martedì 9 luglio 2013

CUIDARE IL TURISTA...?



 


Ogni tanto capita di leggere che ai cubani, fin dalla piu' tenera eta', hanno insegnato a cuidare il turista.
Puo' essere, sicuramente fino a 10/15 anni fa' era cosi'.
Il turista godeva, per ragioni di ovvia pecunia, di una sorta di immunita', la policia chiudeva un'occhio, a volte due, e molti atteggiamenti erano consentiti o perlomeno tollerati.
Il cubano abbozzava, a denti stretti, si faceva andare bene cose che da altre parti avrebbero visto ben altro epilogo.
Non e' piacevole entrare in un locale con una fanciulla ed uscirne solo, perche' la prescelta ha preso la strada di un temba coi pantaloni di vigogne fin sotto l'ascella.
Negli ultimi anni le cose sono cambiate, con l'arrivo di un minimo di benessere, noi yuma...serviamo un po' di meno.
Il cubano ha capito che dare una barottata in testa ad un connazionale non e' poi cosi' differente, come conseguenze, dal darla allo yuma di turno.
Fra l'altro c'e' gente che la barottata in testa, per iniziare, se la chiama ad alta voce.
Non ho mai capito perche' a Cuba, ci sia gente che, pensa di potersi concedere atteggiamenti che mai si permetterebbe in altri lidi.
Provate ad insidiare la donna ad un domenicano....o ad un rumeno.
Le broncas, in cui vengono coinvolti turisti, sono sempre piu' numerose, e sono sempre meno i provvedimenti a carico dei cubani che se ne rendono responsabili.
Non e' detto che questo sia poi un gran male, non vedo perche', a fare gli stronzi si debba poi sempre farla franca.
Stare lontano dai guai non e' cosi' complicato, basta fare una vita normale frequentando gente normale.
Come dico spesso, a Cuba se le cerchi, le trovi...oh se le trovi.

5 commenti:

  1. Perdonami Aston, ma Guidare il turista, non è inteso come lo spieghi tu. Guidare il turista è una regola dettata dal alto. Il turista va guidato, in tutto, anche protetto ma non solo, il turista deve fare il turista, non mettersi in cose cubane, meglio se frequenta solo strutture turistiche e se proprio deve vivere in mezzo ai cubani, deve avere un cubano come guida, A2 familiare serve a questo. Guidare il turista è la prima raccomandazione che fa l' immigrazione quando fanno firmare al cubano la carta per concedere A2, il presidente del CDR, si raccomanda con la famiglia ospitante di guidare il turista, lo Jefe de sector fa lo stesso. Fin dalle scuole primarie viene insegnato ai bimbi che il turismo è importante per Cuba, ma controllare sempre lo straniero e riferire tutto a chi di dovere. Frequentare i turisti, poi per i cubani è sempre da fare in maniera discreta, si viene segnalati, controllati e se si hanno lavori di un certo livello è proprio sconsigliata la frequentazione, pensa se gli danno una botta in testa.
    Altro discorso quello che fai tu,le donne riservate ai turisti sono per la maggior parte Jine o cose simili, che hanno poco da perdere, anche i loro uomini sono persone che hanno poco da perdere, prova ad andare ad insidiare qualche solerte funzionaria o madre di famiglia, fuori da tutti i giri turistici, Lei passa subito un problema con le autorità, il suo uomo viene chiamato subito per sospetto prossineta, insomma una Cuba diversa, non così facile da conoscere e frequentare.
    Una domanda Aston, in tutte le tue frequentazioni, quante donzelle iscritte al partito ti sei congiunto, o solamente fatto amicizia. Quanti funzionari di Stato, hai conosciuto, ma non con un ciao, ma una vera frequentazione. Ecco parti da questo e poi si capisce cosa si intende per guidare il turista.

    RispondiElimina
  2. IL MIO CUIDARE ERA VOLUTAMENTE PROVOCATORIO
    In realta' volevo mettere in risalto il fatto che una certa impunita' che ci accompagnava 10/15 anni fa' e' terminata.
    Che io sappia a mia moglie non hanno mai chiesto di cuidarmi, anzi...al limite sono io che cuido lei ahaha.
    Sulle conoscenza...diciamo che da figlio di funzionari dell ex Pci...qualcuno ho conosciuto e non parlo di presidenti del CDR o jefe de sector...ma lasciamo stare.
    Fra l'altro ,anche ora, con chi mi riconosco...diciamo che in ambasciata a Roma...abbiamo porte aperte.
    Un giorno o l'altro vi raccontero' di quando mia madre voleva chiamare Cossutta mentre ero a Cuba per risolvere un piccolo problema...

    RispondiElimina
  3. Lascia che si impicchino con le loro mani. Paolo

    RispondiElimina
  4. Alla fine se semini vento raccogli tempesta

    RispondiElimina