giovedì 16 maggio 2013

RICEVO E RISPONDO

 

Ciao Aston,
e' qualche giorno che lurko il tuo blog e ho letto molti post. Complimenti per la quantita' di info che raccoglie nelle tue utilissime "chiacchere" che sembrano tra amici al bar, ma in realta' contengono una miriade di info su cuba.
Non riesco pero' a trovare nel tuo blog la risposta alle seguanti domande:
1-quali sono i costi minimi da affrontare per vivere a cuba per periodi medio-lunghi (diciamo qualche mese)? (sono sicuro ci sia un post su questo topic ma la ricerca nel forum non funzionatanto bene)
2-come si puo' aggiarare la gabola del max 2 mesi di visa, senza utilizzare residenze permanenti/matrimoni/cose serie che necessitano impegni seri? Essere studente potrebbe essere una soluzione?
3-ma se adesso io andassi a cuba e iniziassi a lavorare nel terziario, diciamo ipoteticamernte come insegnante di inglese/fotografo/yoga instructor/etc.. tutte cose che non necessitano un negozio fisico, possono essere fatte in differenti location ogni gionro. Cosa rischio? Immagino sia ovviamente contro la legge, ma quali sono i rischi reali di essere sgamati?
Se hai gia' risposto alle domande ti prego di indirizzarmi verso il post giusto, altrimenti spero saprai delucidarmi in merito!
Grazie 1000 e continua a scrivere, tanto!
------------------------------------------------------------------------
Ciao
1) Se hai una casa ( di conseguenza una moglie, o una compagna di cui ti fidi e ottieni la visa familiar) con 5/700 euro al mese te la cavi, se sei un turista normale diciamo un bel 2000 al mese.
2) A Las Tunas danno 3 mesi, si essere uno studente puo' aiutare, in questo modo ottieni la residenza temporanea.
3) Per fare questi lavori devi avere una licenza di cuantapropista e per ottenerla avere la Residenza Permanente.
A noi turisti non la danno.
Per chiederla devi essere sposato e trascorrere a Cuba un discreto periodo ogni anno.  

6 commenti:

  1. Grazie per le risposte rapide!

    Riguardo al lavoro nel terziario, ho capito la teoria...ma la pratica? Conosco molto bene il latinoamerica, e chiaro le leggi ci sono sempre, ma nel 90% dei casi vince chi le aggira! Quindi, quali sono i rischi reali di mettersi a lavoricchiare di straforo nel terziario, settore difficile da controllare come sappiamo bene noi italiani? Ci sono controlli della polizia? E se ti sgamano hai idea delle conseguanze reali (e non teoriche)?

    Ricordo il caso dei due giornalisti beccati a cuba con visto turistico alal ricerca del presunto assassino di quel delitto in italia (non ricordo i particolari) che vennero buttati fuori con la scusa del visto da turista, e non lavorativo...balle! Era un modo per toglierseli dalle palle, senno' a chi importava che fossere giornalisti no..?

    Grazie,
    Mar

    RispondiElimina
  2. Ciao Mar e benvenuto sul blog.
    Attento a non confondere Cuba col resto del sudamerica.
    I rischi reali e' che ti ritrovi all'aeroporto con il foglio di via e ,per alcuni anni, senza la possibilita' di tornare a Cuba.
    Nei casi piu' fortunati.
    I due giornalisti entrarono a Cuba, per lavoro, con un visto turistico.
    Non si puo'.
    Non puoi,da turista, svolgere alcuna attivita' lavorativa a Cuba.
    Cosi' come uno straniero, in italia col visto turistico non puo',a sua volta, lavorare legalmente.
    E a Cuba se non si puo'...non si puo'.
    Se ti metti a lavorare di straforo sara' la stessa gente del barrio dove operi che lo dira' all'Jefe de sector, di conseguenza ti ritroverai una convocazione, per la mattina dopo all'inmigration dove ti spiegheranno che a Cuba non si puo' fare.
    La domanda sorge spontanea; sei mai stato a Cuba?

    RispondiElimina
  3. Concordando quasi su tutto, credo che 2000 al mese siano un pò esagerate se si vuole volare basso...
    Per la questione dello studio e dell'università la cosa è fattibile ma costosissima, le rette per gli stranieri sono carissime anche se la frequenza può essere relativa.
    Uno straniero sposato ad una cubana può chidere la cittadinanza e il passaporto cubano che non implica la pedita della cittadinanza italiana, facendo richiesta e restando residente per un periodo di 6 mesi consecutivi. (se le leggi non sono cambiate)
    Ciao

    ciao

    RispondiElimina
  4. Vero, si puo' spendere di meno ma io, che sono piuttosto attento alle spese, rentando lo scooter, prima di sposarmi e di vivere a casa mia spendevo 70/80 cuc al giorno.
    A Las Tunas......diciamo pero' che facevo una vita....vispa.
    Occhio perche' ora in alcune facolta' hanno inserito l'obbligo di frequenza anche per stranieri.
    Detto per inciso....non e' poi cosi' male....

    RispondiElimina
  5. Ciao Aston, si sono stato a cuba! Pero' per conoscere le realta' del barrio come le racconti tu qui, bisogna esserci stati tante volte come te...

    Cmq sono d'accordo che 2000 euro al mese sono tanti anche come turista, alla fine tutti parlano di case di renta a 25/30 CUC al giorno, ma anche all'Havana guardandosi in giro e contrattando un po' si riesce a spuntare 15 CUC per una persona (se si parla di 3-4-5 giorni di permanenza), e fuori dalla capitale anche 10 CUC/giorno...era Marzo (bassa stagione?) e ho spuntato questi prezzi. Alla fine meglio una camera piena a 10 CUC che una vuota in attesa di turisti inestitenti in bassa..

    Poi per il mangiare dipende tutto se si va in ristoranti in national o divisa, tanto a me sembra che il cibo sia sempre di qualita' infima e non vale la pena pagarlo caro, meglio sfamarsi e basta!

    Mar

    RispondiElimina
  6. Noi stranieri siamo costantemente sotto la lente di ingrandimento, fare qualcose di straforo, per un periodo prolungato e' praticamente impossibile.
    A 15 cu a La Habana...la vedo dura e anche se fosse trovi quello che trovi....
    Diverso il discorso in altre provincie.
    A Tunas si trova a 10 cuc ma non per pochi giorni, se garantisci i 2 mesi la cosa e' fattibile sopratutto se il tipo ha 2 cuarti de renta.
    Sul mangiare....dipende, oggi con tutti i nuovi paladar aperti si trova da mangiare anche discretamente bene.
    Io poi mangio a casa mia e ti assicuro che non mi posso certo lamentare.
    Ciao

    RispondiElimina