domenica 26 gennaio 2014

IL RACCONTO DELLA DOMENICA

  L'ALTRO LATO DEL BLOQUEO

UNA CUBANA,UN’ITALIANA
Frequentazioni con una cubana e un italiana a confronto:
CUBANA
Sono le 23,30,siamo in una discoteca di una qualunque citta'
dell'isola.
Sono vestito sportivo come sempre.
Jeans stracciati, camicia bianca aperta al secondo bottone.
Abbronzato, sorridente,il ciuffo biondo sugli occhi.
E' stata una splendida giornata di mare.
La vedo.
Seduta 2 divanetti piu' in la'.
Insieme a 2 amiche.
Avra' 23/24 anni.
Ridono e si divertono.
Mulatta scura con un vestitino attillato che le lascia scoperte le
gambe.
Uno spettacolo!
Mi vede e ricambia, alla cubana, il mio sguardo aperto.
Occhi negli occhi.
La invito a sedersi con me.
Accetta.
Le chiedo cosa vuol bere
"Lo que tu queires" mi dice sorridendo.
Dopo un ora in cui ci si conosce un po' meglio le chiedo;
"Vamos?"
"Vamos!"
ITALIANA
Sono le 2.45 di notte in un locale nella periferia nord di Torino.
Fuori nebbia che si taglia col machete.
Sono seduto al bancone con un Cuba libre annacquato
davanti.
La vedo.
Seduta con 2 amiche in un divanetto vicino a me.
Carina.
Hanno l'aria annoiata.
Le classiche ragazze convinte, chissa' mai perche',di essere le
uniche ad avercela.
Sono vestito come sempre.
Pantaloni neri, maglietta nera, giacca alla Matrix.
Lei e' in tiro.
Vestito attillato che pero' mette in evidenza qualche chilo di
troppo.
Forse troppa cioccolata.
Ogni 3 secondi tira fuori il telefonino dalla borsetta.
Guarda se ci sono sms, come se fosse normale riceverli alle 3
di notte.
La guardo con il solito sguardo aperto, lei se ne accorge e
subito guarda altrove.
Non sia mai che mi venisse da pensare che sia una facile.
Dopo mezzora di questo gioco, francamente noioso, la invito a
bere qualcosa.
Mi risponde di avvicinarmi al loro divanetto.
Le chiedo cosa beve.
"Non so, non c'e' un cazzo in questo posto"dice guardando il
bancone del bar pieno di bottiglie.
Dopo un ora e mezzo, in cui ho dovuto fare il brillante
,fingendo interesse per le fesserie che mi propinava le chiedo;
«Ti accompagno?"
"No sono in macchina con mia cugina»
Mi da' il suo numero di cellulare e se ne va'.
CUBANA
Dopo mezz'ora che ci conosciamo siamo gia' avvinghiati, e'
una furia.
Non ci sono limiti ne' proibizioni di alcun tipo.
La bottiglia di Havana 7 mezza vuota sul comodino.
E' tutto un "hai que ricco" "mi amor" "dame duro".
Se mi fermo un attimo subito mi rimprovera.
"Daaalllleeeee.....no te duerme mi vida...".
ITALIANA
Dopo 4 cene, di cui una macrobiotica a mangiare bacche,3
volte al cinema a vedere pure l'ultimo mattone di Marco
Bellocchio e 3 mostre di pittura sugli impressionisti bretoni
degli anni 20,finalmente accetta l'invito per venire a casa
mia.....
Appena entra guarda con sospetto il mio arredamento da
bordello malese.
Si siede sul divano chiedendomi se ho un succo di frutta da
bere.
Mentre armeggio con quella inespugnabile apertura del
reggiseno mi chiede;
"Ce la fai?".
Continuo a armeggiare e lei "no...dai....aspetta"....
"Aspetto cosa?"...
"Faccio io..."
Fatico nei preliminari per un quarto d'ora e poi appena centro
l'obiettivo esplode.....
"SSSSSIIIIIIIIIIIII dai cosi'......continua...non ti fermare...dimmi
che sono la tua troia...."
Resto un attimo perplesso dal cambiamento di umore e lei
subito...
«Perche' ti fermi?....A chi stai pensando?.....Sicuro a qualche
zoccola....." e mi tocca ripartire a spron battuto....
PRESENTAZIONE ALLA FAMIGLIA
CUBANA
Mi presento con una cassa di Bucanero e 2 bottiglie di
Matusalem.
Il padre di lei mi stringe la mano sorridente, la madre mi bacia
e la abuela mi mette una mano su una guancia
sbavusciandomi l'altra.
La sorella di 16 anni mi guarda come il pitone guarda il
topolino.
Nell'aria aleggia odore di puerco asado.
Si inizia a mangiare e a bere.
Dopo 2 ore io e il padre, completamente ubriachi e abbracciati,
cantiamo "Hasta Siempre Comandante".
La abuela batte le mani tirando su dal naso, la sorella di fronte
a me ciuccia un chupa alla fragola lanciandomi sguardi lascivi
sotto gli occhi feroci di lei.
La madre sta' pensando.."pero' il rubio non e' male, mia figlia
poteva capitare molto peggio".
Intanto pensa all'imminente ristrutturazione della casa....
ITALIANA
Mi presento a casa dei suoi con un pacco di bigne' e una
bottiglia di Barolo da 70 euro.
Ovviamente si mangia pesce.....
Il padre mi accoglie con una ferrea stretta di mano con
l'espressione di quel padre che in uno spot televisivo si
avvicina al fidanzato della figlia e, stringendogli la mano,
serissimo, lo saluta con un "Giulio.."
La nonna ha un sorriso forzato.
La madre, mentre mi saluta senza sorridermi, si chiede perche'
uno della mia eta' deve andare in giro con dei jeans stracciati,
senza essere Stefano Gabbana......
La sorella e' al telefonino.
Durante la cena il padre parla di politica e di lavoro, la madre
mi guarda con l'occhio della leonessa che protegge il cucciolo
e la nonna come se fossi un pericoloso maniaco sessuale.....
Dopo 2 ore siamo seduti sul divano a bere porto.
Il padre parla del fascino delle "inquietanti notti yemenite"
mentre la madre lava i piatti.
Le nonna guarda la Clerici in tv e la sorella e' al telefonino.
EPILOGO
CUBANA
Dopo un po' di volte che ci si vede le dico;
"Vado via per qualche giorno, ti chiamo io"
"Ok, ma chiamami"
Ovviamente sparisco....
ITALIANA
Dopo 3 mesi e 2 coglioni cosi' le dico;
"Guarda, lasciamo stare, non funziona, rivoglio la mia liberta',
tu meriti di meglio".
Il solito repertorio...
"Brutto bastardo ,ti sei fatto i porci comodi e ora mi mandi a
cagare.
Sei solo uno stronzo!"
Seguono mesi di sms minatori e telefonate nel cuore della
notte....
UN ANNO DOPO
CUBANA
La incontro di nuovo in una tienda, baci e abbracci, si beve
qualcosa.
"Vamos?"
"Vamos!"
ITALIANA
La incontro di nuovo in centro.
Le vado incontro sorridendo
«Ciao!"
Mi passa davanti senza degnarmi di uno sguardo


P.S. Vi ricordo che sia questo libro che quello nuovo sono in vendita su Lulu.
Cliccando sull'immagine del libro sulla destra in basso potete accedere direttamente al sito per l'acquisto.

6 commenti:

  1. questa mi fa sempre morire dalle risate.....paolino.

    RispondiElimina
  2. Le ragazze sudamericane in generale danno 10 giri alle nostre, sotto tutti i punti di vista, non solo sotto l'aspetto della "facilità" di approccio. Parte tutto dalla testa, e loro ne hanno da vendere alle italiane.

    RispondiElimina
  3. incredibile .. è sempre bello leggerla! .. condivido su Facebook .. spero che la leggano in tanti!

    RispondiElimina
  4. Certo Walter ma ci sono anche italiane che meritano davvero...

    RispondiElimina