giovedì 28 novembre 2013

INCENDIARI E POMPIERI

 

Gestire una casa de renta non richiede particolari capacita' imprenditoriali.
Certo occorre, come in ogni lavoro in cui si ha a che fare col pubblico, avere quel minimo di accortezza e di attenzione per far si che il cliente vada via soddisfatto, ritorni e, possibilmente, ti mandi qualche suo conoscente.
In questo tipo di attivita' c'e' soltanto una variabile da affrontare con molta attenzione.
L'accesso delle fanciulle.
Ora, che sia proprio io, che mi sono portato en la cama mezza Tunas, a dover mettere paletti e instaurare regole e' una delle tante quotidiane dimostrazioni, che la vita, al final, e' tutta una barzelletta.
Mi viene un'analogia con un'episodio de qualche anno fa.
Eravamo al finale del 2008, le mie case de renta solite erano occupate, il mio chaffeur dell'epoca mi porto in una casa non de renta.
In fondo al boulevar, quasi in Marti'.
Aveva un cuarto al piano terra che veniva utilizzato come scannatoio a ore mentre, al primo piano, aveva un delizoso appartamentino con un salottino, il bagno e una bella camera, decisi di fermarmi.
Ovviamente non essendo de renta era un po' come il delta del Mekong...
Passai una fantastica vacanza, decisi di fermarmi per tutto il periodo.
La duena era una ex jine, aveva un giro di amiche da paura tanto che mi abbeverai anche a quella fonte.
Un paio d'anni dopo, stesso problema della casa, mi appoggiai per un paio di giorni da un'amico, mentre ne cercavo una adatta alle mie esigenze.
Passai da lei e vidi fuori l'adesivo azzurro della renta.
Dopo i convenevoli quadrammo subito col prezzo, ma alla domanda se con le fanciulle era tutto come al solito le cose cambiarono.
"Una e puntata"
"Come una e puntata?"
"Tengo miedo"
Cazzo fino a pochi mesi prima parcheggiavano i pulmann di fronte a casa pieni di bigioie fruste e ora...teneva pena?
Ovviamente non mi fermai da lei.
Questo per far capire come le cose possono cambiare col tempo, ma che sia proprio io a dover mettere delle regole, e' davvero comico.
Certo, trovassi tutta gente come me potrei dormire, e con me le persone che mi aiuteranno, con tutti e due gli occhi chiusi.
In 13 anni di frequentazione non ho mai avuto ne' creato un problema.
Carnet sulla mesa, un ora veloce al pomeriggio, se era di notte a la madrugada fuori dai cabasisi.
Tre ispezioni, in una ero solo e in 2 stavo desajunando con una fanciulla regolarmente registrata.
Cuidame che io te cuido, e' sempre stato l'accordo che ho rispettato con tutte le duenas con cui ho avuto a che fare.
Il problema e' che la' fuori e' pieno di pazzi.
I guai, manco a dirlo, arrivano quasi sempre dagli italiani.
Canadesi, inglesi, tedeschi, tolti pochi casi, si trovano una negrita e per un po' di tempo stanno con lei, magari dopo un po' la cambiano ma non creano quasi mai grandi problemi.
Noi, invece, siamo candela.
Ne abbiamo parlato e ne parleremo ancora con le persone che ho imbarcato nel progetto, gente major, con tanto buon senso ma anche ferma nel mantenere le decisioni che prenderemo.
Ci sono fondamentalmente 2 opzioni.
Se rentiamo tutti e 2 i cuarti, qualcuno potrebbe dormire da qualche parte nella casa controllando il via vai.
La seconda e' quella di rentare un solo cuarto, nell'altra ci dormono loro oppure io quando sono a Cuba.
Questa opzione mi piace di meno, intanto non ho voglia io di fare Montalbano, e poi non mi piace vivere in una casa con un passaggio di bagasce peggio che la Pellerina a Torino.
Sopratutto se non vengono per me...
Il problema e' serio, la gente avra' la chiave, c'e' il rischio concreto che qualcuno mi arrivi con qualcosa tirato su davanti ad una secondaria....sono cazzi.
Multe e ritiro della patente.
Personalmente opterei per la regola del buon senso.
Intanto mettermi in casa gente decente, ok la novia, ok qualche disgressione, ma fatta come la facevo io con intelligenza, prudenza ed un po' di bus del gnau.
Non bisogna esagerare.
Ci stiamo pensando, ne stiamo parlando, sicuramente al rientro da questo giro avremo preso una decisione, speriamo giusta.
Certo che chi ha detto che, nella vita, si nasce incendiari per poi morire pompieri, ha detto una grandissima verita'.

26 commenti:

  1. Ciao Milco rientrato da due giorni dalla nostra amata cuba, ho compiuto il primo viaggio con i primi clienti-amici della mia casa all'habana, gli ho accompagnati per fare un primo rodaggio e mettere alla prova l'organizzazione, devo dire che ho trovato la casa in condizioni ottime mi sono sbalordito di come la mia Dueña abbia seguito alla lettera tutte le mie indicazioni su lavori, coordinazione ospiti, buon gusto negli arredi e chiusura ultime pratiche, forse cuba sta cambiando o forse come in tutto il mondo bisogna essere in grado di scegliersi le persone giuste soprattutto in affari e sopratutto a Cuba.
    Io personalmente riguardo al problema fanciulle mi sono dato una regola, meglio qualche soldino in meno ma selezione degli ospiti ben accurata già qui in Italia abbiamo i nostri problemi ci manca solo che per qualche cialtrone non dorma sonni tranquilli e mi tocchi prendere il primo volo direzione habana per risolvere il problema.
    A breve sarà disponibile il sito appena è online ti faccio sapere cosi mi dai una tua opinione.

    RispondiElimina
  2. Queste informazioni su case de renta gestite da italiani sono utilissime Grazie.Stefano

    RispondiElimina
  3. Ciao Andrea
    Aspettavo giusto il tuo rientro per avere notizie.
    Mi pare che le cose siano partite bene.
    La scelta dei collaboratori e' fondamentale, credo che farlo al di fuori dell'ambito diciamo "affettivo" sia una scelta vincente.
    Come dicono da queste parti "mai mischiare la rava con la fava".
    Io ho dovuto fare un piccolo cambio di direzione, come sai, ma anche Vasco a Sanremo arrivo' ultimo, poi...
    Quando il tuo sito e' pronto lo inserisco in mezzo alle attivita' sponsorizzate, come LA CASA DE RENTA DI ANDREA A LA HABANA.
    In cambio tu piazzerai un link con la mia sul tuo sito.
    Per me comunque manca ancora qualche mese.
    Bentornato

    RispondiElimina
  4. Stefano io spero che altri amici mettano in piedi situazioni a Cuba, questo spazio e' a disposizione per pubblicizzarle.

    RispondiElimina
  5. La licenza per la casa de renta penso che deve essere necessariamente intestata ad un cubano/a. Pertanto, la situazione è molto diversa da essere titolare di un'impresa in Italia o in Cuba. Ovvero per Cuba tu non sei titolare di niente ed i rischi di eventuali multe sono a carico del titolare della licenza o sbaglio ?

    RispondiElimina
  6. Ogni attivita' economica ,in assenza permanente, va intestata ad un cubano.
    se il cubano e'....una tua emanazione la multa la intestano a lui ma...la paghi tu.

    RispondiElimina
  7. Si come penso tu abbia visto ho lasciato fuori da questa storia gli affetti, primo perché a cuba non devo rendere conto a niente e nessuno e secondo perché credo che gli affari e il lavoro sono una cosa, e l'amore e i sentimenti un altra e quando si vanno a mescolare al 99% portano casini.
    Sicuramente un gemellaggio Habana-Las Tunas è ben gradito e se ci si può aiutare tra Italiani ancora meglio.

    Si è vero sulla carta non si è titolari di niente,"Mas o Menos" e questo può essere anche il lato buono della medaglia perché ci solleva da molte responsabilità legali, ma ti posso assicurare che se ci fossero casini il cubano non saprebbe neanche da dove cominciare per risolverli e di conseguenza ricadrebbero su di mè.
    Sicuramente sono il primo che dice che investire a cuba è un po' come giocare alla roulette russa, ma quando hai dentro di tè la consapevolezza di ciò che stai facendo nulla ti fa paura.
    Chiaramente sconsiglierei a chiunque non abbia delle basi solide e sicure sia qui ma sopratutto la di investire.
    E poi la persona a cui ci si affida deve essere di grande fiducia e bisogna sempre mettere in conto che se io vengo fregato chi ci rimette siamo entrambi, come dice il caro amico Milco "Cuidate Que Yo Te Cuido".

    RispondiElimina
  8. Ma sai ad aver paura anche della propria ombra si finisce ad ingrossare la fila di poveracci che passano la vita guardando quello che fanno gli altri. Il rischio di impresa esiste ma senza quello non siamo imprenditori ma peracottai

    RispondiElimina
  9. Caro Milco tra breve anch'io inauguro la casa de renta di mio figlio all'Avana. Il titolare della licenza de renta è il propietario, cioè mio figlio nato a Cuba, ma mi rilasciano in qualità di padre l'autorizzazione a gestire tutte le pratiche d'ordinaria amministrazione tra cui la renta.Anchi'io farò un sito della casa. E' chiaro che ormai all'Avana i controlli sulle ragazze nelle case sono praticamente nulli da anni: è subentrata una tacita tolleranza, l'importante è educazione e rispetto. Comunque un mio caro e fidato amico avanero, a cui farò un regolare contratto da custode, rientrando la tipologia nelle attività cuentapropiste,s'incarica del controllo notturno. Anche se ormai sul controllo delle ragazze vi è disineresse, almeno all'Avana, il sapere della presenza di un custode che prende i carnet delle chicas è un deterrente indispensabile. Se vuoi poi possiamo addentrarci sul terrenno delle imposte regolate dalla nuova legge 2013. Un Saluto. Francesco Franz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franz appena siete operativi e il sito è pronto lo mettiamo qua' sopra .
      Una domanda
      Come funziona quella specie di conguaglio che si paga una volta ogni anno? Come viene calcolata la cifra totale?

      Elimina
  10. Scusami Andrea , ma cosa ci trovi di buono nel non avere nulla ( perche di questo si tratta) e credere che la "Dueña" non saprebbe disbrigare le "pratiche cubane" e quindi ricadrebbe su di te per "l'aiuto" ?
    Se la Dueña vuole si inventa qualsiasi cosa ,ti butta fuori di casa e , con qualche pesos ti fa fare anche una bella lettera di avvertencia , dopodiche' a Cuba neanche ti fanno piu rientrare .
    I Cubani sono furbi.....molto piu i quello che credi .
    Di fatto , oltre che aver pagato la casa , sistemata ecc ecc gli porti anche i clienti ....e forse sono quelli gli unici soldi che potrai vedere , per il resto appena te ne vai "fiesta y pacianga"
    Forse la questione "Affetti" o "famiglia" rimane l'unica forma di sicurezza ......forse....
    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fabio scusa se mi intrometto visto che hai citato Andrea. Le tue considerazioni sono cariche di buon senso.
      Te lo dice uno che sul piatto ha lasciato qualcosa. . .
      Quindi che si fa ?
      Non facciamo nulla lasciano che tedeschi e canadesi si prendano tutto?
      Il rischio esiste ma attento che non è così facile comportarsi come hai detto.
      Se dovessimo poi sempre viaggiare rasenti varrebbe ancora la pena dopo tanti anni tornare ancora a Cuba?
      Io la penso così

      Elimina
  11. (Chan Chan). Tutti discorsi condivisibili. Io però non penso che i rapporti familiari sono come descritti sopra. Ovviamente ognuno ha i suoi rapporti, con le sue varianti e sfumature, ma a volte penso che se questi legami poggiano su basi solide alla fine sono i migliori. Personalmente io finora non sono stato deluso, né qui in Italia, né sull'isola. Per il resto, chiaro che il rischio d'impresa ci deve essere, altrimenti chi non se la sente è meglio che faccia l'impiegato statale..

    RispondiElimina
  12. Chan per poggiare su basi solide un rapporto ha bisogno di anni. Se è la moglie a occuparsi della casa deve vivere la mentre noi le risorse le dobbiamo reperirle qua altrimenti non si apre neanche un chiosco di grattachecche.
    È un bel casino . . .

    RispondiElimina
  13. (Chan Chan). Le risorse dovrebbero servire ad aprire e avviare un'attività. Poi se la casa de renta va, dovrebbe avere delle entrate. Una casa de renta discreta a santiago sta dando bei soldini. Ovviamente ce ne sono 5000 e quelle che vanno bene non sono molte. Poi è chiaro che dipende anche da quanto tempo uno ha intenzione di passare a Cuba. Personalmente, ho intenzione di passarci più tempo di quello che ci passo attualmente (5/6 mesi l'anno). Con meno tempo, a me, sarebbe difficile seguire bene qualsiasi negocio. Riguardo ai rapporti familiari, di sicuro gli anni passati insieme contano, ma secondo me non ne servono 20 per avere fiducia in una persona. Poi non è detto che sia tua moglie, può essere tuo cognato, un cugino, una suocera, un suocero, una cugina, una fratellastra. So che molti a sentire questo strabuzzano gli occhi. Ripeto, io finora mi sono trovato bene. Attenzione, non con tutti, ho avuto le mie delusioni con alcuni familiari e amici o pseudo amici, ma assolutamente non con tutti. saludos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido quasi tutto sopratutto il fatto di gestire in prima persona. Però se come dici tu la persona è quella giusta,e a Cuba ci sono, non è necessario essere presente 12 mesi.
      Al final siamo tutti di secondo e terzo pelo. . .

      Elimina
  14. (Chan Chan). Poi riguardo ai soldi che si reperiscono qua, sono d'accordissimo. Al momento i soldi continuano a stare qua, al di là della crisi. Motivo per cui non mi sono (ancora) trasferito in pianta stabile a Cuba. Comunque per la mia casa de renta c'è ancora tempo. Per farla funzionare a santiago, secondo me, devi fare la differenza altrimenti vai solo ad allungare una lista infinita. Al momento mi sto dedicando alla ristrutturazione e all'ampliamento della mia casa e di un mezzo di trasporto.

    RispondiElimina
  15. Le cose vanno fatte quando uno si sente pronto.
    Anticipare troppo i tempi è quasi sempre un errore.
    Errore che molti fanno in molti

    RispondiElimina
  16. A gennaio vi farò le mie recensioni sulle case di Guantanamo e Baracoa che ho già prenotato...scelte da novia e amiche del posto dopo ampia selezione...e già che ci sono guarderò con attenzione le offerte immobiliari...il vantaggio dell'oriente estremo è che costa meno comprar casa, e non escludo di invertir nel turismo, che laggiù è quasi tutto da inventare...creare una rete turistica doc di case sull'isola non sarebbe male, desde La Habana hasta Baracoa
    Gari

    RispondiElimina
  17. Caro Gari può apprese una buona opzione da maneggiare però con cautela. Facci sapere al rientro anche perché della provincia di Guantanamo si sa davvero poco

    RispondiElimina
  18. La provincia di Guantanamo è tutta natura, parchi nazionali, molta agricoltura ed artigianato, influenze haitiane e giamaicane (molti abitanti sono discendenti degli schiavi che arrivarono a Cuba da quelle isole nel 1700-1800), tanta regla de ocha, poche installazioni turistiche di impatto, mare non al top di Cuba ma più che degno...in altre parole, il turista che sta in lettino sulla spiaggia tutto il giorno va da altre parti, chi cerca un turismo eco-sostenibile e...pace...la trova.
    Recensioni promesse sin d'ora! :)
    Gari

    RispondiElimina
  19. Caro Gari buone informazioni
    Molti di noi conoscono la provincia solo per la numerosa presenza di fanciulle. . .colorate.

    RispondiElimina
  20. Molte ragazze colorate, è vero, ma di tutte le graduazioni, dalla mulata alla negra (come ben sapete, a Cuba, o almeno nel mio Oriente, la parola negra non è considerata offensiva, anzi è un motivo di vanto, a differenza del Bel Paese...), a volte bellissime colorate con un po' di sangue chino.
    Io frequento la Cuba che lavora, la mia novia è laureata e ha trovato un buon posto di lavoro, e così ho conosciuto amici e amiche della sua cerchia professionale.
    Siamo sempre a Cuba, con tutte le avvertenze che saggiamente indichi nei tuoi post, ma devo dire che fino ad oggi in Guantanamo ho trovato quasi sempre gente pulita dentro, orgogliosa del suo Paese e non questuante nei mie confronti, e fregature non ne ho avute.
    Certo, come dici tu spesso, se ti comporti bene-ti trattano bene...e più di tanto io non allargo il mio giro, ho la mia nicchia di pace e me la tengo stretta...tuttavia con la consapevolezza che domani potrebbe essere un altro giorno....questo motto vale a Cuba ancor più che altrove...
    Gari

    RispondiElimina
  21. Caro Gari Cuba è uno specchio che riflette esattamente il nostro modo di comportarci.
    Se uno si comporta da pezzo di merda verrà trattato in quanto tale

    RispondiElimina
  22. Aston , stai tranquillo che sia i tedeschi che i canadesi o qualsiasi altro popolo si faranno la stessa domanda che ci si pone noi , e cioè se vale la pena affrontare un investimento senza un briciolo di garanzia . Quindi allo stato attuale delle cose l'unica forma di"investimento" rimane quella famigliare con la presenza dello yuma sul posto , e parlo di RP con famiglion ...
    20 anni di cuba, varie "ristrutturazioni" buttate e l'esperienza di una societa sul posto per 10 anni mi hanno insegnato che è meglio stare con i piedi per terra , poi se consideriamo che l'investimento è comunque per alcuni esiguo , allora cambiano i discorsi . Ma "regalare" una casa di renta a cubani per poter dire ..."posso affittare a connazionali" mi sembra un grosso azzardo , ancor piu perche negli anni sapessi quanti ne ho conosciuti che hanno preso lo "sganassone".
    Fabio

    RispondiElimina
  23. Caro Fabio tutto condivisibile.
    Lasciami soltanto il privilegio,al limite,di sbagliare con la mia testa.
    Come dice una vecchia canzone di Ligabue "non è mai successo che altri pagassero per me".
    Se invece le cose dovessero andare bene allora vorrà dire che i conti fatti. . .saranno giusti

    RispondiElimina