mercoledì 7 maggio 2014

COMUNICARE

 

Periodicamente e' bene tornare a parlare dei modi che abbiamo per comunicare con Cuba.
Tanti sono stati i cambiamenti di questi ultimi anni, cambiamenti che hanno migliorato la qualita' delle nostre modalita' di comunicazione con Cuba, sopratutto grazie alle evoluzioni della situazione da quel lato del bloqueo.
Oramai fanno parte della mitologia i tempi eroici che descrissi in un antico post ;"La Telefonata".
Post che ho poi inserito nel mio primo libro; L'altro lato del bloqueo.
Ricorderete tutti le difficolta', di quegli anni, nel comunicare con la fanciulla o con chi comunque avevamo nell'isola.
Pochi fortunati avevano il telefono in casa.
Ricordo che, ancora oggi, per farsi mettere una linea telefonica, comprandola da qualcuno che ce l'ha, possono non sono sufficienti 400 cuc.
All'epoca la normalita' era rappresentata dalla stramaledetta "telefonica".
Una casa dove c'era un telefono e dove chiamavamo nella speranza di poter parlare con chi di dovere.
La duena doveva andare a chiamare la fanciulla, che quasi sempre abitava ad ettari di distanza, a quel punto dovevamo richiamare dopo un tempo variabile, sperando che la fanciulla fosse rimasta in casa in "trepidante" attesa di nostre notizie.
In caso contrario partiva tutto un mondo di ipotesi...
Poi sono arrivate le nostre linee telefoniche, lasciavamo a Cuba una sim italiana che caricavamo da qua'.
C'era chi, con quel sistema, si giocava l'organo epatico nel vano tentativo di controllare il flusso delle chiamate effettuate dalla fanciulla.
Verso svariate direzioni...
Infine sono arrivate le linee cubane e le doppie ricariche che effettuiamo, eventualmente, da qua'.
Gli sms in partenza da Cuba, tolti rari periodi di promozioni, continuano a costare un cuc l'uno.
Parallelamente al discorso riguardante le telefonate, molti hanno utilizzato il correo per comunicare con la propria bella.
Ricordo gli anni della "scalera della vergogna" a Tunas.
Per decine e decine di fanciulle, venivano destinati 2 vetusti computer dove potevano revisare el correo e inviare mail a loro volta.
In tempo d'attesa su quella scalera da parte delle fanciulle, poteva essere di ore ed ore.
Anche perche, inspiegabilmente, al correo internazionale, i cubani non potevano accedere.
O meglio non potevano accedere quelli che vivevano a Cuba, se avevi invece residenza all'exterior allora...eri uno yuma e facevi quello che volevi.
Ora anche questo problema e' bypassato, pagando.
Con 4,5 cuc all'ora chiunque ( chiunque puo'...) ha diritto di accedere ad internet.
La novita' maggiore e' pero' di questi giorni.
La mia fanciulla ha un correo personale sul lavoro, che ci permette di comunicare in modo ampio e quotidianamente.
Il problema e' che puo', ovviamente, accedervi negli orari e nei giorni di lavoro.
Da qualche giorno pero' ha attivato il correo sul movil.
L'ultima volta che sono stato giu', visto che avevo nel frattempo acquistato il Samsung S4, le ho lasciato il Samsung che avevo prima.
Il suo primo touch, con cui ha sostituito il cipollone che aveva comperato mesi prima, a plazo.
Nessun vizio particolare, ci si divide quello che c'e' in "casa", tenete conto che per la linea cubana io uso un nokia di quelli da 19 euro.
Devo fare, ricevere telefonate e inviare messaggi, a Cuba non e' consentito altro, quindi va' benissimo cosi'.
Il servizio, mi pare, costa 2 cuc al mese e, di fatto sostituisce, tolte urgenze particolari, gli sms.
Infatti quando mi invia un correo, mi timbra e io lo vado a revisar sul mio movil.
Quindi, oltre ad essere pratico e' anche un discreto ahorro, in piu' puoi comunicare piu' volte al giorno senza costi aggiuntivi.
Quando saro' a Cuba per tempi lunghi lo attivero' anche sulla mia linea telefonica cubana, in questo modo potro' vedere le mail di lavoro senza dover andare all'Etecsa.
A questo mi riferivo quando parlavo di situazioni completamente differenti rispetto al passato.
Per quanto riguarda invece le telefonate, prima usavo la Uno Mobile a un euro al minuto, da un annetto a questa parte utilizzo Rebtel.
Non necessita della sim, una chiamata sul movil costa, mi pare, 64 centesimi al minuto mentre su telefono fisso 54.
Tutto cambia amici miei.

46 commenti:

  1. ALCUNI CONSIGLI DIRETTAMENTE DA CUBA---GARI
    Para un mayor ahorro del saldo debemos tener mucho cuidado con las personas a las cuales les damos nuestro correo @nauta.cu, evitando facilitárselo a ciertos personajes de nuestra libreta de direcciones que se caracterizan por inundar los correos casi a diario con power points adjuntos, fotos, chistecitos, cadenas de «si no lo reenvías te mueres mañana», etc. (yo mismo tengo dos o tres de estos inquilinos entre mis contactos de email).

    Recomiendo facilitar nuestros correos @nauta.cu solo a otras personas que usen el mismo servicio (y que por consiguiente serán igualmente cuidadosos con el saldo) o a otros que estemos seguros de que si les explicamos ciertas especificidades (que expondré en los siguientes puntos) las cumplirán sin dificultades.

    - Debemos explicar a las personas que nos envíen emails a esta dirección, que deben asegurarse de no tener texto citado de nuestro correo anterior debajo, pues eso extendería innecesariamente el tamaño del mensaje y por ahí se nos fugaría saldo por gusto. También obviar la inclusión de firmas, que en algunos casos incluyen imágenes, las cuales serían el enemigo número 1 de los correos @nauta.cu.

    - También pedir a sus contactos no usuarios de este tipo de correo que eviten enviar adjuntos (salvo alguna excepción muy urgente o necesaria), y que preferiblemente los manden a otra dirección de correo que podamos tener disponible, en algún dominio gratuito.

    - De ser posible (admito que esto estaría más difícil) pedirle a sus contactos no usuarios de @nauta.cu que envíen sus correos en texto plano (sin formato), ya que la aplicación de formatos de tipo, color y tamaño de letra, colores o imágenes de fondo, etc., incrementa innecesariamente el tamaño del mensaje.

    Otros datos importantes son….

    -El precio del servicio de correo @nauta.cu vía móvil es de 1 CUC por cada MB de datos transferidos (que consiste en lo que enviamos y recibimos), lo cual representa 1 centavo por cada 10 KB. Para entender lo que esto significa a nivel de un correo electrónico enviado o recibido por esta vía, debemos saber que: 1 MB = 1024 KB (no 1000 KB como algunos piensan erróneamente, aunque desconozco cómo lo interpretará ETECSA a la hora de descontarnos); a su vez 1 KB = 1024 bytes; y a su vez (valga la redundancia) cada carácter que escribimos en texto plano (sin formato) representa 1 byte de espacio utilizado (incluyendo los espacios entre palabras, signos de puntuación, todo, cada golpe de tecla que quede reflejado en el texto es 1 byte que insertamos). De esto inferimos que por cada 1024 caracteres escritos en el texto de un correo consumimos 1 KB (no sé si ETECSA lo contará cada 1000, pero vamos a guiarnos mejor por los estándares).

    Si llevamos 1024 caracteres a lo que esto representaría en un SMS, encontraríamos que son 7 SMS, es decir, 63 centavos si es un SMS nacional y 7 CUC si es uno internacional, mientras que por el correo @nauta.cu 10 veces todo este texto (es decir, 10240 caracteres ó 10 KB) se queda en sólo 1 centavo, no importa para dónde sea enviado, si dentro de Cuba o al exterior.

    Los exhorto a todos a contratar el servicio de correo @nauta.cu, cuya activación requiere un pago mínimo de 1.50 CUC (aunque todo lo que consumamos al usarlo por la red móvil se nos descuenta del saldo del teléfono y no de estos 1.50) y después deberá ser recargado 330 días después (esto representa un aproximado de casi 11 meses) lo cual al menos para mí lo convierte en una oferta atractiva, de no recargarlo o reactivarlo nuevamente antes de estos 330 días perderíamos el servicio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spiegazioni giuste e comprensibili per un mondo a cui si affacciano ora.

      Elimina
  2. I messaggi faranno la stessa fine che hanno fatto da noi con whatsapp.Stefano

    RispondiElimina
  3. Mia moglie usa da 2 annetti ENSIP mi pare un sito spagnolo a 59 centesimi al minuto e ci sono in regalo sms da mandare al movil cubano.pero i costi per comunicare al telefono rimangono assurdi e i piu cari al mondo.veramente allucinante pensare che paesi piu poveri o come cuba con gli stessi soldi si parli ore e ore......peccato.per un cubano che vive qua e ha i genitori a cuba e una bella sofferenza purtroppo.idem se noi andiamo a vivere a cuba e abbiamo famiglia in italia.pero certo meglio del passato.paolino.

    RispondiElimina
  4. Vedo che i prezzi più o meno si equivalgono

    RispondiElimina
  5. Anche io uso rebtel ottima applicazione e buona qualità audio e mai avuto problemi con le ricariche, menomale che c'è ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La trovo comodissima sms a 8 centesimi e comoda ricarica con pay Pal

      Elimina
  6. cuballama 0,44 e minillamadas0,39 ecc ecc.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so ma. . sono se mi trovo bene difficilmente cambio

      Elimina
  7. Diverse amiche de L'Havana sono ansiose di avere la possibilità di scrivere e ricevere mail sul telefono. Quindi mi confermi che è un servizio già attivo, che tu stai già usando?
    il progresso .. che gran cosa! ;-)

    con l'occasione vorrei segnalare:

    - la possibilità di invio di SMS gratuiti (1 al giorno) e ricariche/doppiericariche telefoniche per mezzo di un'applicazione di Facebook.
    Uso quotidianamente gli sms e arrivano senza problemi. C'è anche la possibilità di dare un numero al quale (da Cuba) possono inviare (a nostro carico) sms.
    Ho effettuato molte volte anche le ricariche e non ho avuto problemi.
    https://apps.facebook.com/smsacuba/

    - la possibilità di usare Nimbuzz dal proprio PC per telefonare su fissi e cellulari a Cuba (costo 0,62 euro al minuto). Scaricando l'applicazione sul cellulare, chiamo direttamente dallo smartphone con connessione internet o in presenza wi-fi.
    Ottimo servizio audio (credo però che dipenda anche dalla rete dati).
    http://www.nimbuzzout.com/en

    PS Milco, il racconto della telefonata nel tuo libro rimarrà nella storia! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Steno te lo confermo in pieno. Con Claudia lo sto usando da 2 giorni nella mail è specificato che viene inviata da un Samsung.

      Elimina
  8. Rimane sempre anche da considerare:

    *15% VAT is added to all prices for EU citizens. You pay your operator only for you local call or data usage. No connection fees. One minute rounding.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scusami .. intendevo che nei prezzi segnalati c'è da aggiungere sempre una tassa.
      Nimuzz 0,6214 + 21% = 0,76 euro minuto
      Rebtel 0,638 + 15% = 0,74 euro al minuto
      Skype 0,595 + 15 % = 0,69 euro al minuto (più 0,66 euro per scatto risposta)

      Elimina
    2. Ribadisco che alla fine i prezzi si equivalgono

      Elimina
  9. Anche io uso Rebtel,specialmente l'offerta Max Ahorro che con circa 20€ parli 50 minuti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima, peccato che, se non sbaglio, la facciano solo ogni tanto.

      Elimina
    2. Da quando l'ho scoperta l'hanno sempre fatta,anche adesso c'è

      Elimina
    3. Ho visto ma devi consumare i 50 minuti in 7 giorni.
      Chi cazzo ha tutte queste cose da dire.....ahahahaha

      Elimina
    4. Obtienes lo siguiente:

      50 minutos para llamar a teléfonos móviles y líneas fijas de Cuba por 17,90 €.
      Tus minutos son válidos por:

      7 días desde la fecha de compra. Después de 7 días, los minutos no utilizados serán retirados de tu cuenta. Si te suscribes a una oferta, esta será renovada automáticamente cada 7 días.
      Así te cobraremos:

      Los minutos serán deducidos de cualquier oferta disponible en tu cuenta. Si no tienes una oferta válida para el destino llamado, tu crédito Rebtel será utilizado. Rebtel no cobra cargos de conexión. Un redondeo al minuto superior se aplica a todas las llamadas.
      Recuerda:

      La oferta no es transferible y no es reembolsable. Son excluidos los números premium, especiales, de servicios y no geográficos. Rebtel se reserva el derecho a bloquear cualquier número que haya sido usado para abusos.
      IVA:

      15% de IVA son agregados si la dirección de facturación de su tarjeta es de un país de la UE.

      Elimina
    5. C'è anche l'opzione Gran Ahorro,50 minuti in 30 giorni

      Elimina
    6. Fatta, sono 52 centesimi a minuto invece che 64.

      Elimina
  10. Non vorrei andare controcorrente, ma quando ho conosciutn mia moglie dieci anni or sono comunicavamo con la Edicard latina alla publica con il sistema che tu hai descritto.Non esistevano ne'movil ne' correo electronico.Io la preferivo cosi'.Capisco pero'che per alcuni di voi che ci passano diversi mesi e'meglio adesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All'epoca c'era poco da scegliere, oggi se lei non vive in una zona priva di copertura o noi abbiamo i caimani nelle tasche le cose sono molto piu' semplici.
      Anche io ho nostalgia per la ford escort che avevo a 18 anni...ma viaggio meglio ora.

      Elimina
  11. Ciao, io utilizzo DimeCuba.com e mi trovo divinamente.

    Chiamate a 0,50 €/min
    Sms a 0,05 €/cad
    Messaggi vocali a 0,18 €/cad

    Ti crea un numero alias Italiano collegato a ogni numero cubano che aggiungi alla rubrica, quindi comodissimo perchè chiami direttamente dal tuo cel senza inserire codici o altre menate.
    Unica cosa è che devi considerare il costo della chiamata italiana, ma se hai piani tariffari con minuti inclusi, non hai problemi, altrimenti puoi chiamare anche tramite Skype e risparmi anche quella.

    RispondiElimina
  12. Rebtel funziona nello stesso modo, sono entrambe valide prima usavo dime cuba ma mi pare, che la qualita' della telefonata con rebtel sia migliore.
    Magari e' solo un'impressione.

    RispondiElimina
  13. Per un certo periodo ho usato anche 007voip.com,qualità delle chiamate molto alta.Come costi siamo sui 54cent

    RispondiElimina
  14. ciao io uso cuballama, provate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona dritta anche questa

      Elimina
    2. Anche io con cuballama...recargas y llamadas seguras
      Gari

      Elimina
  15. Anche io con cuballama mi trovo molto bene, anche se nel 2014 è vergognoso trovare tutte queste difficoltà per parlare con una persona a 10 mila km di distanza, più che difficoltà prezzi assurdi, vedendo che in Italia ti tirano dietro minuti,sms,ecc. Non dico tanto per chi usa il movil solo per parlare con amici o novia, ma chi col telefono ci deve lavorare, vista anche l'ultima legge approvata, come cazzo è possibile complicare la vita così alle persone?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È la solita storia
      Dove comanda uno solo non esiste concorrenza

      Elimina
  16. Ho iniziato con le telefonate alla fanciulla che viveva nel campo e dall'altra parte del filo arrivavano rumori di fondo con canti di gallo. Poi,arrivato nella capitale e cambiata fanciulla ho avuto una linea intestata a me e il mobil lasciato regolarmente a Cuba. Poi c'è stata la scoperta del correo e lo scambio della mail con i contatti che conservo sull'isola. Pedro.

    RispondiElimina
  17. La linea intestata a noi da quel che mi risulta, da qualche anno non ce la concedono più. Pedro parli di un pò di anni fa.

    RispondiElimina
  18. Molti amico mio.

    RispondiElimina
  19. Salve Milco!
    Ti segnalo un articolo dedicato ai mutamenti in atto a Cuba, Anno 2014, come cambia Cuba: http://www.cronacheinternazionali.com/anno-2014-come-cambia-cuba-5362 .
    Un abbraccio e a presto!
    Francesco.

    RispondiElimina
  20. Il 2014 sarà un anno cruciale per l’«Isola di Fidel». Il 29 marzo è stata approvata la Legge sugli Investimenti stranieri, la cui entrata in vigore è prevista per la fine di giugno. Una riforma che segue la liberalizzazione del mercato immobiliare (il Decreto legge 288 del novembre 2011 ha modernizzato la Ley general de la vivienda) e di quello automobilistico (da dicembre 2013 l’acquisto di veicoli non è condizionato alla controversa carta de autorización, ma i prezzi restano proibitivi rispetto ai pressoché simbolici stipendi statali). E che precede l’attesa rivoluzione monetaria, che dovrà mettere il punto finale sull’ormai ventennale regime di doppia circolazione valutaria. Gli ultimi boatos riferiscono che l’attuazione delle misure potrebbe realizzarsi entro l’anno. E tuttavia le attese maggiori riguardano i piani della compagnia Etecsa (Empresa de telecomunicaciones de Cuba S. A), che prevedono – «forse» entro il 2014 – l’ampliamento dei servizi web alla telefonia mobile e alle abitazioni private. Intanto, in queste ore, sono iniziati i negoziati tra L’Avana e l’Unione europea, in vista di un Accordo di dialogo politico e cooperazione. Cuba è uno dei pochi Paesi che non è sinora vincolato da trattati commerciali con Bruxelles: nel dicembre 1996 – su iniziativa del premier spagnolo di allora, il popolare José María Aznar – il Consiglio emanò la Posizione comune 96/697/Pesc, nota come «Posizione comune europea su Cuba». Il testo condizionava de facto ogni cooperazione con l’Isola all’apertura di un (mai iniziato) processo di transizione verso il pluralismo. L’inaugurazione dei negoziati segna tuttavia il superamento di detta Posizione.

    I think tank che contano, scommettono sulla «via cinese», o «via vietnamita». Ciò significa, che se da un lato si darà più spazio alla libera iniziativa, a sostegno dei 440mila cuentapropista – le partite iva in salsa cubana – dall’altro lato il potere rimarrà saldo nelle mani del Partido comunista de Cuba (Pcc); con buona pace di chi invoca le elezioni pluripartitiche della democrazia formale, e condanna il ricorso alla pratica della delazione. Non tutti però scommettono sull’esito asiatico: altri analisti sono convinti che quel surreale ingranaggio che è il sistema cubano, possa funzionare solo sino a che rimarranno in vita gli “eroi” dell’epopea castrista e guevarista. Passati a miglior vita costoro – ci si chiede – quali personalità vantano l’autorità morale per evitare che tornino a imperare le regole del mondo globalizzato? Chi potrebbe impedire un comodo approdo – o per altri una degradante deriva – verso il modello dominicano?

    RispondiElimina
  21. L’unico personaggio forse capace di preservare il carattere socialista della Nazione, è Miguel Díaz-Canel, il 54enne primo vicepresidente del Consiglio di stato. Sotto il profilo mediatico dà mostra di un’autorevolezza di ben altro spessore, rispetto ai tanti «ultrà di Fidel», negli ultimi anni caduti in disgrazia. Un destino – quello di cadere in disgrazia – che negli ultimi anni non ha colpito solo quei ragazzi annoverabili nella stucchevole categoria dei «giovani rampanti». E tanto per non fare nomi, ci ricordiamo degli ex ministri degli Esteri, Roberto “Robertico” Robaina, e Felipe Pérez Roque, e degli antichi leader dei Giovani comunisti (l’Unión de jóvenes comunistas – Ujc), Otto Rivero e Hassan Pérez. In realtà la falce dell’epurazione ha decapitato anche compassati signori, dalla cui biografia emergerebbe un indiscutibile impegno per la Rivoluzione dei barbudos. E’ il caso dell’ex vicepresidente Carlos Lage, e dell’ex presidente del Parlamento (l’Asamblea nacional del poder popular), Ricardo Alarcón de Quesada. Il quale – dopo una vita trascorsa tra negoziati ai massimi livelli con Washington – è stato confinato a scrivere (rare) articolesse su un blog governativo, tutte dedicate alla nota vicenda degli agenti del controspionaggio, detenuti negli Stati uniti.
    I principali interrogativi sono i seguenti: il ricambio generazionale e l’ondata di riforme riusciranno a tenere a freno il malcontento di una gioventù non più affascinata dagli slogan à la “patria o muerte”, ma attratta dalle luminarie del consumismo e dai social network? I successori della “generazione Sierra maestra” – cooptati e nominati dagli ex guerriglieri – sapranno venire incontro alle rivendicazioni di una classe media in espansione, quanto più sovvenzionata dalle rimesse dei parenti all’estero, tanto più fighetta e materialista? Sapranno dare risposte a quella «Cuba profonda», che se da un lato vede annullarsi le tutele del welfare socialista, dall’altra parte non avrebbe più la fermezza ideologica per affrontare un nuovo período especial? Si riuscirà a rafforzare quella rete di alleanze, che passa per l’imperialismo russo e il soft power verde-oro, sfociando nell’impacciato chavismo-madurismo?

    Ogni tentativo di darsi una risposta deve passare per un’analisi del processo di riforme portato avanti da Raúl Castro. La citata Ley No. 118 de la Inversión extranjera punta ad attrarre capitali esteri e liquidità, attraverso un’ampia gamma di esenzioni fiscali. Tuttavia gli investitori stranieri, si mormora, paiono molto delusi dalle nuove norme. In modo analogo alla precedente disciplina – la Ley de la Inversión extranjera, n. 77 del settembre 1995 – non si porrebbero argini all’arbitrio delle Autorità. Lo Stato può, infatti, procedere a espropri, per ragioni di «pubblica utilità» o di fronte a minacce ambientali.

    Per quel che riguarda invece la riforma monetaria, la via è ormai tracciata, e l’esito consisterà nell’eliminazione del peso cubano convertibile (Cuc), adesso cambiabile solo nell’Isola, al tasso fisso di 1,08 rispetto al dollaro. Sopravviverà il peso cubano (Cup), comunemente chiamato moneta nacional (Mn). Siamo per adesso nella fase degli esperimenti contabili presso le aziende straniere, ma già si diffondono periodici timori sul futuro tasso di cambio, che sarà definito dal Governo. I tempi della libera fluttuazione sono di là da venire.

    RispondiElimina
  22. Lycamobile, € 0,49 minuto. E' una normale sim ricaricabile, qualità eccellente, al momento è il top per chiamare cuba.
    Si trova in molti call center.
    A.P.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è una bella info. Grazie.
      http://www.lycamobile.it
      Da dicembre 2013 Lycamobile opera su rete Vodafone
      Sembra che si possa trovare solo presso i call center. Le ricariche invece presso: SisalPay, PennyMarket, Lottomatica, Carrefour, Euronics, Panorama, Pam.
      Ma attenzione alle nuove tariffe internazionali:
      Cuba fisso 69 cent mobile 69 cent SMS 12 cent dal 01/06/2014

      Elimina
    2. vorrei chiedere un'informazione circa i costi che dovrebbero sostenere i cubani che ricevono queste chiamate o gli sms. so che quando invio sms loro spendono o quando chiamo dal mio numero italiano per loro è un costo. è così?

      Elimina
    3. No, non spendono assolutamente nulla.

      Elimina