martedì 17 giugno 2014

FALSA PARTENZA

 

A qualche mese di distanza dall’entrata in vigore, a Cuba, della ley di inversione straniera, ho dato un’ occhiata alla stampa cubana ed internazionale per verificare se, aziende, imprese, gruppi commerciali avevano deciso di investire nella maggiore delle Antille.
Forse ho cercato nei posti sbagliati, ma non ho trovato esodi di massa, ne’ aziende che, in modo entusiasta abbiano deciso di investire nell’isola.
Magari Marco da Cuba e Franz, che sono, in materia decisamente piu’ ferrati del sottoscritto, mi smentiranno, ma ritengo che continuino a mancare le condizioni per rendere Cuba attrattiva dal punto di vista degli investimenti.
Problema, per altro, presente anche nel nostro paese, dove negli ultimi 2 anni si e’ verificato un crollo di investimenti stranieri.
Renzi ha dichiarato che dobbiamo tornare ad essere attrattivi da questo punto di vista.
Il problema, al di la’ della tassazione piu’ alta d’Europa, e’ quello burocratico.
Per aprire un negozio a Roma ci vuole 4 volte il tempo che occorre per farlo a Berlino.
Tornando a Cuba, i balzelli che il governo ha continuato a mettere fra le ruote di eventuali investitori, sono cosi’ complicati da scoraggiare anche una congrega di Santi.
Il problema e’ quello di sempre, lo stato vuole comunque mantenere il controllo su tutto.
Io ci metto il grano e tu decidi quello che io posso fare.
Le cose non funzionano in questo modo.
Gli eventuali investitori non hanno neanche la possibilita’ di scegliersi il personale in loco, ci si deve affidare ad una agenzia statale che decidera’, non solo chi saranno le persone, ma anche quanto IO le dovrei pagare.
Viene meno, completamente, il discorso di salari legati ai meriti e alle competenze.
Se individuo persone valide, professionalmente all’altezza, affidabili e precise, non le posso assumere direttamente, ma mi devo affidare a personale scelto da altri.
Questo non accade in nessun paese al mondo, credo neanche in Corea del Nord.
Continua a mancare totalmente la garanzia che, un bel giorno, qualcuno mi accompagni all’aeroporto con boleto di sola andata, con l’obbigo di “regalare” a Cuba tutto cio’ che ho portato nell’isola per fare impresa.
In piu’, come se non bastasse, sono aumentate tutte le imposte e i bolli necessari perche’ il mio personale, non cubano, possa vivere ed operare nell’isola.
Non posso portarmi un’auto da fuori, la devo rentare a quelle cifre, oppure la devo acquistare, ma lo stato per una Peugeot 206 mi chiede quasi 200,000 cuc.
Come cazzo mi devo muovere?
Cuba, vista le difficilissima situazione economica attuale, si e’ rivolta al mondo per attirare investitori.
Le cose da fare sarebbero davvero tante, investimenti mirati porterebbero lavoro (pensate solo al settore turistico) e benessere per molte persone che, oggi, se la passano male, ma questi balzelli, fuori da ogni logica commerciale, al momento impediscono un vero sviluppo di tutte queste opportunita’.
Mi sembra, tutto sommato, una falsa partenza, poi vedremo.

23 commenti:

  1. EL Loco non mi sembra un grande inizio

    RispondiElimina
  2. In effetti non è stato un gran partire

    RispondiElimina
  3. Santa Fè- Attualmente non ha senso investire nell'isola, i presupposti son sempre i soliti, fondamentalmente al governo cubano non interessa fare affari se non con i soliti, Lula (cemento per i mondiali all'impresa dell'ex presidente), Maduro(petrolio in cambio di forza lavoro sfruttata per due soldi)etc etc
    Non si danno garanzie all'investitore per una semplice ragione, non si ha interesse perchè le cose cambino.
    Io mi son dato tempo tre anni come da programma, poi valuteremo il tutto con attenzione, con molta attenzione.
    Le notizie che arrivano dall'isola sono di dura lotta per mettere insieme il pranzo, un tempo era dura mettere insieme pranzo e cena..

    RispondiElimina
  4. Il problema di investire con certi partner è che non si sa. . quanto ancora durino.

    RispondiElimina
  5. La legge entrera' in vigore tra pochi giorni e li si sapra' quanti hanno deciso investire;per quanto ne so per ora nell'ambiente imprenditoriale straniero si dice che tutto e' fermo.
    Mi sono preso la briga di confrontare le due leggi,quella del 95 e l'attuale, e l'unica differenza sta nel discorso dell'esenzione dalle tasse per un certo periodo,per il resto sono uguali e per il 95% anche le parole e frasi usate sono pari pari nelle due leggi.
    Il discorso degli stipendi e delle contrattazioni e' fondamentale; il fatto di aver stabilito degli stipendi speciali al Mariel e' considerata dai Cubani come l'ennesima fregatura viste le tasse e il tipo di cambio.
    Sull'unificazione monetaria regna l'incertezza totale,sembrerebbe comunque che il governo non la portera' avanti alla velocita' della luce come pensavano; negli alberghi,come avevo postato in passato,hanno fatto provare una doppia contabilita',una reale ed una virtuale col cambio 1CUC/10CUP ed e' uscito il primo mese un puttanaio indicibile con proiezioni di perdita virtuale a bilancio nell'ordine del 160%...
    Oggi sono di guardia...e' si perche' adesso anche gli stranieri devono fare la "guardia obrera" una volta ogni tanto quindi scrivero' parecchio!
    Saluti a tutti e forza Italia!!!!!!
    Marco da Cuba

    RispondiElimina
  6. Pensavo fosse già in vigore. Ma come scrivevo e come tu mi confermi è tutto fermo
    La guardia
    Sapevo che per i residenti era facoltativa.
    Tutto cambia

    RispondiElimina
  7. Si e' "facoltativa" ma una volta ogni tanto conviene farla piu' che altro per immagine...comunque mi riferisco alla guardia nei luoghi di lavoro non a quella dei CDR!
    Marco da Cuba

    RispondiElimina
  8. Ah infatti mi sembrava
    Nei cdr di noi si fidano poco

    RispondiElimina
  9. Direi per nulla...per il governo tutti gli stranieri sono potenziali nemici da vigilare,controllare da vicino e sempre.
    Io ho sempre avuto la curiosita' di vedere le dimensioni del mio "expediente de extranjero"...deve essere un'enciclopedia completa!!!
    Ah, fuori tema ma interessante:Ethiad e' stata autorizzata a viaggiare a Cuba e sembra che l'anno prossimo,se l'accordo con Alitalia ci sara',volera' dall'Italia per Cuba in codice compartito con Alitalia.Notizia circolata e da prendere con le pinze ma come dicono qui "cuando rio suena,agua trae".
    Marco da Cuba

    RispondiElimina
  10. Ogni volo in più su Cuba è benedetto

    RispondiElimina
  11. Caro Milco que bolà? La ley n 18 del 29/3/014 che entrerà in vigore il 29/6/2014 cambia di molto la precedente ley del 95. Prima per iniziare a legalizzare un 'impresa straniera a a Cuba era semplice: traduzione e autentica dell'atto costitutivo all'ambasciata cubana e successiva trascrizione notarile a Cuba. Fatto questo si poteva iniziare a sedersi a trattare con le entità cubane interessate al prodotto o servizio. Dopo aver buttato il sangue e nel caso miracoloso che si raggiunga un definitivo accordo con l'entità cubana ecco che alla firma del contratto si presenta la maledetta importadora che spulcerà conti, fatturato, solvibilità bancaria ecc: una ghigliottina spesso eccessiva e un vero delitto all'indomani del raggiunto accordo definitivo con l'impresa cubana. Se l'importadora dava l'ok si firmava un contratto di joint capestro con l'importadora stessa. Ricatti e abusi senza fine. I soldi guadagnati non potevi bonificarli all'estero e comunque sul tuo eventuale 50% ci pagavi le tasse. In piu' la rottura dell'assunzione obligata con versamento completo del salario all'ente empleador che sembra rimanre con la nueva ley. Ora invece prima della registrazione notarile si deve ricevere l'autorizzazione. Si presenta l'impresa al mincex che la veicola al consiglio di stato, se l'impresa straniera coinvolga primarie opere pubbliche, o al consejo de ministro negl'altri casi per l'autorizzazione. Con l'autorizzazione si và dal notaio e alla fine si entra in un registro mercantil, Oltre all'impresa mista, si può operare, ecco la novità, con un'impresa a capitale solo straniero senza joint con l'importadora pappona. Infatti la legge dichiara che la soc. straniera a capitale straniero può importare direttamente beni e prodotti funzionali all'attività. I guadagni possono essere bonificati all'estero. In più, miracolo, si potranno realizzare edificazioni anche a fine turistico ricevendo sulle stesse piena propietà, che si dichiara protetta e non espropiabile, Tra le righe nei vari decreti sembra si possa operare con soc. anche di consulenza, con apporti professionali Ci sono le agevolazioni fiscali, si parla di esenzione d'imposte sugli utili dell'impresa, non sul fatturato, per 8 anni: su queste facilitazioni meglio andare a chiedere sul posto, il testo sembra sibillino. Ricordo che di recente un decreto consente l'aquisto o l'affitto di propietà di stato per uso anche commerciale e turistico da parte di stranieri semplici investitori. Quindi chi vuole ad esempio avviare un bar o ristorante sembra che lo possa fare aquistando o affitando dallo stato, viene riconosciuta una visa inmobiliar di un anno. Il problema sarà vedere i prezzi. Bisogna andare cauti ma essere un pò ottimisti e sopratutto andare all'avana e troccare con mano! Saludos Francesco Franz

    RispondiElimina
  12. A Tunas credo che gia' qualcuno abbia aperto paladar affittando il locale, non so se pero' dallo stato o da un privato.
    Il problema mi pare continui ad essere quello delle garanzie.
    Possono continuare a buttarti fuori quando vogliono e in piu' hai poca o nessuna voce in capitolo sulla scelta del personale in loco.
    Per il momento mi limito alla casa de renta poi vedremo amico mio.

    RispondiElimina
  13. Sempre attenzione e basso profilo, comunque sono novità di portata copernicana. Altra cosa importante che vi è l'obbligo di risposta su un progetto di accordo di 60 giorni, Prima presentavi un offerta e poi risposte zero. Mi sembra comunque che si voglia sopratutto garantire la protezione degli investimenti e esportare il massaggio che la legalità finalmente è operante Cuba, attirare fiducia e interesse all'estero . Per la legge sulla compravendità di casa l'operazione è riuscita, dal novembre 2011 nessuna casa è stata piu' decommisionata o sequestrata. L'obbiettivo è appunto garantire la legalità rispetto al passato. Franz

    RispondiElimina
  14. Questo è vero
    Prima se davanti alla tua bella casa passava un politico o uno sportivo il tuo culo bianco era pesantemente a rischio ora mi pare che, almeno da questo punto di vista, qualche passo avanti si sia fatto

    RispondiElimina
  15. Ciao a tutti.
    Approfitto di questo post per verificare se qualcuno ha notizie di qualche promozione per i voli fine luglio - inizio agosto.

    Io ho trovato solo bordate sopra i 1200 euro.

    Simone

    RispondiElimina
  16. Mentre fate le vostre ricerche ricordatevi sempre di Cubacenter. . .

    RispondiElimina
  17. Urbano Cairo raddoppia in tv. Ha infatti presentato l’offerta per acquistare il digitale terrestre del Lotto 3 che raggiunge il 96,6% della popolazione. Contemporaneamente ha raggiunto un accordo con Ei Towers (gruppo Mediaset) per l’affitto di nuove frequenze. Il significato di queste operazioni è abbastanza chiaro: Cairo ha deciso di investire in maniera convinta nel settore televisivo togliendo di mezzo gli ultimi dubbi sul significato della sua presenza ne La 7. E’ entrato per restarci e, possibilmente crescere. L’editore piemontese non apprezza i paragoni con l’ex Cavaliere di cui è stato l’assistente per molti anni. Resta il fatto che le sue scelte imprenditoriali seguono lo stesso copione: pubblicità, carta stampata, calcio e soprattutto tv in combinazione proprio con le aziende Mediaset.
    Con le operazioni annunciate ieri Cairo fa un deciso passo avanti nel mondo dell’emittenza. Per un verso si trasforma da semplice fornitore di contenuti in operatore di rete e dall’altro si costruisce una dote per avere a disposizione altri canali con cyui allargare, eventualmente, l’offerta di La 7 e La 7d.
    La mossa decisiva, ovviamente, è la partecipazione all’asta per il digitale terrestre. Asta per modo di dire visto che l’unica busta arrivata al ministero è quella partita da Corso Magenta, sede di Cairo a Milano. Per il lotto di canali messi a disposizione dallo Stato pagherà 31,6 milioni. Il minimo previsto dalla procedura di assegnazione. In questo senso gli tornerà molto utile la dote di 88 milioni ottenuta da Telecom .
    L’acquisto delle frequenze permetterà all’editore di portare le sue televisioni, oggi trasmesse affittando gli impianti Telecom Italia Media, su una rete proprietaria Il Lotto 3 peraltro ha posto per almeno altri 4 canali. Da fornitore di contenuti Cairo diventerà quindi anche operatore di rete. Anche se si vocifera che possa avere già un piano con un possibile partner industriale.
    In ogni caso potrà affittare la capacità in eccesso rendendo meno impegnativo l’investimento nelle tv. A questo poi aggiungerà l’ulteriore potenza di trasmissione legata all’accordo con Ei Towers.
    Su questo progetto (come sempre) pesa il ricorso al Tar contro l’intera procedura d’asta presentato da Tarak Ben Ammar (Prima Tv – proprietaria del multiplex DFree che ospita contenuti Mediaset), storico amico e socio di Berlusconi.

    ALE'....CERCI E DARMIAN VENDUTI PER ACQUISIRE QUESTO....

    RispondiElimina
  18. Darmian e cerci alla roma dai......

    RispondiElimina
  19. Prima dovete vendere il Colosseo e la Fontana di Trevi.

    RispondiElimina
  20. se ti puo' interessare ti copio la mail che mi ha mandato l'ambasciata di cuba:"

    L’Ambasciata della Repubblica di Cuba in Italia è lieta di comunicare che il giorno 30 giugno 2014 a Roma e il giorno 1 luglio 2014 a Milano avranno luogo delle presentazioni della nuova normativa sugli investimenti stranieri e sulle opportunità di business a Cuba.



    I due appuntamenti, che vengono organizzati in occasione della visita in Italia del Vice Ministro del Commercio Estero e degli Investimenti Stranieri, sig.ra Ileana Nuñez, accompagnata da alti rappresentanti delle istituzioni economiche e da imprenditori cubani.



    Si invita cortesemente a confermare la propria presenza effettuando il registro al seguente link http://www.unido.it/form/cuba entro e non oltre Mercoledì 25 Giugno p.v.



    See more at:

    http://www.unido.it/ita/cuba.php

    Programma di Roma - 30 Giugno 2014 »

    Programma di Milano - 01 Luglio 2014 »

    RispondiElimina
  21. Cuba es gobernada de una dictadura considerada la mas inteligente al mundo,sabemos bien que los cabecillas de este gobierno se cren con facultad de decidir todo en el nombre de todos y usan metodos de rrepresion internos como los compromisos con su revolucion"obligatorios"todas las fuerzas del orden en cuba estan impotadas para la defensa de ese gobierno y contra del pueblo,"policia,D.T.I,zin,LACRA,SEGURIDAD DEL ESTADO y otras al pueblo desconocidas",fidel castro ha hecho de cuba un capricho de sus ideas y quien se oponia ho se opone es gato muerto,nunca les ha pasado por su mente dar posibilidades a los cubanos para ellos son y seran simplemete el isntrumento para realizar sus sueños perdidos y sin futuro la parte mas baja de la cadena social nunca han querido darle verdadera mente libertad de expresiones ni economica pues saben que seria su final.
    A analicen bien todas las leyes hechas por estos comunistas desde el triufo de la revolucion que es el nombre menos apropiado.todas estan pensadas,dirigidas,hechas a su favor y nunca cambiaran quien este esperando que ellos cambiaran esta loco.
    No imbiertan su dinero en cuba que lo perderan y despues "aquien reclamaran?"
    No confien en ese gobierno que esta llenos de corructos apollados por sistema dictatorial sin presedententes.
    Recuerden que en casi 60 años nada a cambiado ni cambiara.
    Solo los cubanos podran cambiar a cuba cuando tiren los cojones pa fuera y por ahora no los tienen.

    RispondiElimina
  22. Para que cuba cambie economicamete
    a)simplificar problemas de los permisos para los diversos negosios,decir menos burocrasia
    b)el gobierno debe solo controlar no ser propietario ni tener porcentuales o cuotas en negosios ho impresas
    c)hacer una sola moneda porque metodo atual perjudica al pueblo y economia
    d)dar valor social y como investidores a los siudadanos cubanos dentro y fuera de la islas
    e)frenar la politica invasiba que da el derecho a policia y otros organos a ser arbitrarios y corructos
    f)crear un sindacato que non respoda al gobierno y tenga el poder la postestad de defender a los privados sean extrajeros o cubanos
    Prodria señalar miles de ejemplos mas para que cuba pueda salir de su letargo economico pero si solo se aplicaran las antes mensionadas fuera un gran paso hacia adelante.
    Aquien devo ver o escribir para que almenos sean escuchadas estas ideas???

    RispondiElimina