lunedì 17 marzo 2014

PERCHE' LA RP?

 

Durante il mio ultimo viaggio a Cuba sentivo molto parlare, da parte dei frequentatori di lungo corso e da chi nell'isola ci sverna passandoci lunghi periodi, sull'opportunita' o meno di chiedere la Residenza Permanente.
Fra l'altro ne discutiamo qua', ciclicamente, noto che l'argomento raccoglie un certo interesse.
Credo che molti affrontino un eventualita' simile molto, troppo alla leggera.
Chiedere la Residenza Permanente, in un paese diverso dal nostro, e' una scelta importante che va' meditata e pensata.
Se poi il paese e' Cuba, con la sua macchinosa burocrazia, bisogna pensarci un centinaio di volte di piu'.
Le persone che, a mio avviso, fanno bene a richiederla sono quelle che effettivamente risiedono a Cuba per tutto l'anno.
Oramai la maggiore delle Antille e' la loro casa, in Italia ci vengono un mese all'anno, tutti gli interessi sono rivolti verso l'altro lato del bloqueo.
In quel caso occorre anche tenere presente il fattore salute.
Ovviamente una buona assicurazione va' sempre fatta, ma se dovessero insorgere problemi seri, c'e' sempre la possibilita' di spostarsi a La Habana, il solo luogo con ospedali decenti.
A quel punto vedere, utilizzando lo status di residente ma anche quello di yuma..., di risolverli senza dover rientrare nel bel paese.
In tutti gli altri casi, parlo di gente che passa a Cuba fino a 6/7 mesi, la RP puo' servire, ma se ne puo' fare anche tranquillamente a meno.
Una delle ragioni per cui viene richiesta e' la possibilita' di bypassare il problema dei 3 mesi, potersi fermare oltre, senza lasciare il paese dopo i fatidici 90 giorni.
Se il problema e' questo, esistono almeno altri 2 sistemi per risolverlo.
Uno e' il matrimonio, vero o fittizio, che ci permette di vivere nel paese per 6 mesi filati.
L'altro metodo e' l'universita'.
Ai 3 mesi canonici si possono agganciare quelli relativi ad un corso universitario, ottenendo cosi' una sorta di residenza temporanea, con tanto di carne' speciale.
I costi sono, indicativamente di 70/100 cuc al mese scorporando il costo intero del corso.
In questo caso ti eviti anche la moglie fra i santissimi.
Un'altra ragione per cui viene chiesta la Rp, e' quella di poter aprire un'attivita' da cuentopropista.
Vista la situazione, tutta in divenire, che esiste in questo settore, se la motivazione e' questa, direi che i tempi ancora non sono maturi per mettere bene i puntini sulle canoniche i.
La motivazione piu' seria a supporto della richiesta rigurada la possibilita' di intestarsi il 50% di un immobile.
A rimorchio viene il fatto che, se c'e' un figlio di mezzo e si divorzia, non la si perde.
Esiste la possibilita' di intestare unicamente a se stessi l'eventuale secondo immobile.
Qua' pero' gia' andiamo avanti nella storia, di ognuno di noi, di alcuni anni.
Teniamo anche conto che, la Residenza permanente, ci puo' venire tolta in qualunque momento, in presenza di una giusta causa.
Che poi, la causa, sia giusta o meno stara' a loro, non a noi, stabilirlo.
Ricordo per l'ennesima volta e malgrado cio' che affermano alcuni idioti che, anche in caso di RP, le eventuali controversie legali noi, culi bianchi, le paghiamo, salatamente, in cuc.
Ce' anche il discorso legato al carro.
Se pero' si e' stati baciati dalla fortuna, trovando una donna che sia degna di questo nome, il problema e' bypassabile.
Fra l'altro oggi la policia chiude un occhio e mezzo nel caso in cui, noi turisti, veniamo beccati alla guida di un'auto con targa differente dai tur...
La Residenza permanente offre alcuni vantaggi, direi quelli che ho citato, tralasciando la possibilita' di prendere l'Astro piuttosto che il Viazul o l'accedere per pochi cuc ai voli interni che vi lascio tutti...
Pero' ti priva dello status di turista, status che regala altri vantaggi non indifferenti.
Rinunciare ad essere una risorsa per il paese per trasformarsi in un costo per lo stesso e' una cosa che va' ben pensata.
Anche in presenza di una casa intestata a noi, se per una ragione o per l'altra la Rp ci viene tolta, che fine fara' la casa stessa?
Meditate, anzi meditiamo bene...

16 commenti:

  1. tutto giusto quindi bisogna trasformarsi da turista che porta dollari in cuentapropista che paga tasse.....e allora si.
    quelli che vedo sono cuentapropistas per avere e non ancora per dare...
    La volpe penserebbe che l'uva non e' ancora matura.....o no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Raul l'ha pensata mica male.
      Licenzia 500000 dipendenti, alcuni di loro li trasforma in cuentapropisti.
      In pratica un costo diventa una risorsa...
      Chiamalo fesso.

      Elimina
  2. EL LOCO Credo che serva solo in casi particolari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serve, se si ha in programma di trasferirsi in pianta stabile, o quasi.

      Elimina
  3. Milco ma se ad esempio uno alla fine dei 90 giorni decide di uscire da Cuba, dopo quanti giorni può rientrare per riavere i 3 mesi nel caso non abbia RP?
    Bisogna vedere in questo caso quanto si spende per un volo a Miami, oppure in Rep.Dominicana, per uscire, e quanto si spende per il corso universitario.

    RispondiElimina
  4. Non e' che decide, a meno di non avere il passaporto canadese, DEVE uscire.
    Con lo stesso aereo con cui esce puo' rientrare.
    Ad es. se vola per S.Domingo, poche ore dopo puo' essere di nuovo a Cuba.
    Non sono 3 mesi subito ma un mese per volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il costo ,quando c'era il volo su S.Domingo da Santiago era, compreso il taxi che aspettava ore, sui 500 dollari.
      oltre al gran sbattimento...
      Un corso vale decisamente meno.

      Elimina
  5. Per una Cubana che viene in Italia come turista ha ugualmente modo di farsi un giro a Nizza e rientrare per altri 3 mesi o deve per forza tornare a Cuba?

    RispondiElimina
  6. Tre mesi per Shenghen e poi a casa.

    RispondiElimina
  7. Concordo, la RP ha un senso solo se ci trasferiamo in pianta stabile, 11-12 mesi l'anno....ma... a parte pensionati e benestanti con rendite cospicue, quanti di noi si possono realmente permettere di vivere 6 mesi all'anno a Cuba e 6 mesi all'anno in Italia?
    Se io facessi così, di sicuro perderei il giro lavorativo in Italia (sono autonomo)...
    Tremendo problema che mi angustia e che mi farà giocoforza optare per la RP qualora alla fine decidessi il grande salto, con annessa attività in cuentapropismo, perché di rendita purtroppo non posso vivere...
    Gari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domani parlo giusto di un'argomento simile

      Elimina
  8. Con la rp si puo`' stare 2 anni fuori da Cuba, ci si puo` intestare la casa e l'attivita' cuentapropista, intestarsi la macchina: i vantaggi sono palesi considerando che la rp si mantiene vivendo per 2 anni fuori Cuba. Franz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto da queto punto di vista i vantaggi ci sono.

      Elimina
  9. Un'altra possibilità è il volo in Messico, costa meno che per la RD.
    A.P.

    RispondiElimina
  10. Pero' devi andare a La Habana...

    RispondiElimina
  11. Buongiorno, io lavoro 11mesi l'anno all'estero europa America Asia, ho una compagna cubana che sto per sposare e una residenza italiana che mantengo per poter viaggiare liberamente dove voglio per lavoro.
    Vorrei lasciare la casa in Italia che mi costa 10 mila € l'anno per trasferirmi da sposato a cuba.
    Ora mi chiedo se mi sposto a cuba, investo i miei soldi la, per avere una casa cointestata senza la preoccupazione di perderla, mantenendo i diritti italiani quale italiano che sono, cosa devo fare?

    RispondiElimina