lunedì 5 agosto 2013

TERZA AL MONDO!



Foto

Terza al mondo nei 100 al World Masters Games di Torino
 
FANTASTICA PAOLA!

12 commenti:

  1. fare 100 metri con un tempo di circa 14".......strepitoso

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. no conosco dei mostri sacri master ma Lei no....ma leggendo il tuo mi sono documentato prima di rispondere.....prima o dopo ricalchero' anchio.....

      Elimina
    2. Tieni conto che ha 3 anni più di me. . .

      Elimina
    3. l'anno prox passera' di categoria.....

      Elimina
  3. Rune ha 95 anni, Michiko 94, Astrid 92, Charlotte 91, Don e Jean 90. Benvenuti nel club dei novantenni, i protagonisti più attesi e ricercati dei World Master Games di Torino. Il motto "lo sport non ha età" si addice perfettamente a questi super atleti con i capelli bianchi, tante primavere alle spalle, ma con fisici e menti giovanissimi.
    Rune Haraldsson, svedese classe 1918, è il più anziano tra i 19mila sportivi arrivati sotto la Mole. Ha iniziato le qualificazioni della specialità Sprint dei Mondiali Master di Orienteering, manifestazione all'interno del calendario dei Giochi, e appare soddisfatto: "Non sono stanco, domani c'è la finale".

    Rune fa Orienteering da quando ha 15 anni, si allena due volte la settimana e d'inverno pratica lo sci di fondo. Ha partecipato a 10 Mondiali e punta al prossimo in Brasile. A Torino è giunto in camper dalla Svezia con la moglie Margarette, 93 anni. Dell'Italia apprezza, tra le altre cose, il vino. "Sono anche stato un uomo fortunato, non ho mai avuto problemi di salute", riconosce.

    Sulle montagne olimpiche ci sono anche la connazionale Astrid Andersson, nata nel 1921, e la novantenne inglese Jean
    Velecky, impegnate in quello che è chiamato lo 'sport dei boschi'.
    Bussola e cartina topografica alla mano andranno per i sentieri alla ricerca delle lanterne, i punti di controllo del percorso.

    Leggi la festa in citta

    Non vince sempre il più veloce, ma colui che è in grado di orientarsi più rapidamente e di fare le scelte di rotta migliori. Sempre oggi occhi sullo stadio dell'atletica del Parco Ruffini dove c'è Don Grenville, australiano di 90 anni, per disputare 100, 200 e 1.500 metri.

    Domani e venerdì invece si andrà alla scoperta del talento senza tempo di Michiko Hamuro, giapponese di 94 anni, che scenderà in vasca al Palanuoto per i 50 e i 100 rana. Per lei il nuoto è questione di famiglia e di cuore: Michiko infatti è la moglie di Tetsuo Hamuro, oro nei 200 rana a Berlino '36 e membro della Hall of Fame di questo sport. In piscina sono anche i Giochi di Charlotte Jean Ewer Sanddal, americana di 91 anni, vincitrice di sei medaglie (quattro ori) nell'edizione dei WMG di Sydney 2009.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il piu' grande secondo me era Vittorio Colo' 9/11/1911 leggi la sua storia..ti verranno i brividi...a 95 anni non gli rinnovarono il certificato e lui resistette senza gareggiare fino all'anno scorso poi ci saluto' volontariamente a 101 anni...
      Una volta avevo poco piu' di 20 anni e in un week end mi ritrovo vicino al Garda entro in una pista....sabato mattino...afa estiva..vedo un signore che sta correndo..io mi scaldo, streching andature e poi qualche allungo....lui viene a chiedermi se faccio qualche 200 assieme e io quasi mi metto a ridere....certo rispondo..(stimavo 50/55 anni la sua eta') 2a corsia Lui e 3a io...sei pronto? opp...una fatica a riguadagnare quei metri persi in partenza....ne faccio altri 3 sempre piu' concentrato e poi lui che mi fa i complimenti...Caspita come corri facile e che piedi che hai...quanto hai nei 100?...scusi signore ma Lei come si chiama? Vittorio Colo' e sono del '11...sono pluricampione del mondo.....anch'io amo il decathlon...Azz.. ne aveva piu' di 70.... (Un Gigante)

      Elimina
    2. Andrò a cercare la sua storia. Grazie

      Elimina
  4. Una grande festa per le vie del centro, da piazza Vittorio a piazza Castello. Così l'edizione dei World Master Games, i Giochi over 35 made in Torino, sono entrati nel vivo. Un lungo serpentone colorato guidato dalle majorettes, ha aperto la parata dei 19 mila atleti che partecipano alla manifestazione: tutti con galiette colorate e mascote e tutti entusiasti della calda (e non solo per l'alta temperatura) e dell'affetto che la città sta tributando agli atleti con i capelli grigi. In piazza Castello poi i discorsi ufficiali delle autorità, il sindaco Fassino (che ha candidato Torino per ospitare l'edizione invernale dei World master games nel 2015), il presidente regionale Roberto Cota, il presidente del comitato organizzatore Fabrizio Benitendi. Assente dell'ultima ora il ministro degli affari regionalei, Graziano Delrio, che ha la delega allo Sport. Poi l'accensione del braciere con l'ex atleta di pallavolo Gianni Lanfranco e il giuramento degli atleti con la giocatrice australiana di beach volley, Carolyn Lee Clark . Alle 21,30 lo spettacolo “Suspend’s time”, performance realizzata dalla compagnia di Eric Leconte con immagini sulle facciate dei palazzi della piazza.

    L’invasione di atleti (19.100 quelli ufficialmente iscritti) e dei loro accompagnatori ha fatto fare marcia indietro sulla questione dei musei sbarrati il lunedì nel loro tradizionale giorno di chiusura. Risolti i problemi organizzativi, il 5 e il 12 agosto resteranno invece aperti Palazzo Madama, il Mao, la Rocca medievale, il Museo di Scienze naturali, solo il 5 il Museo della Montagna e il 12 il Museo Egizio. Aperti al pubblico anche il Museo del Risorgimento e la Pinacoteca Albertina. Solo la Gam resterà chiusa. Il 5 agosto anche la metropolitana avrà un orario speciale, come per i grandi eventi, il servizio viene prolungato fino a mezzanotte e mezza. Ma dall’11 agosto (ultimo giorno dei Giochi) i treni viaggeranno dalle 7,30 alle 21,30.

    RispondiElimina
  5. Valter Rimini5 agosto 2013 20:02

    Complimenti davvero, non conoscevo la storia di questi fenomeni!
    Grazie a te Milco ho imparato una cosa in più oggi...ti lascio un saluto al volo che sono incasinatissimo questi giorni..
    Buona serata Milco! A manana!

    RispondiElimina
  6. Lo sport e' una sfida con se stessi e questi sono davvero dei grandi.

    RispondiElimina