sabato 7 dicembre 2013

IL RACCONTO DEL...SABATO

  L'ALTRO LATO DEL BLOQUEO

UNA FIGLIA IN VENDITA
Lui e' della provincia di Milano.
Un personaggio di discreta stazza di un paio d'anni piu'
vecchio di me.
E' la seconda volta che lo incrocio a Cuba.
La casa de renta dove vivo ha 2 cuarti.
Lui alloggiava nell'altro.
Un gran chiacchierone.
Uno di quelli a cui piace sentire la propria voce.
Conoscendo questa sua caratteristica, cerco di evitare di
incontrarlo in uno spazio senza vie di fuga.
Ogni anno va' 4/5 volte a Cuba, sempre per una settimana.
Un pasticcione che perde documenti, dimentica oggetti.
Un disastro.
Frequenta una cubanita di 18 anni.
Una fanciulla dell'ultimo campo, non so come si siano
conosciuti.
Molto molto magra.
Pesera' una quarantina di Kg.
Poco benessere negli occhi, un faccino dolce e un po' triste.
L'italiano ha il braccino corto, ogni tanto, da qua' telefona alla
proprietaria della casa de renta dicendole di dare alla fanciulla
una decina di cuc.
Ha lasciato alla ragazza un cellulare, ogni 2 giorni la tiene
quasi un ora al telefono.
La ragazza piu' di una volta mi ha detto "vorrei che mi
chiamasse di meno e mi aiutasse un po' di piu'"
Ho spiegato al nostro compatriota che hanno inventato la
postapay.
Non si puo' sempre contare sulla buona disponibilita' di altre
persone.
Una sera vedo arrivare la fanciulla in casa con sua madre.
Una povera donna vestita quasi di stracci.
La madre ha portato in casa la ragazza, salutando
l'italiano,affidandogliela.....
Il padre, un negrito male in arnese, aspettava sotto casa con
una bicicletta vecchia e sgangherata.......
Hanno fatto km in 3 sopra quella povera bicicletta per poter
portare la ragazza da uno cosi'.
Il tutto nella speranza di avere in cambio qualche soldo per
tirare avanti vendendo la cosa piu' preziosa che quella povera
gente aveva.
La figlia.

6 commenti:

  1. Che tristezza.
    ciao, Elio

    RispondiElimina
  2. queste cose ti accartocciano il cuore...ci vuole poco per renderli "felici", non capisco la cattiveria di certa gente ITALIANA.

    RispondiElimina
  3. Non è che yumas di altri paesi siano tanto migliori.

    RispondiElimina
  4. tristezza infinita...
    Gari

    RispondiElimina
  5. Cose viste e riviste...purtroppo...

    RispondiElimina