sabato 14 settembre 2013

CHE RESTI LA'!

 

Reiver Laborde Rico, il cubano di 24 anni accusato insieme alla sorella Lisandra dell’omicidio dei coniugi Paolo Burgato e Rosetta Sostero, è stato condannato per il delitto a 20 anni di reclusione da parte delle autorità giudiziarie cubane. 
La notizia, non ancora ufficiale, è stata comunicata via mail alla Procura di Udine dal Consolato italiano a L’Avana, che rimanda poi a una comunicazione ufficiale tra i ministeri di Giustizia e degli Affari esteri dei due Paesi.  
Il processo a L’Avana è stato istruito sulla base degli atti allegati dalle autorità giudiziarie italiane alla richiesta di rogatoria che aveva portato allo svolgimento di un interrogatorio dell’indagato, che ai primi di gennaio aveva portato a Cuba il comandante del Nucleo investigativo dei carabinieri di Udine, capitano Fabio Pasquariello, e il capitano Giuseppe De Felice dei Ros di Roma. 
Le autorità cubane non hanno chiesto a quelle italiane altre carte processuali per istruire il processo, già celebrato. Ulteriori dettagli sullo svolgimento del dibattimento a Cuba non sono noti. La notizia è trapelata infatti nella mail inviata dal Consolato alla Procura in cui, rimandando a un «atto ufficiale», preannuncia la decisione del massimo organo giurisdizionale cubano di non concedere il nuovo interrogatorio per rogatoria di Reiver. 
---------------------------------------------------------------
Se non ho letto male, da qualche parte, pare abbiamo richiesto l'estradizione per l'assassino, visto che il delitto e' stato commesso qua'.
Opinione personale...lasciamolo la'.
Se resta in quelle galere ho come l'impressione che passera qualche brutto quarto d'ora ed in piu' mi sento piu' tranquillo sul fatto che scontera' la pena.
Se arriva qua', con la buona condotta e il solito avvocato in cerca di gloria, rischiamo di ritrovarcelo in giro fra pochi anni.
Se un anziano ruba una confezione di carne finisce al gabbio, gente come questo invece, in un modo o l'altro la sfanga sempre.
Una bella prigione cubana...lasciamolo la'!

5 commenti:

  1. El Loco. Sono della tua idea,molto meglio che sconti la pena a Cuba

    RispondiElimina
  2. Non credo che la' avrà la televisione in cella . . .

    RispondiElimina
  3. Siccome le nostre carceri sono sovraffollate,si potrebbe fare un accordo per trasferire i ns.pregiudicati nelle carceri cubane,iniziando con Berlusconi.
    Elio

    RispondiElimina
  4. Sai che non sarebbe mica una brutta idea...

    RispondiElimina
  5. 20 anni nelle carceri cubane sono come 40 o più in quelle italiane!
    E' giusto che resti a Cuba!

    RispondiElimina