sabato 18 maggio 2013

TURISTI AMERICANI

 

Una delle grandi speranze, o delle grandi paure, a seconda dal quale punto di vista la situazione si analizza, del futuro a Cuba e' rappresentato dall'arrivo in massa dei turisti americani.
Ovviamente questo fattore non dipende da Cuba, tocchera' al governo americano permettere ai propri cittadini di visitare liberamente la maggiore delle Antille.
C'e' chi sostiene che l'arrivo sara' in massa e di dimensioni poco meno che bibliche.
Prenderanno tutto, compreranno tutto, e per noi, coi nostri soldini contati, sara' la fine.
Questo sempre secondo l'opinione di una buona parte degli europei che frequentano Cuba. 
Non sono d'accordo, almeno non lo sono del tutto.
Conosco bene i turisti americani, li ho avuti in discreto numero alle Maldive, alle Seychelles e a Tobago mentre ne ho frequentati in grandissimo numero quando lavoravo alle Turks and Caicos.
Queste ultime sono una serie di isolette, le piu' grandi sono Grand Turks e Providenciales ( Provo) molto ma molto "americane".
Ex piantagioni hanno una popolazione composta dai piu brutti negri e negre che abbia mai visto in vita mia....e ne ho visti/e tanti/e.
Gran mare, grandi alberghi...gli yankee la' si sono davvero comperati tutto.
Conosco il turismo americano e, francamente, non me li vedo in case de renta a Las Tunas o girare por el parque in cerca di fanciulle.
Sicuramente, se e quando el bloqueo avra' una fine, ci sara' una prima ondata, dettata probabilmente dalla curiosita'.
Curiosita' figlia di decenni in cui hanno raccontato loro che quella piccola isola, poteva essere un pericolo mortale per la civilta' occidentale.
Quando arriveranno e...vedranno...la maggior parte di loro ci mettera' una bella croce sopra.
Gli americani, quelli che hanno un minimo di cash, sono abituati a ben altri alberghi e a ben altri servizi.
Gente che non ha problema a spendere a patto che, pero', ci sia una buona equazione fra costi e servizi.
Ve li vedete gli americani nelle piscine degli hotel di Playa Pesquero infestati da canadesi ubriachi e cubani che nella piscina ci mangiano e ci pisciano?  
Fino a quando a Cuba non ci saranno 5 stelle degni di questo nome un certo tipo di turista americano, quello col grano vero, lo vedranno col binocolo.
Il mare e' fantastico anche ad Aruba, Bahamas, Barbados, St. Kitts and Nevis, Antigua e altri posti, posti in cui si trovano hotel da urlo a cifre da urlo.
Questo vuole l'americano che puo' spendere non quelle porcherie che frequentiamo noi a Cuba o le case de renta....
Cosa dai loro da rentare...la Geely?
Per piacere......
Certo arriveranno anche americani simili a noi dal punto di vista economico ma non saranno quelli che faranno la differenza.
     
       

22 commenti:

  1. EL LOCO Se le cifre degli immobili resteranno queste ad oriente si compreranno tutto.

    RispondiElimina
  2. Tu dici?
    Secondo me, eventualmente, acquisteranno qualcosa sulla costa evitando le citta'.

    RispondiElimina
  3. Comunque sembra che la dirigenza si stia atrezzando per ricevere i Yankee in Luxury club: è già in esecuzione il piano hotelero con 4 campi da da golf, una joint anglo canadese: ballano cifre assurde! Varadero ormai ha raggiunto una qualità, anche nei servizi dell'offerta hotelera, equivalente a Cancun e Bahamas. Ricordo che la presenza inglese sta battendo tutti i record: sono i secondi dopo i canadesi! Certo i buffet nei 5 stelle fanno schifo, però ricordiamo che comunque sono tra i 5 stelle più abbordabili nei Caraibi: alla fine ricevi per quello che paghi. Sappiamo tutti che il servizio scadente è dovuto sopratutto al livello salariale dei trabajadores. Poi a turismo sessuale gli americani non sono secondi a nessuno! Prevedo che le case particular di qualità andranno a ruba! Chi vivrà vedrà. Saludos. Francesco franz

    RispondiElimina
  4. Ricevi quello che paghi appunto.
    Non c'e' concorrenzialita' con altre strutture dei caraibi.

    RispondiElimina
  5. Fino al 93 Cuba era praticamente inaccessibile al turismo! Dall'Europa l'unico volo di linea era Aeroflot da Mosca! C'è un gap temporale mostruoso! Non Trascurare poi il discorso salariale che inficia l'efficienza dell'intero sistema paese! Stanno strombazzando l'eliminazione della doppia circolazione di moneta, però finora nisba! Francesco Franz

    RispondiElimina
  6. Prima c'era il turismo politico, conosco gente che ci e' andata negli anni 70' ma era tutto un altro discorso.
    Appunto...da Mosca.
    Sono due anni che sento della possibile sparizione del cuc, ancora aspetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (Santa Fè) Personalmente spero che sparisca la Moneda Nacional e che i cubani vengano retribuiti in equivalenti Cuc.

      Elimina
    2. Amico mio il loro progetto e' esattamente il contrario

      Elimina
    3. Il dubbio sporco, vedi appunto i 706 milioni di dollari pagati a Telecom, è che magari avrebbero già la capacità economica per farlo ma blaterano senza toccare la Moneda Nacional. Si preferisce licenziare e avviare la gente al cuentapropismo, senza un mercato all'ingrosso e con un potere d'aquisto, vedi i salari, pari a zero! Comunque vedremo. Franceso Franz

      Elimina
    4. I salari sono fittizzi perche' non esiste un PIL.
      In generale lo stato non era piu' in grado di mantenere tutti.
      Non pensare solo ai salari ma anche a quanto ogni lavoratore sgrafigna quando puo'....

      Elimina
    5. Il problema appunto non è risparmiare sui salari ma sopratutto sulle malversazioni e ruberie infinite a cui lavoratori sono costretti considerando che lo stipendio sfama 3 giorni! Però il processo riformistico coinvolge tanti settori ma guarda caso non tocca quello più delicato e prioritario: l'aumento del potere d'aquisto degli stipendi! Francesco Franz

      Elimina
    6. Oramai lo sgrafigno e' diventato un modus operandi, anche se non esistesse piu' la necessita' ruberebbero lo stesso.
      Come accade qua'.
      Il problema non e' che lo stipendio sia basso, e' il mese che e' lungo come dice un mio amico obrero.
      Se un mese durasse 3 giorni lo stipendio sarebbe perfetto....ahahaha

      Elimina
    7. Buon giorno Milco. Non sono d'accordo con te! L'organizzazione di todos los trabajadores del paese che si dedica con applicazione quotidiana a sgraffigare, celare incassi per intascarli, certificare falsamente mercanzia difettosa nelle tiende,per vendere a nero il prodotto , alterare i registratori di cassa, sotrarre di tutto e di più dai centri di lavoro, con distribuzione del provento anche a livello ispettivo, è il vero sport nazionale che coinvolge il 100% dei lavoratori con coinvolgimenti in tutti i settori! Si tratta però di una necessità di sopravvivenza alimentare! Si ruba per mangiare! Molti, anche persone di un certo livello professionale, lo fanno a malincuore, ne soffrono: sempre dichiarano: "sono costretto". Emblematico è il è l'esempio del carburante: una ramificata organizzazione in tutta la filiera, raffineria, distribuzione, pompa ai clienti, sottrae il prezioso liquido per venderlo a nero. A cuba la chiamano la "catena alimentare de la gasolina". Gli esempi sono appunto mille in tutti i settori, con risvolti spesso comici! Si tratta di una necessità vera e tangibile! Saludos. Francesco Franz

      Elimina
    8. Francesco, per motivi che ignoro alcuni tuoi commenti mi finiscono in SPAM questo l'ho recuparato da la' ed anche un altro che hai postato su TURISTI DA SETRIE A.
      Che ne diresti di far dare una pulita al tuo pc.?
      Ti porterei al Cornito, e' una localita' alle porte di Tunas dove molti Jefes de empresa si sono fatti costruire autentiche ville.
      Un po' fuori citta'...lontano da occhi indiscreti...
      Non e' certo gente che deve rubare per mangiare, almeno rubare cosi' tanto.
      Oramai e' nel DNA di molti di loro.
      Non tutti, molti

      Elimina
  7. IL governo cubano per aquisire in mano Telecom il 21% di Etecsa ha sborsato nel 2011 706 milioni di dollari in contanti sull'unghia! C'è da riflettere pechè sono soldi della Rafin la finanziaria dell Far e come noto Cuba non accede a nessuna linea di credito internazionale! Il popolo è allo stremo e ancora non toccano i salari in moneda nacional! C'è da riflettere. Francesco Franz

    RispondiElimina
  8. Sei sicuro che abbiano pagato?
    Avevo letto che il Tronchetto ancora mette a passivo, ogni anno il grano che aspetta da Cuba.

    RispondiElimina
  9. L’importo è già stato pagato per 500 milioni con autorizzazione governativa al momento della firma, e il resto della cifra verrà versato in 36 rate mensili garantite. Il grosso Tronchetti e Bernabè già l'hanno beccato! El Banco Nacional de Cuba non stampa dollari! Li avevano in saccoccia! Riflettiamo. Francesco Franz

    RispondiElimina
  10. In effetti Cuba e' uno dei pochi paesi in cui lo stato stampa direttamente la valuta, comunque con quello che costa telefonare a Cuba e/o farlo a Cuba si saranno gia' rifatti...

    RispondiElimina
  11. IL BANCO NACIOAL DE CUBA è di dirtto pubblico chiaro, però stamapa solo Pesos, convertibili e moneda nacional! Penso che questa cifra iperbolica potevano investirla diversamente sul territorio. Purtroppo è stata una mera speculazione fianaziaria! FRANCESCO FRANZ

    RispondiElimina
  12. Non so quanto riuscita....
    Sicuramente qualche alto funzionario ci avra' inzuppato il pane.

    RispondiElimina
  13. che se ne stiano fuori vedi repubblica domenicana devo e pieno...

    RispondiElimina
  14. La penso come te ma. . . arriveranno

    RispondiElimina