giovedì 10 aprile 2014

ESSERCI O NON ESSERCI?

 

L'altro giorno su messenger "chiacchieravo", di rientro dal lavoro al gimnasyo, con un amico capitolino ( la nostra capitale), "tunero" che ha salutato l'Italia alcuni anni fa', e ora si divide fra il balcon sull'oriente cubano e il Mexico, dove si trova attualmente.
Parlavamo della casa de renta, lui conosce bene sia la casa che il barrio, per averci vissuto per un lungo tempo.
Ad un certo punto mi ha detto "Si, Milco, ma devi sta' li, co' tutti quei pedofili che ciavemo a Tunas..."
In effetti il problema e' reale.
Allargando il discorso, si possono fare considerazioni sul gestire un'attivita' commerciale senza essere sempre in loco.
Da settembre ad aprile posso dedicare a Cuba non piu' di 4 mesi, uno si e uno no.
E' sufficente per avviare un'attivita' o occorre essere maggiormente presenti?
E' un problema che tocchera' la prossima stagione, dopodiche scadranno i 2 anni che ho assicurato, come mia presenza, al mio socio della palestra.
A quel punto potro' valutare se e come continuare, oppure vendere il mio 50%, fare cassa e liberarmi del tempo per Cuba.

Arrivando comunque al massimo a 6 mesi, col l'agenzia di piu' non posso.
In effetti il problema sollevato dal mio amico e' importante, conoscendo sopratutto una certa tipologia di stranieri, molti di loro italiani, che frequentano Las Tunas.
In soldoni; con le chiavi di casa in mano, e nessuna duena nei dintorni, non dovrebbe essere difficile introdurre in casa una fanciulla con tanto di divisa scolastica addosso, o che ha "dimenticato" el carne'.
Ovviamente coi vicini che vedono, el chisme, l'jefe de sector ecc ecc.
Dell'attivita' si occuperanno suegro e suegra, gente dal punto di vista umano, spettacolare...fin troppo.
E' gente che ha vissuto e operato a La Habana, abitato per anni al Vedado, lui aveva la "firma", quindi un po' il mondo degli stranieri lo conoscono.
Ma sara' sufficente?
Avranno quella irremovibile...tolleranza che contraddistingue una buona duena, diventata tale con anni e anni di esperienza?
Esperienza maturata ospitando brava gente ma anche autentici pezzi di merda.
Io conosco bene il mondo degli stranieri che frequentano Tunas, loro no, dovranno impararlo a forza di errori, valutazioni sbagliate, cannando il livello di confidenza da dare e cose simili.
Posso permettermi di gestire a distanza un'attivita' da cui dovrebbe entrarmi non meno del 70% del mio reddito cubano?
E' anche vero che mi bastano una ventina di clienti, alcuni saranno i non pochi conoscenti che ho in citta', altri arriveranno dal blog, altri sono amici che frequentano Tunas per periodi piu' brevi e con cui sono in perenne contatto, altri ancora...da qualche amico corredor.
Non ho esigenze dell'altro mondo, pero' quello che arriva andra' gestito in un certo modo, occorrera' fare selezione fra la merda e la cioccolata.
Ho sicuramente piu' esperienza di loro in questo settore, per questa ragione spero che i 4 mesi basteranno per avviare bene l'attivita'.
Bisognera', sopratutto coi clienti nuovi, fare attenzione a cio' che entrera' in casa, non e' solo una questione di minoreni; ci sono le ladre, le civate, quelle troppo appariscenti, i bicitaxi e tante altre variabili.
Essere troppo tolleranti e' uno sbaglio, non esserlo anche...quindi va' trovato il giusto equilibrio.
I clienti avranno le chiavi, molti vorrano anche mangiare, quindi chi di dovere dovra' fare la spesa, sguarnendo il forte, occorrera' fare molta attenzione.
Quando sara' il momento di pagare occorrera' essere presenti, per non dover poi rincorrere il fenomeno in giro per aeroporti.
Tante piccole e grandi cose che comunque richiedono una presenza e non un'assenza, probabilmente sono problemi dei primi mesi, del primo anno, poi la cosa dovrebbe entrare in automatico.
In piu' in zona ci sono altre case de renta, quando si sapra' che dietro c'e' uno straniero, el chisme salira' alto, cosi' come le "segnalazioni" in caso di condotta...un po' boder line da parte dei clienti.

Dovro' valutare se e quanto sara' utile la mia presenza in loco.
Tutti piccoli problemi che pero' vanno affrontati e risolti nel piu' breve tempo possibile.

24 commenti:

  1. Lascio questo link molto interessante di un analisi sulla nuova legge di investimenti: http://cuba-economia.blogspot.it/2014/04/dudas-sobre-la-politica-de-inversiones.html?utm_source=twitterfeed&utm_medium=twitter
    Piú tardi ti daró le mie impressioni e sensazioni sul post "Esserci o non esserci"
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attendiamo Marco...tanto sono in palestra fino alle 21....ho tempo

      Elimina
  2. Mah,io non ho esperienza in merito ma se ne sentono di tutti i colori.
    Per esempio,qualche settimana fa,la polizia è entrata nella casa di una suocera di un mio amico (la suocera era qui e la casa era affidata a delle nipoti) e senza un apparente motivo si sono portati via del contante e qualche elettrodomestico.Roba da matti.Sono cose da considerare anche queste.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh...una ragione ci sara' stata.

      Elimina
    2. Spesso a Cuba certe situazioni non sono dettate da ragioni ma da situazioni puntuali molte volte non direttamente collegate fra di loro.
      Marco

      Elimina
  3. Gestire un'affare e' complicato gia' quando ci sei. A Cuba lo e' mille volte di piu'.Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti e' questo che mi da' da pensare, tutto si risolve, pero' nei tempi e nei modi giusti

      Elimina
  4. Ragazzi ampliando il discorso, nella nuova ley parlano anche di beni immobili.
    Sicuramente sono un po' tardo io...ma non ci ho capito moltissimo...
    Qualcuno traduce in un linguaggio terra terra?

    ARTICULO 16. 1.-Al amparo de esta Ley se pueden realizar inversiones en bienes inmuebles y adquirir su propiedad u otros derechos reales.
    2.-Las inversiones en bienes inmuebles a que se refiere el apartado anterior, pueden destinarse a:
    a)Viviendas y edificaciones, dedicadas a residencia particular o para fines turísticos propios, de personas naturales no residentes permanentes en Cuba;
    b) viviendas u oficinas de personas jurídicas extranjeras;
    c)desarrollos inmobiliarios con fines de explotación turística.

    ARTICULO 18.-Las condiciones y términos bajo los cuales se debe realizar la adquisición y transmisión de los inmuebles a que se refiere el Articulo 16 de esta Ley, se determinan en la autorización y se ajustan a la legislación vigente

    In soldoni...cosa vuol dire?.

    RispondiElimina
  5. Premetto che le mie considerazioni sono basate su esperienze personali vissute e sulle quanto conosco di Cuba, tutte cose acquisite in 20 anni di frequentazioni dell’isola di cui gli ultimi 10 da residente.
    Se in generale credo che per avviare e mantenere un’attività è necessario vivere intensamente la stessa, sul posto o comunque in condizioni tali che permettano azionare tempestivamente all’insorgere di eventuali contrattempi, penso che nel caso di Cuba questo sia ancora più necessario ed importante; già essendo in loco è molto difficile capire a fondo e razionalmente le dinamiche di un paese talmente istrionico che le stesse, ad uguali condizioni, possono essere totalmente diverse…in un banale esempio a Cuba anche qualcosa di molto naturale come un temporale o semplice come l’acquisto di una bottiglia d’acqua può sconvolgere gli equilibri.
    La mia esperienza purtroppo mi ha dimostrato che a Cuba e dei Cubani non ci si puó mai fidare in tranquillità e non si può mai sapere come sarà il domani o chi è amico o nemico (spesso sono le due cose allo stesso tempo; leggendo il tuo post e quindi basandomi sulle informazioni che lì ci sono darei un margine di insuccesso alla tua iniziativa di un 70% nel breve periodo e di un 80% nel medio, per intenderci sarebbe come investire in buoni del tesoro argentini emessi nel 2000.
    Marco

    RispondiElimina
  6. Marco condivido in pieno ma resto dell'idea che la vita vada vissuta a pieni polmoni.
    Se va bene me la godo, se va male non versero' una lacrima.
    Ma la posso permettere e la cosa, comunque vada, non modifichera' di una virgola il mio tenore di vita.
    Quindi ci provo...e vi racconto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido pienamente!Marco

      Elimina
  7. Secondo la mia interpretazione: se investi a Cuba ti permettiamo comprare una casa perché si suppone sarai spesso quí anche se non sarai residente permanentemente nel paese,il tutto alle condizioni che regolano attualmente la compravendita di immobili per i residenti.
    Marco

    RispondiElimina
  8. Quindi prima investi in altri settori e poi, semmai, ti comperi la casa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si puo dire di si,credo sia l'interpretazione piu vicina a quanto leggo il che non significa che sara cosi o si applichera in questo modo,anzi a Cuba quanto piu e logica una cosa quanto meno si applica in quel modo!
      Marco

      Elimina
  9. Concludendo si tratta di un percorso fatto da altri prima di me, di noi.
    A qualcuno e' andata bene ,ad altri no.,
    Pero' non ho mai conosciuto un pessimista che riuscisse a combinare qualcosa nella vita, se il bicchiere lo vedi sempre mezzo vuoto fai una mezza vita.
    Questo non vuol dire non vedere i rischi o i problemi ma essere pronto ad affrontarli.
    Possiamo non fidarci di nessuno, dire che sono tutti ladri e puttane e piangerci addosso oppure cercare, con tutte le difficolta' che conosciamo di ritagliarci il nostro cantuccio in mezzo a perone per bene e in un contesto vivibile per i nostri standard.

    RispondiElimina
  10. Termino con una frase del mio amico Gugumarino.
    "Non voglio vincere, ma solo provare a partecipare".

    RispondiElimina
  11. Scusa anche sr non c'entra un c.. ma il flaquito che fine ha fatto. Pedro

    RispondiElimina
  12. Non lo sento da parecchio, l'ultima volta, se non ricordo male, gestiva un locale ai Murazzi a Torino.

    RispondiElimina
  13. Purtroppo Milco sono responsabilità, a 360 gradi, con l'"aggravante" che sei a Cuba dove la povertà nei cubani è di casa, e ci vuole un secondo a fare l'uomo ladro...io fossi in te gestirei il lato economico a distanza, anche se non sei a cuba presente,pagamento anticipato della vacanza, così la duena ha solo il compito di pulire e fare da mangiare. Poi sono cose soggettive, se tu hai molta fiducia nei suegri allora i problemi diminuiscono, perkè i veri problemi sono quelli economici, di farsi pagare il dovuto e subito x evitare problemi.

    RispondiElimina
  14. Mah...di solito il farsi pagare e' il problema minore, anche perche' con una denuncia sul groppone e' difficile imbarcarsi, i problemi sono altri.

    RispondiElimina
  15. Propio per prevenire problemi e casini il titolare della licenza di casa de renta puo' assumere con contratto i lavoratori della casa: custode. cuoca ecc. Sopratutto cuando el dueno é lontano puo' tutelare. Io mi fido piu' d'un amico d'annata che dei suoceri del momento. Framz

    RispondiElimina
  16. Mah...ognuno ha la sua storia caro Franz...vamos a veer

    RispondiElimina