lunedì 9 giugno 2014

DENGUE

 

Grazie alle mail di alcuni di voi, riesco ad essere maggiormente informato rispetto a cio’ che avviene nella maggiore delle Antille.
Me ne sono arrivate un paio che trattano il problema del dengue e di cio’ che, presumibilmente, sta’ accadendo nell’isola.
Fra l’altro mi vengono riportate notizie che salgono su periodici cubani dell’isola.
Quindi non siamo di fronte alla consueta campagna propagandistica dei soliti fogliacci, messi in rete dalle parti di dove e’ andato a vivere il mio amico Simone.
Organi di stampa della provincia parlano di 3500 casi acclarati di dengue a Cienfuegos.
Molti di questi casi sono recenti, o meglio, soltanto recentemente sono venuti alla ribalta.
Pare che la situazione epidemiologica a Guantanamo sia la peggiore dogli ultimi 20 anni.
Questo secondo il direttore di salute pubblica della provincia piu’orientale del paese.
Dichiarazione rilasciata in diretta televisiva, questa e' una novita’ assoluta, rispetto al consueto imboscamento di notizie riguardanti la salute della popolazione.
In questo momento, nell’isola, circolano ben 4 tipi di questa infermita’, compreso il tipo 2 che si pensava debellato da tempo.
La presenza di problemi cosi’ numerosi ha fatto si che il contagio si sviluppasse molto piu’ rapidamente che in passato.
Solo nell’ultima settimana i medici della citta’ hanno assistito 1200 ricoverati, sono numeri importanti che dimostrano la gravita’ del problema.
Si parla di 60/80 ricoverati nuovi al giorno, la maggior parte dei quali bambini.
Questi numeri hanno portato al collasso l’ospedale pediatrico cittadino,
Secondo dati medici un indice accettable di infettati sarebbe lo 0,5%, mentre ora siamo allo 0,33% ed in alcuni punti della provincia addirittura arriviamo alla folle cifra del 12%.
Ragazzi c'e' poco da scherzare.
In piu', sempre secondo questi medici, giusto per non farci mancare nulla, sta' arrivando a Cuba, o e' gia' arrivata, la Chikungunya.
Si tratta di un'altra infermita' di origine africana giunta, indesiderata, nell'isola dalla Dominicana e, ovviamente, da Haiti.
Radio' Marti' ha informato la popolazione sulle caratteristiche di questo nuovo problema, anche perche', almeno a Cuba, in questo momento non esistono medicine per curarlo...
Queste sono le notize che arrivano da Cuba, ovviamente conto sul contributo di ognuno di voi e delle vostre fonti per arricchire la documentazione.
Ieri, in una telefonata, ho accennato la cosa a Claudia, mi ha detto che le voci, come sempre, girano ma che, almeno nella provincia tunera non c'e' ancora nulla di ufficiale, o meglio nulla e' stato comunicato alla popolazione.
Sarebbe interessante sapere cosa dice Marco da Cuba su questa importante questione.
E' il momento di mettere i carri in cerchio e di fare un po' di sana informazione in vista del nostro, piu' o meno imminente, prossimo viaggio da quel lato del bloqueo.
Giusto per sapere se dobbiamo fare anche il boleto de regreso...

33 commenti:

  1. EL Loco brutta storia

    RispondiElimina
  2. Già
    Chissà quali sono i numeri reali. . .

    RispondiElimina
  3. Ciao,
    qualcuno da com'è la situazione all'Avana?mia moglie e mio figlio partono la settimana prossima...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I miei partono il 30 e quindi ho appena sentito mia suocera (contenta tra l'altro di essere svegliata alle 3 del mattino). All'Havana non si segnala nulla o almeno lei non ne sa niente.

      Pare che anche gli approvvigionamenti alimentari siano tornati nella norma.

      Simone

      Elimina
    2. Santa Fè- All'Havana tutto sotto controllo, casi di dengue come sempre ma niente di particolare, la cosa importante è non trascurare i sintomi in modo da poter rimediare per tempo, anche il colera dei mesi passati era allarmante ugualmente ma si è passati indenni.
      Molta attenzione e cura della persona, bimbi ed anziani in primis.

      Elimina
  4. Solitamente queste rogne coinvolgono più la Palestina

    RispondiElimina
  5. Tosco - Anche mia moglie e mio figlio partono per l'Avana la prossima settimana. Ieri sera ha parlato con i suoi per sapere com'era la situazione e non segnalavano nulla di particolare. Proveremo ad approfondire. Speriamo bene.

    RispondiElimina
  6. Mi raccomando a tutti. Appena avete notizie credibili condividete il tutto col blog e la sua gente

    RispondiElimina
  7. Visto che altre persone hanno mogli e figli che partono in autonomia nei prossimi giorni, approfitto del post per fare una domanda (approfitto anche per ringraziare Milco per le opportunità che il suo blog da alle persone serie)
    La mia compagna viaggerà da sola con la bimba di due anni per la prima volta.
    Milano-parigi-havana andata. Havana-amsterdam-milano ritorno. Klm e Airfrance.
    In entrambe le tratte circa due ore di scalo. Passeggino al seguito. Bagagli a destinazione.

    Secondo voi ci sono delle accortezze particolari da avere o avete qualche consigli da darmi per evitare che si perda negli scali?

    Ringrazio tutti in anticipo.
    Simone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho volato con Air France (Torino-Parigi-Havana) giusto a Marzo. MI sono trovato che sia la migliore (e la più cara) per volare a Cuba.
      Ti consiglio di inviare una mail alla compagnia aerea richiedendo assistenza. Ho notato che c'erano delle persona che erano più premurose nei confronti di "ragazza con bambino". E li aiutavano anche durante i transfer.
      Oppure chiedi direttamente in aeroporto quando farai il check-in.
      Piccolo segreto: quando arriva sull'aereo, chiedi alla hostess capo servizio se è possibile fare l'up grade in business (usando la scusa del bambino). Loro ti diranno che è a pagamento. Fagli fare la faccia di quella che non capisce e insisti.
      Molto spesso con Air France mi è andata bene (Los Angeles, Shanghai, New York e Havana a marzo) uso la scusa del ginocchio e mi faccio l'andata in business a costo economy.
      In bocca al lupo!

      Elimina
    2. Il ginocchio....
      Sei proprio tifoso di quella squadra la'....ahahahaha

      Elimina
    3. Grazie Steno!
      Anche a me hanno dato due volte la business su airfrance.
      Ma all'epoca viaggiava sui 747. Ora non so.

      Simone

      Elimina
    4. Mia moglie l ha fatto senza problemi,imoortante che non perda tempo e chieda informazioni e non avra problemi.consiglio importante a milano chiedere di tenere il passeggino che sara molto utile a parigi per camminare,si consegna poi alla salita a parigi,per poi ritirarlo sul nastro all havana.ma bisogna dirlo a milano altrimenti lo mettono sul nastro e a parigi sei senza.paolino.

      Elimina
    5. Fra l'altro Steno è un noto animatore delle notti dei migliori locali torinesi nonché conduttore televisivo

      Elimina
  8. Amsterdam e Parigi sono due ottimi aeroporti. Dovrà seguire le indicazioni per trovare il Gate, di solito marginale, per la Habana. Un pò di attenzione e buone gambe per camminare ed è fatta

    RispondiElimina
  9. DDC | La Habana | 6 Jun 2014 – 10:46 pm.
    Hace unos días, el Gobierno reconoció haber decretado una ‘alerta
    epidemiológica’, pero mantiene silencio sobre la incidencia de la
    enfermedad.
    La fiebre chikungunya ya afecta a los cubanos, según revelaron médicos
    del Hospital Vladimir Ilich Lenin, de Holguín, a periodistas de la
    agencia independiente Hablemos Press.
    Los casos se han reportado en varias provincias, de acuerdo con la misma
    fuente. El Ministerio de Salud Pública ha habilitado una escuela en
    Holguín, “lejos de la ciudad”, con el objetivo de evitar contagios.
    Por su parte, el gobierno provincial ha pedido cooperación con la
    campaña contra el mosquito Aedes Agypti, “pero también mantiene buena
    parte de la información bajo silencio”.
    Hasta el momento, se han reportado enfermos en las provincias de
    Guantánamo, Granma, Las Tunas, Santiago de Cuba y La Habana.
    Alba Fernández Ortiz, vecina de Santiago de Cuba, dijo que desde hace
    algunos días en su cuadra hay varias personas con dolores de estómago,
    fiebre y diarreas abundantes, pero los médicos dicen que solo se trata
    de un brote diarreico.
    Lisván Hernández Sánchez, corresponsal de Hablemos Press en Las Tunas,
    confirmó que decenas de personas han sido hospitalizadas en esa
    provincia, debido a un brote diarreico cuyo origen se desconoce.
    Señaló que la situación se agrava, debido a que las autoridades no
    informan a la población.
    Hace unos días, el Gobierno reconoció haber decretado una “alerta
    epidemiológica” por la fiebre chikungunya, aunque indicó que “en Cuba no
    se ha reportado ningún afectado”.
    La doctora Lilia Ortega, infectóloga y jefa de terapia intensiva del
    Instituto de Medicina Tropical Pedro Kourí, informó que actualmente “se
    crean protocolos de actuación para enfrentar un posible brote”, ya que
    en la Isla circula el mosquito transmisor, el Aedes aegypti.
    Este viernes, el servicio informativo Cubanet reportó una “alerta
    epidemiológica” por la aparición del dengue en varios barrios marginales
    de Santiago de Cuba.
    Los pacientes más graves están siendo remitidos al Hospital Ambrosio
    Grillo, ubicado en las afueras de la ciudad, con restricciones de visita.
    Los medios de comunicación oficiales tampoco han informado sobre el brote.

    RispondiElimina
  10. Buogiorno a tutti! Effettivamente nel telegiornale e sul Granma hanno parlato della situazione piuttosto seria in tema dengue a Cienfuegos,Santiago e Guantanamo e la situazione proprio per questo sembra preoccupante;la suocera a Santiago ha detto che stanno "fumigando" obbligatoriamente casa per casa senza eccezioni e in caso di rifiuto compare la polizia.
    Sulla Chikungunya un amica che e' medico all'IPK mi ha detto che non ha dubbi che sia gia' a Cuba ma che i reattivi per rilevarla non sono ancora arrivati quindi tutti i casi si trattano come dengue.Il colera sembra al momento non sia notizia.
    Avevo gia' accennato alla riunione di un paio di settimane fa dove si e' trattato il tema e piu' in generale ripeto che qui hanno l'abitudine di chiudere le stalle quando i buoi sono usciti e per giunta sono gia' parecchio lontani quindi la situazione deve essere piu' seria di quanto dicono.
    D'altra parte la situazione epidemiologica non puo' far altro che peggiorare perche' l'igiene nelle citta' e' sempre peggio anno dopo anno e adesso simo nella stagione piu' piovosa; comunque io consiglio a tutti di prendere precauzioni molto semplici ed efficaci e non spaventarsi piu' di tanto:portatevi sempre delle belle quantita' di autan,se potete mettete le zanzariere sui letti e spruzzate spesso insetticida...nulla di piu'! Altro consiglio:non risparmiate sull'assicurazione medica perche' in caso di bisogno poi ci si pente che gli ospedali si fanno pagare parecchio e le tariffe si sono alzate ancora.
    Per Simone:ho fatto la rotta Milano Parigi(o Amsterdam) Havana almeno un centinaio di volte ed e' la migliore,indicazioni chiare tanto sul biglietto tangto come negli aeroporti e collegamenti nei terminal molto comodi;un consiglio:2 ore possono sembrare tante,troppe,manon prendetela con calma perche' fra cambio di terminal,controlli di sicurezza ed arrivo al gate passano in fretta soprattutto con un bimbo!Buon Viaggio!
    Marco da Cuba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sarebbe male vivere in case dove non si allevino animali.

      Elimina
    2. Grazie Marco!

      Elimina
  11. Marco una domanda.
    Se la rtitieni indiscreta ignorala.
    Sei tornato a Cuba per il lavoro e/o per la famiglia?

    RispondiElimina
  12. Direi per entrambe le ragioni;devo dire che mia moglie e' sempre stata contraria a lasciare Cuba anche in considerazione che il piccolo va alle elementari ed il grande non ha finito el "servicio social obligatorio" successivo al diploma.
    Io da parte mia sono sempre stato bene a Cuba,un po' per la mia capacita' di adattamento ma soprattutto per uno stipendio che ci permette di vivere bene.
    La decisione di fare un soggiorno piu' lungo del normale in Italia e' stata dettata dal deterioro della situazione a Cuba a tutti i livelli,negli ultimi 3 anni la situazione e' innegabilmente peggiorata da tutti i punti di vista e da li ci siamo entrambi convinti a sondare il terreno in Italia.
    Detto cio' devo dire che in Italia ho trovato una situazione non favorevole,soprattutto in ambito lavorativo ed in considerazione anche di tutto quello che consegue in tema di trasferimento ed adattamento della famiglia sono tornato a Cuba...per il momento.
    Infatti l'idea ormai e' presa,lasceremo Cuba quest'anno e torneremo a viverci quando le condizioni cambieranno e parecchio,nel frattempo ci torneremo in vacanza.
    In questo momento il focus si e' spostato su Miami per varie ragioni e probabilmente quello sara{ il nostro prossimo destino e credo che,se tutto va come spero,saro' la in breve tempo a gettare le basi!
    Marco da Cuba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio oggi ho chiesto a Simone di Cubacenter di scrivere qualcosa su questi primi mesi di esperienza di vita a Miami.
      Quando si sveglia legge e magari mette giu' qualche riga.

      Elimina
  13. MAIL RICEVUTA ORA DA TUNAS

    Ya se ha calmado un poco el denge y el colera, pero se han muerto unos cuantos por estas enfermedades, el problema es que hay mucha suciedad y principalmente en el agua que nos tomanos que biene super contaminada.
    Las cosas estan en calma pero todavia hay casos de estos.

    RispondiElimina
  14. Adesso che leggo dell'acqua mi sono ricordato di un ultimo consiglio sanitario:Sempre acqua imbottigliata anche per lavarsi i denti,bevande fredde ma senza ghiaccio(accertatevi che i tappi siano integri), frutta e verdura crudi disinfettati con cloro (bastano un paio di gocce per un secchio d'acqua e 5 minuti) e ASSOLUTAMENTE sconsigliati pesce e crostacei crudi o semicrudi.
    Una buona norma per evitare le malattie ed infezioni virali,batteriche e parassitarie da alimenti nel 100% dei casi e' farli stracuocere!
    Marco da Cuba

    RispondiElimina
  15. Vero ma sei vai a mangiare in un paladar.....sai che la frutta viene lavata con quell'acqua.
    Non bisognerebbe mai uscire di casa caro Marco.
    Tu vivi la' ma uno che ci viene per 15 giorni....

    RispondiElimina
  16. Santa Fè- Acqua imbottigliata per lavarsi i denti? Con quello che costa la Ciego Montero ci faccio la spesa..direi che invece è un'ottimo sistema quello di bollire litri d'acqua e dopodiche in frigo per bere\per igiene intima\ per lavare i denti.
    Sconsiglio vivamente di mangiare crostacei prima di averli inviati a Las Tunas(Milco) e Santa Fè(da me..)per un'attenta analisi batteriologica!
    Scherzi a parte, ovviamente il pesce a Cuba ha già "mille vite" (per cui solo pesce fresco o surgelato da persone fidate che abbiano il pesce conservato da poco tempo, poiche come noto gli apagones rendono impossibile una perfetta conservazione del prodotto in oggetto) se poi non lo si cuoce a dovere buonanotte ai suonatori.

    RispondiElimina
  17. Il pesce lo mangio solo in spiaggia a Puerto Padre da Roberto
    Ho la certezza che nuotava ancora fino a poche ore prima

    RispondiElimina
  18. Que tristeza de noticia,espero bien por mi familia y que no vaya a peor la situación con la nueva enfermedad.saludos milco gracias por tus informaciones como siempre estupendas y reales.

    RispondiElimina
  19. Bueno por el momento todos parece a bajo de control. Despues VAMOS a veer lo que Pasa

    RispondiElimina
  20. Con tutto sto po po di belle notizie...allegria !!
    Volevo fissare i voli di ritorno HOG-MXP x fine agosto (tra l'altro prezzi da USURA!) per moglie e figli, ma dopo aver letto ciò tengo in sospeso tutto, in caso di rientro anticipato...
    Renato

    RispondiElimina
  21. Riportiamo solo notizie e le commentiamo. Vai tranquillo che le strade non sono piene di cadaveri.
    Il caro voli di agosto è una brutta antica abitudine

    RispondiElimina