martedì 13 agosto 2013

IL TEMPO MASSIMO

 

Piu' volte, postando i vostri commenti, mi capita di leggere "visto che mi fermo a Cuba 5/6 mesi...".
Se non ci saranno significative novita' qua' di lavoro, diciamo che da meta' settembre a fine marzo dovrei passare a Cuba 4 mesi e mezzo.
Divisi pero' in 3 periodi con un massimo di 2 mesi consecutivi passati da quel lato del bloqueo.
3 viaggi con un periodo italiano di almeno un mese nel mezzo.
La domanda mi sorge spontanea.....come cazzo fate a stare a Cuba 6 mesi consecutivi?
Dico questo col massimo amore possibile per quella che oramai e' la mia seconda patria.
Il mio limite sono i 2 mesi, e gli ultimi 15 giorni arranco...
Tolta la settimana che ho passato a Cuba a fine marzo, i miei 2 soggiorni precedenti, Settembre-Novembre 2012, Dicembre 2012-Febbraio 2013 sono stati ciascuno di 50 giorni esatti.
Di piu' non ce la faccio proprio.
Avere casa propria ha accentuato questo disagio invece che attenuarlo.
Ci sono cose che riesco, sicuramente per un mio limite caratteriale, a sopportare per un mese, un mese e mezzo ...poi sbrocco.
Manca la carta igienica, se sei in una casa de renta sono cazzi della duena ma se sei a casa tua sono...tuoi.
Giri 10 tiendas in divisa e/o momeda national per cercare 4 cazzo di rotoli di papel igienico, perdi mezza giornata, quando non di piu' in uno dei modi piu' stupidi possibili.
Stesso discorso per el detergente.
Badate bene che non sto' parlando del superfluo, dell'olio di oliva faccio tranquillamente a meno ma di altre cose non e' possibile.
Dopo un mese e mezzo ho un bisogno fisico di un po' di normalita', ho la necessita' di entrare in un supermercato e trovare di tutto, di andare in un ristorante e ordinare cio' che voglio, non cio' che c'e' o che e' rimasto.
Voglio accendere una televisone e avere 500 canali a disposizione, scegliere all'edicola che giornale acquistare, guardarmi una partita che non sia del campionato spagnolo, giocare a pallone con gli amici di sempre.
Fondamentalmente, dopo un paio di mesi, ho voglia di un po' di quelle comodita' di cui, dopo un certo periodo italiano posso fare tranquillamente a meno.
Ho anche bisogno di un minimo di "forma" nei raporti inerpersonali, trovare gente che saluta, rigrazia, che segua le minime regole civili in cui siamo nati e grazie alle quali siamo quelli che siamo.
Forse il problema e' Las Tunas, a La Habana avrei meno difficolta' nel lungo, forse...
Cuba e' un'altro mondo e un'altra vita, assolutamente fantastica per certi versi ma faticosa, almeno per me, al di la' di un determinato lasso di tempo.
Un mese e mezzo e' perfetto, oltre....faccio fatica.

18 commenti:

  1. el problema que tu encuentras a las tunas lo encuentras en la habana,varadero en toda cuba y en estos momentos en venezuela.a Varadero en febrero de este ano no habia cafè en los restaurantes y es Varadero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Que barbaridad. . .Varadero sin cafè

      Elimina
  2. io aguanterei anche meno di te,diciamo un mesetto,infatti se fosse di piu sarebbe solo per necessita.

    RispondiElimina
  3. Ma tu sei un bravo fanciullo. . .io meno. . .

    RispondiElimina
  4. io più di un mese e mezzo o due a cuba non sono mai stato,può darsi che per qualche altro giorno terrei botta perkè allo scadere dei due mesi non ho tanta voglia di partire, così come di restare,sono cose soggettive, ognuno di noi la vive secondo la sua personalità e carattere...certo,6 mesi di seguito sò già che neanche io ce la farei,ma 2 mesi e mezzo max tre credo di si, credo....poi ti vengono a mancare quelle cose che a Cuba non hai e di cui riesci a fare a meno per 2-3 mesi....se non sei a casa de renta ma sei a casa della novia ad esempio, dopo un pò è fatica doversi scaldare l'acqua x fare la doccia, oppure lavarsi col secchio e la brocca dell'acqua, oppure mangiare tutti i giorni sempre le stesse cose, per non parlare di poter vedere la tv,informarsi, come siamo da sempre abituati noi in Italia, ma ciò non toglie che Cuba resta sempre anche per me la mia seconda patria, che è diverso da chi sputa nel piatto dove mangia.

    RispondiElimina
  5. Alla fine anche la gnocca è poi sempre messa nello stesso modo. . .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la foto del Coppelia di Cienfuegos. Non penso di averci mai preso un gelato anche perché quasi sempre c'è una gran coda ma è un piacere rivedere un posto caro.

      Elimina
    2. L'ho presa dal web, non sapevo che era della tua citta' di adozione amico mio...

      Elimina
  6. Ciao.. Cosa intendi per " Ho anche bisogno di un minimo di "forma" nei raporti interpersonali'? Spiega ai profani.. Grazie m.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Buongiorno", "buonasera" "grazie" "scusi", "permesso", "gentilmente mi puo' dire che ora e'?" "Arrivederci" ecc ecc
      Questo lo puo' capire anche un "profano" o no?

      Elimina
    2. Ma non mi pare che i cubani non abbiano rapporti formali. Per esempio se non saluti ti guardano male, il grazie te lo ripetono mille volte, anche troppo alle volte. Si alzano in piedi quando entri in una casa lasciandoti subito la sedia migliore. Ti stringono tutti la mano, cosa invece rara per molti paesi latini. A me costa invece le altre cose, quello che non trovo, le code nei negozi i trasporti, insomma tutte le cose che abbiamo già abbondantemente parlato.

      A.B.

      Elimina
    3. Bravo anonimo,sono cubana e soffro tantissimo quando a un mio buon giorno la gente fa finta di non capire,mai vista una cosa del genere a cuba dove persino I bimbi dicono buenos dias a tutti siano parenti o non.

      Elimina
    4. I miei piu' sinceri complimenti.
      In tanti anni mai visto una cubana scrivere cosi' bene in...italiano...
      Davvero brava...

      Elimina
  7. Forse al campo è così. In città le cose sono differenti. Comunque è bene sentire più campane

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo anche che dipenda che persone si frequentano e come tengono in considerazione gli stranieri. Credo che nei posti dove sono più abituati ad avere a che fare con stranieri, cadono un po' di convenevoli. Confermo quello che dice l' amica cubana, il saluto è sacro a Cuba, e guai sbagliare con buon dias, buona tardes, e buona noche, scandita con orari perfetti. I bimbi poi se maschi ti danno sempre la mano se bambine ti danno un bacio sulla guancia. Un altra forma di rispetto quando si parla, quelli che ascoltano più volte per confermare quello che dici dicono veridad, che per noi non abituati fa effetto.
      A.B.

      Elimina
    2. Sara' ma tutti quelli che conosco che passano 6 mesi a Cuba la pensano in modo diverso.
      Cuba e' bella anche per questo...forse.

      Elimina
  8. La scortesia e maleducazione l'ho vista quasi esclusivamente nelle attività commerciali,di qualunque genere, non tra la gente comune (chiaramente con qualche eccezione).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A 10 cuc al mese di salario forse sarei sgarbato anche io. . .

      Elimina