mercoledì 8 maggio 2013

CHE PENA.....

34 commenti:

  1. 20" ZERO A ZERO.....visto quel che succede a Palermo bene cosi'....

    RispondiElimina
  2. calmo aston,è ancora lunga.....

    RispondiElimina
  3. Figurati....fino al 98" vado con le mani nei zibidei.....
    Ricordo che domenica il Palermo va' a Firenze....

    RispondiElimina
  4. Non cominciamo a fare i menagrami jettatori per piacere....

    RispondiElimina
  5. TORINO (5-3-2): Gillet; Darmian, Glik, Ogbonna, Rodriguez D'Ambrosio; Brighi, Basha, Vives; Cerci, Bianchi. A disp.: Coppola, Di Cesare, Masiello, Gazzi, Bakic, Menga, Birsa, Barreto, Meggiorini, Jonathas. All. Ventura

    GENOA (3-5-1-1): Frey; Cassani, Portanova, Manfredini; Moretti, Kucka, Matuzalem, Rigoni, Antonelli; Bertolacci; Borriello. A disp.: Tzorvas, Donnarumma, Granqvist, Bovo, Pisano, Vargas, Tozser, Nadarevic, Jankovic, Jorquera, Immobile, Floro Flores. All. Ballardini

    Arbitro: Rocchi di Firenze

    RispondiElimina
  6. Partitaccia inguardabile, ma visti i risultati....e' normale

    RispondiElimina
  7. Occasione per Bianchi che ciabatta fuori

    RispondiElimina
  8. Bianchi-Cerci-Brighi 3 giocatori di calcio in un mare di mediocrita'.

    RispondiElimina
  9. Ha pareggiato il Palermo, 4 punti dai casini....

    RispondiElimina
  10. Noi meglio ma non e' una novita'.......

    RispondiElimina
  11. Primo tempo orrido, fischi di tutto lo stadio, ovviamente tutti meritati!

    RispondiElimina
  12. Si riparte......speriamo bene.

    RispondiElimina
  13. Esce Cerci, infortunio, minchia!

    RispondiElimina
  14. Sta' per entrare Meggiorini.....che tristezza!
    Una delle piu' brutte partite della storia.

    RispondiElimina
  15. Il Palermo di nuovo sotto 5 punti dai casini di nuovo.
    Esce Bianchi per Meggiorini, Ventura.......non mi fare parlare....

    RispondiElimina
  16. 30' di questa partita che non si puo' guardare....

    RispondiElimina
  17. Pareggio del Palermo

    Guidolin, ex allenatore del Palermo 10 minuti fa' ha tolto Di Natale che lo ha mandato a cagare......
    Strano cambio.

    RispondiElimina
  18. Comunque siamo ancora a piu' 4 dai casini ma non c'e' da star tranquilli...

    RispondiElimina
  19. Gol dell'Udinese di nuovo a 5 punti dai casini.....

    RispondiElimina
  20. Melina delle 2 squadre sotto una selva di fischi, il genoa e' una squadraccia invereconda...

    RispondiElimina
  21. Finita questa porcheria offerta da Mr Libidine.
    5 punti sul Palermo e uno sul Genoa a 2 domeniche dalla fine.
    E' quasi fatta.....ma che pena.

    RispondiElimina
  22. Tutto lo stadio urlava "siete ridicoli, siete ridicoli" al 90esimo, a supporto della tua disamina. Penosi.

    RispondiElimina
  23. La verità è che non bisognava arrivare a questo punto. Il Genoa è una squadra penosa. Avere un punto in più è l'immagine di una stagione più che deludente. Altro che calcio libidine

    RispondiElimina
  24. DAL BLOG DEI FRATELLI
    Chiediamo scusa in anticipo, ma dopo lo squallido “biscottone” andato in scena questa sera tra Torino e Genoa non ce la siamo sentita di dare i voti a nessuno. Se questo è il calcio tutti i 22 giocatori in campo meriterebbero 4 ed espulsione a vita. Questo è un sistema marcio ed un malcostume solo e soltanto italiano. Questo non è calcio. E’ una vergogna.

    Gillet sv – Poteva restare a casa a guardare la tv. Sarebbe stata la stessa cosa
    Darmian sv - Presidia bene la fascia e prova a spingere, ma poi si ricorda che il verbo “accelerare” è bandito dalla sfida e rincula sempre più
    Glik sv - Dopo sei minuti stava per combinarla grossa deviando il pallone alle spalle di Gillet su lancio di Bertolacci
    Rodriguez sv – Una roccia in quelle rarissime occasioni in cui un avversario passa dalle sue parti
    Ogbonna sv – Sempre più l’ombra di sé stesso
    D’Ambrosio sv – Stesso discorso fatto per Darmian. (9’ st Birsa sv – Come si dice biscotto in sloveno?)

    Basha sv – Passeggia per il campo prendendo il thè in cui “puciare” il biscottone genoano
    Vives sv - Fa il compitino per non sfigurare e fare la sua parte
    Brighi sv – Almeno lui prova a combattere nei primi minuti. Poi nella ripresa si ricorda che oltre lo 0-0 non si può andare e tira i remi in barca

    Cerci sv – Un paio di accelerate e stop. In una di queste si stira ed è costretto ad uscire. (13’ Barreto sv – Va al piccolo trotto adattandosi subito al ritmo della sfida)
    Bianchi 10 – Forse non gli avevano detto del biscottone perché è l’unico che corre come un matto dando una parvenza di partita di calcio. Sostituito esce indignato dall’atteggiamento dei compagni ed inferocito con Ventura. Mai come questa volta non avrebbe meritato di uscire. (20’ st Meggiorini sv – Nemmeno lui ha voglia di sbattersi come fatto in altre occasioni. Altro segnale che questa sfida non “s’avea da fa”)

    RispondiElimina
  25. UN ALTRO FRATELLO
    Capisco! Il nostro vecchio cuore granata è stato seppellito e sacrificato all'obiettivo salvezza. Io non ci sto, come tifoso x 40 anni del toro manifesto il mio no a questa negazione dell'animo granata. Confesso che per la distanza che mi separa da Torino in tutti questi anni non ho ancora potuto vedere dal vivo la mia squadra. Adesso potrei farlo. Stasera avrei voluto - prima della partita- essere li! Adesso che ho seguito per tv sono schifato e contento di essermi risparmiato questa totale presa in giro. Per il sottoscritto l'azione conseguente a questa dirigenza che è responsabile dellinfamia cui ho assistito stasera è che MAI verró a portare soldi e calore finchè questa dirigenza non cambia atteggiamento o non cambia.

    NIENTE DA FARE, SIAMO DIVERSI, TIFOSI VERI IN UN MONDO FALSO

    RispondiElimina
  26. I tifosi, a fine partita, hanno salutato i giocatori al grido di: "buffoni", "vergognatevi". Ai giocatori, all'allenatore ed alla 'società' invece il pari va bene. C'è una logica in questa soddisfazione: si chiama pragmatismo.

    Il tifoso però, dovrebbe conoscere anche la logica del cuore, che va oltre i calcoli e persino oltre la paura.
    E' una logica stringente ed essenziale, che distingue intuitivamente ciò che è nobile da ciò che non lo è, ciò che è Granata da ciò che ne ha solo le sembianze.

    Oggi questa logica è stata messa a tacere, forse per l'ennesima volta, in nome di una divinità che si chiama salvezza, alla quale troppe volte abbiamo pagato pegno.
    Prestiamo attenzione perché, una volta che l'anima è andata perduta è difficile da riconquistare, una volta che si diventa pragmatici e si indurisce il cuore, non c'è Storia o Tradizione che tenga.
    Ci sono solo la malizia, il compromesso e la sciatteria.
    Infine la disfatta.

    Teniamoci il punto preso e "godiamoci" un altro anno in serie A...
    meditando su chi e su cosa vogliamo essere!

    RispondiElimina
  27. Una nota a margine....ho visto in tv il bisteccone Galeazzi col parkinson....poveraccio.

    RispondiElimina
  28. (Santa Fè)Da sempre odio queste manfrine, però questo punto è troppo importante..ora pensiamo a chiudere questo campionato terminato male e speriamo che il presidente faccia perlomeno 3 acquisti di categoria e ceda a buon prezzo Ogbonna ed il capitano.
    Per quanto mi riguarda rimagono intoccabili Cerci-Gillet-Darmian.

    RispondiElimina
  29. Già solo per confermare Cerci ci vogliono milioni. . .Bianchi và via gratis. . .

    RispondiElimina
  30. (Santa Fè)Dobbiamo continuare a puntare sul vivaio e sopratutto sulla vetrina del Viareggio, non possiamo osare di più..bilancio apposto e piccoli investimenti.
    Quest'anno abbiamo fatto 2\3 del campionato giocando ad un buon livello, dopodichè fisicamente siamo crollati, c'è mancato Ogbonna nel momento cruciale e non è poco.
    Non me la sento di buttare via tutto..son sempre fiducioso nel futuro e spero che arrivino giocatori fortemente attaccati alla maglia granata, che non siano eccelsi ma che si innamorino della nostra maglia e storia.

    RispondiElimina
  31. Il crollo fisico e' coinciso con l'infortunio di Brighi e lo spompamento di Gazzi.
    Un allenatore degno di questo nome correva subito ai ripari.

    RispondiElimina