sabato 7 giugno 2014

ROMA LADRONA...



Roma Ladrona!
Non sono passati molti anni da quando questo slogan andava di moda.
La Lega nord ne aveva fatto un cavallo di battaglia, coinvolgendo nel discorso non soltanto la capitale ma tutto il sud del paese.
Si arrivo’ addirittura a parlare di secessione del Nord per dare vita ad una non ben precisata entita’, chiamata Padania.
Cercarono, con poco successo, di tirare dentro anche noi piemontesi, che saremo tante cose ma sicuramente non “padani”.
Roma era la causa di tutto, i politici romani un covo di ladroni, il sud del paese una palla al piede che impediva lo sviluppo industriale, economico e democratico del paese.
Il nord virtuoso, lavoratore ed onesto, doveva abbandonare il baraccone Italia, dipingersi di verde e guardare alle democrazie nord europee come modello di sviluppo.
Come dicevo sono passati alcuni anni, neanche troppi.
La Lega dopo essere letteralmente saltata in aria fra scandali, ruberie, trote e faccendieri di ogni stampo, tenta, aggrappandosi al treno razzista de la Le Pen di rifarsi una verginita’.
In Piemonte la giunta, leghista, di Cota ha dovuto dimettersi anzitempo, travolta da scandali di ogni tipo.
Si facevano rimborsare dall’erario, come spese di rappresentanza, quindi da noi, persino le zoccole e i goldoni.
In Lombardia Formigoni e’ sotto inchiesta per tangenti, ruberie, regali, vacanze dorate, mazzette e chi piu’ ne ha piu’ ne metta.
L’expo si sta’ rivelando una specie di bancomat per ogni sorta di bandito di passaggio.
Ora, in Veneto, questa storia del Mose.
Mercoledi’ ero a S.Dona. di Piave, aspettavo l’arrivo, in treno, di uno dei miei ragazzi.
Ovviamente il treno portava ritardo e mi sono seduto nel dehor di un bar per uno sprizzino, visto che era l’ora.
Nei tavolini accanto c’era gente che discuteva, in dialetto, di questo scandalo che ha coinvolto Galan, il sindaco di Venezia, giudici, finanzieri, forze dell’ordine e Dio solo sa chi altro.
Fra un “mona” e l’altro era evidente l’incazzatura di gente che pensava che quelle cose accadessero solo in Sicilia o in Calabria.
Questa faccenda del Mose e’ davvero grande e vede coinvolti, oltre che imprenditori, anche gangli dello stato.
Politici che, come ha detto Renzi, non hanno solo rubato ma tradito la fiducia di chi li aveva messi in quella posizione.
Finanzieri che ogni mattina giuravano di difendere quella bandiera proprio mentre la tradivano.
Galan che faceva le morali agli altri parlando del suo buon governo.
Zaia e’ rimasto fuori dal casino, ma qualcuno mi deve spiegare come un Governatore non sia al corrente di uno scandalo cosi’ grande.
Il tutto in pieno G7, altra figura di merda che si poteva evitare.
Occorre davvero una nuova classe dirigente, mandare a casa, anzi possibilmente in galera questa generazione di vecchi ladroni che ha mandato il paese dal culo.
Gia abbiamo 2 milioni di dipendenti statali di troppo, se poi ogni opera pubblica costa 5 volte il giusto come diavolo si puo’ risollevare questo paese?

16 commenti:

  1. Santa Fè- Propongo queste soluzioni per la classe politica:
    1)processo per direttissima (non più di 6 mesi per chiudere TUTTO)
    2)minimo 24 mesi di lavori socialmente utili (antincendio estivo-lavori su manti stradali notturni-pulizie spiagge fino alle 06.00 del mattino)
    3)prelevare forzosamente tutti i capitali, confiscare e mettere immediatamente all'asta (al ribasso) le ville e i terreni di famiglia, dirottare le stesse famiglie in case popolari, quest'ultimo punto è importante poichè se non metti a repentaglio il futuro dei loro affetti rischieranno sempre sulla loro pelle con la coscienza più o meno tranquilla.
    La loro logica è che fanno tutto per i loro figli e mogli e sono giustificati, anche inconsapevolmente, qualora la cosa andasse male.
    Per quanto riguarda le forze dell'ordine, stessa prassi escluso punto 2, loro sono condannati per ALTO TRADIMENTO, 5 anni di carcere a Badde e Carros (Nuoro) con mafiosi regime 41bis.
    Tutto il resto non ha funzionato, non funziona e non funzionerà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto bene anche se la soluzione migliore sarebbe mettere gente onesta nei ruoli importanti

      Elimina
  2. EL Loco bisognerebbe fare come gli arabi. Tagliare le mani ai ladri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si riuscirebbe a mettere su il campionato di basket. . .

      Elimina
  3. Tosco - Da veneto (ma non leghista) la cosa mi ha colpito direttamente. Due cose in particolare mi lasciano senza parole: le cifre, perché si parla di centinaia di migliaia o milioni di euro versati periodicamente, e il numero degli indagati, piu di cento, oltre ovviamente a chi anche se non indagato sicuramente non poteva non sapete. Allora, forse, non si tratta più di mettere in galera qualche politico, forse è il sistema che non funziona

    RispondiElimina
  4. Poco ma sicuro ed è solo la punta di un enorme iceberg

    RispondiElimina
  5. E' il popolo italiano che manda i ladri al potere, non ci vanno mica da soli...sono tutti ladri, destra e sinistra, e non capisco come si possa dare il 40% al PD sapendo da 20 anni che sono gli alleati del delinquente di Arcore, e non a caso gli arrestati col Mose sono anche PD. Gli italiani sono liberi di votare chi vogliono, ma almeno abbiano la decenza di non lamentarsi, perkè fanno una pessima figura, si raccoglie quello che si semina.

    RispondiElimina
  6. Tu credi che se il 40% lo prendevano il comico e il suo amico unto cambiavano le cose?
    Lo dico da anni, alla fine e' quella la gente che ci rappresenta, siamo un popolo di vigliacchetti e non lo dico io ma la storia.
    Mille ragazzetti con la camicia rossa sbaragliarono decine di migliaia di borbonici senza quasi combattere.
    Non abbiamo mai finito una guerra con gli stessi alleati con cui l'abbiamo cominciata.
    Durante i bombardamenti Nato su Belgrado l'Italia si dichiaro' non in guerra peccato che gli aerei partivano da Aviano.
    Il tutto con 2 ministri comunisti nel governo.
    Schettino se non e' la regola non e' neanche l'eccezione

    RispondiElimina
  7. Un terribile e omicida slogan dei '70 diceva, citando Mao, colpirne uno per educarne cento, appartengo per mia fortuna alla generazione successiva.
    Non ho corso quindi il rischio di fare scelte sbagliate.
    Oggi da uomo adulto, guardo queste misere persone e non le capisco.
    Non capisco quale devastazione morale interiore le deve portare a delinquere ai danni dello stato.
    Come possono non vedere ciò' che fanno?
    Sicuramente non ne temono le conseguenze, non temono la Legge.
    Non sono d'accordo Milco, gli italiani non sono tutti uguali.
    La tua regione ha pagato uno dei tributi più' grandi alla Resistenza.
    E' a Cuneo che incisa la lapide su Kesserling.
    Il fatto e' un altro.
    Hanno vinto Loro...
    Loro chi?
    Mafiosi, opportunisti, ladri e pidduisti, voltagabbana e quanto di peggio possiamo esprimere.
    Gli altri ci sono ancora, semplicemente non si sono ritirati in montagna, ma nelle proprie vite.
    In fondo siamo dei sopravvissuti al Novecento.
    Però' penso a Falcone , Pertini ma anche Prandelli e Bonatti e non posso dirmi orgoglioso.
    Per Prandelli (risultato del mondiale a prescindere...)

    RispondiElimina
  8. Come non mi stanco mai di ripetere non si deve generalizzare
    Però se parliamo dei cubani che da sempre non sanno ribellarsi cosa dire di questi nostri ultimi 70 anni
    Guarda la scena finale di Mediterraneo. Ecco io mi sento come Abatantuono che torna in Grecia. Solo che ho Cuba
    Volevamo cambiare questo paese ma non ce lo hanno consentito

    RispondiElimina
  9. Ma perchè non appaiono i miai commenti? Sbaglio forse a digitare?
    Biagio

    RispondiElimina
  10. Diciamo che sbagli le regole d'ingaggio.
    Probabilmente confondi il blog con qualcosa d'altro
    Regolati di conseguenza.

    RispondiElimina
  11. Senza voler generalizzare ,i politici leghisti sono stati spesso in molte realtà o pessimi amministratori o peggio protagonisti di atti di corruzione come gli altri,nessuna differenza,ora Zaia è fuori dall'inchiesta al momento ma mi chiedo possibile non si sia mai accorto di nulla?quantomeno possiamo dire che è poco 'attento'?......Milco io vivo in Lombardia (a Milano)x lavoro e ti garantisco che si ha l'impressione che l'Expo sia il bancomat della politica,la città è un caos,opere incomplete e che soprattutto saranno inutili dopo l'evento,d'altronde come ti spieghi che il duro e puro ,celodurista della prima ora sig.Maroni pur di essere governatore Lombardia abbia abbandonato la politica nazionale?per bontà ed attaccamento alle sue origini certamente....ciao da Marco

    RispondiElimina
  12. Le dottrine spesso sono esatte, il problema sono gli uomini.
    Alcun istanze iniziali della Lega, ad esempio un federalismo ben fatto, erano condivisibili, poi pero' hai a che fare col Trota,Borghezio,Boso,Cota e capisci che e' la storia di sempre.
    Alla fine i costi del Mose sono lievitati da un miliardo e mezzo a quasi 6.

    RispondiElimina
  13. ciao ASTON COME VA?IO TI SEGUO UN PO MENO SONO CON IL TRABAJO FINO AL COLLO !PER FORTUNA ,MI DISPIACE NON INTERVENIRE PIU' SPESSO !SEI SEMPRE INTERESSANTE E UN PUNTO DI RIFERIMENTO NEL WEB PER QUANTO RIGUARDA CUBA !STI POLITI ALLA FINE SPERO TE NE SIA RESO CONTO ANCHE TU SONO TUTTI UGUALI ,FORSE E' VERO CHE IN PARTE CI RISPECCHIANO PERO' O SI CAMBIA O SI VA IN PASTO ALLE BALENE ,LA SOLUZIONE FORSE EFFETTIVAMENTE NON C'E' FINCHE NON CAMBIAMO TUTTI ,SIAMO IN BALIA DELLA CONFUSIONE GENERALE NESSUNO CHE CI RAPPRESENTA ,NEL SENSO DEL BENE COMUNE FINE A SE STESSO ,MA CHE FACCIAMO ALLA "SCHETTINO" ?LA NAVE AFFONDA E NESSUNO SA DI CHI E' LA COLPA?E' ORA DI CAMBIARE E ASSUMERCI LA RESPONSABILITA' !MA CI VUOLE UN VERO LEADER TU CHE PENSI ?CHI PUO'ESSERE?

    RispondiElimina
  14. Hola Bombero e' sempre un piacere rileggerti.
    Il trabajo fino al collo e' sempre benvenuto...
    Per il momento mi tengo stretto Renzi.
    Fatti vivo.

    RispondiElimina