mercoledì 19 giugno 2013

IL VECCHIO JAMES

 

Il simpatico vecchino che vedete ella foto si chiama James McTurk.
E' un canadese di Toronto, 78 anni.
Potrebbe essere un soggetto ottimale per una pubblicita' di qualche prodotto adatto ad una vasta fascia di pubblico.
Biscotti o cose simili.
Ricorda un po' il vecchino presente, anni fa', in una famosa confezione di cacao.
Questo vecchino, di ritorno da un viaggio a Cuba, dal 2009 al 2013 ci e' andato 31 volte, e' entrato in un centro commerciale di Toronto per farsi sviluppare delle fotografie.
Si sa', le antiche generazioni hanno poca dimestichezza con le diavolerie moderne come le macchinette digitali.
L'addetto allo sviluppo delle foto, si e' subito accorto che c'era qualcosa che non andava per il verso giusto.
In quelle foto c'erano bambine dai volti tristi ed impauriti, in atteggiamenti che non lasciavano spazio ad interpretazioni errate.
Bambine fra i 4 e i12 anni nella mani del vecchio.....
L'addetto ha chiamato la polizia canadese che ha arrestato James.
Tramite indagini congiunte con la policia cubana, e' saltato fuori che il canadese era conosciuto a Cuba dalla policia, proprio per la sua propensione alla pedofilia.
Allora perche' non e' stato fermato a Cuba?
La legislazione canadese in materia e' lacunosa, in mancanza della testimonianza delle vittime, la cosa potrebbe risolversi con una multa, neanche troppo salata.
Quindi torniamo a bomba del problema.
Perche?
Forse perche' Cuba, da sempre, ha un occhio di riguardo nei confronti dei canadesi.
Sappiamo che gli acerini hanno costruito l'aeroporto dell'Avana, che il Canada e' uno dei maggiori partner commerciali dell'isola.
La maggior parte dei turisti che visitano Cuba, sono canadesi.
Non e' casuale il fatto che possano fermarsi, senza uscire dal paese ,ben 6 mesi mentre noi al massimo 2/3.
A Cuba, lo sappiamo bene, ci sono personaggi che si dedicano a questo.
Io, che non sono un cazzo di nessuno, potrei farvi almeno 4 nomi e cognomi di italiani che a Las Tunas frequentano 14/17 enni in pianta stabile.
Cosa diversa dal frequentare 4/12 enni siamo d'accordo, ma sempre cosa esecrabile, e non raccontiamoci storie sul cosa dicono le leggi cubane per favore.
Ci sono leggi morali che dovrebbero accompagnarci ovunque andiamo e che vengono ben prima di quelle dei singoli paesi.
Quindi, se questi personaggi li conosco io, volete che non li conosca la policia che di noi sa anche quanti peli abbiamo nel culo?
Eppure sono sempre la....
A Bayamo successe quel che successe, alla fine ci lascio' le penne una 12 enne, arrestarono alcuni italiani, uno mi pare sia stato scarcerato, gli altri sono ancora la'.
Resta il fatto che a quei "festini" parteciparono personaggi influenti della vita cittadina, tanto che le indagini non furono svolte dalla policia di Bayamo.
Mandarono un corpo investigativo direttamente da La Habana.
Perche' Cuba non interviene pur sapendo?
Paura di perdere quel tipo di clientela?
Sarebbe poi una cosi' grande perdita?
Il canadese, per poter, "esercitare" doveva avere tutta una serie di connivenze, da case dove andare a qualcuno che procurasse le bambine.
Chissa se, almeno a quella gente, avranno fatto un mazzo cosi'.
Razza di luridi bastardi.

9 commenti:

  1. Figlio di puttana. El Loco

    RispondiElimina
  2. Caro. Loco sapessi quanti ce ne sono in giro

    RispondiElimina
  3. Passatemi la volgarita'ma l'unica pena per questo tipo di stronzi e'il taglio della pinga con un machete...zac..e che poi muoiano dissanguati!!

    RispondiElimina
  4. Non so se fa più schifo chi abusa dei bambini o quelli che li vendono.
    Spero che marciscano tutti in galera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In che mani il povero Che nella foto. . .

      Elimina
  5. Basterebbe una bella prigione cubana piena di negron

    RispondiElimina
  6. Il fatto che Cuba sia una repubblica socialista fondata sul sesso, ha col tempo annaquato abbastanza la coscienzia morale delle persone. La frequenza con cui, per esempio, nel campo, i padrasti abusano delle figlie minori delle compagne spesso con la complicità della famiglia, la dice lunga. La differenza, rispetto ad altri cosidetti paradisi turistici del sesso, che alla carente morale sogettiva, è un eufemismo, almeno a Cuba fa da contraltare non solo la legge ma sopratutto l'applicazione: quando beccano un pedofilo la castigano come merita! Vediamo un pò in Thailandia e Dominicana che succede? Non c'è confronto! Francesco Franz

    RispondiElimina
  7. Vero così come è vero che al campo spesso la purezza di una fanciulla dipende da quanto veloce riesce a correre. . .

    RispondiElimina
  8. CHE INFAME SCHIFOSO!!!

    RispondiElimina