venerdì 21 febbraio 2014

I VICINI

 

I vicini sono una delle istituzioni cubane.
Conosco molti italiani che prima di acquistare casa, in un determinato barrio, hanno fatto piu' sopraluoghi per cercare di capire quali vicini si sarebbero ritrovati.
Uno di loro rinuncio' ad acquistare una bella casa nel barrio La Victoria, proprio a causa di una serie di vicini negron che gia' alle 9 del mattino mettevano il reggaeton a palla.
Una delle cose che la cubana nota maggiormente in Italia e' il diverso rapporto coi vicini a cui siamo abituati.
Nei migliori casi non si va' al di la' del "buongiorno" e "buonasera".
Non conosciamo chi vive nel nostro stesso pianerottolo da oltre 20 anni.
Viviamo rannicchiati dietro le porte di casa nostra, lasciamo il resto del mondo il piu' lontano possibile.
Resto ogni volta costernato quando leggo di qualcuno, morto, ritrovato, giorni dopo, quando i vicini iniziano a sentire strani dolori provenire dal suo appartamento.
A Cuba il vicino e' croce e delizia.
Le case sono aperte e questo porta a un'atteggiamento solidale nei confronti del prossimo, il CDR ha aumentato il senso di comunita'.
Una certa uguaglianza sociale ha fatto si che tutti quanti si siano dati una mano per cercare di campare il meglio possibile.
Un piatto di comida calda da un vicino lo si puo' sempre trovare, nessuno ti lascera' mai per strada, nel barrio, se hai bisogno.
Pero' questo vuol dire che il tuo vicino sa esattamente tutti i cazzi tuoi passati, presenti e futuri.
Il brutto e' che non sai se il tuo vicino, che conosci da 30 anni, non sia un civato che, quotidianamente, racconta a chi di dovere tutti quanti i cazzi tuoi.
Conosco gente che, per non far sapere di avere certe disponibilita', evita di rientrare a casa con le borse piene di cose acquistate al supermercato, preferisce fare 3/4 viaggi perche' i vicini non sappiano che gli e' arrivato un dinerito.
I muri sono sottili, si sente quasi tutto cio' che avviene dall'altra parte e visto che i ritmi di vita e lavoro non sono propriamente draconiani, c'e' gente che si mette....proprio in ascolto.
Quante volte ho assistito a gente che parlandomi di certi argomenti...abbassava la voce..."sai i vicini ascoltano...".
Anni fa' anche solo per pronunciare il nome di Fidel si abbassava la voce.
Una delle frasi piu' esilaranti l'ho ascoltata quando vivevo in una casa de renta in calle Marti' a Tunas.
Quando muore uno del barrio e' usanza pernottare al velorio, nello specifico era morto un vecchiarillo.
Una signora incontrando un vicino che non si era fatto vedere al velorio, lo ha apostrofato dicendogli "voglio proprio vedere se quando muori tu nessuno viene a visitarti se poi sei contento"
Quando muori...

6 commenti:

  1. Letra - Vecina présteme el cubo

    por Arsenio Rodríguez
    transcripción: Roelvis "Bombón" Reyes
    voz principal: Omara Portuondo

    Julio "Perchero" Zaldivar: ¡Vecina, vecina!
    ¡Préstame el cubo!

    Coro: Vecina, vecina, vecina préstame el cubo
    Vecina, vecina, vecina préstame el cubo

    Omara: No se lo puedo prestar
    Pídeselo a mi marido
    Me lo tiene prohibido
    Yo no se lo puedo dar

    Coro: Vecina, vecina, vecina préstame el cubo
    Omara: ¿Chico hasta cuándo me vas a pedir el cubo, chico?
    Coro: Vecina, vecina, vecina préstame el cubo

    Omara: Veras que ahorita me subo
    Y el relajo se termina
    Yo sola no tengo cubo
    Pídeselo a Alejandrina

    Coro: Vecina, vecina, vecina préstame el cubo

    Omara: Compadre pídeselo a Alejandrina
    Coro: Vecina, vecina, vecina préstame el cubo
    Omara: ¿Qué hubo viejo, qué hubo?
    Deje ese desataría
    Desde que amanece el día
    Me estás pidiendo el cubo
    Me lo tiene prohibido compay
    ¿No entiendes?

    Coro: Vecina, vecina, vecina préstame el cubo
    Vecina, vecina, vecina préstame el cubo

    Pepito: ¡Oiga vecina!
    ¡Ay! no se ponga en majadera
    Que soy yo el que la llama
    Présteme el cubo de cargar el agua

    Coro: Vecina, vecina, vecina préstame el cubo
    Vecina, vecina, vecina préstame el cubo

    Omara: Te lo dije ayer te lo digo hoy
    No me pidas mas el cubo no lo doy

    Coro: Vecina, vecina, vecina préstame el cubo

    Mandy: Óigame conmay controle sus arranques
    No me diga que no hay préstame el cubo grande
    (tres)

    Mandy: Y allí viene Cotó
    Pidiendo el cubo también
    ¡Juega tresero!

    Coro: Vecina, vecina, vecina préstame el cubo
    Vecina, vecina, vecina préstame el cubo

    RispondiElimina
  2. Basta toccarsi le balle quando si incontrano i vicini!!!

    RispondiElimina
  3. Io sinceramente preferisco più il modo di fare vicinato di Cuba che il nostro italiano,ovviamente entro certi limiti, e cazzi propri al sicuro, a meno che non si è vicini-amici da vecchia data.

    RispondiElimina