giovedì 4 luglio 2013

MACHISMO

 

Abbiamo sfiorato ieri l'argomento, oggi proviamo a parlarne in modo piu' approfondito.
Il machismo.
Sappiamo tutti di cosa parliamo, il machismo non e' certo un invento cubano, lo abbiamo inventato noi italiani esportandolo poi per il mondo.
Il machismo a Cuba si caratterizza, molte volte, con la predisposizione dell'uomo a mettere le mani addosso alla propria donna.
Anche qua' nulla di nuovo sotto il sole.
Nel sud dell'Italia, nei decenni precedenti questa pratica era molto in uso, ma vorrei dire non soltanto nel sud dell'Italia.
Il padre padrone, il marito tiranno era presente anche nella nostre campagne, qua' in Piemonte.
Pero' il contesto era molto diverso.
L'uomo mandava avanti tutta la baracca, la donna doveva curare la casa e tirare su' i figli.
Il capo famiglia usciva alle 5 del mattino e lavorava i campi come una bestia fino a sera inoltrata.
A quel punto rientrava a casa imbruttito dalla fatica e dalla delusione di una vita durissima e...accadeva quel che accadeva.
Il cubano non ha neanche questo alibi, visto che nella maggioranza dei casi non fa' un cazzo tutto il giorno ed e', spesso la donna, in qualche modo, a trovare le risorse per mandare avanti tutta la compagnia cantante.
Fra l'altro, rispetto a noi e' anche completamente differente il trattamento che tocca alla donna.
Basta vedere una puntata dei Sopranos per capire cio' che dico.
Le mogli dei nostri mafiosi erano trattate come regine, case, auto, vestiti e lussi, bastava che crescessero i figli e sapessero stare al loro posto, senza farla fuori dal vaso.
A Cuba il "macho" di turno oltre a non occuparsi di reperire le risorse, si sputtana quelle che la sua donna porta a casa, spesso lasciandola in brache di tela.
Quindi e' un machismo con le pezze al culo visto che vengono meno gli elementi principali del machismo italico.
Le botte spesso sono gratuite, giusto per manifestare un attestato di proprieta', come mi disse un taxista all'Avana.
"Mia moglie ogni tanto ha bisogno che le dia 2 ceffoni, anzi se non glieli do' ha paura che non sia piu' nei miei pensieri"
Una cazzata di dimensioni bibliche ma loro ci credono.
Le nuove generazioni di cubane sono piu' scafate e meno disposte al chulismo o a farsi prendere a mazzate dell'idiota di turno.
Comunque il fenomeno e' ancora molto diffuso.
Sopratutto al campo, dove arrivano meno informazioni e il processo di emancipazione femminile e' piu' lento.

6 commenti:

  1. In Italia quasi una donna al giorno viene uccisa dal compagno o dal marito, non mi pare che il problema sia risolto.Mario

    RispondiElimina
  2. In effetti a Cuba, al massimo e se pur evitabili, volano un paio di ceffoni, qua' si fa' piu' sul serio.

    RispondiElimina
  3. solo digo q nada justifica q un hombre golpee a una mujer las mujeres son delicadas como una rosa e de tal hay q tratarlas,para algo existen las palabras para comunicar y entenderce,mi madre siempre me ha dicho q el hombre q golpea a una mujer ese hombre no kiere ni a su madre y si no kiere a su madre mucho menos kerra a su mujer saluditos may

    RispondiElimina
  4. Hai ragione su tutto.
    Detto ciò ti assicuro che mia moglie è tutto meno che una mujer delicata. . .

    RispondiElimina
  5. Se, nella fantascientifica ipotesi, dovessi dare un ceffone a mia moglie (cubana), me ne arriverebbero due di resto.

    RispondiElimina
  6. Secondo te perché la mia la chiamo feldmaresciallo?

    RispondiElimina