che uno deve affrontare qui, dopo che un mio amico che vive nelle vicinanze di Torino mi ha detto di aver pagato finora 1500 euro di riscaldamento (senza avere figli e mogli rompiscatole che vogliono avere sempre il fondo schiena bello caldo...).. c'è da meditare secondo me..

    RispondiElimina
  6. Domani parlerò degli eventuali rischi connessi ai nostri eventuali investimenti

    RispondiElimina
  7. (Simone)
    Ciao Milco!
    Sono d'accordo con te che continuare a parlare di progetti senza mai nemmeno provarci abbia poco senso.
    Credo altresì che sia necessario essere ben coperti prima di investire in questa contingenza economica ed avere un progetto sensato.
    Il tuo è un esempio positivo: stai intraprendendo un'attività che ti piace, che conosci e non è inflazionata.
    Il ristorantino italiano o il chiosco sulla spiaggia sono e resteranno per molti solo un modo per sognare ad occhi aperti.
    Ho parenti ed amici in Florida che da anni si stanno organizzando per ri colonizzare l'isola non appena ne avranno la possibilità. Le lance sono pronte sulle spiagge da tempo.
    I cubani americani avranno il monopolio delle attività per il turista. Se qualcuno vorrà aprire un locale dovrà fare i conti con loro.
    E' normale. Sono una lobby organizzata e potentissima. Sono a meno di duecento km dall'Avana. Hanno molti parenti sull'isola Logistica e contatti sono dalla loro parte. Non ci sono rapporti ambigui Novia-Yuma.

    Noi dobbiamo pensare a qualcosa di diverso, che possa permetterci di avere un margine di manovra anche a fronte della realtà cubano-americana.

    Ripeto, il tuo è un esempio in tal senso.
    Tutto ciò è detto naturalmente in mia personalissima opinione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simone ho sempre pensato che si impara piu' dai fallimenti che dai successi.
      In Italia la sola volta che, imprenditorialmente, mi sono allontanato da quel che so' fare non e' stata una scelta memorabile...
      Quindi, come attivita' primaria cerco di restare vicino al mio mondo.
      Pero' c'e' anche mia moglie che e' cagnaccio da negocio e questo mi spingera' anche verso altre situazioni.
      Con prudenza e calcolando i rischi.
      Comunque ne parlo nel post di oggi.

      Elimina
  8. Ciao e' un po' che seguo il blog con interesse e devo dire che più lo seguo più mi piace ,complimenti Aston mi piace il tuo stile ,al riguardo di ciò che si parla anche io penso sia il tempo di muoversi oggi forse e' il momento buono per mettere le basi , forse, perché tutti sappiamo come e'l 'isla, io cercò da sempre info su chi è' veterano e ha trovato prima di me , magari la tarda giusta,il problema e' sempre stato il fidarsi di qualcuno, ma ora se si smuove qualcosa , e la sensazione e quella di può' rischiare in qualche modo ,il puerco potrebbe essere una buona idea visto come e'ricercato .

    RispondiElimina
  9. Dipende di quali veterani parli.
    Se parli di qualche fenomeno da forum al massimo potrai imparare il nome di qualche trattoria dove andare a bere durante tristissimi raduni.
    Si tratta di gente che, da anni parla, senza concludere nulla.
    Qua, se leggi i commenti passati, troverai esperienze vere di chi si e' mosso da tempo o si appresta a farlo.
    FATTI E NON PUGNETTE come sempre.
    P.S. se vuoi quando riscrivi metti un nome, anche inventato in modo da poter dialogare meglio.

    RispondiElimina