sabato 19 aprile 2014

NON HANNO CAPITO NIENTE...

 

Dopo una settimana in cui abbiamo parlato di situazioni interessantissime, ma comunque impegnative, oggi "alleggerisco" un po' la lettura.
Il primo maggio iniziamo la stagione, la piu' lunga da quando ho l'agenzia, siamo all'undicesima estate, che terminera' il 20 settembre.
Per le partenze di maggio, quelle venete, sono quasi a posto, mi manca ancora un bagnino ma e' per il 15, quindi ho tantissimi curriculum e un discreto tempo davanti per scegliere con calma.
Abbiamo messo una serie di annunci per ricerca personale, oltre alla mia mail e a quella del mio responsabile del personale (un vecchio pretoriano, Capo Villaggio, che mi da' una mano) abbiamo inserito anche i nostri numeri telefonici.
La prassi e' che i candidati mandino il curriculum, quelli interessanti li contattiamo, successivamente, noi.
C'e' pero' sempre qualcuno che bypassa la procedura chiamando direttamente.
Ieri pomeriggio mi ha chiamato un cubano.
Visto l'italiano zoppicante (ma per il Veneto, come bagnino, con la clientela internazionale, questo non e' un grande ostacolo) abbiamo proseguito la chiacchierata in spagnolo.
Come ogni cubano presente in Italia....era dell'Avana, precisamente Centro Avana....
Gli ho chiesto quali brevetti aveva, se soltanto quello per acque interne o/e anche l'estensione per quelle esterne.
Mi ha risposto in modo confuso, aveva preso dei misteriosi brevetti a Cuba, per lavorare a Varadero, che qua' non hanno un gran valore, ma al final pare che avesse quello italiano per acque interne.
Quindi al massimo lo potevo mettere in piscina.
Dopo 10 secondi di conversazione ha iniziato a parlarmi di stipendio e di giorni liberi, al che gli ho fatto notare che il primo e' in relazione al tipo di esperienza che aveva da offrirmi, e per quanto riguarda il secondo, al di la quelli che ci sono o non ci sono...era meglio che pensasse ai giorni "occupati" prima che a quelli liberi, vista l'aria che tira.
Mi ha chiesto se poteva, in luglio, far venire con lui la novia italiana.
Gli ho risposto che non stava facendo un colloquio per Gardaland e che, se voleva, poteva alloggiarla, a sue spese in struttura, la presenza della fanciulla non era contemplata nel ruolo che, eventualmente, sarebbe andato a svolgere.
Alla fine mi ha chiesto 2 settimane, le 2 centrali di agosto, quando c'e' il delirio piu' totale, per....andare a Cuba.
L'ho ringraziato per la telefonata augurandogli le migliori fortune future.
Questi non han capito niente...

24 commenti:

  1. Roba da matti!!!paolino.

    RispondiElimina
  2. Hai perfettamente ragione,anzi quando dici "niente" ti meriti tutti i complimenti perché io avrei usato un termine decisamente piú pesante!Ho avuto possibilitá di sentirne di storie cosí e devo dire che I cubani,ma non solo, le protagonizzano spesso e volentieri...mancano di senso del dovere e di cultura del lavoro.
    A me personalmente é capitato qualcosa di simile peró al contrario: dato che sto pensando fermarmi fino a fine stagione mi sono guardato un po' in giro ed hanno cominciato ad arrivare chiamate e qulche proposta; una peró mi ha lasciato con la bocca aperta!
    Mi chiamano da un hotel 4 stelle della mia cittá,vado al colloquio,piú per curiositá, mi spiegano le grandi ambizioni ed esigenze e tutto sommato mi sembra un lavoro facile per quello a cui sono abituato e quindi do la mia disponibilitá per il periodo che chiedono; dopo un paio di giorni mi arriva la seguente proposta: disponibilitá ed orario illimitati, grandi responsabilitá, obiettivi importanti da raggiungere ed uno stipendio di ben...1000 euro al mese!!! Il posto era da direttore residente. Considera Milco che ho 40 anni ed un'esperienza internazionale in catene importanti ed hotel a 5 stelle,in pochre parole oltre ad amare il mio lavoro mi sono sempre fatto un c..o cosí per arrivare dove sono...immagina la mia risposta!!!
    Marco

    RispondiElimina
  3. Il mio normale è riferito al fatto che molta gente ritiene il lavoro un incidente di percorso
    ovviamente hai rifiutato non tanto per la ridicola offerta ma per la totale assenza di considerazione nei confronti del ruolo che una simile proposta contiene

    RispondiElimina
  4. ... alle parole del cubano...... non puo' che seguire una tollerante e fragorosa risata...... se ci incazziamo non capirebbero e ci prenderemmo degli impropri non giustificati per noi. quindi.... ah ah aha ah ah ahahha Robert

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema e' che DIRITTI viene prima di DOVERI solo nel vocabolario, non nella vita reale.

      Elimina
  5. EL LOCO Un bagnino prende mille e piu' euro al mese, non un Direttore.

    RispondiElimina
  6. Per quanto rigurada il bagnino dipende se si gli si deve dare vitto e alloggio o si aggiusta da solo.
    Sono finiti i tempi del bengodi e delle vacche grasse.

    RispondiElimina
  7. Milco, ai miei parenti cubani dico sempre: il vecchio barbudo ha avuto un grande difetto non gli ha spiegato che fuori c'è' un mondaccio dove per mangiare tocca anche lavorare..
    Di mestiere faccio il muratore..e quando ai primi caldi i "locali" mi dicevano che non si poteva lavorare...pensavo alle migliaia di metri di guaina stesa su tetti arroventati, a luglio. Non mi arrabbiavo..sorridevo e pensavo: questi a Fidel gli dovrebbero fare
    un monumento. Per molti anni hanno lavorato quando gli dava la gana..e ora che è' arrivata la globalizzazione, vedono il miraggio del benessere ma non sono minimamente attrezzati...
    Etica del lavoro? Dai non scherziamo...
    Come si dice...vuoi la bicicletta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da anni dico che a Fidel dovrebbero fare un monumento, chi altro avrebbe consentito loro di vivere in quel modo per 50 anni?

      Elimina
  8. aston pero tu sei un datore di lavoro un po esigente
    una mezzoretta ad agosto potevi concederla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che neanche arrivano a 8 ore al giorno e tu sai che la riviera offre molte. . opportunità.

      Elimina
    2. A Rimini stai seguendo su striscia la notizia lo scandalo venuto alla luce sullo sfruttamento dei lavoratori stagionali? Trovi opportunità in riviera se ti imbatti in datori di lavoro onesti, ma sono sempre meno.

      Elimina
    3. Saranno dipendenti di Gugumarino....ahahaha

      Elimina
  9. Questa non è altro che l'ennesima conferma ai mille discorsi fatti qui nel blog sul binomio cubano-lavoro.

    RispondiElimina
  10. Se ci pensate bene sono le due facce della stessa medaglia...perché amiamo tanto Cuba?
    Almeno per me, ma credo per molti, il perché risiede nella vita più rilassata, nel tornare a ritmi più umani, ove al centro vi è la persona e non il lavoro, la musica e non il telefono del lavoro che squilla all'impazzata, il sole e non la nebbia, le palme e non l'asfalto....siamo terribilmente attratti da questo mondo....solo che quando torniamo alla vita di tutti i giorni ci ributtiamo in questo mondo caotico, un po' perché costretti, un po' perché abituati, quasi fossimo drogati di lavoro.
    La morale è che laggiù li amiamo per questa filosofia di vita, mentre qui quasi li odiamo per la medesima filosofia....però alla fin fine viviamo aspettando il momento di ripartire per la Isla,,,,se io trovassi la forza, il coraggio ed il dinero, mi trasferirei laggiù, senza alcun dubbio...
    Gari

    RispondiElimina
  11. Se vogliamo vedere le cose da un'altro punto di vista possiamo dire che apprezziamo quelle cose proprio perche', per noi, sono l'eccezione e non la regola.
    Voglio dire che un conto e' fare un cazzo dopo essersi fatti un mazzo cosi',un'altro concepire la vita come un immensa distesa di giorni dove.,...fare un cazzo e' l'occupazione principale.
    Il problema nasce nel momento in cui si mettono le gambe sotto il tavolo.
    Noi in linea di massima ci paghiamo da soli il conto...noi..

    RispondiElimina
  12. PS: Auguri di Buona Pasqua a Te e a tutti i lettori del blog!
    Restando sul tema lavoro, ieri ho scoperto una cosa assai comica: da quest'anno a Cuba il venerdi santo è giorno festivo...più ferventi cattolici di noi...
    Gari

    RispondiElimina
  13. Ho un caro amico di Commiato che da qualche anno vive a Madrid. Ha sempre lavorato sodo e già a Cuba si divideva tra tanti lavori. Non si è mai vergognato di limpiar el piso o di f svolgere altri compiti poco gratificanti. Alla fine per lui l'importante è guadagnarsi dì che vivere in maniera onesta. Grazie a questa qualità per lui non è stato un problema integrarsi in Europa. Pedro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pedro ovviamente non posso, in ogni post, aggiungere che non bisogna mai generalizzare....

      Elimina
  14. Pedro non contraddire l'Ammiraglio altrimenti si incazza :-))
    Bubusette

    RispondiElimina
  15. Toh....guarda chi riappare dai meandri....

    RispondiElimina