venerdì 15 novembre 2013

FINE ANNO A CUBA

 

Questa volta, dopo alcuni anni, mi perdo il Capodanno a Cuba.
Ci pensavo giusto ieri sera dopo aver acquistato il volo.
Come dicevo ho accettato una serata, quindi mentre tutti voi starete gozando, la notte del 31 ricordatevi di chi guida il trenino "Brigitte Bardot, Bardot, a, e, i, o ,u, Ypsilon, ooooo mi amigo Charlie Brown, charliebrownnnnn..."
Le festivita' a Cuba sono una cosa del tutto particolare.
Natale e' una merda.
Lo e' oramai anche qua' se non si e' o non si hanno bambini.
Leggevo ieri che ogni famiglia italiana destinera' 500 euro per le festivita' natalizie, mah....ognuno col suo borsillo davvero fa' cio che vuole.
La prima cosa che mi viene in mentre e' un libro minore di Grisham; "fuga dal Natale".
Gia' in tv hanno iniziato a spaccare i maroni, per fortuna me ne vado e vi lascio tutta questa basura mediatica.
A Cuba praticamente, tolto ai baciapile e ai loro accoliti del Natale non frega niente a nessuno.
La sola cosa che apprezzano e' che, dalla visita del polacco, non si lavora.
Ovviamente S.Stefano non sanno neanche cosa sia, quindi il 26 e' lavorativo.
Nelle tiendas, timidamente, si iniziano a vedere piccoli alberi natalizi di plastica e qualche confezione di palline colorate per addobbarli.
Capodanno e tutto un' altro paio di maniche.
Intanto inizia, per molti, a ottobre quando si compera el puerquito da ingoradare e a cui fare le fiesta il fatidico giorno.
La mattina del 31 mi e' sempre piaciuto andare in giro in scooter per la citta' per vedere come fervono i preparativi per la nottata.
Chi non ha un patio, trova il primo spazio disponibile per strada e mette in piedi il meccanismo per asare el puerco.
Sin dal mattino, nell'aria, per la calle aleggia il buon odore di carne che cuoce.
La gente svuota letteralmente le tiendas di ogni cosa bevibile e che abbia qualche grado, fosse anche benzina.
D'altronde el ron de la calle non e' molto differente dal petrolio per i camion...
Vedo gente che spende centinaia di cuc per birra, ron, sidro e quant'altro.
Le famiglie si riuniscono gia' nel primo pomeriggio per iniziare la fiesta.
Non ho mai capito perche' con tutte quelle ore di preparazione poi, quasi sempre el puerco, sale mal cucinato e mezzo crudo...mah.
Si inizia a bere che ancora il sole e' altro in cielo e si continuera' fino a quando lo stesso astro dorato tornera' a fare capolino.
Ovviamente, in quei giorni, il prezzo del puerco alla libbra salira', chi non ha saputo organizzarsi in tempo spendera' di piu' di chi e' stato previdente.
Lo scorso anno ricordo solo che avevo esagerato col bere, cosa per me insolita, ed e' una delle poche cose che ricordo...
Tutti i locali, un po' come accade por el dia de l'amor, si riempiono, devi prenotare in tempo se vuoi trovare un tavolo libero.
Le famiglie si riuniscono, e' un bel momento cubano, se vi capita passate un Capodanno a Cuba.
Non ve ne pentirete.

12 commenti:

  1. EL LOCO oramai anche capodanno qua' e' una merda

    RispondiElimina
  2. Il puerco non è cotto per la semplice ragione che il ron e la cerveza producono già i loro effetti su tutti i convitati dal primo pomeriggio.
    Natale è una bellissima festa in gran parte del mondo ed è una delle poche occasioni in cui la famiglia si riunisce ed ha una caratteristica piu' intima e riflessiva rispetto a Capodanno e sinceramente lo preferisco. Invece Capodanno per paradosso lo trovo triste in quanto occorre necessariamente divertirsi e quasi mai capita la notte del 31 dicembre.

    RispondiElimina
  3. Caro Luis il bello della vita e. . .di questo blog é che ogni testa é un piccolo mondo.

    RispondiElimina
  4. Quest'anno sarà il mio primo capodanno a Cuba!
    Gari

    RispondiElimina
  5. Grande Milco io quest'anno a dicembre non riesco a partire, il lavoro me lo impedisce,il mio primo capodanno che non passo a Cuba, ma confermo, si sta da dio, e poi vuoi mettere, a dicembre a palle a mollo,l'anno scorso c'erano 27 gradi a Santiago, fantastico,mentre in Italia si gelava.

    RispondiElimina
  6. Gari vedrai come ti andrai a divertire!

    RispondiElimina
  7. I monti vicino a dove vivo, da ieri sono imbiancati.
    Ieri 6 gradi...

    RispondiElimina
  8. che tristezza il trenino di Brigitte Bardot.. (pedro)

    RispondiElimina
  9. Lo spero tanto, Milco...se non era per il lavoro mi fermavo 4 settimane, purtroppo devo limitarmi a 2...da vivere intensamente...
    Gari

    RispondiElimina
  10. Quattro settimane sono perfette. Di più mi rompo i coglioni. Ho troppe cose anche qua'.

    RispondiElimina