sabato 13 luglio 2013

AIUTI DISINTERESSATI...A VOLTE

 

Spesso capita di leggere racconti che, immancabilmente, finiscono con la frase "il cubano non fa' mai nulla senza un tornaconto personale."
Frase impegnativa ma ben ancorata nella realta'.
Esistono pero' un discreto numero di eccezioni che ognuno di noi, noi che frequentiamo l'isola da anni e per periodi non brevi, ha potuto constatare e toccare con mano.
Durante la costruzione della casa sarei un falsante se dicessi che non c'e' stata gente che ci ha dato una mano senza aspettarsi un tornaconto.
Perlomeno non un tornaconto immediato.
Esiste gente, anche a Cuba, che se ti deve dare una mano lo fa' senza mettere in pole position il proprio borsillo.
Gente con una condizione economica decorosa, a cui i nostri quattrini possono anche far comodo, ma che campa tranquillamente senza.
Vicini di casa che conoscono le regole di buon vicinato.
Ovviamente molto dipende da noi e dalla nostra capacita' di approcciarsi col prossimo, dipende da come sappiamo relazionarci con loro, dal quanto riusciamo a mettere da parte gli atteggiamenti neocolonialisti che ben conosciamo.
Non voglio dire che Cuba sia popolata da gente esclusivamente dedita ad aiutare il prossimo, ma mi e' capitato, tante volte, di ricevere un piccolo aiuto in modo del tutto disinteressato.
Fra l'altro da gente dalla quale non me lo sarei aspettato.
Cosi' come ho aiutato gente senza aspettarmi nulla in cambio.
Certo se ogni 2 per 3 si rimarca la differenza economica mettendo in primo piano cio' che abbiamo in tasca, avremo come risultato l'aver accanto soltanto le peggiori sanguisughe ma, a quel punto, diventa una nostra scelta.
I cubani non sono tutti uguali come non lo siamo noi stranieri, la capacita' di circondarci di gente decente dipende da noi e dal modo in cui scegliamo di vivere da quel lato del bloqueo.

6 commenti:

  1. Si ma sono pochi. El Loco

    RispondiElimina
  2. Lo stesso ragionamento vale anche in Italia. Dipende dal nostro comportamento e dalle persone che si frequentano.

    RispondiElimina
  3. In Italia la...necessita'...almeno per ora e' ancora minore rispetto a Cuba.

    RispondiElimina
  4. Bisogna essere camajan per riconoscere le persone giuste.

    RispondiElimina
  5. Quelli che si considerano camajan sono i più grossi idioti in circolazione. A Nueva Gerona ne sanno qualcosa. Vero?

    RispondiElimina