venerdì 14 febbraio 2014

14 FEBBRAIO

 

Oggi e' il 14 febbraio; S.Valentino.
Prima di conoscere Cuba per me e' stato, da sempre, un giorno pieno di bei rompimenti di coglioni.
Bisognava immergersi nella melassa, fare il regalino alla fidanzatina di turno, portarla a mangiare in un bel locale per finire a fare le cose che, tranquillamente, facevi anche gli altri giorni.
Fra l'altro, cadendo in febbraio, mi ritrovavo con accanto fanciulle di rattoppo, l'estate e' sempre stato il periodo di quelle che davvero meritavano, d'inverno....facevo passa' a' nuttata.
In piu', se capitava, nei fine settimana bisognava portarla a fare un week end in Liguria oppure nelle Langhe.
Ci sono stati anni in cui per me, un week end con una donna, rappresentava un tempo infinito.

Cercavo di ridurlo, non sempre con successo, dal sabato sera alla domenica, rigorosamente all'orario di inizio partite.
Quindi S, Valentino me lo sarei sempre allegramente evitato.
Nei villaggi ai tropici facevamo delle belle serate, ricreavamo una festa italiana, e qualche maiala finiva sempre con l'aspettarti sotto il palco.
Poi sono andato a Cuba.
Sul dia de l'amor ho scritto un capitolo del primo libro, l'ho anche postato qua', se volete andatevelo a cercare.
A Cuba e' tutta un'altra cosa.
Insieme al dia de la madre rappresenta una sorta di vera e propria fasta nazionale.
Locali pieni, tavoli prenotati da tempo, coppiette che si cornificano tutto l'anno che si giurano amore eterno ed, ovviamente, la classica borrachera, questa volta di coppia.
Non e' che ne abbia passati molti a Cuba, per me e' gia' periodo caldo di commerciale, ma quei pochi che ho passato me li ricordo bene, devo dire che sono stati particolarmente piacevoli.
Perlomeno eri dentro un contesto festaiolo vero, non nella nostrana abitudine della classica festa inventata per puppare grano.

Che ricordi avete del dia de l'amor a Cuba?
Oggi ci sara' la telefonata d'ordinanza, tocchera' persino dire un paio di volte "mi amor", ma sono cose che vanno fatte.
Nello specifico persino con un certo piacere, senza esagerare...
Auguroni a voi e a chi vi sta' accanto, se accanto non avete nessuno allora fottetevene.
In fondo e' un giorno come un'altro.

7 commenti:

  1. Beh, anche loro ci dicono "mi amor".
    Yuma: "Mi amor, como estas?"
    Cubana: "Bien, gracias (facoltativo). Mi amor, me recargastes?"

    RispondiElimina
  2. Ne ho passati un paio nella capitale,e' una giornata importante.Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Completamente differente da quelle che viviamo qua'.

      Elimina
  3. Ragazzi una cortesia;
    Non postate commenti su post che vadano al di la' dei 2/3 giorni, rischiano di cadere nel dimenticatoio.
    Il blog vive del quotidiano, non importa se andiamo fuori tema, postate negli argomenti del giorno, in modo da poter vedere letti i vostri commenti.
    Grazie

    RispondiElimina
  4. Infatti benchè non ci vediamo dal 2011 oggi la mia amica mi ha scritto che mi ama e mi augura di passare una giornata molto felice. Anche una signora cubana che vive dalle mie parti questa mattina sembrava euforica. Romantici e passionali questi cubani, salvo poi a mettersi le corna appena giri l'angolo... pedro

    RispondiElimina
  5. Ti ama Pedro...ti ama di sicuro...

    RispondiElimina