giovedì 12 giugno 2014

TRASPORTI

 

Ho letto qualche giorno fa la notizia di un’intervento della policia cubana, mi pare a Cardenas, nei confronti di cocheros e bicitaxi.
Ci sono stati alcuni fermi da parte delle forze dell’ordine, pare che la cosa abbia fatto andare in bestia, logicamente, le due categorie coinvolte.
“E’ incredibile che continuino a prendersela con noi che rappresentiamo il vero mezzo di trasporto dei cubani, visti i problemi che il paese ha in questo settore”
Questa, maomeno, la tesi dei cuentopropista chiamati in causa nella querrelle.
Tutto vero, ma con quanche distinguo.
Il coche, sorta di calesse trainato da un cavallo, e’ in effetti il mezzo di trasporto piu’ usato dalla gente che vive nelle varie citta’, forse un po’ meno a La Habana.
Se, a Tunas, ti devi spostare, questo e’ il mezzo piu’ gettonato ed economico, al di fuori del cavallo di S.Francesco…
Los cochero non possono transitare tanto meno soggiornare nelle 2 piazze principali della citta’, per motivi di decoro, dicono le autorita’.
In effetti i mammiferi hanno il vizio, cibandosi regolarmente, di scacazzare quando ne hanno voglia.
Comunque basta fare pochi metri e si trovano tranquillamente in attesa di clienti.
Al di la’ di questo, i proprietari del mezzo hanno una serie di obblighi veterinari inerenti la buona salute del cavallo.
E’ un mezzo di trasporto economico e abbastanza rapido.
Discorso diverso per il bicitaxi.
Per arrivare, dal centro citta’, in un barrio distante un paio di km chiedono un paio di dollari, da cio’ si evince che non si tratta di un mezzo di trasporto alla portata di ogni saccoccia.
La policia interviene, al di la’ dei reati di transito, per controllare che il conducente sia il reale proprietario del mezzo.
In realta’, spesso il proprietario e’ un altro, rispetto al guidatore.
Il proprietario lo renta, per un dinero diario, al guidatore.
Ovviamente, per ragioni misteriose, noi culi bianchi non potremo utilizzare questi 2 mezzi di trasporto anche se questo divieto, quasi sempre passa in cavalleria.
Altro mezzo di trasporto cittadino sono i pullman, presi praticamente sempre, d’assalto da una massa numerosissima di persone che va’ al di la’ della capienza stessa del mezzo.
Oggi, almeno a Tunas, i mezzi cinesi hanno sostituito quelli precedenti che, molto spesso, rappresentavano donazioni, anche del nostro bel paese.
Non era raro leggere nella parte posteriore del mezzo; dono del comune di Bergamo, di Mantova, di Brescia ecc…
Si trattava di una donazione, da parte dei nostri comuni, di mezzi che erano oramai andati in disuso.
Mi spiegavano che ad un certo punto fu’ Cuba a chiedere la cessazione di queste donazioni, una volta che i mezzi si rompevano (praticamente sempre ed in tempi brevi) mancavano completamente i pezzi di ricambio.
La guagua andava cosi’ ad infoltire l’enorme quantita’ di mezzi di trasporto rotti e stipati in giro per l’isola.
Sia per il trasporto cittadino che, soprattutto, per quello fra una citta’ e l’altra ci sono quelle specie di camion coperti dove la gente viene messa a cuocere all’interno.
Quando si discuteva sul come poter investire denaro a Cuba, c’era chi pensava di lancoarsi in questo settore, ovviamente facendo guidare un mezzo al cubano.
Ho i miei bravi dubbi che la cosa funzioni, in quanto mancherebbe ogni controllo, vista l’assenza sul mezzo del proprietario, sul reale incasso quotidiano.
Senza controllo non c’e’ potenza diceva un vecchio spot sui pneumatici…..
Il trasporto rappresenta un vero e proprio flagello per gli abitanti dell’isola, problema che e’ ancora ben lontano dall’essere risolto.
I treni poi, sai quando partono, forse, ma non sai mai quando e se arrivano, il tutto a prescindere dalla qualita’ dei vagoni che, almeno visti da fuori, non mi sembrano troppo differenti da carri bestiame.
Il cubano si muove molto, lo fa’ con mezzi di fortuna, ma non sempre la fortuna e’ dalla loro parte.

20 commenti:

  1. Spesso mi incrocio ancora con un autobus giallo con striscia verde della regione Lombardia che dice davanti "CORSICO" (Milano) ed un altro arancione con la scritta "C Mompiano"(Brescia) e non posso fare a meno di sorridere e pensare quante migliaia di kilometri hanno fatto quegli autobus,quante migliaia di italiani con le loro storie e vite ci saranno passate sopra,quanto sole pioggia neve e nebbia avranno preso nelle citta' di origine; poi magari penso che chissa' anch'io potrei aver usato quello stesso autobus in Italia,magari da bambino avro' pure incollato sotto uno di quei sedili una gomma americana o lasciato un messaggio d'amore a una compagna di scuola senza immaginarmi che un giorno me lo sarei ritrovato qui!
    E viaggio indietro nel tempo magari commuovendomi un po'!
    Marco da Cuba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella vita a volte senza volerlo ci si ritrova a passare da strade che credevamo di avere abbandonato per sempre

      Elimina
  2. EL Loco mai preso nessun mezzo. Affitto l'auto e sono tranquillo.

    RispondiElimina
  3. L'idea di noleggiare le auto ai cubani, che poi le useranno come taxi particular è basata, appunto per la preoccupazione che esprimi, sul fatto che si deve pagare un fisso (mensile o giornaliero) e non sul guadagnato giornaliero. Così tu sai che la macchina ti rende un tot al mese. All'Avana è un negocio che va moltissimo. La maggior parte di chi guida i taxi particular non ne è il proprietario.

    Io mi muovo sempre con questi da 1 cuc a viaggio. Sto in mezzo alla gente come piace a me, e spendo poco. Forse faccio qualche centinaio di metri in più a piedi, ma anche questa è un'occasione... Per far funzionare lo scanner per i culi che ho in testa.

    RispondiElimina
  4. Per il business non mi sono posto il problema..
    Per le galere cubane si.
    Col cavolo che con l'attuale legislazione affitto auto a Cuba.
    Se hai un incidente serio sono cazzi.
    Se hai un incidente serio e sei colpevole...
    Non ti tira più' fuori neanche Ghedini.
    Però' in compenso, so' che ricevero una ottima assistenza dai funzionari di ambasciata.
    A Cuba, la patente la porto...e la lascio a casa.
    Sai Milco, a quarantacinque anni sono ancora vergine e di assaggiare i big bambolo cubani non ne ho voglia.
    Dopo mucche pascolanti sulla autopista e qualche borracho evitato all'ultimo ho deciso: ya basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se sono abituato al traffico di Napoli che è un vaccino universale a tutte le latitudini, penso che l'ultimo dei problemi a Cuba è il traffico con relativi pericoli. Il traffico è aumentato a dismisura a l'Avana ma in provincia è un vero godimento, almeno per me, guidare su strade quasi sempre asfaltate in maniera accettabile e con traffico sparutissimo, a parte vacche e cavalli. E' vero se fai un incidente ti fanno il culo se lo provochi, però guido da 20 anni a Cuba senza nessun problema! Francesco Franz

      Elimina
    2. Il problema, di quelle strade, è guidare di notte

      Elimina
  5. Ah ah ah in effetti ci vogliono Mille occhi
    Mi basta lo scooter

    RispondiElimina
  6. Santa Fè- Io addirittura riesco a fare Baracoa-Santa Fè(Mun.Playa) con i mezzi da 1peso MN...rispetto al carro particular il risparmio è di 9 pesosMN a corsa, sembrano spiccioli ma quando devi muoverti per tutto il giorno sono un bel pò di cuc.
    El Loco è tranquillo là come per certo è tranquillo quà..quando ci son soldi non esistono problemi di nessun genere.

    RispondiElimina
  7. Con i soldi in saccoccia se non tutto, molto si risolve

    RispondiElimina
  8. La Gallega -> Playas del Este in guagua alle 9 del mattino. 15cent mn. Un'ora passando per Minas, Campo Florido e Guanabo.

    Farà un caldo boia, il tuo vicino avrà pure la radiolina attaccata all'orecchio che spara a palla, ma quante persone ho conosciuto in questo modo, quante esperienze raccontate allo yuma che si crede un cubano.

    L'auto l'ho presa una sola volta per 21 giorni. Mai più. Se voglio fare più in fretta o voglio stare più comodo, in agenda qualche taxista c'è sempre.

    Simone

    RispondiElimina
  9. Strano pero' ci sia stata Questa azione Della pnr di solito ultratollerante nei confronti delle due categorie...oltretutto almeno ad Holguin voce di popolo vuole che il 90% Dei bicitaxi siano informatori Della polizia ...in ogni caso dovunque sono stato ho spesso avuto impressione che i conducenti siano persone poco raccomandabili...nulla da dire sui cocheros che per me svolgono importante servizio pubblico,ciao a tutti
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non salgo su un bici taxi da anni senza rimpianto alcuno

      Elimina
  10. ..ripensando al tuo articolo Sul 'vivere felici ' ed a questo sui mezzi di trasporto ricordo con tenerezza un anziano signore di nome Misael che gira nei barrios semi periferici di Holguin con un coche trainato da un Chivo ..raccoglie tutti i bimbi festanti gli fare un giro e li riporta a casa e pazienza se i genitori non hanno soldi x un' offerta...piccole grandi cose dell'isla
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne abbiamo uno anche a Tunas
      Solo che questo col grano non scherza. . .

      Elimina
  11. Ricordo quando sono stato a Tunas con il mio amico Papito. Questi per raggiungere la Hola di un nostro amico disse alla duena di chiamare un taxi e, con suo grande stupore, si trovò davanti alla porta di casa un coche tirato da un cavallo. Pedro.

    RispondiElimina
  12. Beh...i tempi sono cambiati...maomeno

    RispondiElimina