giovedì 20 giugno 2013

NAZIONALI

 

In questi giorni, per noi amanti del calcio, non c'e' certo da annoiarsi.
Si sono conclusi in Israele ( paese al di fuori dell'Europa...) i campionati europei under 21 mentre e' in pieno svolgimento, in Brasile, la Confederation Cup, dove partecipa la nostra nazionale maggiore.
I giovani dell' under 21 sono arrivati, lodevolmente e meritatamente, in finale perdendo poi con la Spagna, come da tradizione di questi ultimi anni.
La nostra squadra e' una vera e propria fucina di talenti; Verratti, Borini, Saponara, Florenzi, Insigne, Immobile ecc....
Eppure in finale sembrava una squadra di grandi talenti con poca esperienza di gioco insieme mentre gli spagnoli sembravano una squadra di club.
Diciamo un Barcellona, dove pero' avevano tutti 10 anni di meno.
Gioco ad occhi chiusi, meccanismi perfetti, talenti pazzeschi e il titic titac di guardioliana memoria.
Abbiamo fatto il possibile ma, obiettivamente, loro erano piu' forti.
Ho seguito con attenzione Immobile visto che, pare, arrivera' al Toro nell' affare Ogbonna.
Gran gol nella finale dopo un lancio lungo, da noi sara' dura perche', per contratto con meno di 300 passaggi per superare la meta' campo, di cui 10 al portiere, Libidine non consente di giocare.
Mangia mi piace, persona seria, vera e competente, fara' strada.
La nazionale maggiore dopo una vittoria meritata su un modesto Messico, ieri sera ha sgrafignato un'altro successo immeritato contro un Giappone che correva il doppio di noi.
Non abbiamo mollato e questo e' un bene, ma si andava ai 2 all'ora.
La solita storia, i nostri arrivano in giugno stremati dal campionato e cose simili, come se all'estero giocassero tutti a biglie.
La nostra difesa fa' acqua da tutte le parti, in realta' non esistono piu' i difensori che sanno marcare l'uomo senza perderselo.
Oramai fin dai pulcini si insegna a "presidiare la zona", nessuno spiega piu', ai difensori, come stare attaccato all'uomo.
Fin da quando ero bimbo, gli allenatori della squadra di Torino dove giocavo mi impostarono mediano.
Avevo polmoni ed ero sufficentemente figlio di buona donna.
Ricordo, come fosse ieri, le indicazioni prima di ogni partita; "lo vedi quello col numero 10 sulle spalle? Lo devi seguire ovunque standogli sempre addosso, se va' al bagno, vai con lui ed entri nel cesso, non lo aspetti fuori".
Oggi non funziona piu' cosi', infatti non ci sono piu' i difensori veri, oggi c'e' questa mania del passaggio al portiere per far ripartire l'azione, noi al Toro lo sappiamo bene.
Comunque e' andata di culo, Pirlo era fermo, Montolivo inguardabile.
Meno male che De Rossi, Balotelli, Giaccherini e pochi altri hanno tenuto in piedi la baracca.
Ora c'e' il Brasile, se Prandelli ha imparato qualcosa dalla finale degli europei persa con la Spagna e' che bisogna arrivarci freschi e non moribondi.
Io farei giocare le seconde linee, e' possibile che si perda anche con le prime, quindi tanto vale farle riposare per averle fresche in semifinale, probabilmente con la Spagna.
Vamos a veer lo que pasa.

5 commenti:

  1. Io vado sempre controcorrente: quando sento Mangia dire(dopo la semifinale) "abbiamo fatto catenaccio? ebbè chi se ne frega"; caro Mangia allora ridammi il Trap,oppure Mazzone che il catenaccio lo sanno fare mille volte meglio di te! Questi allenatori che dopo un anno di Primavera vengono promossi in Under 21 Mahh! In quanto a Prandelli niente di nuovo: la Nazionale giocherà bene contro il Brasile e simili perchè i calciatori avranno gli stimoli personali per fare bene al contrario se fanno tutte queste prestazioni di seguito(Praga,Haiti,Giappone) è perchè non hanno un gioco di squadra che serve per minimizzare la poca voglia o la mancanza di stimoli.Visto Neymar? Magari contro di noi,marcato in maniera sfissiante non farà granchè,però che giocatore!!!Max

    RispondiElimina
  2. Il fatto e' che quel tipo di gioco e' nel nostro dna e oramai conta solo piu' vincere, non importa in che modo.
    Almeno lui non ha raccontato le solite cazzate su ripartenze e puttanate simili.
    Di Neymar parlero' nei prossimi giorni, dico solo che con quel fisichino da aspirante postino in Europa la vedo dura....

    RispondiElimina
  3. anche a me mangia sembra diretto e vero,e anche su neymar ho dei dubbi,aspetto mondiali o champions per valutarlo,oggi si fa presto a montare fenomeni sulla stampa,esempio mi ricordo robinho dal santos,ma potremo dirne milioni e di tutte le nazioni,vedremo.....io mi tengo balotelli e non lo cambio con nessuno.

    RispondiElimina
  4. MA RONALDO CHE GIOCATORE,RICORDI........DAVVERO UN FENOMENO!

    RispondiElimina