lunedì 11 novembre 2013

SIAMO SOLO ALL'INIZIO

 

Durante queste mie ultime 6 settimane cubane il fattore "casa" non e' esattamente stato prioritario.
Avevo gia' dato.
Dopo un breve viaggio per revisare cio' che e' rimasto da questo lato del bloqueo, ho pensato a godere al meglio una splendida vacanza.
Pero' girando tutto il giorno in scooter non ho potuto fare a meno di notare come la vendita delle case, o meglio il tentativo di vendita delle stesse, sia un fenomeno in continua espansione.
I soliti "esperti" del nulla avevano annuciato che, dopo un boom (boom...maomeno) iniziale, i prezzi delle case si sarebbero notevolmente abbassati.
Essendo gente che non sa neanche con che mano tenerselo quando va' a pisciare non hanno azzeccato neanche questa volta.
Non solo i prezzi delle abitazioni non si sono abbassati, ma sono ulteriormente lievitati.
Un mio conoscente cubano ha un nuovo vicino, il barrio e' quello di fronte ala polivalente, uno dei migliori della citta'.
Parlo di una palazzina di 3 piani, neanche di una casa indipendente.
Ebbene il vicino ha pagato 16000 cuc, piu' quello che ha speso per rimetterla a posto.
Era un professionale che rientrava dalle missioni e ha potuto spendere, non parliamo di una gran casa ma di un semplice appartamento.
Per assurdo le case che si vendono prima sono quelle piu' care.
Avevo, tempo fa, accennato a quella coloniale accanto alla fabbrica di sigari, chiedevano il centone.
Ebbene e' venuta via a poco meno, ma e' venuta via.
Stesso discorso per le 5 enormi case dopo la rotonda che porta al ranchon, parlo di case che iniziano nella via principale e finiscono in quella parallela.
Anche quelle sono state vendute ed in tempi brevi.
Oramai in una via qualunque su almeno il 30% delle case c'e' fuori il cartello  SE VENDE.
Che siano case, almeno viste da fuori, decorose o ben tenute piuttosto che potreros sin verguenza non ha importanza.
Comunque sono in vendita.
La percentuale si ripete anche nei barrios diciamo meno...appetibili.
Anche a Las Tunas e' apparsa la figura del "corredor" oramai popolarissima a La Habana.
Si tratta di sorte di agenti immobiliari che puppano grano sia da chi vende che da chi compera.
Molta gente che ha la casa in vendita da tempo, si affida ad un paio di loro, nella speranza di trovare un compratore.
Il concetto di vendita rimane invariato, il valore della casa conta poco, la richiesta e' ancora e sempre in funzione del "me hace falta" o del "necesito".
Chi vende, nella maggior parte dei casi, vuole realizzare per salire dal paese.
Visto che all'exterior e' sempre piu' raro trovare chi si mette il parentado sul groppone pagando viaggio e mantenimeno, oggi che il cubano (per Cuba) puo' tranquillamente provare ad uscire legalmente, ognuno deve arrangiarsi con le proprie forze.
Servono soldi per andarsene e per vivere nel nuovo paese per un certo tempo senza gravare sui parenti.
Avendo un po' di pazienza si trovano comunque delle buone occasioni.
Poi le cose sono andate come vi raccontavo...ma e' stata una trattativa lampo fra italiani riguardante una casa "italiana" dove al di la' di 4 pennellate non ci sara' altro, di strutturale, da fare.
Il mercato immobiliare cubano e' in continuo movimento, e siamo solo all'inizio.


24 commenti:

  1. EL LOCO per me e' ancora troppo presto, meglio aspettare.

    RispondiElimina
  2. io penso che comprare casa a cuba è un vero affare,i prezzi possono solo lievitare.....qua da noi possono solo abbassarsi.....è la realta dei 2 lati del bloqueo.

    RispondiElimina
  3. Loco, ad aspettare si rischia di fare la fine di quella banda di derelitti che vive commentando le vite altrui...rimanendo perennemente a...guardare

    RispondiElimina
  4. Il momento migliore per comprare è stato appena hanno fatto la legge che permetteva le compravendite! Comunque anche oggi è conveniente acquistare. Aspettando ancora un po, tra qualche anno le case a Cuba costeranno come a Miami o forse di più!!
    Chi visse aspettando morì......

    RispondiElimina
  5. Sono sostanzialmente della tua idea. Gentilmente la prossima volta inserisci un nome nel post. Grazie

    RispondiElimina
  6. Sono d'accordo con la tua idea. Già l'anno scorso vagavo per il Vedado cercando qualcosa ma non avevo le idee chiare.
    Ora sono un pò più chiare (soprattutto in relazione al futuro dell'italia) e credo che Cuba posso solo cambiare in meglio. Di certo in peggio non potrà mai.
    Quando arriverò a fine dicembre mi faccio un giro ma soprattutto andrò a vedere qualche casa che ho trovato sugli annunci di www.revolico.com
    Mi rimane l'unico problema .. a chi intestare la casa? ;-)
    Certo è che l'indicaziona, datami da un ragazzo conosciuto proprio in occasione di una visita in una villa in ristrutturazione al Vedado, è condivisibile cioè ristrutturare con gusto europeo (difficile da mettere in opera ma molto più semplice nel rivendere in futuro).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una cosa è sicura Steno, una casa al Vedado,nel tempo potrà solo salire di valore,quindi é comunque un ottimo investimento

      Elimina
  7. Penso che non raggiungeranno mai i nostri prezzi ne quelli di miami,perche cuba rimarra sempre un paese povero della sua fascia centro sud americana,pero arriveranno a costi elevati come adesso nei paesi della sua fascia.ancora meglio era comprare prima della legge,la case valevano il nulla,ma ci voleva coraggio e tanto c....o era una roulette russa....ma gia ora una casa comprata 5 anni fa come il mio caso ora ne vale il doppio....ad investire si rischia sempre altrimenti si rimane a far chiacchere....paolino.

    RispondiElimina
  8. Certo però ci sono oggi, case a Tunas che valgono come appartamenti medi qua da noi. E parlo di Tunas

    RispondiElimina
  9. Visto come vanno le cose occorre avere molti soldi da parte per un investimento che lascia molti margini di incertezza sia per l'intestazione della proprietà (cosa di non poco conto) che per la situazione politica. Sinceramente viviamo una situazione molto difficile in Italia dove è già un'impresa, per molti, acquistare un auto nuova. Figuriamoci comprare una casa a 9.000 km di distanza senza neanche avere la proprietà. Le mie sono riflessione ad alta voce, poi è logico che ognuno con i suoi soldi si comporta come meglio crede.

    RispondiElimina
  10. Luis sul discorso dell'intestazione della casa parlero' domani.
    Il rischio esiste...senza ombra di dubbio

    RispondiElimina
  11. Hai ragione luis,dipende in che situazuone ci si trova,pero pensa dove al mondo con 15-20 mila euro puoi comprare una casetta indipendente?io ho figli e penso che il mio investimento possa fruttare a loro,quandi noi genitori saremo andati.....o forse sara utile per me e la mia famiglia,visto come vanno le cose qua.nei 2 casi pero e stato un affare che se non a me,ai miei figli fara comodo.paolino.

    RispondiElimina
  12. Alla peggio amici miei, se qua' tutto dovesse andare dal culo ci si trasferisca, un qualcosa da parte c'e' e a Cuba qualcosa si inventa.
    Da questo nasce il discorso della casa de renta.
    Se va bene sono centinaia di cuc al mese ,altrimenti tolgo l'adesivo e ci vivo io.
    In ogni caso cado in piedi.

    RispondiElimina
  13. Caro Milco in bocca al lupo per la casa. Non per essere ripetitivo ma la priorita' e'intestarsi la. propieta' attraverso la residenza permanente. O intestarla al figlio nato a Cuba, come ho fatto. Francesco Franz


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so amico mio ma ti assicuro che sto' facendo le cose per bene.

      Elimina
  14. qui l'attesa si fa grande....

    RispondiElimina
  15. Sono qua da 15 giorni e si ha la sensazione che ogni giorno sia peggio

    RispondiElimina
  16. Milco ho un dubbio...a Cuba se uno porta reddito in banca (pensione italiana)ad esempio te lo concedono un mutuo? Sono ignorante in queste cose,perkè non mi sono mai interessato,anche se credo sia impossibile,perkè Cuba è uno dei pochissimi paesi che non ha fatto accordi con l'Inps italiana per l'accredito delle pensioni,come hanno fatto ad esempio in Rep.Dominicana, o sbaglio?
    Valter

    RispondiElimina
  17. Un mutuo a Cuba?
    Non credo proprio...
    Puoi farti accreditare la pensione ma di mutui non ne ho mai sentito parlare.

    RispondiElimina
  18. Se posso dare un contributo: mutuo o prestiti a cuba ? risposta si ma riferiti ad acquisti immobiliari o acquisto attrezzatura agricola o per l'attivita' cuentapropista....ma sognatevi grosse cifre....e cmq solo residenti o parificati RP cuentapropista...(difficilissimo) la pensione non puo' dare possibilita' di credito perche' non e' vincolabile dal Paese e non viene coperta la copertura causa morte.....
    Unica possibilita' vedo la cessione del Quinto in Italia con finanziaria riconosciuta e conseguente decurtazione dell'assegno sociale che pero' accrediti al netto a Cuba...OK?

    RispondiElimina
  19. Coach, credo che Walter inendesse il mutuo per acquisto casa come lo intendiamo qua'.
    Per il resto condivido.
    Pensare che un cuentopropista straniero possa accedere a qualche finanziamento e' fantascienza

    RispondiElimina
  20. Esatto, intendevo mutuo per acquisto casa...Non sapevo invece che fosse possibile farsi accreditare la pensione, ma siete sicuri? a me non risulta, per il fatto che Cuba è uno dei pochissimi paesi che non ha fatto accordi con l'Inps italiana per l'accredito delle pensioni, e/o viceversa.
    Conoscete qualche italiano in pensione che realmente si fa accreditare la pensione a Cuba?

    RispondiElimina
  21. Un paio mi hanno detto così.
    Credo sia possibile. . .credo

    RispondiElimina