giovedì 29 maggio 2014

DICONO DI NOI

 

L’episodio risale almeno a 7/8 anni fa’.
Al tempo frequentavo una bellissima ballerina del cabaret Taino di Las Tunas.
La fanciulla avrebbe poi vissuto con me in Italia per un anno, la cosa avrebbe potuto avere un seguito fatto di fiori d’arancio ma….una delle mie prerogative e’ sempre stata quella di…eclissarmi, prima che fosse troppo tardi.
Fra l’altro siamo rimasti in ottimi rapporti, oggi vive in Spagna e quando ci incontriamo in citta, e’ sempre un autentico piacere reciproco.
Comunque, in scooter andammo a una loma fuori Tunas, dove c’e’ una specie di lago.
Per entrare devi passare prima da una garritta, almeno all’epoca era cosi’, dove ci sono 2 guardiani.
Guardando la bellissima fanciulla al mio fianco uno di loro, a mezza voce, disse all’altro “oye los yumas se llevan todos lo bueno”.
La frase venne detta piano ma il tono non era troppo amichevole, si vedeva che gli giravano i coglioni per il fatto che, gli stranieri, si stessero portando via tutte le belle fanciulle del paese.
In effetti una delle cose in cui, in questi anni, mi sono trovato a riflettere e’ come i cubani vedevano questa faccenda.
Ho provato a mettermi al loro posto.
Sono italiano, vivo in Italia e a un certo punto arrivano degli stranieri, nella maggior parte dei casi avanti negli anni e male in arnese, non tutti dotati di buone maniere e alcuni con un rapporto particolare con l’acqua.
Da quel momento le ragazze italiane iniziano a non cagarmi piu’, mettendosi con questi stranieri e seguendoli spesso, nel loro paese.
Alcuni hanno visto analogie con la situazione italiana post bellica con i soldati americani, in realta’ ci sono delle belle differenza.
I soldati americani, nella maggior parte dei casi, erano delle zone rurali del paese, piu’ poveri di noi.
A parte qualche James Senese non hanno lasciato altre tracce, tornandosene, appena possibile a casa, non ci sono notizie di esodi di massa di italiane verso gli States.
Ricordo anni fa’, soprattutto al matine’ dove tutto sommato ci andava gente normale, coppiette che entravano insieme, per poi uscire separate con la fanciulla arpionata dall’ottuagenario di turno.
Maliziosamente possiamo dire che anche il ragazzo…avesse il suo tornaconto, ma non sempre e’ stato cosi’.
Se fossi stato nel fanciullo, non avrei avuto un’opinione molto bella di chi si portava via la fanciulla, con cui magari 2 progetti si erano fatti.
Per carita’…capisco la necessita’ e’ tutto il resto
Ne ho parlato spesso con amici cubani, piu’ o meno tutti mi hanno detto che se avessero avuto le nostre possibilita’ avrebbero fatto le stesse cose.
Anche perche’….pagano pure loro…ma questo e’ un discorso lungo che magari faremo altre volte.
E ‘anche vero che non abbiamo meriti per essere nati dal lato, diciamo, giusto del mondo, ma non abbiamo neanche colpe.
Sicuramente molti nostri atteggiamenti hanno avuto poco appeal nei confronti dei cubani, c’e’ chi ha esagerato e c’e’ anche chi si e’ preso delle barottate in testa.
A volte molestare la ragazza sbagliata ha un prezzo da pagare.
In generale i cubani maschi non hanno una grande opinione di noi, un po’ e’ per una sana invidia, molto per alcuni nostri atteggiamenti neo colonialisti.
Personalmente non ho mai avuto problemi, non ho mai cagato il cazzo a chi aveva una fanciulla accanto e ho evitato di trattare altri come merde, semplicemente perche’, in tasca, mi ritrovavo 4 centavos.
Non so se abbiano una buon opinione di me, la cosa non mi toglie certo il sonno.
Alla fine ,a Cuba, in Italia ed in ogni altra parte del mondo, si raccoglie sempre cio’ che si semina.

36 commenti:

  1. La maggior parte di loro ha una pessima opinione di noi Yuma. Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuro
      Un pò è invidia ma molto anche grazie a qualche connazionale che confonde Cuba col Congo.

      Elimina
  2. Santa Fè-..di noi hanno una buona(?) opinione: tedeschi\francesi\svizzeri\spagnoli\slavi\ ...
    Diciamo invece le cose come stanno, dopo gli spagnoli a Cuba amano gli Italiani, ovviamente non tutti, e ci mancherebbe, debbo però dire che essere italiano mi ha portato meno svantaggi rispetto a russi, tedeschi e inglesi.
    Poi per carità, ho conosciuto tedeschi e francesi che a Cuba si comportano da signori aiutando la popolazione con iniziative varie, todo el mundo es pais.

    RispondiElimina
  3. Che animo gli spagnoli ho i miei bravi dubbi
    Il loro amore nei nostri confronti è spesso legato al loro tornaconto.
    Con gli iberici la trippa per gatti è poca

    RispondiElimina
  4. Santa Fè- ..ognuno ha le sue idee, e le rispetto, la mia esperienza personale mi porta a dire che non tutti i cubani sono opportunisti e\o ipocriti, se avessi avuto questa impressione globale avrei sicuramente dedicato molto meno tempo all'isola, questo nonostante la famiglia acquisita da oltre 7 anni.
    Posso dirti che sono certo delle mie amicizie costruite nell'isola, non si può vivere sempre con il timore che chi hai davanti ti stia fottendo, in quel caso smetti di vivere, con gli iberici la trippa è apparentemente poca, però fino ad ora il paese dove sempre più spesso vanno ad emigrare i cubani è la Spagna, vedi il doppio passaporto e le intese commerciali Ispano-cubane.
    Ps-Mia madre è Gallega ed è cresciuta a pochi passi da Lugo (paese del papà di Fidel)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Santa Fe non posso ad ogni post ripetere che non bisogna generalizzare. .
      Ovvio che ci sia gente per bene ma io faccio discorsi sui grandi numeri non nel piccolo.
      Chiaro che vanno in Spagna se ti regalano la cittadinanza. . .

      Elimina
    2. La Spagna é come ben dici tu Santa Fe il paese dove sempre piú spesso emigrano i Cubani ma per quali ragioni? Secondo me oltre che per ragioni storiche soprattutto perché gli regalano la cittadinanza.Se per esempio Il Pakistan la regalasse allo stesso modo credimi che a Islamabad si ballerebbe la salsa!Su una cosa non ho dubbi...la maggior parte dei Cubani non amano affatto gli Spagnoli ed io che gli Spagnoli li ho conosciuti bene mi aggiungo a loro.
      Marco da Cuba

      Elimina
    3. Ci sono tante ragioni.
      Intanto storiche, la Spagna e' comunque la ex amata/odiata madrepatria.
      Non a caso la sola ambasciata situata al di fuori della zona preposta per queste istituzioni e' quella spagnola.
      Poi c'e' il discorso linguistico.
      Meglio rapportarsi, per un cubano, con un gallego a Madrid piuttosto che con un Vallone a Liegi.
      In piu' il Re ebbe, alcuni anni fa l'idea BRILLANTE di regalare la cittadinanza a tutti i cittadini delle ex colonie che avessero antecedenti spagnoli.
      Gli spagnoli che frequentano Tunas, tolti pochi casi...meglio lasciarli perdere.

      Elimina
  5. Secondo me hanno di noi l'opinione basata su quanto gli abbiamo fatto credere e vedere cosí come noi l'abbiamo di loro per le stesse ragioni;purtroppo quando vai in casa d'altri e pretendi di essere,per la ragione che sia,al di sopra dei padroni di casa l'opinione non sará mai buona...non bisogna dimenticare che per molti anni Cuba é stata ed lo é ancora oggi il paradiso sessuale della maggior parte degli stranieri ed i cubani si sono prestati a questo;da quí sono nati i luoghi comuni che chi va a Cuba 'e un puttaniere e che le cubane son tutte prostitute,opinioni basate sulla discriminazione e su preconcetti difficili poi da cancellare.
    Ancora oggi quando torno in Italia e dico che vivo a Cuba 9 persone su 10 mi fanno il classico sorrisetto che senza parole dice tutto su quello che pensano;ancora oggi a Cuba quando mia moglie dice di essere sposata con uno straniero 9 cubani su 10 reagiscono con lo stesso sorrisetto...
    Marco da Cuba

    RispondiElimina
  6. Sono lunghi comuni da cui non si esce. Io lascio che sorridano
    mentre passo i miei 5 mesi a Cuba loro lottano con la caldaia

    RispondiElimina
  7. Confermo, da quello che mi dice la mia novia, noi Italiani non abbiamo una buonissima fama. Siamo conosciuti per essere rumorosi, maleducati e di mal costume soprattutto con le donne; la maggior parte infatti credono di andare li per farsi piu scopate possibili trattando le ragazze come facili pulzelle o puttane che si svendono per una Bucanero.
    Per carità, ce ne sono di cosi, soprattutto nei quartieri piu poveri, ma non sono tutte cosi.
    C'è anche chi sta attenta a tenere lontano turisti di questo tipo e che ama la sua bella Cuba con tutti i problemi che ha e mai andrebbe via se non per vacaciones.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. DICIAMO ANCHE CHE RACCONTIAMO UN SACCO DI BALLE....

      Elimina
    2. Non ho capito, cosa intendi Milco?

      Elimina
    3. Lo scrissi nel mio primo libro, ricordo una ragazza che anni fa, mi chiese "ma voi italiani siete tutti direttori di banca o avete tutti 3/4 negozi nel vostro paese?"
      Praticamente tutti gli italiani che conosceva (a Tunas non al Vedado) le dicevano questo.

      Elimina
    4. Bhe, non sono tanto furbi. Facendo così è chiaro che poi si danno alte aspettative oltre che dare un immagine sbagliata dell'Italia

      Elimina
    5. Sono anche gli stessi che se vanno in giro con la novia prendono una tucola con 2 cannucce...

      Elimina
    6. Ricordo un canadese francofono del Quebec,i piu' grossi straccioni che girano per Tunas, che a colazione faceva preparare solo per se.
      Lui mangiava e la fanciulla...guardava.

      Elimina
  8. Santa Fè- se è vero quello che traspare dai post nessuno pare maleducato e arrogante, per cui anche noi siamo uno spaccato degli italiani che va a Cuba e in questo caso lasciando una buona impressione..spero.
    Gli altri siamo noi o di cosa o chi stiamo parlando?
    La capacità dei cubani\e di ingiuggiolarti è nota, alcuni però sono più onesti e dignitosi di altri, inutile dire che i disonesti e imbroglioni congeniti sono gli italiani, ovviamente possiamo dircelo noi ma non gli altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiaro, noi siamo uno spaccato, ma credo una minoranza.
      I veri appassionati di Cuba la amano e per questo approdano in forum o blog che ne parlano. Chi va a cuba solo per trombare stai tranquillo che qui non ci capita, perchè non gli interessa

      Elimina
    2. Il discorso e' che e' proprio l'istituzione forum a non servire piu' a nulla.
      Il loro ruolo era di dare informazioni e di raccogliere racconti.
      Ora le informazioni le trovi in rete e nessuno, in un forum, racconta piu' i cazzi suoi col rischio di essere preso per il culo dai 4 gatti rimasti.
      Un blog lo gestisce chi lo anima, dandogli l'impronta che vuole e mettendosi in casa la gente giusta.
      Qua' non facciamo informazione( se la facciamo e' un...effetto collaterale) ma chiacchieriamo della nostra isola, e non solo, in modo corretto e intelligente.
      Coi social i forum sono oramai ridotti ad essere delle specie di chat.

      Elimina
    3. Certo, sono andati a scomparire infatti

      Elimina
    4. Quando uno spazio virtuale smette di produrre idee per campare di copia e incolla o di cio'...che scrivo io...allora l'epilogo e' gia' presente nel prologo.

      Elimina
  9. Qua' non ci sono maleducati perche' al primo accenno li ho tirati giu' dal parapetto.
    Se tolgo la moderazione ai commenti ti assicuro che la basura arriva anche qua'.
    In questo hai ragione, siamo uno spaccato degli italiani che vanno a Cuba.
    Rispettano le regole se le si fanno rispettare, spargono merda se viene loro consentito farlo.

    RispondiElimina
  10. Santa Fè- certo è che se un cubano visita questo blog non ne esce ne benvoluto ne certo di essere nel posto giusto, lo sterotipo rimane sempre quello: scansafatiche, furbo, e sempre sorridente prima di fotterti.
    Mi dispiace essere ancora una volta bastian contrario ma la famiglia cubana in primis e le persone che ho avuto modo di conoscere e frequentare mi danno molto di più di quello che offro, e non nel senso lato ma anche a livello economico quando sono stato in difficoltà.
    Quando ho gettato con il calcestruzzo il tetto della casa nessuno, dico nessuno ha voluto NULLA, cardosa e cervezas e nient'altro, ovviamente quando poi è capitata l'occasione anche io stavo impastando e caricando e scaricando blocchetti, quello è raccogliere dopo aver seminato e seminare ancora..


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Dipende poi sempre dagli ambienti che si frequentano. Questa gente cosi opportunista certo che l'ho conosciuta, ma soprattutto nella calle, tra jineteros y jineteras. Ma amici musicisti, ingegneri o medici sono i primi che mi mettono in guardia da questo tipo di cubanos

      Elimina
    2. Ragazzi ripeto ancora che la gente con cui abbiamo a che fare, spesso, e' uno specchio.
      Se siamo persone decenti e' facile che ci raporteremo con gente altrettanto decente, presente ampiamente a Cuba.

      Elimina
    3. Asi mismo, confermo al 100%, caro Milco!
      Gari

      Elimina
  11. I cubani che leggono il blog, e ce ne sono, vivono tutti qua'.
    Ognuno di loro sa se si e' integrato o se....fa' la stessa vita che faceva a Cuba.

    RispondiElimina
  12. Cito mio cognato cubano: en Cuba, sin dinero nadie te quiere.

    Tutto il resto è un mix di luoghi comuni e pregiudizi, che fanno parte di tutti noi.

    RispondiElimina
  13. Luoghi comuni che iniziano ad essere validi anche qua'

    RispondiElimina
  14. Lo stesso discorso può essere esteso a tutte le situazioni e a tutti i paesi dove ci sono problemi economici. Però non dimentichiamo che anche qua ci sono tanti matrimoni di interesse e la mia opinione nei confronti di questi ultimi é più critica rispetto a quelle di stranieri che non hanno molte alternative se non quella di salire sul primo treno che può portarli verso un futuro migliore, semmai é il dopo.... Personalmente a Cuba spesso sono stato visto x quello che ERO. Tranne dei casi in cui mi hanno giudicato x come SONO. Pedro.

    RispondiElimina
  15. Credo sia sufficente essere sempre se stessi,nel bene come nel male.

    RispondiElimina