martedì 12 novembre 2013

A CHI INTESTARLA?

 

Da quando sono rientrato piu' di una persona mi ha chiesto, sul blog, od en prive', come ho risolto il problema dell'intestazione della casa.
Premetto che sull'argomento non sono esattamente un luminare, non posso dire "buona la prima", pero' non ripetendo mai lo stesso errore 2 volte...non e' stato complicato trovare una quadratura per il cerchio.
L'idea, la necessita', la voglia di acquistare un'unita' immobiliare a Cuba frulla nella testa di molti.
Il futuro italiano e' ogni giorno piu' incerto, ieri sentivo della possibilita' che, per fare cassa, si tocchino le pensioni.
Non c'e' nulla da stupirsi, in Grecia e' stato fatto, quando uno stato e' alla bancarotta ogni soluzione, secondo loro, e' lecita.
Quindi gia' con una pensione normale qua' e' dura figuriamoci con una...ridotta.
Anche per chi lavora la situazione e' complicata, figuriamoci per chi un lavoro non  ce l'ha.
Sempre piu' gente sta' pensando di fare il grande salto ed il primo obiettivo e' la casa.
A chi intestarla quindi?
Franz dice, con assoluta ragione, che la strada piu' sicura e' la Residenza Permanente.
Ovviamente ci vuole il matrimonio...o un figlio.
Il matrimonio e la residenza garantiscono il 50% della proprieta' della casa, ma non garantiscono immunita' a seguito del fracaso del matrimonio.
L'italiano da cui ho comperato ha lasciato alla moglie, dopo il divorzio, una casa bellissima, comprandone un'altra dove poter vivere.
Quindi al final....non c'e' poi cosi' tanta differenza fra lui e chi invece non ha la RP.
Certo si puo' fare come i cubani che dividono la casa...ma non ci vedo uno di noi convivere in situazioni simili.
Alla fine devi comunque lasciare ed andartene, Rp o non Rp.
Il figlio cambia le cose, perche' ti consente di mantenere la Rp senza una moglie accanto.
Se, pero' non si ha la Rp e si vuole comunque provare a fare qualcosa le soluzioni sono sostanzialmente 2.
1) Moglie/Novia
2) Qualcun'altro.
Metto sullo stesso piano la moglie e la novia perche', anche se si e' registrato il matrimonio, anche se lei vive qua' con noi, la situazione a Cuba, da questo punto di vista non cambia.
La casa va' intestata a lei.
Certo, se la proprieta' della casa arriva dopo il matrimonio, per regolare acquisto (NON PER DONAZIONE) volendo qualche problema lo si puo' creare, ma si tratta di stabilire se...ne vale la pena.
I rischi connessi li lascio valutare a voi, io li conosco.
La seconda soluzione e' quella di intestare la situazione ad un conoscente, un'amico.
Anni fa' scrissi un post in cui mettevo in dubbio la possibilita' di amicizie sincere con i cubani.
Erano anni in cui la mia Cuba, come quella della maggior parte di voi, era limitata alle 3 quadre attorno alla piazza principale della citta'.
Le frequentazioni erano con gente da cui mai comprerei un'auto usata.
In questi ultimi anni la mia Cuba e' cambiata, di molto, nell'ultimo viaggio se ho parlato, in un mese e mezzo, 2 ore in italiano ho parlato tanto.
Oggi, con ogni probabilita', non scriverei piu' un post simile, certo non e' facile, ma a Cuba esiste gente di cui comunque, con le dovute cautele ci si puo fidare.

Dipende molto da come NOI  ci approcciamo a loro, se ci si comporta da pezzi di merda non dobbiamo poi lamentarci se le cose prendono un determinato cammino.
Gente major, persone per bene, a cui ovviamente bisogna essere riconoscenti ma se, per alcuni mesi, si manca dall'isola e' comunque necessario che qualcuno badi alla casa.
Vediamola come una spesa...di condominio.
Ce' il rischio concreto che in nostra assenza possa accadere qualcosa di poco gradevole?
Si.
Pero' vivere perennemente con una mano sul culo viaggiando rasenti al muro vuol dire vivere da disperati.
La prudenza e' una cosa diversa dalla negazione di ogni tipo di rapporto.
Se invece si vuole impostare qualcosa con una ragazza, occorre avere ben chiara una cosa.
Non puo' essere soltanto un negocio.
Se vogliamo che loro cambino, per primi dobbiamo cambiare noi.
Pensare di fare la vita che facevamo prima vuol dire giocarsi le proprie carte nel modo peggiore possibile.
Mai ripetere 2 volte gli stessi sbagli.
Queste sono le possibilita' se si vuole provare a fare qualcosa, i rischi sono sotto gli occhi di tutti.
Personalmente, prima di cadere dal gradino (perche' ricordiamocelo sempre e' da un gradino che si cade, non dal quinto piano) c'ero gia' risalito sopra.
Potevo permettermelo e l'ho fatto.
Il resto sono solo chiacchiere da poveracci, da chi ha scelto di vivere dall'altra parte del buco della serratura.

7 commenti:

  1. Aston, alla fine a chi l'hai intestata, non ho capito? ora hai un 50% almeno?

    RispondiElimina
  2. Milco allora...se si ha la RP attraverso matrimonio o figlio si ha il 50% di proprietà giusto?
    Se non si ha la RP c'è la novia/amico cui intestarla, è vero che tu dici che dobbiamo iniziare a fidarci a vicenda, ma non è così facile intestare casa anche all'amico cubano più intimo che uno abbia, se consideriamo che in Italia per soldi ed eredità si scannano tra fratelli,tra genitori e figli, come ci si può fidare di una persona che noi vediamo solo pochi mesi l'anno? Voglio dire che quando ci sono di mezzo i soldi secondo me non c'è amicizia che tenga,soprattutto in paesi così poveri.
    E' sempre un terno al lotto senza RP,a questo punto meglio fare un figlio,se dovesse andar male con la moglie/novia almeno uno sa che va al sangue del tuo sangue!
    Eppure un mio amico di Bologna,che vive a Cuba da diversi anni,e commercia in ville d'epoca e case mi ha detto che ci sono modi per intestarti casa anche senza RP...alla mia domanda sul "dimmi come si fa", mi ha detto che appena torna a Bologna me lo dice di persona,perkè non voleva parlare a mezzo facebook, per cui aspetto che torna, e sento cosa dice, alla fine è il suo lavoro comprare e vendere case a Cuba.
    Valter
    Valter

    RispondiElimina
  3. Il rischio e' grande su questo non ci sono dubbi

    RispondiElimina
  4. Valter di Rimini, il tuo amico di Bologna è a L'Havana?
    Possibile avere un contatto per informazioni di acquisto?
    Grazie

    RispondiElimina
  5. Steno esatto, il mio amico è all'Havana, e posso darti il contatto, se Milco e le regole del blog lo prevedono, scrivimi qui una tua mail o un tuo recapito dove mandartelo.

    RispondiElimina