martedì 21 gennaio 2014

CUORE,CERVELLO,MILF,YOUNG,BOH...



 

Sono oramai al 14esimo anno di Cuba.
Sbarcato sull'isola a 38 anni, dopo una vita passata in giro per i villaggi turistici di mezzo mondo.
Non arrivavo dal paesello, alla mia prima uscita dall'Italia, a seguito dei racconti da bar di chi c'era gia' stato.
Avevo gia' parecchia vita vissuta, tante storie, un numero adeguato di donne, esperienze professionali ed umane non per tutti raggiungibili.
Tutto cio' non mi ha messo al riparo dal fare qualche sana cazzata.
Quando mi e' venuto in mente di fare qualcosa a Cuba ho pensato che la soluzione migliore, visto che non ci permettono di muoverci "autonomamente", fosse di dare fiducia ad una milf.
12 anni di conoscenza, 30 anni passati, un figlio, pochi treni, oramai, in prospettiva di passagio su quel binario.
In Italia, una donna di quell'eta', o ti mette una mano sul pacco dopo 10 minuti del primo appuntamento, oppure pensa che l'eta' delle cazzate e' finita ed e' il momento di fare sul serio.
Il problema vero e' che, quando c'e' di mezzo Cuba, il concetto di transfert non esiste.
Leggi, esperienze, situazioni italiane a quelle latitudini non hanno nessun valore.
Mi sono detto "cazzo, mica posso dare fiducia ad una ragazzina che mai manterrebbe gl impegni presi, almeno questa e' uscita dal paese, un po' di mondo lo ha visto, magari e' il momento di fare le cose sul serio".
Come e' finita ve l'ho raccontato...
Quindi puntare sull'esperienza non ha pagato.
Ora ho una giovane compagna che conosco da quando aveva 13 anni, ora va per i 22.
Ovviamente la cosa ha qualgliato ora, non prima.
Conosco la famiglia, non gente per bene...di piu'.
Mettiamoci dentro anche che in vita mia non ho mai fatto 2 volte di fila lo stesso errore, comunque...qualche legittimo dubbio mi resta.
A molti frequentatori cubani si rimprovera il fatto di non usare il cervello, ma troppo il cuore, e ancora di piu' un organo posto al di sotto di quello cardiaco.
Io ho usato solo il cervello (...) e nulla il cuore ed e' andata come e' andata...
Ora provo ad usare anche l'organo cardiaco nella speranza che le cose prendano un'altra piega.
Molta gente mi chiede come muoversi, vorrebbero fare qualcosa ma non sanno con chi farla.
Ragazzi...non lo so.
Se qualcuno ha la soluzione, la formula magica, si faccia avanti.
Se provi con la milf non va, con la giovane...e' giovane...
A volte converrebbe dare fiducia a qualche vecchiarillo o vecchiarilla nella speranza, quasi sempre vana, che parenti serpenti non ci mettano lo zampino.
Le cose mi stanno andando fin troppo bene...mi preoccupo...Murphy, e le sue maledette leggi, sono sicuramente in agguato da qualche parte.
In realta non so un cazzo, non esistono regole generali valide, non esiste trasfert, ogni storia e' a se stante ed ogni testa un piccolo mondo.
Che gli Orishas, in seduta comune, ci proteggano.
P.S. Nota a margine.
La scorsa settimana mi arriva, di sera, una chiamata da una linea italiana.
L'attuale portafoglio con le gambe della mia ex mi ha chiamato da Tunas.
Incazzato come un' idra, mi ha chiesto ( a me....) come comportarsi con la signora.
Fra l'altro gli saro' eternamente grato, senza la sua miracolosa e tempestiva apparizione col cazzo che mi dava, e si pagava, il divorzio.
Mi veniva da ridere...lo dico con il massimo rispetto per il tipo, gli ho solo detto una cosa.
Sacate el bicho.

22 commenti:

  1. Sì tratta di un grande terno alla lotteria

    RispondiElimina
  2. Trovati un italiana lascia stare cuba non fa per te.

    Sentenza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello non è certo un problema
      Per me. . .

      Elimina
  3. Non sono la persona adatta per darti consigli, ho conosciuto mia moglie e dopo neanche un anno mi sono casado!! Quindi, secondo me, per una volta nella vita...vai dove ti porta il cuore!

    RispondiElimina
  4. da mario
    aston come la giri la giri non è possiblie "essere sicuri" la ricetta non esiste....se vuoi fare delle cose come dici tu "fatti e non pugnette" a cuba devi scendere a compromessi o non fai niente.....diciamo che a cuba sono bravi....ho imparato molto e spero di imparare ancora molto da loro...l'importante è che ognuno di noi sia coscente di quello che fa...cioè si renda conto che fa una scelta di cuore o no...e che se la racconta giusta magari aiutato da altre persone a vedere le cose da più "inquadrature"...io personalmente (50 anni vissuto all'estero per molto tempo nel settore vendita immobiliare turistico...sopratutto nei resort) ascolto tutti senza pregiudizi e prendo la mia decisione consapevole che c'è sempre la possibilità che lo prendo nel c..... se non lo prendo meglio è tutto di guadagnato....buona giornata a tutti

    RispondiElimina
  5. Mirco io non cercavo affatto consigli visto che evito di darne.
    La mia e' solo una considerazione.
    Non esistono regole fisse, anche chi di donne, 2 o 3 cose (non di piu') ha capito deve tenere la guardia alta.

    RispondiElimina
  6. Ogni rapporto di copia, Mario, si basa sui compromessi, in qualunque luogo al mondo.
    Alla fine se non ti metti in gioco passi la vita a guardare quello che fanno gli altri.
    E a rosicare...

    RispondiElimina
  7. Ciao Aston,
    rientrato ieri da Santiago dopo 60 giorni di vacanza, fatto lavori a mia casetta, sole e altro ti dirò tutto bene a parte un casino trovare i materiali, ma con propine giuste poi si trovano. Cuba è così.
    Lentissi gli operai che lavoravano, ma Cuba è così.Ho visto comunque una situazione un pò triste mancano tantissime cose, difficile trovare anche a volte il mangiare per i Cubani. Credo ci sia in atto una evoluzione a parte la cosa di fare la moneta unica, ma sotto secondo mè c'è dell'altro. Credo cambi qualche bella cosa in tempi brevi. Comunque anche frà tante difficoltà Cuba è sempre Cuba.
    Ciao
    ENRICO LAGO GARDA

    RispondiElimina
  8. Bentornato Enrico non dimenticare che Santiago sta ancora recuperando da Sandy

    RispondiElimina
  9. da mario
    aston c'è sempre una via di mezzo...metà fai e metà guardi...i rosiconi ci saranno sempre....sia fra chi fa che chi non fà...io leggo volentieri questo blog perchè è uno dei pochi dove diciamo si tenta di raccontarla giusta e leggendo anche pareri diversi (sopratutto) c'è la possibilità di "crescere" o per meglio dire di vedere la cosa sotto un altro punto di vista certamente da parte mia senza mai giudicare anche se delle volte può sembrare il contrario

    RispondiElimina
  10. Una delle cose positive di questo blog e' che ognuno puo' dire la sua senza il rischio di essere preso per il culo dal rottame umano di turno..

    RispondiElimina
  11. Per arrivare alla moghlie attuale sono passato attraverso diversi prototipi, nel corso degli anni. Quindi nel mio caso c'è stato un attento percorso di ricerca e sviluppo.
    Ora, però, bisogna valutare se e quando questo modello attuale di moghlie dovrà essere sostituito da un modello più recente. E' questo il vero dilemma, altro che!

    :)

    RispondiElimina
  12. Devo supporre che la signora non legge il blog. . .

    RispondiElimina
  13. credo che conoscere una persona da piu' di 10 anni e finora senza secondi fini abbia dato possibilita' di farsi una clara idea....sulla crescita...e quindi...caro Milco...avanti cosi'....cmq a conoscer l'Italia il piu' tardi possibile.....

    RispondiElimina
  14. La signora legge il blog saltuariamente, ma è perfettamente consapevole che POTREBBE essere sostituita da una negrita.
    Come sono consapevole io che potrei essere travolto da una scarica di mazzate. Anche perchè, e questo è un argomento che non viene trattato dal blog, le cubane non si tirano certo indietro se c'è da alzare le mani.

    RispondiElimina
  15. Coach il problema e' che non ci sono ne' regole ne' criteri generali

    RispondiElimina
  16. Neanche i cubani...o gli italiani Carlito...

    RispondiElimina
  17. Certo Aston il problema che non ci sono regole e criteri generali e' come sai una moneta con due facce....The side of the moon e' sempre' un'opportunita'''e quindi alla fine se c'e' vento su le vele...e fai strada.

    RispondiElimina
  18. Ciao,ti seguo quotidianamente anche se raramente posto, sono contento per te e del fatto che stia rimettendoti in gioco. Innamorarsi è la cosa migliore che ci può capitare quindi non aver paura di usare il cuore,il cervello con i suoi calcoli lo usiamo fin troppo nella vita di tutti i giorni. Felicidades da roberto santiaguero

    RispondiElimina
  19. Grazia Roberto e scrivi più spesso. Gli argomenti non mancano

    RispondiElimina