lunedì 14 luglio 2014

A LO CUBANO


Una delle affermazioni che, da sempre, mi lascia molto perplesso e' quando sento un'italiano vantarsi di vivere “a lo cubano”.
Dico un'italiano perche', malgrado crisi e menate varie, siamo abituati comunque ad un certo tenore e stile di vita.
Per un tedesco o un'inglese la cosa dovrebbe risultare piu' semplice, non hanno il nostro cibo, i nostri vestiti, il nostro clima.
Detto questo conosco parecchi italiani che abdicano dal loro benessere per scegliere, legittimamente, di condurre una vita non troppo dissimile dai cubani.
Parlo dei cubani che magari benissimo non se la passano.
Sono ovviamente consapevole che, se il soggiorno e' lungo, sia molto difficile mantenere un budget da turista classico, ma mi sono sempre chiesto perche' vivere in quel modo.
Conosco pensionati che prendono 1300/1500 euro al mese che si vantano di vivere a Cuba con 300.
La mia domanda, che restera' tale perche' ogni testa e' un piccolo mondo, e' perche?
Perche' andare in un paese dove persino col dinero nel borsillo non e' facile riuscire a vivere in un certo mod,o por pasar tremendo trabajo.
Capita, come dicevo, a chi vive a Cuba per lungo tempo.
Dopo un'inizio da turista piu' o meno classico, cercano una situazione logistica, spesso indecente, da pochi cuc al giorno, smettono di vestirsi decentemente, equiparando il giorno alla sera, si cibano di porcherie indegne e si privano dei piaceri che un minimo di disponibilita' regalano da quel lato del bloqueo.
Diventano anche caratterialmente come i peggiori cubani, diffidenti di tutto e tutti, pettegoli come una portinaia, taccagni da fare schifo, evitati da tutto il barrio come appestati.
Il cubano, uno straniero, lo puo' aguantare ma disprezza chi cerca, a Cuba, di vivere peggio di loro.
Per fare quella vita tanto vale che restino nel loro paese, e' la frase che piu' sento dire riferita a quel tipo di personaggi.
Quel tipo di Italliani sono gente che evito da lustri, sempre pronti a sparlarti dietro, sempre in prima fila quando c'e' da giudicare il prossimo.
Parlo di gente che, negli anni, ne ha combinate di piu' di Bertoldo in Francia.
Personalmente resto dell'idea che la soluzione sia piuttosto semplice, va bene stare attenti a non buttare i soldi, va bene tutto ma voglio continuare ad essere un turista che passa a Cuba un tempo largo.
Quindi non abdichero' mai ai privilegi che il nostro passaporto ci regala, dal punto di vista dell'abbigliamento, a quello del cibo, ai divertimenti e ai rapporti col prossimo.
Passare mesi e mesi a Cuba senza andare al mare, se non aggregati ad altri per dividere il costo, e' una cosa che esula dal mio modo di essere.
Mi piace mangiare al ristorante, la bella bigioia, gli amici giusti con cui compartire belle serate.
Se sono in mezzo a cubani che conosco, sono consapevole che il mio ruolo di yuma impone un minimo di larghezza di manica, questo a patto di non avere attorno gente che, da questo punto di vista, tende ad approfittarne in modo esagerato.
Vivere a lo cubano puo' essere una necessita' se sei in un campo, dove le alternative non ci sono, o ti adegui o te ne vai.

Ma in una citta' il discorso e' completamente differente, se devo andare a vivere a Cuba, per scelta e non per necessita', con le pezze al culo, allora molto meglio restare fra le brume padane.
P.S. Mi metto in viaggio, 3 giorni nel nord est, cerchero' comunque di aggiornare il blog.

24 commenti:

  1. El Loco davvero vivere in quel modo è da fessi

    RispondiElimina
  2. In effetti potendo vivere meglio. . .

    RispondiElimina
  3. Santa Fè- In effetti è incompresibile l'atteggiamento di molti nostri connazionali, io personalmente ne ho conosciuto alcuni che sono dei morti di fame in Italia e nella isla passano per impresari..passano il tempo a stare dietro le ragazzinee a dormire fino alle 12, puzzano d'alcool da un miglio di distanza e sono convinti di essere dei principi..ovviamente per chiudere il rapporto con questi "amati conterranei" ci vuol poco, li invito a farsi sentire per visitare mostre di libri, concerti di lirica, visite guidate a luoghi di interesse storico..
    Comprendo la prima esperienza nell'isola, sesso alcool e salsa..ma dopo che ci risiedi 3 mesi l'anno fai che venga gratificato qualcos'altro oltre il palo e il fegato.
    News de la capital: I bicitaxi hanno aumentato notevolmente i loro costi, mentre prima ci si salvava con un dollaro sin pararse, adesso cada cuadra-calle-cruz scatta l'aumento..
    A tutti coloro che hanno intenzione di andare a comprare un pacchetto turistico in bus per Habana-Pinar del Rio (Soroa-Vinales) consiglio di evitare il Melia della capitale poichè il prezzo per l'escursione è passato da 15 a 20 dollari senza giusticazioni, giusto nei palazzi di fronte dove di norma si ricaricano i mobil e si acquistavano le tarjetas troverete un'agenzia turistica che mantiene invariati i prezzi a 15 dollari, magari per qualcuno potra sembrare una fesseria spendere 5 dollari in più, ma quando carichi 6 familiari la cifra diventa quella di un puerco di piccola taglia..30 dollares.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vogliamo parlare di chi ha un rapporto conflittuale con il lavarsi?

      Elimina
  4. Più vado verso est più il tempo peggiora

    RispondiElimina
  5. Fortunatamente, per quanto mi riguarda, vivere "a lo cubano" è fondamentalmente non vivere "a lo italiano". Quindi via da tutto quello che è elettronica, via da internet e dai telefoni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo sicuramente ma come avrai capito mi riferivo ad altro

      Elimina
    2. Santa Fè- Carlito, questa è , per quanto mi riguarda, la motivazione principale che mi porta in quel luogo meraviglioso.
      Cafecito de chicharo y cola para comprar Granma y J.Rebelde, vedere i bambini che cantanno l'inno nel patio della scuola.. questa è la mia alba a S.Fè.

      Elimina
    3. x Milco. Ovviamente, era solo per non ribadire ogni volta che sono in sintonia con quello che scrivi.
      Ci provo ogni tanto a vivere "a lo cubano", ed ho dei record di resistenza variabili. Si sono tante cose che riesco a sopportare alla grande e nessuna è legata al fattore economico.
      L'ultima volta ero ospite in casa di alcuni vicini, bravissime persone, ma dopo di due notti passate in 5 dentro una stanza, con una vecchia che russava più di una segheria svedese... sono scappato il mattino del terzo giorno. Una delle cose che non riesco a sopportare del vivere "a lo cubano" è l'avere dentro casa 870 persone a tutte le ore.

      X S.ta Fè, Ah! Addirittura la cola per i giornali di partito? Sei un grande.

      Elimina
  6. Santa Fè- Qui in Sardegna siamo in pieno autunno..la stagione è partita da un pezzo ma inutilmente, ora altri 15 giorni e troveremo l'incognita Agosto che qui di norma è più fresca e più piovosa.
    Fuori tema: invasione di turisti tedeschi ad Alghero-Stintino-Castelsardo, cappellini e magliette d'ordinanza per tutti..

    RispondiElimina
  7. Sono solo dei poveri cristi da compatire...
    Nota:l'epidemia di colera é grave soprattutto a Camaguey ma non solo ed i morti sembrano tanti che le autoritá renderanno pubblica la situazione perché sembra gli sia sfuggita di mano stavolta; é arrivata a Cuba inaspettatamente la direttrice dell'OMS...cosa mai successa prima e molto indicativa.
    Marco da Cuba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho Claudia nella capitale vediamo cosa mi dice sul colera

      Elimina
  8. Off Topic:
    Ciao Milco,
    volevo chiederti una cosa.
    Poichè nel viaggio di ritorno mi fermerò in scalo circa 24 ore a Panama, volevo capire da te che lo hai già fatto se c'è la possibilità di uscire o se devo rimanere tutto il tempo nel terminal.
    Inoltre i bagagli li spediscono direttamente o devo rifare il check-in?

    Grazie.

    Simone

    RispondiElimina
  9. Simone non devi rifare il check e puoi uscire. Volo Copa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volo Copa. Fantastica notizia!

      Elimina
    2. Fantastica notizia!
      Volo Copa. Spero sia buona. Ma intanto dura poco.

      Elimina
  10. Purtroppo nelle zone di campo, o nei barrio marginal, i costi aumentati del balon de gas, spesso comunque introvabili, e l'aumento continuo delle bollette elettriche impediscono alle famiglie più povere di sterilizzare l'acqua bollendola. La canterrillas e, il sistema fognaro è fermo al 59, quindi non è improbabile che ci siano delle perdite fognarie che intaccano quelle idriche. Ricordo poi che una tempestiva profilassi antibiotica quasi sempre impedisce la morte. Purtroopo i nodi vengono sempre al pettine. Franz

    RispondiElimina
  11. La Copa ha solo gli orari ballerini

    RispondiElimina
  12. credo che se uno si organizza potrebbe vivere a Cuba spendendo meno di quello che spenderebbe qua. Penso solo al riscaldamento in inverno e ai vestiti. Chiaramente le tentazioni la sono i meno e quindi anche le uscite. Però certamente il livello di vita che puoi fare in Italia è superiore sempre ammesso che se ne abbiano le possibilità. Ho trascorso appena un paio di settimane a Cuba limitando le serate in discoteca solo a due e una solo volta sono andato al mare. Ebbene nonostante avessi la sicurezza di poter inzuppare il biscotto a volte mi sentivo più stanco e annoiato di come mi sento a casa mia in Italia. p68

    RispondiElimina
  13. Amico mio non credere se vivi nella capitale non te la cavi con pochi soldi

    RispondiElimina
  14. Infatti en la capital le tentazioni sono tante..... p68

    RispondiElimina