sabato 25 gennaio 2014

ELIAN

 

Sicuramente ricorderete il caso dell'allora piccolo Elian.
Fu' uno dei rarissimi casi in cui gli Stati Uniti, con Cuba nel mezzo, applicarono le norme di diritto internazionale.
D'altro canto non si comprende perche' fra il padre naturale a Cuba e i nonni materni a Miami il piccolo avrebbe dovuto essere affidato a quest'ultimi.

Il metodo non fu' dei piu'...ordinari ma il piccolo, suo malgrado, fini' nel mezzo di un caso politico a livello mondiale
Questo a prescindere dalle idee politiche e dalle bandierine che ognuno, eventualmente, sceglie di sventolare.
Il presidente era Clinton, dopo Carter probabilmente quello che con Cuba ebbe i rapporti piu', diciamo, cordiali.
Come ogni sabato posto qualcosa dal web, oggi ho scelto di parlare di questo caso, un po' datato, ma che fece epoca.

Fonte Blasting.News

Correva l'anno 1999, quando un bambino di solo 5 anni, si trovò da solo in mezzo a un oceano tutto suo he non finiva mai. La sua mamma, convinta che i sogni si avveravano oltre quel mare blu intenso, lo ha portato in barca. Ma quella, non era una vacanza, era solo l'inizio di una "tragedia" che ha commosso il mondo intero. Il nome di quel bambino lo abbiamo imparato tutti, di una parte all'altra del pianeta: Eliàn Gonzàlez.
Una giornata fredda di novembre, un gruppo di 14 cubani, compresi Eliàn e la sua mamma, decidono di emigrare illegalmente verso gli Stati Uniti. Una imbarcazione fragile, colpevole d'un naufragio quasi prevedibile. E la paura, e i sogni infranti, e un bambino che resta da solo, senza la sua mamma, circondato di delfini.
Sopravvissuto al naufragio, Eliàn Gonzàlez, viene trovato da  due pescatori e portato a La Florida, la stessa meta che tanto aveva invocato sua madre, e che lui senza volerlo aveva trovato. In poche ore quel bambino divenne "un caso diplomatico tra i più difficili tra Stati Uniti e Cuba".
Il piccolo solo e impaurito si era così ritrovato in balia dei flutti e delle autorità di entrambi i paesi. I cubani che in quelle condizioni riuscivano a raggiungere gli Stati Uniti venivano autorizzati a rimanere. Così speravano i parenti di Eliàn, quelli di Miami. In tanto c'era un padre che da Cuba si batteva per fare ritornare il bimbo a casa sua. Si, perché il bambino era stato portato via senza la autorizzazione del padre.
Il caso perciò, fu abilmente portato su un piano diverso. Da una richiesta di asilo politico vero e proprio fu relegato ad un caso di affidamento parentale. Proprio per questo nel 2000 le autorità cubane ebbero la meglio con la decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti di rispedire Eliàn a casa.
Fu così che il 22 aprile di quell' anno, la casa dello zio in cui il bambino veniva tenuto provvisoriamente fu circondata della polizia e il piccolo preso per essere poi riconsegnato a suo padre Juan Miguel Gonzàlez. Quel famoso blitz fu visto in gran parte del mondo.
Oggi, quel bambino diventato uomo, vive in un piccolo paesino chiamato Càrdenas, 150 km dall'Havana. Diventato, ormai, il simbolo della lotta contro l'impero americano, lo abbiano visto recentemente tra gli invitati al Festival Provinciale della Gioventù, a Matanzas. Lui, come una ragazzo qualsiasi, passeggiava tra la folla. Ma chi lo riconosce non può non ricordare il bambino che diventò il figlio di tutti i cubani.
Oggi Eliàn Gozàlez studia, e membro dell'Unione dei Giovani Comunisti, è grato al popolo cubano, e ama Fidel Castro. Vive con suo padre e ogni tanto visita un delfinario vicino alla sua città. Chissà che i delfini siano il suo legame più stretto con quell'avventura drammatica e straordinaria che cambiò per sempre la sua vita.

8 commenti:

  1. EL Loco una triste storia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già. Giocata sulle spalle di un bimbo

      Elimina
  2. Classico mezzo di propaganda dei regimi comunisti....

    RispondiElimina
  3. Pensa che non l'hanno neanche mangiato. . .

    RispondiElimina
  4. beh, in verità i parenti di elian potevano consegnare il bimbo al padre, che lo reclamava a cuba, ma per dimostrare di essere anticastristi tutto di un pezzo, lo hanno sequestrato a miami.
    Fidel, è vero, nell'isola e non solo ha fatto fuoco e fiamme, perchè è un genio della propaganda,ma è colpa degli anticastristi di miami se non sono in grado di arrivare a comprendere che sequestrare il figlio ad un padre è un comportamento disdicevole.

    RispondiElimina
  5. Ripeto alla fine si è giocato sulle spalle di un bambino

    RispondiElimina
  6. Non solo il diritto internazionale, ma pure la logica assegna un figlio al padre e non ai nonni...Fifo c'ha marciato da fino stratega qual'é , ma il padre rivendicava un diritto sacrosanto sul quale solo degli ottusi potevano obiettare

    RispondiElimina
  7. Come avviene in ogni parte del mondo...
    La cosa ha fatto notizia unicamente perche' c'era di mezzo Cuba

    RispondiElimina