martedì 10 settembre 2013

SALTARE IL GIRO

 

Avendo creato prima ed amministrando poi, un forum importante come Gente di Cuba e, successivamente, questo Blog, ho avuto la possibilita' di conoscere tanti amanti della nostra isola.
Alcuni li ho incontrati qua' durante i miei giri estivi, altri spero di conoscerli presto, altri ancora li ho conosciuti a Cuba, con alcuni sono in contatto, da anni, semplicemente grazie a telefonate, sms o mail senza averli mai visti di persona.
Si e' creata cosi' una vasta rete di conoscenze, informazioni, notizie condivise che va al di la' dei diversi modi di pensare e di intendere la maggiore delle Antille.
Prima di ogni viaggio, ci siamo sempre sentiti e fatti gli auguri.
Quest'anno, un considerevole numero di questi miei amici reali e/o virtuali rinuncera' al loro viaggio invernale.
I due/tremila eurini che hanno sempre rappresentato il tesoretto messo via per la bisogna...non ci sono.
O meglio, sicuramente ci sono, ma si preferisce tenerli li' a far legna in attesa di tempi migliori.
Parlo di gente che da anni ed anni non ha mai saltato un giro.
Capisco chi ha il familion al seguito, muoversi in 4/5 e' un costo difficilmente sostenibile ogni anno, ma se uno viaggia solo ci si e' sempre in qualche modo industriati.
La crisi e' anche questo, la rinuncia ad una valvola di sfogo, un idea di liberta' che dava un senso, o aiutava a darlo, a tutto il resto del tempo da passare qua'.
Le scelte personali, ovviamente, non sono sindacabili, ognuno ha la sua vita e sa quello che fa'.
Ci sono figli da mantenere a seguito di dolorosi divorzi, incertezza sul lavoro, assenza dello stesso, cassa integrazione che sta' per finire, paure per il futuro.
Il quadro lo conosciamo bene.
Quello che posso augurare a loro ma direi a tutti noi, e' di venire fuori da questo cul de sac.
Si parla per la prossima estate, il prossimo anno, di un inzio di ripresa.
Ma se ne parla ogni anno...
Speriamo sia cosi', speriamo che tutti possano di nuovo volare verso la piu' bella terra su cui occhio umano si sia mai posato.


8 commenti:

  1. el tu comandante puede decir asi hipocritamente gracias a los gusanos entra dinero a cuba,el vive no como berluscomi sino como i emiri,toma leche todos los dias los ninos cubanos no todos hasta los siete anos y despues resuelve como puedas.

    RispondiElimina
  2. Interessante ma che ci azzecca col post?
    Mai avuto comandanti in vita mia,per fortuna

    RispondiElimina
  3. (Chan Chan). Il post parla delle estreme difficoltà che ci sono anche in Italia. Così, a titolo d'informazione per l'anonimo, che evidentemente non conosce i salti mortali che stanno facendo molte famiglie italiane alle prese con la crisi economica. Senza fare polemica per carità, però molti cubani pensano che in Italia el dinerito piova dal cielo..

    RispondiElimina
  4. EL LOCO.Sono uno di questi, speriamo in primavera.

    RispondiElimina
  5. Piu' che altro molti cubani, 5 minuti dopo aver lasciato il paese prendono la pala e inziano a gettarci addosso il guano.
    Poi, quando tornano a Cuba in vacanza, il guano lo destinano per il paese che li ospita...
    Funziona cosi'.

    RispondiElimina
  6. (Aliberto)
    Mi consenta l'anonimo postatore iniziale che con il suo intervento fuori tema dimostra di avere lui stesso, in primis, le idee confuse. Fidel non vive come Berlusconi il Maledetto, si rilegga la storia per cortesia e non si faccia fuorviare da una falsa informazione corrosiva delle menti degli stupidi. Qui si stava parlando delle difficoltà che incontrano gli italiani in questi tempi e della loro impossibilità a fare un semplice viaggio, se lui stesso vivè lì avrebbe dovuto capirlo. Ma certa gente purtroppo sa solo criticare.

    RispondiElimina
  7. Abbiamo alcuni cubani graditi ospiti del blog.
    Appena possono una palettata di guano sul loro paese la tirano...
    Non ci fare caso.

    RispondiElimina