venerdì 13 settembre 2013

IL PATTO VIOLATO

 

Come scrivevo qualche giorno fa , anche in Italia, sono iniziate le scuole.
Parlando con conoscenti con figli in eta' scolare, ho potuto constatare la loro, legittima e giustificata, incazzatura per gli ennesimi aumenti riguradanti i libri di testo e le mense scolastiche.
Se hai 2 figli sei panato...
Tempo fa feci un post, in cui mi chiedevo quale utilita' avesse pagare le tasse in questo paese.
Premetto che pagare le tasse e' un dovere che ognuno di noi ha, lo scopo e' di permettere ad una comunita' di poter funzionare e prosperare.
E' un patto fra il cittadino e lo stato, io faccio la mia parte e tu la tua.
Pero' se io pago le tasse, ed in questo paese sono fra le piu' alte al mondo, e tu, stato, non mi dai nulla facendomi pagare per ogni servizio che cazzo pago a fare?
Pago soltanto per poter soggiornare all'interno dei confini?
A inizio luglio, dopo l'incidente in auto, sono andato in ospedale per prenotare la visita fisiatrica.
"Novembre"
"Come novembre, siamo a luglio?"
"Prima non c'e' posto"
Ovviamente sono andato privatamente, ma non tutti se lo possono permettere.
Uno stato che taglia sanita' e istruzione e' destinato a fallire.
Non e' tanto il problema di pagare, ma quello di vedere i frutti che, grazie ai nostri soldi, possono maturare.
Faccio un esempio concreto.
Ho gia scritto che, vivendo in un complesso con un piccolo parco, essendo proprietario di immobile, pago una non indifferente cifra di spese condominiali.
Pero' e' tutto tenuto in modo perfetto, sono 3 giorni che abbiamo in casa i giardinieri per potare, tagliare, aggiustare, mettere a posto.
Quest'anno abbiamo risfaltato la strada interna, spese straordinarie, pero' la strada e' fatta, bella e nuova.
Paghiamo ma vediamo i frutti del nostro denaro.
Lo stato ci chiede denaro, poi ce ne chiede dell'altro per elargire quei servizi che avrebbe dovuto assicurarci come minimo sindacale.
A questo punto, e lo dice un Comunista, meglio il sistema americano.
La middle class ha una tassazione, media, del 25%, lo stato ti dice subito quello che puo' darti e quello che invece dovrai pagarti privatamente.
Lo sai prima, non dopo.
Anche le pensioni sono una bella truffa.
Quando ho inizato a lavorare con 30 anni si andava in pensione (lasciamo stare gli statali...).
E' un patto, io lavoro 30 anni, verso i contributi ( o li versa il mio datore di lavoro) e tu, stato, mi garantisci gli anni che verranno.
Ma se lo stato, ogni 4/5 anni mi sposta piu' in la' il paletto finale che cazzo di patto e'?
Non sono un guerrigliero dello stato sociale ma quel poco che oggi possiamo pretendere lo stato lo deve dare, altrimenti davvero e' meglio il Grande Fratello Orwelliano.

6 commenti:

  1. La maggior parte delle imprese gestite da stranieri nasce grazie a contributi a fondo perduto e finanziamenti a tassi agevolati, mentre quelle gestite da italiani chiudono per l’eccessiva pressione fiscale o l’impossibilità di poter accedere al credito. Tu paghi anche per loro ed il premio è la chiusura. Se hai un figlio paghi 600 euro di asilo perché gli extra non pagano un cazzo e magari ti tocca anche andare a qualche km distanza anche se hai l'asilo sotto casa perché quello è invaso dagli extra. Lo Stato sta dando ma agli extra. La soluzione più rapida ed indipendente è quella di andare via dall'Italia.

    RispondiElimina
  2. l'ALTRO IERI SONO INZIATE LE SCUOLE QUì DA NOI, LA FIGLIA DI MIO FRATELLO INIZIA LA SCUOLA, IL GIORNO DOPO LA MAESTRA GLI PORGE UNA LISTA KILOMETRICA DI COSE DA COMPERARE, IO LA GUARDO E CI SONO COSE ASSURDE. NON Và BENE LA CLASSICA MATITA MA LA MATITA CON LA PUNTA TRIANGOLARE, CHIARAMENTE COSTA IL TRIPLO DELLA MATITA NORMALE.AVEVA ASTUCCIO CON DENTRO UN RIGHELLO LUNGO 15 cm, NON Và BENE CI VUOLE IL RIGHELLO LUNGO 20cm. MORALE DELLA FAVOLA UNA SPESA ENORME DI COSE CHEMETàIO CONSIDERO INUTILI. NON C'è SOLO LO STATO MA ANCHE LE SCUOLE, LE MAESTRE CI METTONO DEL SUO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dico solo che nella mia classe di reddito un figlio di mensa scolastica pagherebbe 180 euro al mese, persa averne 2. . .

      Elimina
  3. PENSA IO IL PRIMO LUGLIO DI QUEST'ANNO HO FATTO 41 ANNI DI LAVORO HO INIZIATO IL PRIMO LUGLIO 1972 PAGATO TUTTI I CONTRIBUTI E GRAZIE ALLA FORNERO ANDRO' IN PENSIONE OTTOBRE 2016 FORSE!!!!!!!!!!!!!!!!!
    ENRICO

    RispondiElimina