mercoledì 5 marzo 2014

A NOSTRO GUSTO

 

Come chiunque abbia acquistato una casa a Cuba sa, uno dei primi compiti che ha dovuto affrontare e' stato quello di "occidentalizzarla".
Chi invece ha nel mirino l'acquisto, visionando diverse unita' abitative, si trovera' spesso ad avere a che fare con venditori che gli ripeteranno all'infinito "la casa esta hecha, completica, no tieni que hacer nada, esta' lista para poder vivir".
Cazzate.
O meglio, ci si puo' vivere dentro, se non ci andate a vivere voi col vostro bianco culetto da yuma.
Le opzioni sono due.
O vi costruite la casa o ne comperate una gia' fatta.
Nel primo caso la farete a vostro gusto, nel secondo dovrete modificarla a vostro gusto.
Una casa fatta, finita e abitata da cubani per quanto bella e lucida possa essere necessitera', se ci andiamo a vivere noi, di tutta una serie di modifiche ed aggiustamenti.
Tutta roba costosa e che pregiudichera', durante i lavori, la salute del nostro organo epatico.
Ripeto, non fatevi fregare, una casa se va bene per loro, quasi mai va bene per noi, a meno di non voler vivere "a lo cubano".
Mettete in preventivo che la casa sara' stata fatta al risparmio, sopratutto se in prospettiva di una vendita.
A Cuba c'e' il problema dell'acqua, bisogna accertarsi che ci siano cisterna e turbina e che il tanke sia della capienza giusta, meglio se sono 2.
L'impianto elettrico quanti fili ha?
C'e' il 220? Ci sono abbastanza prese per le nostre necessita'? Le prese sono ad "altezza dita di bimbo?"
Il bagno com'e' fatto?
Noi italiani diamo estrema importanza a questa parte della casa, loro no.
Se il familion e' numeroso non sarebbe male programmarne 2, e poi...il bidet c'e'?
Ragazzi, a me di pulirmi il culo nel lavandino proprio non mi va'...non so voi.
Ma si trovano i bidet dove vivete?
C'e' una stanza solo per noi?
Una off limits dove poter sentire musica, lavorare al pc, farci i cazzi nostri in santa pace senza che NESSUNO ci metta il naso?
Se la casa e' gia' fatta quale cemento e' stato usato?
Quali mattoni?
Il tetto come e' messo?
Alle prime pioggie i muri si alonano di umidita' oppure le cose sono state fatte in un certo modo?
Los papeles sono a posto?
Il terreno sopra il quale sorge la casa di chi e'?
Se le cose non sono state fatte per benino da chi vende, e' possibile che l'avido stato cubano si faccia vivo.
Ragazzi comperare casa e' solo il primo passo, poi occorre renderla funzionale alle nostre esigenze che sono ben diverse dalle loro.
Conosco chi, a Tunas, per costruire, ha inviato tutto dall' Italia, ma proprio tutto.
Mettete in preventivo che maniglie, manopole e bocchettone delle doccie, serramenti in genere e' sempre meglio portarli da qua' perche' quelli che si trovano la' no sirvono.
Avendo comperato da un'italiano molti di questi problemi li ho bypassati, ma cio' non toglie che in estate, pur nel contesto di una casa fatta come si deve, qualche lavoro andra' fatto.

26 commenti:

  1. Pietro. Ciao a tutti e complimenti per il blog sempre interessante e pieno di dritte utili. Anche io ho in progetto di comprare casa a l'avana. Parto per comprarla a aprile e ho preso il biglietto con blu panorama sul loro sito però è la prima volta con loro e l'organizzazione lascia a desiderare. Siccome non sono una lince in internet ho chiamato il call center per sapere se dovevao poi mandarmi il biglietto per email. Mi hanno risposto dall'albania (bahhhh) e mi hanno detto che si me l'avrebbero mandato. Dopo 3 giorni ho ricevuto una mail dove c'è scritto il codice di conferma e il numero di riferimento e tutti gli altri dati. Penso che è questo che devo presentare giusto? Il call center nonlo richiamo anche perché sono scortesi e non sanno niente. Qualcuno ha già comprato su internet con blu, qualcuno può aiutarmi. Grazie a tutti grazie aston villa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pietro devi stampare la conferma dell'acquisto che ti hanno inviato loro, tu stampa tutto quello che ti hanno inviato via mail, e lo porti in aeroporto, con quei documenti poi ti danno il biglietto....ma ricordati di fare anche il visto e l'assicurazione.

      Elimina
    2. Ciao Pietro
      Il loro cal center e' in linea col livello della compagnia, una merda.
      Pochi giorni prima della partenza ti arrivera' il biglietto elettronico e con quello vai al check

      Elimina
    3. Dipende Valter, alcune compagnie ti mandano via mail direttamente il biglietto elettronico.
      Comunque c'e' scritto

      Elimina
    4. Pietro. Grazie ragazzi speriamo bene. Anche se la mail me l'hanno inviata solo dopo averli chiamati e di biglietto elettronico non mi hanno parlato. Riguardo l'assicurazione la faccio si, anche se mi hanno detto che si può fare pure lì ad un costo maggiori ma poi ti compre davvero. ciao a tutti

      Elimina
    5. Dipende quanto stai a Cuba, se ci stai 2/3 settimane meglio farla qua' e ti togli il pensiero

      Elimina
  2. Mi è capitato di passare due settimane in una casa privata (irregular) alla Guinera - chi frequenta Arrojo Naranjo a L'Avana sa che si tratta di un posto dove un turista non paserebbe neanche un giorno della sua vita, ma personalmente frequentando quel barrio sono venuto a contatto con la cubanità che poi ho rivissuto attraverso le immagini del film Habana Station-. Una piccola abitazione con un ingressino, un quarto con la cama, un bagno e una piccola cucina. La cosa che più mi ha stupito e per quale ho provato un senso di disapprovazione riguarda il fatto che benchè ci siano le porte dappertutto, sul muro, che separa il bagno dalla cucina è aperto un grosso finestrone senza vetri che si affaccia proprio sul lavabo. Tanto grosso che ci passa una persona, infatti la negrita, che non è certo un'alice, è transitata attraverso questo varco quando la porta del bagno é rimasta chiusa dall'esterno. Mi sono sempre chiesto come si possa aver lasciato un ingresso privilegiato ai maleodoranti olezzi del cesso liberi di espandersi nella stanza dove l'igiene dovrebbe essere massima e per tutta la casa, dal momento che la cucina e' l'unico locale senza la porta. pedro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per questo dico che le case che acquistiamo vanno occidentalizzate.

      Elimina
  3. Frequento la giunera perche mia moglie ci e nata e ho tutti i cognati e nipoti,io ho comprato casa nel capri ottimo quartiere,silenzioso gente per bene,una zona residenziale(pedro conoscera la zona)dietro al policlinico.paolino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel satanasso di Pedro conosce ogni anfratto della capitale...

      Elimina
    2. Conosco molti posti, ma non tutti, spero di approfondire in un futuro non troppo lontano. Per quanto riguarda il Capri, lo so dov'è. Io arrivavo a piedi da casa che si trova vicino a quella grande vasca d'acqua fino alla lima de el Capri dove stanno le baracche che vendono gli alimendos.p.

      Elimina
    3. Ma quante ne sai amico mio...?

      Elimina
    4. vida en el barrio.... sinceramente a volte un gran rompimento di coglioni. Non sapresi se riuscissi a resistere a lungo. Ho voluto provare a vivere due settimane un pò alla cubana.... ma è dura. L'unica certezza è la cama.p.

      Elimina
    5. No, vivere a lo cubano ni muerto...

      Elimina
  4. EL LOCO dipende dalle disponibilita',dal tipo di vita che si vuole fare e dall'utilizzo della casa.

    RispondiElimina
  5. Secondo me se la casa uno se la tiene per viverci è meglio che sia arredata e rifinita all'occidentale, mentre se devi poi rivenderla credo non conviene sbattersi più di tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh...se noi compriamo, soitamente e' per tenercela, sono loro che le mettono a posto alla bene e meglio per poi rivenderle

      Elimina
  6. ho abbattuto e ricostruito con il solito raddoppio.....ma la fugacita' dei tempi e delle situazioni mi porta adesso ad avere una idea diversa e semplificatoria.....uniche cose essenziali per me sono 3 ed in ordine di importanza:
    1) bagno con wc, bidet e doccia chiusa...scarichi e deposito acqua sul tetto per poterne sempre disporre per caduta...pompa riempie el tanque..
    2) porta della camera con chiusura con chiave e sbarramento antiintrusione.....
    3) zanzaziere alle finestre
    tutto il resto ha meno importanza persino l'aria condizionata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sostanzialmente d'accordo, ci aggiungerei un po' di patio

      Elimina
  7. Necessito una scheda tecnica sui passi per acquistare casa nella Isla.
    Mi pare che la procedura sia molto diversa da quella italiana....A Cuba prima si firma il compromesso e poi si controllano i papeles? O ho capito male?
    Io qui in Italia prima controllo e poi firmo, o firmo condizionando la proposta alla regolarità anche urbanistica dell'immobile.
    Se riuscite a darmi i passaggi precisi, anche sotto un profilo cronologico...ve ne sarei davvero grato. Ho visto che ci sono già dei post, ormai un po' datati, sul tema.
    Grazie in anticipo e un saluto a tutti!
    Gari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gari mica siamo scesi dalla montagna con la piena.
      Vedi la casa, se ti piace vai col propietario da un legale o alla vivienda coi documenti per verificare che tutto sia a posto.
      A quel punto si parla di denaro,non prima.

      Elimina
  8. Io sono in trattativa per un appartamento all' Havana dietro all'ambasciata degli Stati Uniti, in una palazzina a 2 piani completamente ristrutturata 10 anni fa.
    Il prezzo chiaramente è medio-alto rispetto alla maggior parte delle case che avevo visto (la lisa, cerro, habana vieja), ma si tratta di una casa europea a tutti gli effetti, arredata con gusto (aria condizionata a split, frigo americano, faretti, bidet...) e in una posizione ottima (dal terrazzo si vede il Malecon)
    Tra l'altro, passando tramite agenzia pseudo americana, chiaramente pagando, ho avuto alcune certificazioni sui materiali e sugli impianti. Sembrerebbe tutto ok.
    Ora devo solo verificare che il vicinato non spari a palla reggeton dalle 8 del mattino e poi procederò all'acquisto.
    Se vuoi una casa stile europeo-americano chiaramente devi pagare di più, ma a Torino con quei soldi prendevo un bilocale anni 60 a Falchera...

    Un abbraccio.
    Simone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul valore di quelle certificazioni mi permetto di avere qualche dubbio, per il resto la zona e' ottima e il valore della casa aumentera' sicuramente.

      Elimina
  9. Bisogna fare attenzione x non finire come i due buontemponi del film facciamo fiesta convinti di aver fatto l'affare della loro vita acquistando il torreon di Cojimar e la sola gliela aveva fatta proprio un italiano come loro, ma molto cubanizzato. P.

    RispondiElimina
  10. In effetti di merda ne abbiamo e ne esportiamo...

    RispondiElimina