martedì 24 giugno 2014

ITALIA-URUGUAY



Siamo al giorno del tutto o niente, del dentro o fuori.
Questa sera, con la squadra del grande presidente Pepe, ci giochiamo la nostra permanenza in questo mondiale brasiliano.
Siamo arrivati a questo punto dopo l’immonda partitaccia persa col Costarica.
L’impressione e’ che ci presentiamo a questo fondamentale appuntamento n po’ in ordine sparso.
Tira un’ariaccia attorno e dentro la nostra nazionale, i cronisti (che sono tutt’altra cosa dai veri giornalisti sportivi, che quasi non esistono piu’) narrano di litigi e aria pesante all’interno del gruppo azzurro.
Chiaro che se vuoi far gruppo e ti porti Cassano e Balotelli hai gia’ perso in partenza.
Il gruppo lo fai coi Buffon, i De Rossi, i Barzagli, i Darmian ecc, tutta gente che mette il NOI  prima dell’IO.
Se hai in casa 2 idioti totali non puoi pensare che la cosa stia bene a tutti i compagni.
Alla fine Prandelli, probabilmente facendo violenza su se stesso, ha optato per il 3-5-2.
Per 10/11 e’ la formazione che avevo indicato l’altro giorno, soltanto che giochera’ Balotelli al posto di Cerci.
Spero vivamente di essere smentito ma per me e’ uno sbaglio, il Balotelli visto in questo mondiale serve a poco o nulla.
Il problema e’ che non facciamo gioco, siamo fra le squadre che meno hanno bivaccato nelle aree avversarie, col Costarica praticamente nel secondo tempo non siamo esistiti.
Non e’ tanto un problema di attaccanti ma di gioco d’attacco che latita o non esiste.
Contro abbiamo l’Uruguay, una squadra di cagnacci con 2 fenomeni davanti, non sono dei mostri ma devono vincere per forza, mentre a noi basta il pari, quindi si giocheranno il tutto per tutto.
Noi, per fortuna e finalmente mettiamo in campo un po’ di gioventu’ con tanta gamba; Darmian, De Sciglio, Verratti e Immobile ci garantiscono kilometri e tanta sostanza.
Per la prima volta Prandelli schiera le due punte, non fanno parte del suo credo, ma e’ la sola carta da giocare che gli resta.
Anzi che CI resta.
La logica dice che sara’ durissima, che le possibilita’ non sono molte, ma il cuore, quello che spesso ci ha salvato il culo nei momenti duri, ci spinge a sperare ancora fino all’ultimo minuto di gioco.
Niente cazzate sul caldo e sul senso patriottico!
La vedro’ dalle spiagge venete, mi sto’ per mettere in viaggio, inizia il mio Delta del Mekong, la mia Stalingrado, il periodo piu’ tosto, incasinato e difficile della stagione.
Che gli Orishas camminino al mio fianco e…a quello degli Azzurri.

49 commenti:

  1. Santa Fè- Milco In bocca al lupo per la stagione estiva!

    RispondiElimina
  2. In realtà è dal 15 maggio che è iniziata. Comunque grazie

    RispondiElimina
  3. Che lo spirito del Comandante Giap sia con te...fino alla vittoria, o almeno fino alla agognata partenza per Cuba.

    RispondiElimina
  4. Ciao Milco, eh si le sensazioni sono negative e pare tirare una brutta aria, il più in confusione di tutti pare proprio il timoniere Prandelli (per me da sempre clamorosamente sopravvalutato), pur nella sua mediocrità si è accorto secondo me di aver fatto una marea di sciocchezze dalle convocazioni in poi e cerca disperatamente una via d'uscita (Immobile )o semplicemente un alibi (Immobile ), vedremo...possiamo dire patria o muerte..venceremos...ma anche un pari va bene...auguri a te anche io luglio e agosto e inizio settembre devo tirare duro, forza e coraggio
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fa giocare Ciro per poter dire che le ha provate tutte

      Elimina
  5. EL Loco sarà durissima

    RispondiElimina
  6. questa è una squadra di cani che non sa nemmeno digrignare i denti. Campioni solo sulla carta. Non è difficile prevedere come andrà a finire.

    RispondiElimina
  7. Santa Fé- Siete una banda di GUFI, per riuscire a vincere dovremmo essere certi che alle 18.00 non siate di fronte al monitor!
    Stasera GRANDE ITALIA con Cavani e company che ritornano in Patria senza troppo rumore..l'unico grandissimo dubbio è rappresentato dall'arbitro EL LOCO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Santa Fe ovviamente saremo tutti con la bandiera in mano ma se ragioniamo da sportivi, fino ad ora abbiamo fatto pena.

      Elimina
  8. Teniamo la porta aperta alla speranza caro Nino

    RispondiElimina
  9. Forza Italia!!!!!!!
    Vinciamo 3 a 1 perché noi Italiani quando sembra che siamo nel baratro é proprio quando riusciamo a sorprendere tutti in tutti i settori della vita!!!!!
    In questo caso ci danno per morti ed alzeremo la coppa al cielo per la quinta volta!!!!!
    Marco da Cuba

    RispondiElimina
  10. Un po' di ottimismo non fa male!!!
    Magari porta pure fortuna!!!
    Mia moglie ha pure sgozzato un gallo in sacrificio ai suoi santi e da due giorni la vedo sputacchiare ron e fumo di sigaro per tutta la casa!!!Se non va bene per vincere almeno farà sparire un po' di zanzare!!!
    Marco da Cuba

    RispondiElimina
  11. FORZA ITALIA!!!paolino.

    RispondiElimina
  12. Guardo la partita in mezzo ai crucchi

    RispondiElimina
  13. Risposte
    1. Almeno ci evitiamo qualche decreto legge sodomizzante che , inevitabilmente , ci avrebbero appioppato in caso di passaggio del turno ...quando la guardia è bassa é alto il pericolo di prenderselo nel bulgherone

      Elimina
    2. Ci mancava solo la sodomia...

      Elimina
  14. passeggiato per 2 partite,da condannare tutti,giusto cosi.paolino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto la fine che hanno fatto gli inglesi credo che anche la partita con loro vada vista in una luce differente.

      Elimina
  15. Giá avvisato gentile consorte che da oggi il suo elegua non berrá piú ron e che il sigaro se lo metta su per il culo!!!
    Marco da Cuba

    RispondiElimina
  16. Almeno sto disastro ha portato alle dimissioni di un mediocre e del classico boiardo di stato....ma io credo Milco (e mi piacerebbe sapere come la pensi) che ci siano ottime chanches per entrambi di rientro dimissioni, il consiglio federale rigettera' quelle di Abete e lui quelle di Prandelli ....un'ultima cosa ma ci voleva un genio a capire che anello debole era Alvaro Pereira ed a fine primo tempo mettere Cerci dalla sua parte?...ciao Marco...p.s. ora possiamo totalmente dedicarci al trabajo perse pure notti mondiali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedremo i futuri sviluppi, sicuramente ora avro' di meglio da pensare...

      Elimina
  17. La millenaria cultura giapponese, in casi come quello della partita ai campini che abbiamo visto oggi, stabilisce che un uomo d'onore faccia harakiri ( non so' se si scrive così'...), non chiedo questo ma almeno che facciano un passo indietro immediato.
    E invece da domani...la colpa sarà' dell'arbitro, pessimo tra l'altro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, ma credo che ognuno debba assumersi pe proprie responsabilita' di questo disastro, peraltro annunciato

      Elimina
  18. Cmq uno come Suarez non deve più giocare a calcio.
    E' un tizio che ha gravi problemi comportamentali e psichici. Se una volta gli gira male ti morde la giugulare.
    Io gli darei 5 anni di squalifica.

    Simone

    RispondiElimina
  19. Mi sveglio e sento la notizia del tifoso napoletano Ciro Esposito...
    Sarò' ripetitivo...ma quanto auspicato ieri sera per i vertici calcistici sarebbe ancor di più sperabile per i gestori dell'ordine pubblico della partita Napoli-Fiorentina: dimissioni.
    E invece noi abbiamo i Ciro Esposito, gli Schettino liberi, i dirigenti della polizia liberi...
    Andiamo a lavorare che è' meglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se e' per questo anche la Franzoni presto tornera' libera....vatti a leggere le motivazioni

      Elimina
  20. Alla fine i timori della vigilia si sono dimostrati tutti fondati.
    Non si trattava di fare i gufi, ovviamente abbiamo tutti sofferto per la nostra squadra davanti alla tv, ma semplicemente di dire cio’ che vediamo.
    Tutti amiamo Cuba, ma la cosa non ci impedisce di affermare che molte cose non vadano bene.
    Allo stesso modo, pur tifando Italia, dire che abbiamo fatto pena e’ soltanto un servizio alla verita’.
    Lasciamo perdere l’arbitro e cose simili, fa’ tutto parte di un contesto.
    Se continuano a trattarci peggio della Bosnia e’ perche’ non contiamo un cazzo, abbiamo una FEDERCALCIO ridicola, dirigenti da operetta privi di ogni credibilita’ internazionale.
    Oggi e’ facile, ma anche giusto, tirare la croce addosso a Prandelli ma il livello del calcio italiano e’ questo, nulla piu’.
    Se la migliore squadra italiana e’ stata buttata fuori dalla CL dai turchi e dall’EL dai portoghesi una ragione ci deve pur essere.
    Se nessun calciatore del campionato italiano e’ incedibile qualcosa vorra’ pur dire.
    Poi, certo, ci ha messo del suo.
    Insistere su un modulo improduttivo, su giocatori logori, senza uno straccio di idea di gioco vuol dire aver capito poco di cio’ che si ha in mano.
    Se convochi Immobile e lo vuoi far giocare, allora devi creare i presupposti per farlo rendere al meglio.
    Giocando sulla velocita’, la profondita’ e mettendogli accanto uno come Cerci.
    Invece, anche ieri, gioco lentissimo e attaccanti senza uno straccio di palla giocabile.
    Si potrebbero fare tanti discorsi ma concludo con un plauso a Prandelli; l’istituto delle dimissioni in questo paese e’ pressoche’ sconosciuto.
    Perdiamo forse non un grande allenatore ma, sicuramente, una persona perbene.

    RispondiElimina
  21. Santa Fè- Prima dell'espulsione di Marchisio abbiamo contenuto con serenità, poi ovviamente è stata un'altra partita, peccato perchè esclusa l'Olanda non vedevo in giro grandi squadroni.
    Ora sinceramente non m'interessano più i mondiali, non sono uno sportivo.
    Amen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pareggiato col Lussemburgo, perso col Costarica.....dove volevamo andare?

      Elimina
  22. Errata corrige.
    Volevo scrivere Genny a carogna tra coloro che sono a piede libero, non ovviamente il morto ammazzato Ciro Esposito.
    Soru

    RispondiElimina
  23. gianni riotta
    belo horizonte

    Si dice «All’italiana» e non si intende la genialità del chimico premio Nobel Natta, l’eleganza dell’architetto Nervi o i sognanti film di Fellini.



    No, si intendono salvataggi di aziende decotte, che il salotto buono del nostro capitalismo divide in sigle impronunciabili, accollando i debiti ai contribuenti e i profitti ai soliti noti azionisti. «All’italiana» il candidato senza un curriculum scavalca i meritevoli, in cattedra, in direzione, nei festival canori e in Parlamento, perché difeso dalla sua famiglia, cricca, partito, lobby. «All’italiana» si svaluta la lira per svendere all’estero prodotti mal confezionati, si accumula un debito pubblico a spese dei pronipoti e si cancellano evasioni fiscali e abusi edilizi con condoni, ovviamente, «all’italiana».



    Poi arrivano l’Europa, l’euro, la globalizzazione, il rigore e «all’italiana» non si può più fare, tocca faticare tutti, aziende, partiti, sindacati, essere originali e perbene, Made in Italy nel senso bello del termine non «all’italiana». Poco a poco, stringendo i denti, ci adattiamo, capiamo che per esportare, brillare, aver successo nel mondo serve «genio italiano» non «furbizie all’italiana».



    Così un po’ dappertutto, ma nel calcio no, ancora no almeno fino al disastroso Mondiale 2014. Nel calcio usciamo «all’italiana» per la seconda volta di seguito ai Mondiali dopo il 2010, al primo turno, insieme alle squadre «materasso», Australia, Camerun, Bosnia, che almeno corrono, ci provano, non svengono di crampi esangui, come la Francesca Bertini, diva del cinema muto, appesa a una tenda di broccato. Nel 1970 l’Italia arriva in finale con la gloria del 4 a 3 con la Germania passando «all’italiana» il primo turno, vittoria striminzita per 1 a 0 contro la Svezia e due pareggi uno con l’Uruguay, l’altro con il minuscolo Israele.



    RispondiElimina
  24. Nel 1982 i campioni di Bearzot debuttano con tre, contestatissimi, pareggi e anche i finalisti di Sacchi nel 1994 passano il primo turno come Cesare Prandelli pensava di riuscire a far ieri, «all’italiana», vittoria, pareggio, sconfitta.



    Purtroppo, e lo dimostrano i disastri dei nostri club in campo internazionale e la mancanza di stelle italiane del livello di Messi, Ronaldo, Neymar, illudersi in uno squallido Catenaccio 2.0 porta dove siamo finiti, relegati con l’Inghilterra al Club Vecchie Glorie Eliminate.



    Nel Bar Sport Web, che Rai News elabora via i dati della rete www.rainews.it, qualcuno dà la colpa all’arbitro messicano Rodriguez, colpevole di aver espulso Marchisio per un fallo forse da giallo, altri schiumano per il morso di Suarez a Chiellini, un rosso stavolta vero a un giocatore recidivo in interventi alla Dracula e battute razziste da Ku Klux Klan.



    Bar Sport Web dimentica però che lo stesso arbitro ci ha graziato su un possibile rigore di Bonucci e che la squadra azzurra, in due partite ha fatto un solo tiro in porta, uno!, con Andrea Pirlo. Che ieri il migliore in campo sia stato il capitano Gigi Buffon dice tutto: il Tiki Taka presunto è diventato un Ciapa La Bala effettivo, sperare nello 0 a 0, mentre Balotelli conferma i dubbi di Mourinho sul numero dei suoi neuroni quando va sotto pressione e Tabarez schiera tre punte contro una mesta Italia «all’italiana» che non tira, tira a campare.



    Al Bar Sport Web, al lavoro, in vacanza non ascoltate dunque le scuse «all’italiana», mentre Prandelli e Abete si dimettono insieme (dimissioni vere o posticce?). Usciamo perché in un Mondiale colmo di buon calcio, Olanda, Costa Rica, Cile, e dove anche i grandi stringono i denti vedi Brasile e Germania, i veterani erano spenti, poco da Pirlo, zero da Cassano, e i giovani o gradassi come Balotelli, o timidi come Verratti e Immobile, giustamente rimbrottati da Buffon. Abbiamo adottato il Tiki Taka come un tempo svalutavamo la lira, per furba disperazione, ma la concorrenza dei nuovi mercati – Costa Rica – ha subito visto il bluff.



    Servirebbero ora una riforma profonda della politica del calcio italiano, dei suoi dirigenti e organigrammi fuori dal campo e una mentalità nuova in campo, come ai tempi di Bearzot, Vicini, Sacchi e del primo Lippi, un bel calcio offensivo eppure prudente, coraggioso eppure efficace. Calcio all’italiana, senza le virgolette di furbizia e opportunismo.

    RispondiElimina
  25. comunque io ho notato una cosa.Il decadimento generalizzato della qualità delle nazionali europee (vedi italia,inghilterra,spagna,russia ecc) è dovuta al fatto che stiamo veramente esagerando nell'acquistare calciatori all'estero.Guarda caso le nazionali che ora stanno andando bene (cile,uruguay,colombia,brasile,algeria,argentina,ecc) sono piene zeppe di giocatori che stanno giocando o che hanno giocato in europa.Se non cominciamo seriamente a limitare questo fenomeno ed a valorizzare il nostro vivaio sarà per me sempre peggio.
    In merito all'italia io dico che dal vertice alla base nessuno ci ha capito una mazza.
    Prandelli ha sbagliato 4/5 convocazioni,ha lasciato a casa gente motivata come toni e gilardino per portare gente inutile come cassano e thiago motta,per non parlare di balotelli che pascolava come un manzo.
    La partita col costarica è poi stata un capolavoro di cazzate,peggio di così non poteva fare neanche hodgson.
    due eliminazioni consecutive in questo modo è roba da camerun o giù di lì....
    Comunque qui bisogna rifondare tutto,a partire dai vari buffon pirlo,che anche se non hanno colpa dovrebbero smettere con la nazionale per dare un segnale forte.
    Mi pare che sia arrivata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, se ci sono squadre con in campo 10/11 stranieri questo bene al nostro calcio, e ai nostri vivai, non lo fa' di sicuro

      Elimina
  26. l'ora di limitare l'acquisto di stranieri e di incentivare l'utilizzo di calciatori nostrani,altrimenti sarà sempre peggio.
    Aggiungo che sicuramente hanno sbagliato la preparazione,non è possibile che immobile dopo 60 minuti avesse i crampi nella prima partita da titolare.

    RispondiElimina
  27. comunque sia tutti i discorsi sono giusti,ma gli undici andati in campo con l uruguay sono lo stesso piu forti di loro e non abbiamo fatto un tiro in porta.a questo dobbiamo darci una spiegazione.poi ok i discorsi sui vivai,ma noi ieri eravamo superiori e non abbiamo provato a vincerla.io dico perche?qualcosa nel gruppo non andava,a parte i discorsi tecnici.non e spiegabile perdere senza provarci.non puo essere colpa di uno solo oppure del movimento calcistico,qua c e dell altro.paolino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piu' forti di loro?
      Noi i Cavani e gli Suarez dove li abbiamo?

      Elimina
  28. sono d accordo ma gli altri 9 giocatori nostri sono superiori ai loro.l uruguay e una squadraccia,noi siamo stati peggio.ma tu mi devi dire perche non abbiamo tirato in 2 partite,perche abbiamo passeggiato in 2 partite e perche non abbiamo provato a giocarle come qualsiasi squadra anche sia scarsa?tutti motivi tecnici di tattiche o moduli o del calcio italiano o dei troppi stranieri in italia?io penso che siano tutti motivi giusti ma quel gruppo era spaccato dentro.paolino.

    RispondiElimina
  29. Qua c'è la risposta:
    https://it.eurosport.yahoo.com/notizie/mondiali-2014-prandelli-sfiduciato-dai-senatori-tutta-verit%C3%A0-080925012--sow.html

    Se Lippi nel 2010 aveva lasciato a casa Cassano e Balotelli un motivo c'era....

    RispondiElimina
  30. attenzione alla francia,nessuno ne parla,e un bel gruppo puo fare strada.paolino.

    RispondiElimina
  31. Stuwhima- Argentina.....

    RispondiElimina